Tre anni dopo il massacro del Nightclub Pulse dove morirono 49 omosessuali, numerosi ex gay ed ex transessuali sono arrivati a Orlando da tutto il paese per proclamare pubblicamente la libertà che hanno trovato grazie a Gesù Cristo. 

Un articolo di Doug Mainwaring pubbblicato su Lifesitenews. La truduzione è di Annarosa Rossetto.

 

Angel Colon, sopravvissuto alla strage del Pulse club

Angel Colon, sopravvissuto alla strage del Pulse nightclub

 

 

Tre anni dopo il massacro del Nightclub Pulse dove morirono 49 omosessuali, numerosi ex gay ed ex transessuali sono arrivati a Orlando da tutto il paese per proclamare pubblicamente la libertà che hanno trovato grazie a Gesù Cristo.

All’inizio dell’evento – svoltosi a Lake Eloa Park, a circa 5 minuti di auto dal Pulse Nightclub – il sopravvissuto alla sparatoria Luis Ruiz ha messo le cose in chiaro su qualcosa che i media laicisti e gli attivisti LGBT sbagliano costantemente: la Conversione.

“Questa non è terapia di conversione”, ha proclamato Ruiz tra le acclamazioni della folla.

“Questa non è elettroterapia. Questa non è una terapia d’urto”, ha continuato.

“Questo è frutto dello Spirito Santo” e di “un uomo che è morto sulla croce”, ha detto Ruiz.

“Qui non si tratta di passare da gay a etero: si tratta di passare da essere persi ad essere salvati”, ha aggiunto.

“La loro definizione di terapia di conversione non è la nostra definizione di conversione”, ha detto Ruiz a LifeSiteNews.

“Il cambiamento è possibile”, ha detto Angel Colon, un altro sopravvissuto al Pulse Nightclub. Colon ha subìto sei ferite da arma da fuoco quella notte e ha dovuto imparare a camminare di nuovo.

“La libertà in Cristo è vera, ed è reale, e può accadere”, ha dichiarato Colon. “Se può succedere a me, può succedere a chiunque.”

“Gesù vuole il tuo cuore”, ha spiegato a LifeSiteNews. “Non vuole solo la tua identità (sessuale). Vuole tutto di te.”

La presenza di questi uomini e queste donne che in passato vivevano stili di vita gay o transgender è una verità scomoda per coloro che affermano che l’attrazione per lo stesso sesso e il transgenderismo sono caratteristiche immutabili e insopprimibili.

La strage del night club Pulse del 12 giugno 2016 è stata compiuta da Omar Mateen, una guardia di sicurezza di 29 anni che aveva promesso fedeltà allo Stato islamico prima di uccidere 49 persone e ferirne 53 nel peggior atto di terrorismo sul suolo americano dall’11/9. Nonostante la tragedia sia stata utilizzata per promuovere una maggiore accettazione dell’omosessualità, i fatti dimostrano che Mateen era probabilmente lui stesso un omosessuale che aveva frequentato il Pulse club e altri bar gay dozzine di volte nel corso degli anni, usava app di incontri omosessuali e aveva chiesto un appuntamento a un compagno di classe.

Per oltre quattro ore in un caldo e soleggiato pomeriggio della Florida, uno dopo l’altro sono saliti sul palco per dichiarare la libertà dalla loro precedente “identità gay” o “trans”. E questo è avvenuto attraverso una vera e propria esperienza personale di allontanamento volontariamente dalle vuote promesse del mondo per rivolgersi alla persona di Gesù Cristo.

L’ex attivista lesbica Charlene Cothran ha dichiarato di essere orgogliosa di “stare con i suoi fratelli e sorelle di tutto il paese e mostrare al mondo intero che siamo liberi dall’omosessualità” o da altri stili di vita LGBT.

“In un mondo e in una cultura in cui le persone credono che ciò non possa accadere, noi ne siamo la prova”, ha detto Cothran, “ed è ciò che io rappresento”.

Un momento chiave si è verificato nella vita di Cothran nel 2004 a Chicago, durante un evento a cui avevano partecipato “migliaia e migliaia” di colleghi lesbiche e omosessuali afroamericani che lei aveva precedentemente sollecitato a dire ai loro genitori che erano gay o lesbica. “Siate orgogliosi!”

“Abbiamo insegnato alla gente la ‘teologia gay’ attraverso le pagine della mia pubblicazione”, ha affermato Cothran.

Secondo Cothran, “Il Signore mi ha detto: ‘Guardati intorno. Questo sta portando le persone alla distruzione. Guarda la generazione che sta avanzando dopo di te” e la consapevolezza mi è caduta addosso come mai prima d’allora.”

Più tardi, “ho dato al Signore un” Sì “completo e totale”, ha dichiarato Cothran.

“Ci sono così tante persone che stanno dicendo …’le mie intenzioni non sono quelle di perseguire una vita gay’, ha detto Ken Williams, arrivato dalla California per partecipare alla Marcia della Libertà. “Ci sono migliaia di persone come queste che cercano aiuto”.

Williams è un ex omosessuale, ora sposato e padre di quattro figli ed è co-fondatore, insieme a Elizabeth Woning, di Equipped to Love,  un ministero attraverso il quale, attingendo dalle loro rispettive esperienze di allontanamento dall’omosessualità, aiutano gli altri.

“Le nostre storie dicono che Dio ci ha incontrato e ci ha portato fuori da quella vita, verso una completa realizzazione”, ha detto Williams a LifeSiteNews. “Così ho smesso di avere pensieri suicidi, dopo aver trovato un incoraggiamento per lasciare quella vita.”

“Ed è proprio quello che stiamo facendo. Le persone arrivano e chiedono  ‘C’è un qualche incoraggiamento per aiutarmi a lasciare [l’omosessualità]?’ E noi possiamo dire: ‘Certamente, è successo a noi’ “, ha aggiunto.

Woning vede il tentativo di screditare e mettere fuorilegge tutte le risorse volte ad aiutare le persone con attrazione indesiderata verso lo stesso sesso come un attacco al cristianesimo.

“Tutti dovrebbero avere il diritto di perseguire il tipo di consulenza che desiderano”, ha dichiarato Woning a LifeSitenews.

“Dovrebbero avere il diritto di plasmare la propria sessualità”.

“La comunità LGBT ha il diritto di perseguire ciò che vuole”, ha dichiarato Woning, “anche noi dovremmo poterlo fare.”

Gabriel Pagan, che ha lasciato l’omosessualità sette anni fa, ha affermato che coloro che respingono le testimonianze di persone che si sono allontanate dagli stili di vita LGBT non capiscono che ciò di cui lui e gli altri alla Freedom March stanno parlando è un ‘”opera di Gesù”.

Non sono mai stato così felice in tutta la mia vita”, ha detto Pagan a LifeSiteNews.

“Nessuna terapia di conversione”, ha aggiunto.

Pagan, che di recente si è fidanzato con una ragazza, ha dichiarato di essere “emozionato da morire” per il suo prossimo matrimonio.

Riflettendo sulla notte in cui fu calpestato nella calca al Pulse Nightclub, Luis Ruiz ha detto che si è trattato di un “evento tragico ma che il Signore lo ha usato per trarne del bene”.

“Ora condivido l’esperienza dell’amore di Gesù”, ha spiegato Ruiz, che ha spesso affermato che avrebbe potuto facilmente essere la ‘cinquantesimo vittima’ uccisa dal killer.

“Le persone vengono cambiate radicalmente”, ha detto. “Non è solo un piccolo cambiamento. Vogliono Gesù.”

Sebbene la maggior parte degli organizzatori e dei partecipanti alla Freedom March non siano cattolici, forse non è un caso che questo evento si sia tenuto nella festa dell’Esaltazione di Santa Croce, quando i cattolici celebrano il trionfo della Croce di Cristo.

 

Freedom March ex LGBT 2019

Freedom March ex LGBT 2019

 

 

[wpedon id=”15469″ align=”center”]

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1