Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Megan Redshaw e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

vaccini-covid-19

 

Per ottenere l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per il suo vaccino COVID-19, nel 2020 Pfizer e BioNTech hanno presentato un pacchetto di dati alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense affinché l’agenzia potesse valutare la sicurezza e l’efficacia del vaccino. Uno studio peer-reviewed pubblicato di recente dal DailyClout Pfizer/BioNTech Documents Investigations Team suggerisce che Pfizer ha escluso dalla presentazione dei dati i decessi noti nel braccio di sperimentazione clinica del vaccino e ha nascosto all’agenzia informazioni che avrebbero potuto comportare il rifiuto dell’EUA.

Secondo lo studio, il ritardo nella segnalazione dei decessi dei soggetti nei moduli di segnalazione dei casi (CRF) ha occultato il segnale di eventi avversi cardiaci e ha permesso alla richiesta di autorizzazione all’immissione in commercio di Pfizer/BioNTech di procedere senza contestazioni.

Come riportato da The Epoch Times prima della pubblicazione dello studio sull’International Journal of Vaccine Theory, Practice, and Research, un gruppo di ricercatori ha condotto un’analisi forense dei primi dati della sperimentazione del vaccino COVID-19 di Pfizer/BioNTech e ha riscontrato significative incongruenze tra i dati contenuti nella relazione intermedia a sei mesi dell’azienda e le pubblicazioni redatte dagli amministratori del sito di sperimentazione di Pfizer/BioNTech.

L’analisi forense ha dimostrato che i soggetti dello studio vaccinati con il vaccino COVID-19 di Pfizer hanno registrato un aumento di 3,7 volte dei decessi per cause cardiovascolari rispetto ai controlli con placebo e che questo “segnale significativo di eventi avversi” non è stato reso noto da Pfizer quando la FDA stava valutando il suo vaccino per l’uso in emergenza. Inoltre, i ricercatori hanno identificato numerosi casi in cui Pfizer/BioNTech ha attribuito i potenziali decessi associati al vaccino ad altre cause e ha minato i dati sulla sicurezza del vaccino.

 

I dati alterati di Pfizer hanno favorito l’approvazione del vaccino

Pfizer ha alterato i propri dati in un momento decisionale critico per favorire l’approvazione dell’EUA, ha dichiarato in un’e-mail a The Epoch Times la coautrice dello studio Corinne Michels, professore emerito presso il Queens College di New York. Secondo lo studio, Pfizer aveva un termine ultimo per la presentazione della domanda di autorizzazione all’immissione in commercio del vaccino COVID-19 fissato al 14 novembre 2020. Nella sua richiesta, l’azienda ha presentato dati che mostravano quattro decessi nel braccio placebo del suo studio clinico e due decessi nel braccio del vaccino, gonfiando così l’impatto positivo del vaccino sui decessi.

Il 10 dicembre 2020, un giorno prima che la FDA concedesse l’EUA per il vaccino COVID-19 di Pfizer, la dott.ssa Susan Wollersheim, revisore clinico presso il Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, ha presentato dati che mostravano solo due decessi dovuti al vaccino durante lo studio clinico e quattro decessi dovuti al placebo, che sono stati utilizzati per sostenere l’affermazione che il vaccino COVID-19 di Pfizer, se autorizzato, avrebbe salvato delle vite.

Tuttavia, i documenti di Pfizer ottenuti da Public Health and Medical Professionals for Transparency attraverso una causa per il Freedom of Information Act e analizzati dai ricercatori mostrano quattro ulteriori decessi nel braccio dello studio clinico con il vaccino e un ulteriore decesso nel braccio con il placebo, nessuno dei quali è stato incluso nella presentazione dell’FDA sull’efficacia e la sicurezza del vaccino COVID-19 di Pfizer/BioNTech.

Le “descrizioni narrative dei decessi” di Pfizer dimostrano che sapeva che almeno due decessi (#11141050 e #11201050) si erano verificati nel braccio del vaccino del suo studio clinico prima della chiusura dei dati EUA. Tuttavia, secondo la professoressa Emerita Michels, Pfizer non ha riportato i decessi nel suo dossier di dati per l’EUA, nonostante le prove evidenti che era stata informata immediatamente dei decessi.

Il protocollo dello studio clinico di Pfizer recita: “Tutti gli SAE [eventi avversi gravi] che si verificano in un partecipante durante il periodo di raccolta attiva, come descritto nella sezione 8.3.1, sono segnalati a Pfizer Safety sul modulo di segnalazione SAE del vaccino immediatamente dopo essere stati scoperti e in nessun caso devono superare le 24 ore”.

