Guardatelo, è breve, e diffondetelo, se potete. 

Rivera è un grande. Sicuro. Ma Vespa e gli altri personaggi che impressione vi hanno fatto a guardarli a distanza di tempo? A me penosa.

 

 

Ecco l’articolo apparso sulla prestigiosa rivista medica Nature di cui parlava il Prof. Frajese, endocrinologo, professore associato Università di Roma,  nel video qui sopra. Ecco il testo nella mia traduzione. Riguardo all’interazione di ipotalamo, ipofisi e le gonadi, importantissima, di cui parla sempre il prof. Frajese, vi consiglio vivamente di leggere questi due articoli (qui e qui) che abbiamo pubblicato in passato. Evidenziazioni in giallo mie.

 

Secondo uno studio1 , le donne che non hanno il ciclo mestruale, comprese le donne in post-menopausa e quelle che assumono contraccettivi, hanno avuto diverse volte più probabilità di sperimentare un sanguinamento vaginale inatteso dopo la vaccinazione COVID-19 rispetto a prima che il vaccino fosse offerto.

Quando i vaccini COVID-19 sono stati diffusi a livello globale, molte donne hanno riportato sanguinamenti mestruali più abbondanti del solito subito dopo la vaccinazione. L’autrice dello studio, Kristine Blix, dell’Istituto norvegese di sanità pubblica di Oslo, ha voluto esaminare la tendenza in modo sistematico, in particolare nelle donne che normalmente non hanno il ciclo mestruale, come quelle che assumono contraccettivi o che sono entrate in menopausa. Il lavoro è pubblicato su Science Advances.

L’équipe non ha indagato sulle ragioni del sanguinamento inspiegabile, ma ha suggerito che potrebbe essere legato alla proteina spike del SARS-CoV-2 utilizzata nei vaccini. In generale, i vaccini COVID-19 sono risultati sicuri ed efficaci.

Blix e i suoi colleghi hanno utilizzato un’indagine sulla salute della popolazione in corso, chiamata Norwegian Mother, Father, and Child Cohort Study. “Già dall’inizio della pandemia, i partecipanti alla coorte ricevevano questionari bisettimanali per monitorare gli effetti della pandemia”, spiega Blix. Nel primo questionario relativo alla vaccinazione COVID-19, inviato nel 2021, alcune donne hanno segnalato nei campi a testo libero di aver avuto forti emorragie mestruali. “Questo ci ha spinto a chiedere i modelli di sanguinamento in modo strutturato”, spiega Blix.

Effetto diffuso

Il team ha esaminato più di 21.000 risposte di donne in post-menopausa, peri-menopausa e in premenopausa non mestruate, comprese alcune che assumevano contraccettivi ormonali a lungo termine.

I risultati sono stati sorprendenti, dice Blix. Hanno scoperto che 252 donne in post menopausa, 1.008 donne in peri-menopausa e 924 donne in premenopausa hanno riferito di aver avuto un sanguinamento vaginale inaspettato.

Di queste, circa la metà di ciascun gruppo ha dichiarato che il sanguinamento è avvenuto nelle quattro settimane successive alla prima o alla seconda dose di vaccino, o a entrambe. Le donne in premenopausa e in peri-menopausa hanno riferito con maggiore probabilità di avere sanguinamenti inattesi nel mese successivo al vaccino, con un rischio da tre a cinque volte superiore rispetto a quello precedente alle vaccinazioni. Il rischio per le donne in post-menopausa è aumentato da due a tre volte.

La Norvegia ha utilizzato i vaccini a base di mRNA prodotti da Moderna e Pfizer-BioNTech e altri vaccini, tra cui quello prodotto da AstraZeneca. Nell’ottobre 2022, l’Agenzia europea per i medicinali ha aggiornato le informazioni sugli effetti collaterali dei vaccini a base di mRNA per includere il sanguinamento mestruale abbondante.

Il sanguinamento inatteso dopo la menopausa è solitamente considerato grave dal punto di vista medico e potrebbe essere un segno precoce di condizioni quali il carcinoma endometriale e le lesioni precancerose. Anche se la causa del sanguinamento post-vaccinazione non è chiara, se si tratta di un effetto collaterale noto delle iniezioni, i medici possono tenerne conto quando valutano le condizioni della paziente. “Il sanguinamento in post-menopausa è spesso molto preoccupante ed è un possibile segno di cancro. Conoscere lo stato di vaccinazione di una paziente potrebbe contestualizzare l’incidenza del sanguinamento”, afferma Kate Clancy, antropologa biologica presso l’Università dell’Illinois Urbana-Champaign.

Il gruppo di Clancy ha pubblicato i risultati2 di una propria indagine che mostra i cambiamenti nel sanguinamento mestruale dopo la vaccinazione COVID-19. La ricercatrice afferma che i risultati sono in linea con i suoi studi. Secondo la ricercatrice, i risultati sono in linea con quelli del suo gruppo e potrebbero contribuire a informare pazienti e medici.

“Il contributo più importante di questa e di altre documentazioni sarà l’inclusione dei modelli di sanguinamento femminile come punti finali, o monitorati, negli studi clinici di nuovi vaccini e forse anche di farmaci”, afferma Blix.

“Evviva un altro gruppo che si occupa di persone in peri- e post-menopausa!”, afferma Clancy. “Sono felice di vedere una maggiore attenzione per un gruppo poco seguito”.

Katharine Sanderson

 

*****

 

L’altra ricerca cui si riferiva il Prof. Frajese, quella della dott.ssa Ilaria Muller, che indaga sul rischio di malattia oculare da tiroide (TED) (una malattia della tiroide che ha manifestazioni anche sugli occhi), pubblicata sul The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, la trovate qui. Di seguito la traduzione dell’abstract.

Contesto
L’infezione da SARS-CoV-2 e il vaccino Covid-19 sono stati associati a disturbi della tiroide.

Obiettivo
Abbiamo analizzato il rischio di malattia oculare della tiroide (TED) in seguito alla vaccinazione con Covid-19. Si tratta di uno studio autocontrollato su una serie di casi in un centro di riferimento terziario per la TED. Sono stati inclusi 98 pazienti consecutivi con TED di nuova insorgenza (n = 92) o riattivata (n = 6) verificatasi tra il 1° gennaio 2021 e il 31 agosto 2022. La TED è stata valutata nei pazienti sottoposti alla vaccinazione Covid-19. I giorni-persona sono stati definiti esposti se la TED si è verificata da 1 a 28 giorni dopo la vaccinazione e non esposti se si è verificata al di fuori di questa finestra temporale. Sono stati applicati modelli di regressione condizionale di Poisson per calcolare il rapporto di incidenza (IRR) e l’IC al 95% tra esposti e non esposti. Sono state condotte analisi di sensibilità considerando diversi periodi di esposizione e la modifica dell’effetto da parte di potenziali fattori di rischio di TED.

Risultati
I vaccini Covid-19 sono stati somministrati a 81 persone, 25 delle quali (31%) hanno sviluppato TED nei periodi esposti e 56 (69%) in quelli non esposti. L’IRR per la TED era 3,24 (95% CI 2,01-5,20) e 4,70 (95% CI 2,39-9,23) nei pazienti di età inferiore a 50 anni. Sesso, fumo e trattamento con radioiodio non hanno modificato l’associazione tra TED e vaccinazione. Il rischio di TED non era correlato al numero di dosi di vaccino e si è ridotto progressivamente nel tempo dopo la vaccinazione (P trend = .03).

Conclusioni
Il rischio di TED è risultato significativamente aumentato dopo la vaccinazione con Covid-19, soprattutto nelle persone di età inferiore ai 50 anni. I possibili meccanismi includono l’interazione della proteina spike con il recettore dell’enzima di conversione dell’angiotensina II, la cross-reattività con le autoproteine tiroidee e le reazioni immunitarie indotte dagli adiuvanti. Si suggerisce di monitorare i soggetti sottoposti a vaccinazione con Covid-19, soprattutto se giovani e a rischio di autoimmunità.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments