Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Naveen Athrappully e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

miocarditi

 

Il richiamo della vaccinazione contro il COVID-19 è legato a un rischio maggiore di infiammazione cardiaca tra gli adolescenti, secondo un recente studio che utilizza dati provenienti da diversi Paesi nordici.

Lo studio, pubblicato sull’European Heart Journal il 15 febbraio, ha valutato il rischio di miocardite tra i giovani di età compresa tra i 12 e i 39 anni dopo aver ricevuto il richiamo della vaccinazione contro il COVID-19 mRNA. Per miocardite si intende un’infiammazione del miocardio del muscolo cardiaco. Lo studio ha analizzato i dati di 8,9 milioni di giovani adulti provenienti da quattro nazioni: Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia.

In totale sono stati identificati 1.533 casi di miocardite e lo studio ha concluso che “la dose di richiamo è associata a un aumento del rischio di miocardite negli adolescenti e nei giovani adulti”.

Tra i maschi, una terza dose del vaccino Pfizer o Moderna è stata associata a un “aumento del tasso di incidenza di miocardite” entro 28 giorni dall’inoculazione rispetto a un periodo più lungo dopo la seconda dose.

Lo studio ha osservato che l’associazione della miocardite con i vaccini COVID-19 mRNA è apparsa “più forte negli adolescenti maschi e nei maschi più giovani e dopo la seconda dose”.

Lo studio è stato redatto da 12 esperti dell’Istituto norvegese di sanità pubblica, dell’Agenzia svedese per i prodotti medici, dello Statens Serum Institut e dell’Istituto finlandese per la salute e il benessere.

 

Aumento significativo dei casi

I casi di miocardite tra i soggetti vaccinati negli Stati Uniti hanno subito un’impennata nel primo anno della campagna di vaccinazione COVID-19, secondo uno studio pubblicato a fine gennaio che ha esaminato i dati del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

“Abbiamo scoperto che il numero di segnalazioni di miocardite nel VAERS dopo la vaccinazione COVID-19 nel 2021 è stato 223 volte superiore alla media di tutti i vaccini messi insieme negli ultimi 30 anni. Ciò rappresenta un aumento del [2.500%] del numero assoluto di segnalazioni nel primo anno della campagna, se si confrontano i valori storici precedenti al 2021”, afferma lo studio statunitense.

Circa il 50% dei casi di miocardite si è verificato tra i giovani e il 69% degli individui colpiti era di sesso maschile. Su un totale di 3.078 casi di miocardite indotta dal vaccino COVID-19 ad agosto 2023, il 76% ha comportato cure di emergenza e ricovero in ospedale e il 3% è morto.

Sono stati pubblicati nuovi studi sulla riduzione del rischio di miocardite quando si vaccinano gli adolescenti contro il COVID-19, che sembrano confermare l’esistenza di tale rischio per i vaccini.

Uno studio pubblicato il 14 febbraio sulla rivista Vaccines ha rilevato che il prolungamento dell’intervallo tra la prima e la seconda dose di vaccino contro il COVID-19 mRNA porta a un “rischio inferiore del 66% di cardite incidente tra gli adolescenti”.
Cardite è il termine generale per indicare l’infiammazione del cuore.

Lo studio si riferisce agli adolescenti come a una “popolazione vulnerabile”, sottolineando che “studi precedenti indicano un aumento del rischio di cardite tra gli adolescenti dopo il vaccino COVID-19 a due dosi di RNA messaggero”.

(continua a leggere l’articolo qui)

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments