Rilancio un articolo scritto da e pubblicato sul loro substack che è introdotto dalla seguente frase: “I festeggiamenti per il 50° compleanno e la riunione sono funestati da numerose morti”. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Loch Eggers presso il surf break di Canoes, Waikiki Beach
Loch Eggers presso il surf break di Canoes, Waikiki Beach

 

Sto andando a Maui per festeggiare il 50° compleanno di mio fratello. Uno dei nostri più vecchi amici – un 53enne di nome Dan che era mio compagno di stanza alla scuola di specializzazione – avrebbe dovuto essere sul mio volo, ma non c’è perché è morto di infarto due settimane fa. Entrambi i suoi genitori hanno partecipato al funerale; entrambi erano in condizioni fisiche eccezionalmente buone nonostante l’età avanzata. Dan aveva ricevuto le prime due dosi di vaccino COVID-19 mRNA l’anno scorso, ma a quanto pare aveva deciso di rinunciare ai richiami.

Anche un altro dei nostri amici più cari, una leggenda del surf di 55 anni di nome Loch Eggers, non vedeva l’ora di festeggiare con noi. Gli ho parlato al telefono la scorsa settimana. Ha espresso grande entusiasmo per la nostra imminente riunione e per tutto il divertimento che avremmo avuto facendo surf, barbecue e feste.

Anche Loch non ce la farà perché sabato scorso ha avuto un attacco cardiaco fatale. La sua vita e la sua morte sono raccontate in questo necrologio splendidamente illustrato.

Il caso di Loch è stato particolarmente toccante. È stato trovato sul ciglio di un sentiero escursionistico che conduceva a un luogo tranquillo dove aveva recentemente eretto un santuario per suo fratello Hunter, morto di infarto qualche mese fa. Sia Loch che Hunter erano in condizioni fisiche eccezionalmente buone grazie agli sport acquatici praticati quotidianamente. Loch era uno dei più grandi surfisti amatoriali del mondo.

Il medico legale della contea di Maui ha detto alla fidanzata di Loch, sconvolta, di aver fatto l’autopsia a Hunter qualche mese fa e di aver notato che il suo cuore era vistosamente infiammato. Sono in attesa di conoscere il referto dell’autopsia nel caso di Loch. Entrambi i fratelli hanno ricevuto la vaccinazione mRNA. Loch ha ricevuto anche un richiamo. Non sono sicuro che Hunter sia stato vaccinato o meno.

Entrambi i genitori hanno raggiunto l’aspettativa di vita. Il padre è morto di infarto a 82 anni. La madre era in condizioni eccezionalmente buone per la sua età avanzata quando è morta per soffocamento da cibo.

Il fatto che entrambi i fratelli siano morti di infarto alla metà dei cinquant’anni solleva il sospetto di una base genetica della morte improvvisa dopo aver ricevuto i vaccini COVID-19. Tale condizione è stata documentata in un’indagine su una persona che ha ricevuto il vaccino COVID-19. Tale condizione è stata documentata in un recente studio di Chupong Ittiwut et al. Gli autori propongono che il periodo di pericolo acuto sia entro 7 giorni dalla vaccinazione. Tuttavia, il caso dei fratelli Eggers richiede un’indagine per determinare se questa particolare condizione genetica – o qualche altra condizione di aritmia e cardiomiopatia ereditaria – possa essere accentuata dai vaccini COVID-19, con periodi di pericolo prolungati dopo la vaccinazione.

Tutta la nostra struttura medica, e in particolare i medici legali, devono prendere molto sul serio l’indagine su queste morti improvvise.

I vaccini avviano un processo di malattia cardiovascolare che può manifestarsi con sintomi pericolosi per la vita solo mesi o addirittura un anno dopo?

In alternativa, è possibile che i vaccini amplifichino processi di malattia cardiovascolare già esistenti che alla fine porterebbero alla morte, ma non (senza il vaccino) fino a molto più tardi nella vita?

Nota dell’autore John Leake: il commento di un lettore mi ha spinto ad aggiungere la seguente modifica al mio post originale.

I medici legali di oggi hanno la formazione e le attrezzature per indagare la causa precisa di queste morti improvvise. Il deceduto aveva una malattia coronarica che ha portato a un infarto miocardico acuto? Oppure il deceduto aveva una miocardite o una cicatrice dovuta a un’infiammazione precedente che ha causato un’aritmia fatale?

I medici legali possono anche fare riferimento a Baumeier et al., Intramyocardial Inflammation after COVID-19 Vaccination: An Endomyocardial Biopsy-Proven Case Series, 4.3 Histology, Immunohistochemistry, and Digital Imaging Analysis for detecting SARS-Co-V-2 spike protein in cardiac tissue.

 

Il dott. Peter McCullough è un medico internista, cardiologo ed epidemiologo che si occupa delle complicazioni cardiovascolari dell’infezione virale e delle lesioni sviluppatesi dopo il vaccino COVID-19 a Dallas TX, USA. Ha all’attivo decine di pubblicazioni sull’infezione, diverse testimonianze al Senato degli Stati Uniti e al Senato statale e ha commentato ampiamente la risposta medica alla crisi del COVID-19 su TheHill, America Out Loud, NewsMax e su FOX NEWS Channel.

John Leake ha studiato storia e filosofia con Roger Scruton all’Università di Boston. Si è poi recato a Vienna, in Austria, grazie a una borsa di studio per la laurea e ha finito per vivere in città per oltre un decennio, lavorando come scrittore e traduttore freelance. È uno scrittore di crimini veri con un interesse di lunga data per la storia della medicina e la medicina legale.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email