Inoltre, tutti gli eventi avversi non gravi e gravi che si verificano durante il “periodo di raccolta attiva”, che inizia dopo l’ottenimento del consenso informato da parte del partecipante, sono registrati nella sezione eventi avversi della CRF e lo sperimentatore deve “registrare sulla CRF tutti gli AE [eventi avversi] osservati direttamente e tutti gli SAE [eventi avversi gravi] segnalati spontaneamente dal partecipante”.

Come parte del suo protocollo, Pfizer doveva registrare i decessi nelle CRF utilizzate per acquisire i dati dello studio clinico e inviare le CRF con il suo file di dati alla FDA. Invece, Pfizer ha ritardato la registrazione dei decessi nonostante fosse a conoscenza del loro verificarsi.

“Secondo il protocollo dello studio, gli eventi avversi gravi (SAE) avrebbero dovuto essere segnalati entro 24 ore nel Case Report Form dopo la notifica”, ha dichiarato il coautore dello studio Dr. Jeyanthi Kunadhasan a The Epoch Times in una e-mail. “La morte è il SAE più grave. Se la FDA avesse ricevuto i dati in modo tempestivo, avrebbe dovuto riflettere sull’approvazione di un farmaco, di cui i primi quattro decessi nel braccio vaccinato sono stati riscontrati in pazienti di 50 e 60 anni”.

 

Il ‘segnale di evento cardiaco’ è stato oscurato

I documenti di Pfizer mostrano che il primo decesso noto, ma escluso, ha riguardato una donna di 63 anni che ha avuto una morte cardiaca improvvisa il 19 ottobre 2020, ovvero 41 giorni dopo aver ricevuto la seconda dose di Pfizer. Il decesso è stato segnalato a Pfizer il 19 ottobre e l’autopsia ha confermato che la donna è stata colpita da “morte cardiaca improvvisa”. Tuttavia, il decesso della donna non è stato riportato nelle CRF fino al 25 novembre 2020, ossia 37 giorni dopo la morte della paziente.

Il secondo decesso si è verificato in una donna di 58 anni, morta per arresto cardiaco il 7 novembre 2020, ossia 72 giorni dopo aver ricevuto la seconda dose di Pfizer. Tuttavia, Pfizer non ha inserito il decesso nella CRF fino al 3 dicembre 2020, ovvero 26 giorni dopo il decesso della paziente, nonostante il marito l’avesse informata della morte il giorno stesso del decesso.

Secondo i ricercatori, poiché Pfizer ha ritardato la registrazione dei decessi dei partecipanti nel loro file di case report e non ha utilizzato la “data effettiva del decesso”, questi decessi “non sono stati scoperti in un momento critico del processo di approvazione dell’EUA e il segnale di evento cardiaco è stato occultato”.

“Se Pfizer/BioNTech avesse riportato la data effettiva del decesso invece della data in cui i decessi sono stati registrati nei moduli di segnalazione dei casi, i soggetti #11141050 e #11201050 sarebbero stati inclusi nella domanda di autorizzazione all’immissione in commercio”, ha dichiarato la professoressa emerita Michels. “In questo scenario, ci sarebbero stati quattro soggetti vaccinati e quattro soggetti placebo che sono morti prima della data di chiusura dei dati del 14 novembre e i cui decessi avrebbero dovuto essere inclusi nella richiesta di EUA”.

Di questi decessi, quattro erano dovuti a eventi cardiaci nei soggetti vaccinati rispetto a due nel gruppo placebo. Sebbene i numeri siano piccoli, rappresentano un aumento di due volte degli eventi cardiaci nei partecipanti al vaccino.

“Il ritardo nella notifica dei due decessi critici dei pazienti (#11141050 e #11201050) deve essere indagato”, ha dichiarato il dottor Kunadhasan. “Le famiglie dei pazienti hanno fatto la cosa giusta e hanno informato immediatamente il sito clinico. Meritano risposte, come tutti noi”.

Secondo lo studio, se il numero accurato di decessi di cui Pfizer era a conoscenza fosse stato incluso nel suo pacchetto di dati e presentato durante la riunione della FDA per la richiesta di autorizzazione all’immissione in commercio, avrebbe almeno mostrato un numero uguale di decessi nei bracci del vaccino e del placebo dello studio clinico e quindi nessun beneficio della vaccinazione.

The Epoch Times ha contattato Pfizer per un commento, ma non ha ricevuto risposta.

Megan Redshaw

 

Megan Redshaw è avvocato e giornalista investigativa con una formazione in scienze politiche. È anche naturopata tradizionale con ulteriori certificazioni in nutrizione e scienze dell’esercizio.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments