Si è parlato molto del Battaglione Azov e di forze filonaziste presenti in Ucraina. Cosa sappiamo? Questo articolo, scritto da C.B. Forde, spiega bene la questione. L’articolo è stato pubblicato su The Postil Magazine e ve lo propongo nella mia traduzione. Il testo originale inglese presenta numerosi link a supporto delle affermazioni fatte. Nella traduzione non sono stati riportati per ragione di tempo.

Le opinioni espresse nella presente pubblicazione sono quelle dell’autore e non riflettono necessariamente il punto di vista ufficiale del blog. 

 

Reggimento Azov, bandiera di guerra 2015
Reggimento Azov, bandiera di guerra 2015

 

C’è una verità scomoda che quelli che battono il tamburo di guerra contro la Russia amano ignorare – cioè i nazisti dell’Ucraina. Ci viene detto che tutto questo è in qualche modo “disinformazione/disinformazione russa”, o che Putin ama chiamare “nazisti” le persone che non gli piacciono (si noti che questo è ciò che effettivamente viene fatto in Occidente contro gli oppositori dell’élite). Naturalmente, non viene mai fornita alcuna prova reale per sostenere queste affermazioni, come ormai è diventata una triste abitudine, qualsiasi affermazione ipocrita è considerata “verità”.

Ecco i fatti sui nazisti in Ucraina. I battitori di tamburi non hanno ancora smentito nessuno di essi.

 

Origini

Quando Hitler invase l’Ucraina, per molti fu una liberazione dal comunismo e apertamente celebrata, e presto portò alla creazione della 14° Divisione SS-Volontari “Galizia” (più tardi, la 14° Divisione Waffen Grenadier delle SS, 1° Galizia). Fu quasi annientata nell’offensiva Lvov-Sandomierz (1944). Ciò che rimase fu raggruppato come Esercito Nazionale Ucraino (UNA), sotto l’Alto Comando Tedesco (OKH) e guidato dal generale Pavlo Shandruk (1889-1979). L’UNA contava circa 220.000 volontari e combatté in vari teatri in tutta Europa con la Wehrmacht, compresa l’Austria. Ciò che caratterizzava tutti questi volontari era una forte antipatia verso l’Unione Sovietica. Con la sconfitta dei nazisti, l’UNA si arrese agli inglesi e agli Stati Uniti. Tutti i volontari non volevano essere rimandati in Ucraina e cercarono asilo altrove (un gran numero venne in Canada e negli Stati Uniti).

Il generale Shandruk trovò un accordo speciale con la Polonia (con l’aiuto del generale Władysław Anders), che accettò i membri della UNA come “cittadini polacchi prebellici”. Shandruk ricevette l’ordine polacco Virtuti Militari, e si stabilì in Germania, prima di trasferirsi infine negli Stati Uniti, dove morì nel 1979.

In effetti, in Ucraina, la Germania nazista non era considerata il nemico; piuttosto, era un alleato nella lotta contro l’Unione Sovietica, o i “russi”. E quindi la negatività associata ai nazisti e al nazismo è debole, se non assente, nel contesto ucraino, dove “zio Hitler” era visto come un liberatore dai sovietici.

Questa visione positiva della Germania risale a quel sanguinoso periodo dopo la rivoluzione russa, quando la guerra civile scoppiò in tutte le parti di quello che una volta era l’impero russo, alimentata dalla resistenza ai bolscevichi. Come accadde ovunque nell’ex impero russo, le regioni che non volevano diventare comuniste entrarono in conflitto armato con i bolscevichi, compresa l’Ucraina, che si dichiarò indipendente da Mosca nel 1918, con la creazione della Repubblica Popolare Ucraina (UPR).

I bolscevichi non accettarono tale indipendenza e lanciarono una serie di campagne di grande successo nella regione che videro la cattura di città chiave e misero il governo della UPR in una posizione di totale collasso. Per evitare tale collasso, la UPR si rivolse in aiuto alla Germania, che inviò rapidamente truppe e rifornimenti, e rafforzò il debole Esercito Nazionale Ucraino (UNA), e sconfisse i rossi.

Ma era il 1918, e la Germania stessa era esausta e in poco tempo firmò l’armistizio dell’11 novembre 1918, mettendo così fine alla prima guerra mondiale. Questo lasciò l’Ucraina a combattere da sola, finché gradualmente perse e divenne parte dell’Unione Sovietica, nel 1922, come Repubblica Socialista Sovietica Ucraina.
Così, nella psiche ucraina post-1917, il nemico era sempre i sovietici, o i russi, mentre la Germania, sia nella figura del Kaiser Guglielmo o di Hitler, era sempre l’amico. Così, anche il nazismo non aveva in Ucraina nessuna delle connotazioni negative che ha in Occidente.

 

Stepan Bandera

Simpatizzante dei nazisti, collaboratore e assassino, Stepan Bandera è tuttavia un eroe per molti che ora combattono i russi in Ucraina. Le sue statue sono esposte con orgoglio e le strade sono intitolate a lui. Chi era? (Quanto segue è riassunto da Stepan Bandera: The Life and Afterlife of a Ukrainian Nationalist, di Grzegorz Rossoliński-Liebe).

Nato in Galizia (ora Ucraina occidentale, ma allora parte dell’impero austro-ungarico), Bandera mostrò presto segni di violenza. Come studente universitario a Lvov, si torturava abitualmente per temprarsi in vista del momento in cui le autorità avrebbero potuto interrogarlo. Tale disciplina comprendeva l’autoflagellazione e lo sbattere una porta sulle dita. Si stava preparando per la sua vita futura, come rivoluzionario nazionale.

A quel tempo, la rivoluzione russa era già avvenuta e nuovi paesi erano nati. Ma nell’Europa dell’Est, la lotta non era semplicemente la conquista di un destino nazionale, ma anche la lotta per o contro il comunismo; perché la Rivoluzione Russa aveva anche scatenato una sanguinosa guerra civile che avrebbe divorato intere popolazioni. Quella che una volta era la Galizia divenne parte della Polonia. Le porzioni orientali dell’Ucraina appartenevano ai sovietici. Entrambi i risultati si sono bloccati nella morsa dei nazionalisti che volevano unire la parte occidentale e quella orientale in un tutto unificato (Ucraina). La parte orientale era già stata impegnata in una lunga e sanguinosa guerra con i sovietici (dal 1917 al 1921), una guerra persa.

All’età di 20 anni, Bandera si unì all’Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN), nei cui ranghi salì rapidamente, data la sua inclinazione alla violenza. Oltre alle rapine (per finanziare il movimento), nel 1933, organizzò un attacco all’ambasciata sovietica a Lvov, uccidendo uno dei membri del personale. Questo fu il primo dei suoi omicidi in migliaia. Nel 1934, pianificò ed eseguì l’assassinio di Bronisław Pieracki, il ministro dell’Interno polacco, così come altri omicidi. Bandera fu arrestato dai polacchi, processato e condannato a morte, che fu commutata in vita. Ma gli omicidi continuarono. Le cose andarono così male che il governo polacco effettuò arresti di massa dei membri dell’OUN, il che portò ad un’ulteriore antipatia verso la Polonia. Poco prima dello scoppio della guerra, il sentimento generale era quello di appellarsi a Hitler per venire a salvare l’Ucraina.

E nel 1939, sembrava che Hitler concedesse agli ucraini il loro più caro desiderio: invase la Polonia. Nella nebbia della guerra, Bandera scappò dalla prigione e si diresse verso i suoi alleati, i tedeschi invasori. Come dichiarò Bandera “l’esercito tedesco come l’esercito degli alleati”. Una volta al sicuro tra i nazisti, Bandera creò una “fazione Bandera” dell’OUN, conosciuta come “OUN-B[andera]”, o Banderiti, il cui obiettivo era quello di creare un’Ucraina nazista, sotto gli auspici di Hitler, perché Bandera aveva dichiarato che “gli interessi tedeschi e ucraini” erano identici.

I Banderiti crearono varie milizie, come l’Esercito Insurrezionale Ucraino (UPA) e la Milizia Popolare Ucraina, o Milizia Nazionale Ucraina. I Banderiti intrapresero poi feroci rappresaglie e azioni di pulizia etnica, contro polacchi, comunisti, “russi etnici”, e contro gli ebrei. O, nelle parole di Bandera: “Moscoviti, polacchi ed ebrei” devono essere “distrutti”.

Fu durante questo periodo che fu anche creata una distinta “identità” ucraina, che affermava che i “veri” ucraini erano presunti discendenti dei vichinghi che fondarono la Rus’ di Kiev. Non c’è alcuna base storica o genetica reale per questa designazione, ma era una comoda fusione con l’ideologia nazista. In altre parole, nella “vera Ucraina”, c’erano gli umani superiori e i sub-umani. Questa “identità germanica” dell’Ucraina avrebbe avuto conseguenze tragiche fino ad oggi.

Il risultato inevitabile di tutto ciò fu un massacro di massa di coloro che erano “indesiderabili”, il più sanguinoso dei quali avvenne nel giugno e luglio del 1941, tutto coordinato da Bandera, e in cui furono assassinate circa 9.000 persone (ebrei, polacchi e “moscoviti”).

Visto il successo di questa violenza e pensando di avere il coltello dalla parte del manico, Bandera commise un errore e dichiarò l’Ucraina indipendente, e così fu prontamente arrestato dai suoi amici, i nazisti, che lo mandarono nel campo di concentramento di Sachsenhausen, dove rimase fino al 1944, quando fu rilasciato per coordinare la resistenza contro l’Armata Rossa, un compito che assunse con rinnovato fervore.

Dopo la guerra, i Banderiti furono riorganizzati dagli inglesi (MI6) e dalla CIA, per combattere i sovietici. Durante questo periodo, Bandera si muoveva, spesso sotto mentite spoglie e in segreto, e sempre protetto da molti membri delle ex SS, che avevano trovato comodo rifugio in Ucraina e che formavano una vasta rete sotterranea.

Durante questo periodo, Bandera e le sue organizzazioni uccisero migliaia di persone, alcuni dicono centinaia di migliaia, e per tutto il tempo lavorò a stretto contatto con il BND, il servizio segreto federale di quella che allora era la Germania occidentale.

Infine, Bandera fu assassinato dai sovietici a Monaco, nel 1959. Ma questo non pose fine alla profonda influenza di Hitler e dei nazisti nelle aspirazioni dei nazionalisti ucraini, tanto che ora è difficile dire dove finisce il nazismo e inizia il nazionalismo ucraino.

Nella nuova Ucraina, le statue di Bandera sono ovunque. È l’eroe nazionale ufficiale.

 

Quali ucraini?

Alla luce di quanto sopra, è importante notare che il tema del “popolo ucraino” è di nuovo al centro dell’attuale conflitto Ucraina-Russia. In Occidente, questo è venuto a significare un’alleanza con gli “ucraini” al fine di sconfiggere i russi che sono considerati come stranieri e che non appartengono a “noi”. Tale è l’eredità del nazismo in Ucraina, in quanto la gente ripete il suo principio fondamentale dell’altro inferiore, nella loro “difesa” dell’Ucraina. I russi non sono “occidentali” e quindi devono essere combattuti e sconfitti. Questo è il succo della russofobia isterica che ora attanaglia l’Occidente, dove “l’innocente Ucraina” e la “prepotente Russia” è diventata “scienza consolidata”.

Pochi nella morsa di questa isteria sembrano voler capire la complessità della questione, per non parlare della quasi impossibilità di separare il nazionalismo ucraino dal nazismo – perché i Banderiti non sono mai andati via – il che significa che l’Ucraina non è mai stata de-nazificata. Piuttosto, i Banderiti divennero inseparabili dalle strutture di potere e dalle istituzioni del paese. Questa relazione si intensificò solo con la dissoluzione dell’Unione Sovietica, quando l’Ucraina divenne indipendente nel 1991, e quando il nazionalismo ucraino ottenne piena legittimità.

E il mito di un “ucraino superiore, germanico” è stato centrale per la “nuova Ucraina”, che a sua volta è stato centrale per Euromaidan e ciò che è venuto dopo – il massacro implacabile dei “sub-umani” nelle regioni del Donbas, come molti hanno meticolosamente catalogato dal 2014 a oggi.

E secondo l’attuale legge ucraina, ci sono due tipi di “ucraini”: gli “ucraini germanici”, insieme ai popoli alleati, i tatari e i karaiti (nessuno dei quali vive effettivamente in Ucraina).

Poi, ci sono le persone indesiderabili, che non sono legalmente “ucraini”. Questi sono gli slavi, e pochi altri come i magiari e i romaní a cui è negato l’uso della propria lingua in pubblico. Devono usare la lingua ufficiale “ucraina” che ufficialmente non ha nulla a che fare con il russo (!!).

Questa è la “Legge dei popoli indigeni dell’Ucraina” che afferma che solo gli ucraini germanici, i tatari e i karaiti hanno “il diritto di godere pienamente di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali”. È stato firmato in legge dall’attuale BFF dell’Occidente, il presidente Volodymyr Zelensky, il 21 luglio 2021. In altre parole, la segregazione razziale della società in Uebermenschen e Untermenschen.

Questa legge non è un’aberrazione; piuttosto riflette la visione diffusa di dove l’Ucraina “appartiene”. Per esempio, nel 2018, è apparso un libro (che è diventato un bestseller e ha vinto il premio Stepan Bandera) in cui sono state fatte affermazioni ad ampio raggio su antichi ucraini ariani che hanno inventato ogni genere di cose, compresa la civiltà stessa. Il libro fu felicemente “recensito” da tre professori di storia e filologia dell’Università di Lviv (Iryna Kochan, Viktor Golubko e Iosif Los).

Come ulteriore dimostrazione di questa comprensione positiva dei nazisti, recentemente il Parlamento ucraino ha twittato una foto, paragonando ciò che i russi stavano presumibilmente facendo a ciò che accadde ad Amburgo nel 1943. Il tweet è stato successivamente cancellato. Questa potrebbe essere ancora una volta un’ingenuità. Ma nel contesto della storia dell’Ucraina del ventesimo secolo, questo non dovrebbe mai essere assunto.

Poi, c’è Hitler come protettore dell’Ucraina, un tropo che appare spesso nei libri di testo scolastici per bambini. Per esempio, uno dei libri di testo più popolari è История Украины di Andrei Kozitsky. 1914-2014 (Storia dell’Ucraina. 1914-2014), in cui i patrioti ucraini spesso indossano uniformi naziste.

In un altro di questi libri di testo, Hitler è quasi in lacrime per il nazionalismo ucraino: “Il 1° aprile 1939, egli [Hitler] disse: ‘La mia anima soffre quando vediamo la sofferenza del nobile popolo ucraino… È giunto il momento di creare uno stato ucraino comune'”.

In altre parole, in Ucraina, lo zio Hitler non è mai stato il cattivo; e i nazisti sono uguali al vero nazionalismo ucraino.

 

L’addestramento dei nazisti da parte dell’Occidente

Anche se il termine “nazista” è buttato in giro in Occidente per infangare gli avversari ideologici, l’Occidente ha anche una lunga e sordida storia di addestramento dei neonazisti in Ucraina.

Nel 2007, la CIA ha messo insieme una “conferenza” di varie fazioni anti-russe in Ucraina, il cui scopo sembra nient’altro che preparare neonazisti e jihadisti, entrambi i gruppi sono solidamente anti-russi. A supervisionare la conferenza c’era Dmytro Yarosh, che ha guidato il Tridente e il Settore Destro, entrambe organizzazioni neonaziste. La carriera di Yarosh è ampiamente nota.

Queste varie unità neonaziste sono state organizzate in combattenti anti-russi, addestrati dall’Occidente, e che sono stati integrati nell’esercito ucraino. Victoria Nuland, nel 2021, disse a Zelensky di nominare Yarosh consigliere del comandante in capo dell’esercito ucraino – perché nessuno può combattere i russi meglio dei nazisti, giusto? Dopo il 2014, l’Occidente ha protetto attivamente questi gruppi neonazisti

Naturalmente, è normale sentire che tutto questo è “disinformazione russa”, e che a Putin piace solo chiamare le persone che non gli piacciono “neonazisti”. I fatti, tuttavia, sono abbastanza chiari. Ecco le unità più grandi di neo-nazisti, o Banderiti che attualmente combattono i russi in Ucraina:

  • Membri di Svoboda (ex “Partito Nazional-Sociale dell’Ucraina”, che curiosamente fa rima con “Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori” di Hitler)
  • Il battaglione AZOV (probabilmente ora distrutto dai russi )
  • C14 di Kiev
  • Il battaglione Aidar (distrutto di recente dai russi)
  • I Wotanjugend (che in realtà sono di origine russa)
  • Ukraine Patriot (co-fondato da Andriy Parubiy)
  • La Milizia Nazionale
  • Karpatska Sich
  • Freikorps

Ci sono anche molte altre unità più piccole (più di 30) che si sono fuse con quelle più grandi, e tutte sono state integrate nell’esercito ucraino. E i vari simboli di queste organizzazioni sono comuni in Ucraina (cioè il Sonnenrad, il Totenkopf, il Wolfsangel). Dopo il 2014, l’Ucraina è diventata anche il principale “esportatore” dell’ideologia nazista nel mondo (l’attentatore della moschea in Nuova Zelanda era un ardente sostenitore, per esempio).

A combattere a fianco dei neonazisti e dell’esercito ucraino ci sono una sfilza di jihadisti e mercenari, molti dei quali provengono da altri gruppi neonazisti occidentali come la Divisione Misantropa. Questi mercenari sono conosciuti come la Legione Internazionale di Difesa Territoriale dell’Ucraina.

Ci sono alcuni che dicono che niente di tutto questo è vero perché Zelensky è ebreo. Non c’è bisogno di approfondire la storia della collusione ebraica con i nazisti. Basti dire che il Battaglione Azov, e varie altre milizie neonaziste, sono finanziate dall’oligarca Ihor Kolomoisky che è ebreo e che, si dice, abbia scelto Zelensky. Entrambi gli uomini hanno un ruolo importante nei Pandora Papers, il che spiega ulteriormente il miliardario Zelensky, con tanto di villa in Florida, che spadroneggia sulla nazione più povera d’Europa.

 

Trudeau e i nazisti

Nel 2016, il governo del Canada ha invitato Andriy Parubiy a Ottawa, quando era il leader del Partito Social-Nazionale dell’Ucraina (ora Svoboda), co-fondatore di Ukraine Patriot, e a quel tempo presidente del Parlamento della Rada (il parlamento ucraino). E Trudeau lo incontrò di nuovo in Ucraina più tardi nello stesso anno.

Nel 2018, Parubiy ha opinato sulla democrazia: “Sono un grande sostenitore della democrazia diretta… A proposito, vi dico che il più grande uomo, che ha praticato una democrazia diretta, è stato Adolf Aloizovich [Hitler-e notate l’uso della forma onorifica del nome di Adolf, per mostrare grande rispetto].”

A suo modo inimico, Trudeau si è schierato con il nazionalismo ucraino in un tweet (qui tradotto dal francese): “Cinque anni fa, coraggiosi manifestanti di Euromaidan sono stati uccisi in Ucraina mentre chiedevano un futuro migliore per il loro paese. Oggi, onoriamo i Cento Eroi Celesti e i loro sacrifici per la democrazia. Il Canada sarà sempre al fianco del popolo ucraino”.

Ironia a parte, dall’uomo che ora è dittatore del Canada, “i Cento Eroi Celesti” si riferisce ai manifestanti morti durante Euromaidan, molti dei quali erano neonazisti.

Tutto questo può essere attribuito all’ingenuità, ma è anche chiaro che quando Parubiy è stato invitato a Ottawa, il governo era pienamente informato delle sue credenziali neonaziste. Ma sembrava non avere importanza, nel grande gioco di battere la Russia.

Forse, quindi, non è sorprendente che il ruolo prominente di Trudeau nel sostenere Zelensky abbia un precedente, e che i neonazisti in Ucraina siano perfettamente accettabili, purché combattano i russi. Questa è una storia molto vecchia in Ucraina.

Più recentemente, l’attuale vice primo ministro canadese Chrystia Freeland ha felicemente posato con uno striscione neonazista e ha postato la foto su Twitter, poi l’ha rimossa e ne ha postata un’altra senza lo striscione, dicendo che chiunque abbia detto che lei ha posato con uno striscione neonazista stava ovviamente diffondendo “disinformazione russa”.

Lo striscione rosso e nero recitava: “Slava Ukraini” (“Gloria all’Ucraina”), ed era lo slogan dei Banderiti e lo slogan ufficiale dell’OUN-B. I colori, nero e rosso, sono la bandiera dell’Esercito Insurrezionale Ucraino (UPA).

Naturalmente, non si dovrebbe mai credere ai propri occhi bugiardi. È meglio credere alla narrazione ufficiale. Si dice anche che la stessa famiglia di Freeland abbia legami con i Banderiti. Il punto non è il senso di sangue, ma il problema radicato del nazismo in Ucraina.

Tali immagini potrebbero essere viste come “errori innocenti”. Ma nella storia intrisa di sangue del nazionalismo ucraino, hanno molto peso e sono usate come valuta preziosa.

Ma anche l’Occidente che aiuta i nazisti non è una novità.

 

Altre atrocità

Dal 2014, la triste litania delle atrocità commesse dai neonazisti, in particolare il Battaglione Azov, è ben nota e ampiamente catalogata. E nel recente conflitto, sono queste unità neonaziste che sono in prima linea nel commettere ulteriori atrocità contro i civili. E ci sono anche operazioni false-flag e altre atrocità. Da dove verrà la giustizia per questi crimini? Dai sostenitori dei nazisti?

Ma sembrerebbe che a pochi in Occidente importi, finché possiamo tutti odiare collettivamente Putin e i suoi russi. L’odio è un grande unificatore, mentre l’Occidente continua a distribuire denaro e Wunderwaffen, nella speranza che un grande Volkssturm riporti i russi da dove sono venuti. Ma si noti anche che il modello di tali sforzi è sempre la Germania nazista.

E perché nessuno obietta che i civili vengono trasformati in combattenti? È una mossa tattica occidentale per ottenere “cattiva stampa” sui russi che “uccidono i civili”? Qualunque sia il caso, Zelensky è certamente colpevole di un terribile crimine contro il suo stesso popolo che ha messo contro un esercito addestrato e professionale – e come possono i soldati russi distinguere tra combattenti e civili? Questo è il volto di una guerra condotta da wokisti.

Putin notoriamente, all’inizio dell’Operazione Z, ha detto che l’Ucraina era governata da un gruppo di tossicodipendenti e nazisti. Altri hanno osservato le diffuse abitudini di droga dei governanti, e nell’esercito ucraino. I neonazisti che abbiamo delineato qui.

La Russia avrà successo nei suoi obiettivi, perché non è guidata da isterici guerrieri della giustizia sociale woke; e la Russia finalmente de-nazificherà l’Ucraina, un lavoro atteso da tempo. Ecco Konstantin Pulikovsky, il comandante russo che mette le cose in chiaro. La sua è una voce di vera sobrietà. (Potete guardare con la traduzione abilitata):

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments