Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Padre Kevin M. Cusick e pubblicato su The Wanderer, il più antico settimanale cattolico americano pubblicato a Saint Paul, Minnesota (USA). Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

Victor-Manuel-Fernandez
Victor Manuel Fernandez

 

I pagani adorano il sesso e il corpo. I cristiani adorano Dio. Da soli. Il culto pornografico, che si è impadronito del potere a Roma, e che è incentrato sull’atto sessuale e sul corpo in relazione al coito, è proibito come peccaminoso per i cristiani.

Gli agenti del disordine e della sovversione in Vaticano stanno forse cercando di sostituire l’idolatria di un culto sessuale alla vera fede? Il culto del corpo e della funzione sessuale al di fuori del matrimonio e della procreazione è pagano. I pagani sono chiusi nella natura, a parte la Rivelazione. I culti pagani sono privi del soprannaturale, imprigionati nell'”eterno ritorno” delle stagioni, della nascita e della morte. I cristiani, invece, conservano sempre un atteggiamento e un comportamento riverente e casto nei confronti del sacro vincolo matrimoniale. Tutto è soggetto alla santità di vita senza la quale non si può entrare nel Regno di Dio.

“Tucho”, l’uomo che Francesco ha messo a capo della dottrina a Roma, sembra ora essere l’autore di molteplici testi sulla funzione sessuale e sul culto del corpo. Prima il libro sui baci. Negazioni e poi ammissioni. Poi gli orgasmi. Questa volta, ammissione e dichiarazione che “Francesco sapeva”. Ora, di più. Sono emersi altri scritti che dimostrano l’ossessione per il sesso di tutta la carriera. Da parte di un uomo celibe. Lasciatevelo dire. Queste riflessioni invertite sulla funzione sessuale sono isolate e contrarie all’ordine del Creatore verso la vita e la procreazione, verso l’infusione di un’anima immortale in un’altra “imago Dei”.

Gli omosessualisti di cui Francesco si è circondato a Roma sono accusati di aver seminato la Chiesa con un culto sessuale alieno? Le prove che si accumulano sono innegabili: questi agenti del male, guidati da “Tucho”, potrebbero non essere affatto cristiani.

Vescovi, sacerdoti e fedeli di tutto il mondo hanno respinto il tentativo di Tucho di benedire un culto sessuale gay all’interno della Chiesa attraverso Fiducia Supplicans, un documento morto all’arrivo. Tutti gli auspici e i documenti prodotti dal Vaticano non renderanno mai la masturbazione reciproca, che è ciò che accade quando due uomini o due donne simulano il sesso, uguale o sostitutiva dell’unione complementare e feconda voluta da Dio nella creazione, di un solo uomo per una sola donna.

I cristiani non si dilettano né discutono di sesso come intrattenimento. I cristiani non usano video o immagini pornografiche. I cristiani non permettono nemmeno di discutere di queste cose. La castità è costitutiva della fede e della morale cristiana. La castità evita di trattare in modo casuale le questioni sessuali proprie del matrimonio. Per farla breve: ciò che accade in camera da letto deve rimanere in camera da letto. L’intimità propria del rapporto esclusivo condiviso solo da marito e moglie, e tutto ciò che ne consegue, deve rimanere una questione privata tra i coniugi. L’unica eccezione è rappresentata dalle discussioni con un medico per motivi di salute o di fertilità o, se necessario, all’interno del sigillo del confessionale.

Il Catechismo della Chiesa cattolica tratta la questione della castità nell’ambito del sesto comandamento, “Non commettere adulterio”.

“La castità significa la riuscita integrazione della sessualità all’interno della persona e quindi l’unità interiore dell’uomo nel suo essere corporeo e spirituale. La sessualità, in cui si esprime l’appartenenza dell’uomo al mondo corporeo e biologico, diventa personale e veramente umana quando è integrata nella relazione di una persona con un’altra, nel dono reciproco completo e per tutta la vita di un uomo e di una donna”.

“La virtù della castità comporta quindi l’integrità della persona e l’integralità del dono” (CCC, n. 2337).

In altre parole, la castità nel matrimonio fa parte del rapporto “esclusivo” tra marito e moglie. La riservatezza che essi mantengono sui particolari del loro rapporto ne sostiene la santità e testimonia il loro amore reciproco. Le questioni relative all’unione fisica dell’uomo e della moglie nella sessualità non appartengono a relazioni al di fuori del vincolo matrimoniale o a relazioni tra persone non sposate. Gli aspetti fisici della persona, tra tutte le persone in relazione, comprendono molti aspetti diversi della corporeità, ma escludono sempre quelli direttamente legati all’unità e alla fertilità delle coppie sposate.

San Paolo tratta la comprensione cristiana del significato e del telos del corpo in 1 Cor. capitolo 7, versetti 1-7.

“Ora, a proposito delle questioni di cui avete scritto. È bene che l’uomo non tocchi la donna. Ma a causa della tentazione dell’immoralità, ogni uomo abbia la propria moglie e ogni donna il proprio marito. Il marito deve dare alla moglie i suoi diritti coniugali, e così la moglie al marito. Infatti, la moglie non governa il proprio corpo, ma il marito; allo stesso modo, il marito non governa il proprio corpo, ma la moglie. Non rifiutatevi l’un l’altro, se non forse di comune accordo per un periodo di tempo, per dedicarvi alla preghiera; ma poi tornate a riunirvi, perché Satana non vi tenti per mancanza di autocontrollo. Dico questo per concessione, non per comando. Vorrei che tutti fossero come me. Ma ognuno ha un dono speciale da parte di Dio, uno di un tipo e uno di un altro”.

San Paolo chiarisce che un uomo non “tocca” una donna con la quale non è sposato. La castità riconosce anche che qualsiasi conversazione, comunicazione scritta o altra azione che “tocca” questioni relative alla sessualità è da evitare in quanto incompatibile con la santità propria di ogni vocazione.

In Efesini 5, versetti 1-6, l’autore approfondisce la questione del comportamento casto come comprendente pensieri, parole e azioni, tutti derivanti dall’imitazione di Cristo ed espressione dell’amore.

“Siate dunque imitatori di Dio, come figli amati. E camminate nell’amore, come Cristo ci ha amato e ha dato se stesso per noi, come offerta e sacrificio profumato a Dio. Ma la fornicazione e ogni impurità o cupidigia non devono essere neppure nominate tra voi, come si addice ai santi. Non ci sia sporcizia, né chiacchiere, né leggerezza, che non si addicono; ma ci sia invece il ringraziamento. Siate certi di questo: nessun fornicatore, nessun impuro, nessun bramoso (cioè un idolatra) ha alcuna eredità nel Regno di Cristo e di Dio. Nessuno vi inganni con parole vuote, perché è a causa di queste cose che l’ira di Dio si abbatte sui figli della disobbedienza”.

Non solo evitare la fornicazione, ma anche tutte le cose che rientrano nell’occasione prossima del peccato di fornicazione o di adulterio, preserva la santità propria del culto di Dio e del vivere come imitatori di Lui.

La pornografia pagana a Roma allarma anche coloro che conoscono i contorni degli abusatori sessuali e il comportamento di adescamento che avverte di un potenziale abuso. Il rifiuto della castità consente anche la pedofilia. I sopravvissuti agli abusi sessuali dei chierici hanno espresso allarme per La passione mistica di Fernández: Spiritualità e sensualità. Sono citati in un recente articolo di Our Sunday Visitor.

“È stato assolutamente nauseante”, ha detto una sopravvissuta del libro del 1998, recentemente riscoperto. “Mi ha riportato alla mente molte cose dei miei abusi, perché alcune delle cose che ho letto erano simili a quelle che diceva il mio stupratore – una sorta di combinazione di abusi con cose di natura spirituale”.

“Teresa Pitt Green di Spirit Fire, una rete cristiana di giustizia riparativa, è rimasta particolarmente turbata dal racconto di Fernández di una conversazione con una ragazza di 16 anni.

“Le violazioni dei confini sono sconcertanti”, ha detto Pitt Green: “psicologicamente, potenzialmente fisicamente, certamente da un punto di vista intellettuale, normalizzando certe cose per persone che probabilmente non lo sanno nemmeno””.

L’articolo dell’OSV ricorda che nel suo libro L’arte del bacio, descritto come un testo di catechesi per gli adolescenti, il cardinale DDF Fernandez “ha pubblicato quattro delle sue poesie erotiche”.

Il comportamento di un leader e prelato cattolico dalla morale esemplare, o piuttosto di un malvagio demone ossessionato dal sesso che non si sarebbe qualificato nemmeno per un culto pagano della fertilità nell’antica Roma? Lascio a voi la decisione.

Padre Kevin M. Cusick

 

Padre Kevin M. Cusick, della zona di Washington, DC, scrive una rubrica settimanale per The Wanderer, il più antico settimanale cattolico americano pubblicato a Saint Paul, Minnesota. È inoltre autore di “Incontrare Cristo nella Liturgia”, riflessioni settimanali sulle Scritture della sacra Liturgia e sul Catechismo della Chiesa Cattolica, una risorsa on line da oltre dieci anni con oltre un milione e mezzo di visitatori, ed è una storica piattaforma collaboratore di Homilies.net. Cusick è un tenente comandante del corpo dei cappellani (RC) della Marina degli Stati Uniti che ha prestato servizio più recentemente in Iraq, prima ancora per due anni in Italia, tre anni a bordo della portaerei USS DWIGHT D. EISENHOWER, in Florida e North Carolina. È pubblicato anche sul The Catholic Standard dell’Arcidiocesi di Washington e sulla rivista Homiletic and Pastoral Review. Le sue fotografie sono apparse anche in The Wanderer. Originario di Detroit, Cusick ha frequentato la Fordham University, dove ha conseguito il Bachelor of Arts in inglese e un Master in sacra teologia alla Mount Saint Mary’s.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments