Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Andreas Wailzer e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Gerard Rennick, Senatore
Gerard Rennick, Senatore

 

I rappresentanti delle due Big Pharma si sono rifiutati di dare risposte dirette alle domande sui vaccini che causano miocardite e pericardite.

 

Giovedì i dirigenti della Pfizer hanno eluso le domande dei politici australiani sui danni al cuore causati dai vaccini Covid e hanno affermato che le persone non sono state costrette a fare le iniezioni.

In un’audizione al Senato del 3 agosto, il senatore Gerard Rennick del Partito liberale australiano ha chiesto a due rappresentanti di Pfizer se la loro azienda “capisce perché i vaccini causano miocardite e pericardite? E se non lo sa, come può garantire che non stiano danneggiando anche altri organi? E può spiegare il processo per cui il vaccino causa miocardite e pericardite?”.

Il rappresentante di Pfizer ha dato una risposta evasiva, affermando: “Sulla base dei nostri studi clinici e dei dati di farmacovigilanza, nonché delle evidenze reali, dopo la distribuzione di miliardi di dosi di vaccino, manteniamo una forte fiducia nel profilo di sicurezza del vaccino”.

Ha inoltre affermato che “il numero di segnalazioni di miocardite rimane esiguo”.

Rennick ha poi interrotto più volte il dipendente Pfizer per ricordargli che non aveva risposto alla sua domanda su come il vaccino a base di mRNA causasse la miocardite.

Il rappresentante della società farmaceutica ha infine affermato che “avrebbe preso nota delle domande e sarebbe tornato alla commissione con qualsiasi informazione in grado di fornire”.

Il secondo rappresentante della Pfizer ha affermato durante l’udienza di credere “fermamente che nessuno sia stato obbligato a fare un vaccino”.

” Gli obblighi o i requisiti per i vaccini sono determinati dai governi e dalle autorità sanitarie. Credo che a tutti sia stata offerta l’opportunità di fare o non fare il vaccino, non credo che nessuno sia stato costretto a fare il vaccino”.

Contrariamente a quanto dichiarato, molti medici, infermieri e altre professioni australiane hanno perso il lavoro per essersi rifiutati di fare l’iniezione di Covid.

 

I dipendenti della Pfizer hanno ricevuto un lotto separato di iniezioni di Covid.

Il senatore Malcolm Roberts del partito One Nation ha chiesto ai portavoce di Pfizer se è vero che i dipendenti di Pfizer hanno ricevuto un proprio lotto di iniezioni di Covid che non è stato testato dalle autorità di regolamentazione australiane.

Il rappresentante di Pfizer ha risposto affermativamente, dichiarando che “Pfizer si è impegnata a importare un lotto di vaccini specificamente per il programma di vaccinazione dei dipendenti, in modo che il vaccino venisse prelevato dalle scorte governative e consegnato alle cliniche in base alle necessità”.

Il portavoce della società farmaceutica ha anche confermato che Pfizer ha imposto ai propri dipendenti un obbligo di vaccinazione, affermando che “un piccolo numero di colleghi ha lasciato l’azienda” per questo motivo.

 

I contratti tra Pfizer e il governo australiano “rimangono riservati”.

Roberts ha chiesto ai rappresentanti del settore farmaceutico se i contratti tra il governo australiano e Pfizer relativi alla fornitura delle iniezioni di Covid “includono una clausola che nega il vostro indennizzo nel caso in cui Pfizer commetta un reato come il trattamento fraudolento dei dati della sperimentazione?”.

“Pfizer rispetta sempre le leggi e i regolamenti dei mercati in cui opera, si attiene ai più alti standard per gli studi clinici e per tutte le sue operazioni” ha risposto uno dei rappresentanti di Pfizer.

Contrariamente a quanto affermato dal portavoce dell’azienda, Pfizer ha dovuto pagare miliardi di dollari per aver commercializzato illegalmente i suoi prodotti negli ultimi due decenni. Nel 2009, Pfizer ha pagato la cifra record di 2,3 miliardi di dollari per risolvere le accuse penali e civili relative alla commercializzazione illegale del suo antidolorifico Bextra.

Incalzato nuovamente da Roberts per rispondere alla sua domanda, il rappresentante di Pfizer ha detto che il contenuto del contratto tra il gigante farmaceutico e il governo australiano “rimane riservato”.

 

Moderna non è in grado di fornire informazioni sugli eventi avversi

Durante la stessa audizione al Senato sulle iniezioni di Covid, il senatore Alex Antic del Partito Liberale ha chiesto a un rappresentante del gigante farmaceutico Moderna come il tasso di eventi avversi gravi delle iniezioni di mRNA di Moderna si confronta “con i prodotti vaccinali tradizionali di routine, come i vaccini antinfluenzali e simili”.

“Non ho i tassi effettivi di eventi avversi”, ha detto il portavoce.

“Quello che posso dirle è che i tassi di eventi avversi gravi nei nostri studi di controllo randomizzati molto ampi erano in realtà in un range simile a quello osservato nel placebo”, ha affermato.

“Non potete dirmi i tassi di eventi avversi gravi”, ha dichiarato Antic. “Si rende conto di essere venuto oggi a un’udienza del Senato proprio per questa domanda e non può dirmi i tassi di reazioni avverse gravi al suo prodotto, cosa che trovo straordinaria”.

“Posso fornire queste informazioni su richiesta”, ha risposto il rappresentante di Moderna.

Andreas Wailzer

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments