Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Steve Kirsch e pubblicato sul suo Substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

vaccini COVID

 

Il ministro della Sanità tedesco Karl Lauterbach ha riconosciuto un tasso di lesioni gravi dovute ai vaccini pari a 1 su 10.000. È bello, ma il tasso reale è ben più di 100 volte superiore. Ora ci sono altre prove.

Sintesi

Recentemente ho scritto che il Ministro della Salute tedesco, Karl Lauterbach, ha riconosciuto che il tasso di lesioni gravi dopo i vaccini COVID è di 1 su 10.000 (qui un articolo in italiano, ndr). Ho sottolineato che il tasso è almeno 100 volte superiore, cioè ben più di 1 lesione grave ogni 100 dosi.

Ho fatto notare che il tasso è almeno 100 volte superiore, cioè ben più di 1 lesione grave ogni 100 dosi. Questo, ovviamente, è un disastro.

I rapporti ufficiali del governo dell’Australia Occidentale dimostrano che i tassi di lesioni sono fuori scala.

 

Il rapporto

Ecco l’articolo da leggere: Il governo dell’Australia Occidentale (WA) rilascia finalmente i dati sulla sicurezza dei vaccini del 2021: i vaccini sono stati ritirati dal mercato per molto meno di questo.

 

I punti chiave dell’articolo

L’articolo è lungo. Ecco alcuni dei punti salienti.

  • Nel 2021 non c’è stato quasi nessun Covid in Australia Occidentale, a causa delle politiche estreme di zero covid dell’Australia Occidentale. C’è stato solo il massiccio lancio di vaccini nel 2021. Questo lo rende un interessante gruppo di “controllo”.
  • Ci sono stati 2,4 casi di anafilassi ogni 100.000 vaccini iniziali. Ma sappiamo dal documento di Blumenthal che il tasso è 10 volte superiore. Ciò significa che i dati sulle lesioni sono sottovalutati di almeno un fattore 10 volte per gli eventi più gravi ed evidenti. Secondo la mia esperienza, per gli eventi meno evidenti, come la morte, un fattore di sottosegnalazione di 30 volte o più sarebbe una buona stima. E per gli eventi meno gravi, come la miocardite, ci si aspetterebbe un fattore di sottodenuncia (URF) di 100 o giù di lì.
  • I tassi di miocardite riportati sulla dose 1 erano di circa 3 per 100.000. Ma sappiamo da studi di grandi dimensioni come quello condotto in Svizzera che i tassi sono di circa 3 su 100. Whoa!!!! Ciò significa che la miocardite è stata sottovalutata di un fattore 1.000, ovvero 10 volte quello che ho stimato nel punto precedente. Quindi ora sappiamo che gli effetti collaterali molto gravi possono essere sotto riportati in questo rapporto di un fattore 1.000 volte. È sbalorditivo.
  • Guardate questa tabella qui sotto. Mostra che il tasso di eventi avversi segnalati era quasi 24 volte superiore a quello di tutti gli altri vaccini messi insieme. In altre parole, il vaccino COVID è, grosso modo, 24 volte più “pericoloso” di un vaccino medio. In altre parole, non è un vaccino sicuro. Neanche lontanamente. Dovrebbe essere ritirato dal mercato. Sta generando eventi avversi a un tasso 24 volte superiore alla “media”.

 

Ultima colonna: Tasso di eventi avversi ogni 100.000 dosi

 

  • Le segnalazioni di eventi avversi hanno iniziato a salire alle stelle nel momento in cui sono stati introdotti i vaccini COVID.

