Tra le nuove nomine a cardinale di Papa Francesco vi sono quelle di mons. Matteo Zuppi, che ha scritto una prefazione a Costruire un ponte, il libro del notorio Padre James Martin, SJ, che sostiene un cambiamento negli atteggiamenti della Chiesa verso l’omosessualità, e quella di mons Tolentino de Mendonca, che ha scritto un’introduzione elogiativa a un libro di suor Maria Teresa Forcades, che sostiene l’aborto legale e l’ordinazione delle donne, e che è stata definita dalla BBC come “la suora più radicale d’Europa“.

Tagliente, come sempre, il commento dello scrittore e giornalista Phil Lawler che ha scritto per Catholic Culture.

 

Berrette cardinalizie

 

 

 

Avendo nominato 13 nuovi membri del Collegio Cardinalizio, Papa Francesco – a partire dal 5 ottobre – ha nominato la maggioranza dei cardinali che eleggeranno il prossimo Pontefice romano. Almeno sulla carta, quindi, ha la possibilità di assicurare che il prossimo conclave eleggerà un prelato che condivide la sua visione della Chiesa.

I numeri, da soli, significano ben poco. Papa Giovanni Paolo II ha nominato 231 cardinali: più che sufficiente a costituire una super maggioranza nel successivo conclave. Ma ha cercato l’autentica diversità nel Collegio, e ha conferito molte berrette rosse ai prelati che si sarebbero differenziati per il loro approccio pastorale: I cardinali Bernardin, Dannells, Laghi, Martini, Martini, Mahony, Silvestrini, Turkson, e – nel rimarchevole concistoro del 2001 – Kasper, McCarrick, Maradiaga, Hummes, Lehmann, Bergoglio, ora conosciuto come Francesco.

Nel nominare i cardinali che saranno i suoi consiglieri e che sceglieranno il suo successore, Papa Francesco ha adottato un approccio diverso. Padre Adolfo Nicolas, ex leader mondiale dell’ordine dei gesuiti, ha riferito che papa Francesco una volta gli disse che sperava di rimanere pontefice fino a quando “i cambiamenti fossero stati irreversibili”. Imbottire il Collegio cardinalizio con elettori che la pensano allo stesso modo è un ovvio passo in questa direzione.

Il giornalista liberale gesuita, padre Thomas Reese, ha scritto nel 2016 che le scelte del Papa per il Collegio [cardinalizio] sono state “la cosa più rivoluzionaria che Francesco abbia fatto in termini di governo della Chiesa”. Ha ammesso che se fosse stato un cattolico conservatore, guardando alle scelte del Papa, “Francamente, sarei stato oltraggiato”.

Ora, due concistori più tardi, lo schema è ancora più inconfondibile. Nella sua analisi delle scelte del Papa, John Allen di Crux sottolinea il punto saliente:

Questo è un concistoro in cui Francesco sta elevando una schiera di ecclesiastici che la pensano allo stesso modo, posizionandoli per aiutarlo a portare avanti la sua agenda in questo momento e anche per assicurarsi che il prossimo papa, chiunque esso sia, non sia qualcuno incline a riportare indietro l’orologio.

I 13 nuovi cardinali – di cui 10 sotto gli 80 anni possono quindi partecipare a un conclave – porteranno a 128 il numero totale dei cardinali elettori. Questo è ben al di sopra del limite legale di 120. Ma poiché il Papa che ha fissato quel limite (Giovanni Paolo II) lo ha ignorato lui stesso, possiamo probabilmente considerare quel “limite” come un “suggerimento” – un non-problema. Ciò che il Papa dichiara, il Papa può cambiare.

Tra i nuovi cardinali designati, ci sono alcune chiare indicazioni della volontà del Papa di apporre il suo timbro sul collegio:

-Tre (Czerny, Hollerich e Tamkevicius) sono gesuiti.

-Due, Hollerich e Zuppi, sono membri di spicco del blocco liberale europeo.

-Il cardinale designato Zuppi ha scritto una prefazione a Costruire un ponte, il libro del notorio Padre James Martin, SJ, che sostiene un cambiamento negli atteggiamenti della Chiesa verso l’omosessualità.

-Il cardinale-designato Tolentino de Mendonca ha scritto un’introduzione elogiativa a un libro di suor Maria Teresa Forcades, che sostiene l’aborto legale e l’ordinazione delle donne, e che è stata definita dalla BBC come “la suora più radicale d’Europa“.

-Il cardinale designato Fitzgerald (che non voterà in un conclave papale a causa della sua età) è stato rimosso dal suo incarico vaticano da Papa Benedetto; la berretta rossa sarà un segno che le sue opinioni – compresa una linea conciliante nel dialogo cattolico-islamico – sono ora benvenute a Roma. Può anche essere degno di nota il fatto che l’attuale presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso (l’ufficio che Fitzgerald ha ricoperto una volta), il vescovo Miguel Angel Ayuso Guixot, riceverà anche una berretta rossa, come segno dell’importanza che Papa Francesco attribuisce a questo sforzo.

-Il cardinale-designato Czerny non è un vescovo, né dirige un ufficio vaticano. È sottosegretario al dicastero per lo sviluppo umano integrale, responsabile per i migranti e i rifugiati. Nella tradizione vaticana, un cardinale non serve mai sotto nessun altro prelato se non il Papa. Se il cardinale Czerny continuerà nel suo ruolo attuale, il suo status infrangerebbe quella regola; apparirebbe nell’organigramma come cardinale Peter Turkson, prefetto del dicastero. Il suo status di cardinale sottolineerebbe, come se fosse necessario, il vivo interesse del Papa per la questione della migrazione.

Accanto alla nomina di questi nuovi cardinali, papa Francesco ha dato un’altra indicazione inconfondibile del suo stile di gestione quando ha nominato mons. Dario Viganò a un nuovo incarico di vice cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali. Mons. Viganò – da non confondere con l’arcivescovo Carlo Maria Viganò, il critico papale –  è un vecchio alleato papale, che fu costretto a dimettersi da capo delle comunicazioni vaticane dopo essere stato sorpreso a distribuire una lettera contraffatta del Papa-emerito Benedetto. Anche lui è ora in fase di riabilitazione, e rimandato nel campo della comunicazione, con un nuovo posto di lavoro che si occupa della pubblicità per le accademie pontificie. Sarà molto occupato. Lavorerà con il presuntuoso vescovo Marcelo Sanchez Sorondo, che ha usato il suo incarico di Cancelliere delle accademie pontificie per promuovere le sue uniche teorie politiche, come l’insistenza che chi si interroga sui cambiamenti climatici è sovvenzionato dalle compagnie petrolifere americane e che il governo cinese è il miglior esempio di attuazione della Dottrina sociale della Chiesa.

 

Ecco un video in cui è presente Tolentino de Mendonca e la teologa Maria Teresa Forcades:

 

[wpedon id=”15469″ align=”center”]

 

Facebook Comments
image_print
1