Secondo i critici, tali disposizioni equivalgono a vaccinazioni forzate che violeranno la privacy e le libertà civili e mineranno la fiducia nelle autorità sanitarie pubbliche.

Un articolo di Judy Roberts, pubblicato su National Catholic Register (Register), che propongo alla riflessione di tutti nella mia traduzione. 

 

 

Passaporto-vaccinale

 

 

Dopo un anno di maschere, distanziamento sociale e altre restrizioni COVID-19, alcuni americani stanno respingendo le proposte di richiedere “passaporti vaccinali”. 

E per i cattolici, la questione ha guadagnato trazione la scorsa settimana quando l’Università di Notre Dame ha annunciato che stava richiedendo a tutti gli studenti che arriveranno al campus per il semestre autunno 2021 di essere completamente vaccinati. 

I sostenitori dei passaporti vaccinali dicono che sono un mezzo efficace per proteggere il pubblico dalla diffusione del virus e mettere a proprio agio coloro che sono stati vaccinati. Ma gli oppositori dicono che equivalgono a forzare le vaccinazioni, che dovrebbero essere una decisione individuale, e diminuiranno la fiducia nelle autorità sanitarie pubbliche e violeranno la privacy e le libertà civili. 

Già in vigore in Israele e in Cina, il requisito di presentare la prova della vaccinazione COVID per l’accesso alle imprese, ai trasporti, alle scuole e ai luoghi di intrattenimento sembra guadagnare terreno negli Stati Uniti. Diverse università negli Stati Uniti – tra cui Cornell, Brown e Rutgers – hanno, come Notre Dame, reso la prova della vaccinazione una condizione per l’iscrizione ai corsi autunnali, e lo stato di New York sta offrendo ciò che per ora è la partecipazione volontaria all’Excelsior Pass, che fornisce la prova digitale della vaccinazione o risultati negativi del test COVID. 

Inoltre, Jet Blue e United Airlines stanno testando l’applicazione CommonPass, un progetto del Commons Project e del World Economic Forum che sostiene di convalidare lo stato COVID senza rivelare altre informazioni sanitarie. E la squadra di basket Miami Heat ha predisposto sezioni separate per i fan vaccinati, una mossa che altre squadre NBA stanno considerando. 

Anche se l’amministrazione Biden ha detto che sta lasciando la questione dei passaporti vaccinali al settore privato, si dice che stia lavorando con aziende private per renderli disponibili. 

In un ordine esecutivo sulla sicurezza COVID nei viaggi nazionali e internazionali firmato a gennaio, Biden ha chiesto di “valutare la fattibilità di collegare le vaccinazioni COVID ai certificati internazionali di vaccinazione o profilassi (ICVP)”. 

Il rifiuto è già arrivato da diversi governatori repubblicani, in particolare Ron DeSantis della Florida, che ha emesso un ordine esecutivo che vieta alle aziende e alle agenzie statali di richiedere il passaporto per i vaccini ai clienti. L’ordine afferma che i passaporti dei vaccini riducono la libertà individuale e danneggiano la privacy dei pazienti e che renderli una condizione di partecipazione alla vita quotidiana creerebbe due classi di cittadini basate sulla vaccinazione. 

Ordini simili che si applicano al governo statale e/o alle istituzioni sono stati firmati dal governatore dell’Idaho Brad Little, dal governatore dello Utah Spencer Cox e dal governatore del Texas Greg Abbott. Il governatore del Mississippi Tate Reeves e il governatore della Georgia Brian Kemp hanno detto di non sostenere i passaporti per i vaccini. Anche l’American Civil Liberties Union ha sollevato preoccupazioni sui passaporti e ha suggerito che la priorità della nazione ora dovrebbe essere l’equa distribuzione per vaccinare quante più persone possibile per raggiungere l’immunità di gregge. 

 

Grandi questioni etiche

Joseph Meaney, presidente del National Catholic Bioethics Center (NCBC), che ha un dottorato in bioetica, ha detto al Register che i passaporti dei vaccini sollevano questioni etiche reali, compresa la potenziale invasione della privacy medica. Ha detto che il centro è stato contattato da persone che dicono di non voler prendere il vaccino, ma sono sotto pressione, per esempio, da amministratori di case di cura dove vivono. 

“Noi diciamo loro che hanno il diritto di resistere”, ha detto Meaney, “ma penso che ci siano molte persone desiderose di prendere il vaccino”.

Dato che, ha detto, mettere un requisito in atto è suscettibile di rendere le persone esitanti più sospettose, comprese quelle provenienti da popolazioni minoritarie che hanno una storia di interazioni negative con i funzionari della sanità pubblica. 

Meaney ha detto che molti operatori sanitari sono anche incerti sui vaccini COVID-19 e preferiscono affidarsi ad altre misure per tenersi al sicuro. “Abbiamo avuto un ampio consenso sociale sul fatto che certe misure di sicurezza e precauzioni hanno senso. … Costringere le persone ad avere una procedura medica che non vogliono è un passo ulteriore a questo”. 

Meaney ha detto che la Chiesa cattolica, in una nota di dicembre della Congregazione per la Dottrina della Fede, ha sostenuto che la decisione di ottenere una vaccinazione è individuale e deve essere volontaria: “Non è un obbligo morale e quindi richiederlo è chiaramente andare troppo lontano”. 

Ha detto che per le autorità pubbliche dire alle persone che non saranno forzatamente iniettate, ma che non saranno autorizzate a fare certe cose se non lo saranno, è un requisito dietro le quinte che va contro la libertà che deve essere parte di una tale decisione.

I passaporti per i vaccini che vengono discussi e implementati in alcuni luoghi come Israele, ha detto Meaney, differiscono dai requisiti di vaccinazione imposti ai visitatori di alcuni paesi stranieri, in quanto questi ultimi sono misure di sicurezza per la salute pubblica per i viaggiatori e non si applicano alla popolazione all’interno del paese. 

“Questi sono molto meno invasivi di ciò che è potenzialmente il caso [con i passaporti vaccinali COVID]”, ha detto Meaney. 

Eric Sammons, il redattore capo di Crisis Magazine, che ha affrontato l’argomento dei passaporti su Twitter, è d’accordo. Ha detto al Register in una e-mail che c’è un’enorme differenza tra il diritto di entrare in un paese straniero come non cittadino e il poter andare in un negozio di alimentari locale. 

“Inoltre”, ha aggiunto Sammons, “costringere coloro che hanno un rischio molto limitato [di contrarre il virus] a prendere un nuovo vaccino poco testato per poter partecipare alla società è una chiara violazione della loro libertà”.

Sammons ha detto che vede i passaporti dei vaccini come la creazione di un sistema di caste in cui certe persone hanno più diritti di altre. 

“Se alle persone può essere negato l’accesso a vari eventi e attività commerciali a causa della loro decisione personale di non ricevere un vaccino, allora non c’è davvero limite a ciò che può essere imposto”, ha detto. 

 

Approccio medico sbagliato?

Martin Kulldorff, professore di medicina alla Harvard Medical School, ha altre preoccupazioni sui passaporti, in particolare, il loro possibile effetto negativo sulla fiducia del pubblico nei vaccini in generale e la fiducia nei funzionari della sanità pubblica. 

Kulldorff ha detto al Register via e-mail che anche se sostiene il vaccino COVID-19, in particolare per gli anziani vulnerabili, si oppone a rendere i colpi obbligatori attraverso i passaporti dei vaccini. 

“Ci sono più prove di un’immunità duratura dall’infezione naturale che dai vaccini COVID-19, e quelli con una precedente infezione da COVID-19 non hanno bisogno di essere vaccinati ora”, ha detto. “Se le autorità sanitarie obbligano le persone a essere vaccinate quando non è necessario, perché il pubblico dovrebbe fidarsi delle autorità sanitarie su altri argomenti? Perché dovrebbe fidarsi di loro su altri vaccini?”. 

Inoltre, Kulldorff ha detto che è preoccupato che la pressione per introdurre i passaporti dei vaccini COVID-19 danneggi gli sforzi per costruire la fiducia in altri vaccini. 

“Questo è stato in gran parte un successo, e l’adozione del vaccino e la fiducia è stata molto alta negli Stati Uniti, salvando molte vite”, ha detto. “Quelli che sostengono i passaporti per i vaccini rappresentano una minaccia molto più grande per la diffusione dei vaccini e la fiducia di quanto il piccolo gruppo dei cosiddetti anti-vaxxers abbia mai fatto”. 

Kulldorff si oppone ai passaporti anche perché hanno il potenziale di impedire ai più bisognosi di ottenere il vaccino COVID. 

“È inquietante vedere giovani adulti a basso rischio che si vantano sui social media di essersi vaccinati mentre la mia vicina di 86 anni in fondo alla strada non ha ancora fatto il vaccino e mentre pochissime persone anziane nel mondo in via di sviluppo sono state vaccinate contro il COVID-19”, ha detto. 

Ha detto che questo è dovuto in parte all’incapacità del sistema sanitario pubblico di trasmettere informazioni accurate su chi era più e meno a rischio di COVID. 

Ha detto Kulldorff: “Mentre chiunque può essere infettato, c’è più di mille volte la differenza nel rischio di morte tra gli anziani e i giovani. Per le persone di 70 e 80 anni, COVID-19 è una malattia molto grave”. 

Eppure, ha detto Kulldorff, università come Cornell, la sua alma mater, stanno imponendo quello che lui chiama un obbligo di vaccino non etico e immorale. 

“Molte persone anziane in tutto il mondo non sono ancora state vaccinate, e ogni vaccino dato a un giovane studente della Cornell, estremamente a basso rischio, significa un vaccino in meno per una persona anziana e ad alto rischio”, ha detto.

 

Questioni di libertà religiosa

Se i governi, le scuole, le imprese o altre entità richiedono la prova delle vaccinazioni – come apparentemente farà l’Università di Notre Dame, anche se l’annuncio dell’università sui requisiti dei vaccini avverte anche che “accetterà esenzioni mediche o religiose documentate” – ci saranno sicuramente delle sfide legali. 

Stephanie Taub, consulente senior del First Liberty Institute, ha detto al Register che lei e i suoi colleghi stanno seguendo la questione molto da vicino e stanno esortando le persone che sono preoccupate che i loro diritti religiosi vengano violati a contattare l’istituto.

Alcuni di coloro che hanno contattato First Liberty con tali preoccupazioni hanno citato l’uso di linee cellulari derivate dall’aborto nei vaccini o il loro sviluppo. Anche se ci sono tipicamente esenzioni religiose per i vaccini richiesti dalle scuole, Taub ha detto che la situazione del COVID è unica quando si tratta del settore privato. 

“In molti modi”, ha detto, “la legge in questo settore non è completamente sviluppata, anche se ci possono essere alcuni principi generali di libertà religiosa che possono essere applicati”. 

Anche se si è detta sorpresa dalla decisione dell’amministrazione Biden di non istituire un passaporto per i vaccini, ha detto che, storicamente, non è stato il posto del governo federale a imporre mandati sui vaccini. 

“È stato il ruolo del governo statale e locale perché sono quelli incaricati delle leggi sulla salute e la sicurezza”, ha detto Taub.

Lee Strang, professore di diritto all’Università di Toledo in Ohio ed esperto di diritto costituzionale, ha detto che il governo federale potrebbe usare la sua autorità sul commercio interstatale per vietare agli americani e ad altri di viaggiare attraverso i confini dello stato senza un passaporto per i vaccini. Tuttavia, ha detto che ciò richiederebbe che il Congresso approvi una tale legge, il che sembra improbabile, data la natura controversa dei passaporti per i vaccini. 

Alla domanda se il presidente potrebbe firmare un ordine esecutivo per richiedere i passaporti per i vaccini, Strang ha detto che, alla luce dell’enorme crescita del potere della presidenza negli ultimi 80-90 anni, è concepibile che un presidente possa emettere un ordine che leghi i mandati dei vaccini ai fondi federali. Inoltre, ha detto, il presidente potrebbe esercitare la sua autorità sui viaggi aerei per richiedere passaporti per i vaccini per viaggiare in ogni stato. 

Le imprese, ha detto, sono anche probabilmente nel loro diritto di richiedere i passaporti per i vaccini, dal momento che possono impostare i termini con cui si impegnano sul mercato, a condizione che non discriminino sulla base di razza, sesso ed età o orientamento sessuale. Allo stesso modo, i datori di lavoro possono richiedere i vaccini, ha detto Strang, aggiungendo che la Equal Opportunity Employment Commission (EEOC) ha appena rilasciato delle linee guida che confermano questo, purché non vengano violate le leggi antidiscriminatorie. 

Per quanto riguarda le scuole, Strang ha detto che la maggior parte degli stati hanno esenzioni per i requisiti dei vaccini per i credenti in una religione e gli obiettori di coscienza che dovrebbero applicarsi al vaccino COVID.

 

Una linea nella sabbia

Coloro che hanno obiezioni religiose a prendere il vaccino possono essere protetti dalle costituzioni statali che contengono clausole che prevedono il libero esercizio della religione, ma anche dal Religious Freedom Restoration Act (RFRA). Inoltre, 42 stati hanno i loro RFRA, che Strang ha detto che forniscono una protezione significativa contro le restrizioni del governo per i credenti in una religione. Tuttavia, questi non si applicano alle imprese private. 

“Quello che vorrei dire è che il nostro sistema legale offre una certa protezione ai credenti in una religione. Penso che la vera protezione verrà dalle persone che parlano con i loro rappresentanti statali per far passare una legislazione che proibisca agli enti statali e alle imprese private di limitare l’accesso in base allo stato dei vaccini”.

Meaney della NCBC ha detto: “C’è una specie di linea nella sabbia, nel senso che c’è una vera riluttanza e una vera obiezione di coscienza che la gente ha verso alcuni di questi vaccini a causa della loro connessione con linee cellulari derivate dall’aborto, così che si tratta davvero di rispettare la coscienza della gente. Qualsiasi tipo di mandato che renda difficile vivere senza prendere il vaccino va oltre la pandemia per diventare una situazione di diritti umani”.


Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email