Di seguito vi propongo un articolo scritto da Zachary Stieber, pubblicato su The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Dosi del vaccino Pfizer-BioNTech contro il coronavirus (Hannah Beier/Bloomberg)
Dosi del vaccino Pfizer-BioNTech contro il coronavirus (Hannah Beier/Bloomberg)

 

I nuovi richiami del vaccino COVID-19 forniscono una scarsa protezione contro l’infezione sintomatica, secondo uno studio dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) pubblicato il 22 novembre.

I ricercatori del CDC hanno stimato che l’efficacia assoluta del vaccino è stata pari o inferiore al 50% tra le persone che hanno ricevuto uno dei nuovi bivalenti dopo aver ricevuto due o più dosi di vaccino originale.

Secondo lo studio, tra le persone di 65 anni e più, il gruppo di età più a rischio di COVID-19 grave, un bivalente ha fornito al massimo una protezione del 32%.

Lo studio fornisce le prime stime sull’efficacia del vaccino, prodotto da Pfizer e Moderna e autorizzato dalla Food and Drug Administration statunitense a fine agosto nonostante non fossero disponibili dati di sperimentazione sull’uomo.

Subito dopo, il CDC ha raccomandato a quasi tutti gli americani di età pari o superiore ai 12 anni di fare una delle nuove iniezioni, che contengono componenti delle sottovarianti BA.4/BA.5 Omicron invece del solo ceppo originale di Wuhan.

Il nuovo studio si basa sui risultati di un programma di analisi del CDC a livello nazionale, denominato Increasing Community Access to Testing, che fornisce test gratuiti alle persone in alcune zone degli Stati Uniti. È stato pubblicato sulla rivista autoprodotta del CDC.

I ricercatori hanno analizzato centinaia di migliaia di test e hanno stratificato i risultati in base al numero di dosi ricevute e all’età.

Hanno scoperto che un bivalente dopo due dosi forniva una protezione del 41% per le persone di età compresa tra i 18 e i 49 anni, del 50% per quelle di età compresa tra i 50 e i 64 anni e solo del 32% per le persone di età pari o superiore ai 65 anni.

La protezione era del 43%, del 25% e del 19% dopo aver ricevuto un bivalente dopo tre dosi.

Le stime di protezione della quarta dose erano del 28% per le persone di età compresa tra i 50 e i 64 anni e del 23% per le persone di 65 anni o più.

Lo studio non ha analizzato l’efficacia contro le malattie gravi. Secondo uno studio di ottobre, la protezione contro le malattie gravi offerta dai vecchi richiami stava diminuendo notevolmente rispetto alle nuove sottovarianti di Omicron.

 

Efficacia assoluta vaccino bivalente (Fonte: CDC)
Efficacia assoluta vaccino bivalente (Fonte: CDC)

 

Confronto con i vecchi booster

I ricercatori hanno anche confrontato l’efficacia dei nuovi booster con quella dei vecchi booster, che hanno smesso di essere somministrati all’inizio di settembre e che avevano fornito una scarsa protezione contro l’infezione.

Hanno riscontrato che i nuovi booster hanno fornito una protezione migliore.

L’efficacia relativa, ovvero l’efficacia rispetto ai vecchi richiami, era compresa tra il 30% e il 56% tra le persone di età compresa tra i 18 e i 49 anni, tra il 31% e il 48% tra le persone di età compresa tra i 50 e i 64 anni e tra il 28% e il 43% tra gli anziani.

L’efficacia era peggiore quando le persone ricevevano un richiamo bivalente subito dopo un vaccino monovalente. L’efficacia era maggiore quando le persone ricevevano un bivalente otto o più mesi dopo un monovalente.

 

I ricercatori raccomandano i richiami

Gli scienziati del CDC hanno dichiarato che i risultati supportano la posizione del governo statunitense secondo cui quasi tutti gli americani dovrebbero ricevere un nuovo richiamo.

“Le dosi di richiamo di mRNA bivalente forniscono una protezione aggiuntiva contro la SARS-CoV-2 sintomatica in persone immunocompetenti che in precedenza avevano ricevuto solo il vaccino monovalente, con benefici relativi che aumentano con il tempo trascorso dalla ricezione della dose più recente di vaccino monovalente”, hanno dichiarato.

“Questi risultati supportano l’attuale politica di vaccinazione COVID-19 che raccomanda una dose di richiamo bivalente per gli adulti che hanno completato almeno una serie di vaccinazioni mRNA primarie, indipendentemente dal numero di dosi monovalenti ricevute in precedenza”.

Tra le limitazioni dello studio vi è l’auto-segnalazione dello stato di vaccinazione e della storia di infezione precedente. I ricercatori hanno dichiarato di non aver potuto stratificare le stime del vaccino in base alla presenza di un’infezione precedente, che è nota come immunità naturale e conferisce una protezione superiore a quella dei vaccini.

 

Malone non è d’accordo

Il dottor Robert Malone, che ha contribuito a sviluppare la tecnologia dell’RNA messaggero che Pfizer e Moderna utilizzano per i loro vaccini, ha affermato che le conclusioni a sostegno delle attuali raccomandazioni di richiamo non sono supportate dai risultati dello studio.

“Se l’unico criterio di riferimento è il miglioramento della protezione contro l’infezione, senza aver effettuato un’analisi rigorosa della sicurezza e del rischio comprovato di imprinting immunitario, allora non è una base adeguata per raccomandare la vaccinazione”, ha dichiarato Malone a The Epoch Times.

“Le raccomandazioni per la vaccinazione con questi prodotti dovrebbero includere la loro efficacia nella protezione contro le infezioni, le malattie gravi e la morte, e la sicurezza associata al prodotto. E in particolare, un’enfasi sull’imprinting immunitario e sugli effetti immunologici a lungo termine“.

I ricercatori non hanno menzionato la sicurezza nel nuovo studio.

L’imprinting immunitario si riferisce a un sistema immunitario bloccato in una risposta a un vecchio ceppo virale. Malone ha lanciato l’allarme sull’imprinting da più di un anno e gli scienziati che hanno condotto studi recenti sui nuovi booster hanno dichiarato che si tratta di una preoccupazione.

Diversi studi hanno rilevato che l’efficacia dei vaccini diventa negativa con il passare del tempo.

 

Fauci promuove i booster

Il dottor Anthony Fauci, a lungo a capo dell’Istituto Nazionale per le Allergie e le Malattie Infettive, ha dichiarato in una conferenza stampa a Washington il 22 novembre che le persone dovrebbero fare i richiami, anche se ha riconosciuto che la protezione diminuisce.

Fauci, che è anche il principale consigliere medico del presidente Joe Biden, ha sottolineato il nuovo studio del CDC.

“Tutti si pongono la domanda: Dove sono i dati di efficacia clinica? Ora sono usciti con l’MMWR del CDC di questa mattina”, ha detto.

L’efficacia clinica si riferisce ai risultati di uno studio clinico. Il documento del CDC non proviene da uno studio clinico. Non ci sono ancora risultati di efficacia clinica per nessuno dei due nuovi booster.

 

 

Facebook Comments