Immaginate di portare il vostro piccolo bambino in ospedale perché affetto da una grave malattia. Immaginate che vi chiamino per comunicarvi che al vostro piccolo figlio i medici, legalmente e senza previa informazione o autorizzazione, abbiano dato l’eutanasia. Un caso Alfie portato alle sue logiche e folli conseguenze.

Assurdità? Irrazionalità? “Fantascienza”? No, è quello che stanno già immaginando in Canada. 

Ce lo racconta Jonathon Van Maren.

 

Foto: bimbo in ospedale

Foto: bimbo in ospedale

A soli due anni dalla legalizzazione del suicidio assistito in Canada, il governo liberale è già alla ricerca di modi per ampliare l’accesso a questi cosiddetti “servizi”, e per farlo ha chiesto al Consiglio delle Accademie canadesi di creare un rapporto che descriva in dettaglio una via da seguire. Tre questioni chiave sono state prese in considerazione, tra cui l’eutanasia per coloro che soffrono di malattie mentali, coloro che desiderano produrre una “direttiva avanzata” chiedendo a un professionista medico di ucciderli dopo che hanno potenzialmente perso la capacità mentale di richiederla da soli, e l’eutanasia per i bambini, attualmente denominata “minori maturi“.

Michael Cook ha esposto lo stato della discussione al BioEdge, osservando che alcuni pediatri e bioeticisti canadesi hanno esposto le argomentazioni a sostegno dell’eutanasia infantile nel Journal of Medical Ethics, inquadrando il Medical Aid in Dying (MAID) (cioè il suicidio medicalmente assistito, ndr) come parte fondamentale delle cure palliative e presentando il cosiddetto diritto all’uccisione come un diritto fondamentale:

è sbagliato costringere una persona a vivere in circostanze di sofferenza insostenibile e irrimediabile e ….. i desideri dei pazienti capaci devono essere rispettati entro i limiti di legge, soprattutto in una materia così intima come il modo in cui scelgono di morire. Le persone, in altre parole, hanno il diritto alla vita, non il dovere di vivere ….

Inoltre, osserva Cook, si sta giungendo a diverse conclusioni orribili, tra cui l’affermazione che l’eutanasia non dovrebbe essere trattata diversamente da altre procedure mediche, ma semplicemente accettata come routine. Ciò include lo spettro di bambini cui viene offerta l’eutanasia senza la conoscenza dei loro genitori – e potenzialmente anche l’eutanasia senza il consenso dei genitori o addirittura la conoscenza dei genitori:

 

Se il MAID –  Medical Aid in Dying  (cioè il suicidio medicalmente assistito, ndr) – è essenzialmente una normale procedura medica, ne consegue che non c’è bisogno di “procedure speciali per gestire la comunicazione, la riservatezza e la valutazione delle capacità”. Una conseguenza di ciò è che i medici dovrebbero essere proattivi nel suggerire l’eutanasia ai bambini perché hanno l’obbligo di informare i pazienti sulle loro opzioni sanitarie.

Che dire della capacità di consenso di un giovane? In Ontario (una delle dieci province del Canada, ndr), “i giovani possono essere e sono in grado di prendere le proprie decisioni mediche, anche quando tali decisioni possono portare alla loro morte”. Questo non è universalmente accettato in Canada, quindi potrebbe essere necessario modificare la legge.

E il ruolo dei genitori? Che cosa succede se un giovane richiede il MAID (suicidio medicalmente assistito, ndr) ma i genitori si oppongono? Gli autori sostengono che se un giovane è in grado di prendere le proprie decisioni mediche, non c’è ragione per cui i genitori debbano essere informati.Se consideriamo il MAID praticamente ed eticamente equivalente ad altre decisioni mediche che portano alla fine della vita, allora la riservatezza riguardo al MAID dovrebbe essere gestita allo stesso modo”.

In sostanza, questi medici sostengono che i giovani, che non hanno il diritto di votare o comprare sigarette, dovrebbero avere il diritto di chiedere a un medico di ucciderli, perché forse “consideriamo il MAID praticamente ed eticamente equivalente ad altre decisioni mediche”. Di conseguenza, praticamente tutti sarebbero d’accordo sul fatto che il suicidio assistito – o, più apertamente, il suicidio – non è come qualsiasi altra “decisione medica” per ovvie ragioni. E l’idea che i genitori potrebbero essere semplicemente tagliati fuori dalla discussione è incredibile, considerando il fatto che quello di cui stiamo discutendo è che i medici uccidono un bambino.

Peggio ancora, se in Canada il suicidio assistito si allargasse sia alle persone affette da malattie mentali che ai minori, potremmo affrontare l’orribile spettro dei medici professionisti che, per legge, hanno l’obbligo di fornire agli adolescenti che soffrono di depressione un’iniezione letale, forse senza che i genitori dell’adolescente siano informati. Questo ci condurrà alla questione fondamentale del dibattito sul suicidio assistito che il mio collega Blaise Alleyne ed io abbiamo esposto nel nostro recente libro: Una Guida alla discussione sul suicidio assistito: Chi riceve assistenza al suicidio e chi si occupa di prevenzione del suicidio? E come decidiamo?

I sostenitori dell’espansione dell’eutanasia riconoscono anche che l’idea di eutanasia dei bambini potrebbe essere difficile da ingoiare per molte persone, e quindi anche proporre un modello per ridurre lo “stigma sociale“, notando che il trattamento dell’HIV/AIDS una volta ha affrontato lo stigma:

Se prendessimo il modello dell’HIV come strategia per la messaggistica pubblica MAID (suicidio assistito, ndr), procederemmo fornendo il MAID in un modo concreto che potrebbe, nel tempo, ridurre l’onere sociale sia per i pazienti che cercano questa procedura che per i medici che la forniscono.

Ancora una volta, ignorano il fatto che curare l’HIV/AIDS è stato un tentativo di guarire o almeno di alleviare la sofferenza, non semplicemente di porre fine alla vita dei malati. Il suicidio non può essere considerato un’assistenza sanitaria senza che si ridefinisca completamente cosa siano l’assistenza sanitaria e la medicina, e sebbene la maggioranza dei canadesi sia a favore del suicidio legale assistito, sospetto che molti di loro traccino il confine con l’eutanasia dei bambini, specialmente senza il consenso o la consultazione dei genitori.

I sostenitori dell’ampliamento dell’eutanasia presentano una cosa giusta, ed è lo stesso punto che quelli di noi che si sono opposti alla legalizzazione hanno detto fin dall’inizio: una volta che dichiarate il suicidio come un diritto, sarà molto difficile negare quel cosiddetto diritto ad altre persone che lo richiedono. Così, l’espansione delle “cure di fine vita” è quasi inevitabile. Le “tutele” vengono meno, e le persone molto vulnerabili che i governi hanno promesso di proteggere finiscono presto per chiedere e ricevere il diritto di suicidarsi nella presunta sicurezza di una stanza d’ospedale.

E, ancora una volta, finiamo per uccidere i sofferenti piuttosto che la sofferenza.

 

Fonte: LifeSiteNews

 

Facebook Comments