 

La freccia indica l’Inizio della vaccinazione

 

  • I “fact checker” sosterranno che ci sono stati più eventi, ma nessuno di essi era grave. Questo è palesemente falso, poiché il 57% degli AEFI (Adverse events following immunization=eventi avversi post immunizzazione, ndr) è stato trattato nel dipartimento di emergenza (ED) o in ospedale. Questo è un DISASTRO. Significa che oltre la metà degli eventi riportati erano molto gravi. E l’articolo osserva che: “Questo è in contrasto con le comunicazioni del TGA (autorità sanitarie australiane, ndr) con me all’inizio di quest’anno, quando un portavoce ha dichiarato: “Rassicurante, la maggior parte delle segnalazioni di eventi avversi per i vaccini COVID-19 sono state per reazioni comuni, attese e spesso lievi””. In altre parole, è chiarissimo che le autorità sanitarie hanno mentito al pubblico.
  • La maggior parte degli eventi avversi post immunizzazione (58%) è stata autodenunciata, mentre solo il 35% è stato segnalato dagli operatori sanitari. In Australia Occidentale, gli operatori sanitari sono tenuti per legge a segnalare gli eventi avversi post immunizzazione. Tuttavia, è probabile che almeno a partire dal marzo 2021, gli operatori sanitari fossero riluttanti a segnalare gli AEFI per paura di ritorsioni da parte dell’ente regolatore, l’AHPRA, la cui dichiarazione di posizione del marzo 2021 vietava espressamente agli operatori sanitari di intraprendere azioni che potessero essere percepite come una minaccia per l’avvio della vaccinazione Covid. Questo spiega il fattore di sottodenuncia di 1.000 casi di miocardite.
  • I soggetti di età compresa tra i 30 e i 49 anni sono stati i più colpiti, con tassi di eventi avversi post immunizzazione di 314-316 per 100.000 dosi. Si tratta quindi di 3 effetti avversi per 100 dosi con un URF pari a 10. Ma come abbiamo notato in precedenza, per la maggior parte degli eventi, l’URF è probabilmente pari o superiore a 30, quindi si tratta di un tasso di eventi avversi di 1 ogni 10 dosi. E poiché oltre la metà di questi eventi sono stati molto gravi, si tratta di un tasso di almeno 5 eventi avversi gravi ogni 100 dosi, vale a dire un tasso di eventi avversi gravi superiore al 5%. È una catastrofe. È paragonabile ai numeri di v-safe, dove l’8% ha richiesto cure mediche dopo la vaccinazione.
  • Il vaccino contro l’influenza suina (1976) è stato ritirato per un tasso di un caso grave di sindrome di Guillain-Barré ogni 100.000 dosi. Ma per i vaccini COVID, il numero di persone gravemente ferite o uccise è irrilevante se una vita può essere salvata dalla morte per COVID.
  • Il rapporto non solleva né affronta la possibilità che un aumento del tasso di segnalazione (non dei numeri grezzi, ma del tasso) possa essere in parte dovuto al fatto che i vaccini Covid causano più eventi avversi post immunizzazione rispetto ai vaccini tradizionali. Questa è la prova evidente che le persone che interpretano i dati sono tutte cerebralmente morte. Non c’è altra spiegazione. Danno la colpa di tutti i numeri a un eccesso di segnalazioni e non citano alcuna prova a sostegno. Proprio come fa il CDC.

L’articolo si conclude con l’osservazione che:

“La soglia di 2 sigma è un segnale di allarme che è stato chiaramente superato nel 2021. Questa soglia è stata scelta dal WAVSS nel suo rapporto annuale del 2020, Fig. 2.

La possibilità che ciò avvenga in modo casuale è inferiore al 5% (e forse anche all’1,24%). Pertanto, i vaccini Covid hanno causato l’elevato tasso di eventi avversi post immunizzazione del 2021″.

 

Sintesi

I dati dell’Australia Occidentale sono semplicemente un’ulteriore prova che i vaccini sono troppo letali per essere utilizzati e dovrebbero essere immediatamente ritirati.

Ma le decisioni sulla salute non sono più guidate dai dati.

Si suppone che facciamo quello che ci viene detto e che crediamo che i vaccini funzionino anche quando non lo fanno.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments