Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Mary Elizabeth Gillis e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Ictus-cerebrale

 

Le segnalazioni di mal di testa dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19 sono state frequenti. Sebbene la maggior parte di essi non sia grave e sia curabile, i ricercatori iraniani che hanno condotto un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Neurology avvertono che l’insorgenza ritardata del mal di testa “dovrebbe essere considerata un segnale di allarme”.

Secondo un sondaggio condotto su quasi 2.000 intervistati, soprattutto donne, la prevalenza di mal di testa dopo la prima, la seconda o la terza dose di vaccino è stata rispettivamente del 36,5%, del 23,3% e del 21,7%.

Secondo i ricercatori, alcune persone sono ad alto rischio di cefalea post-vaccinazione, tra cui persone con cefalea primaria, cefalea post-COVID-19, cefalea successiva a una dose precedente, febbre post-vaccinazione e persone che hanno ricevuto vaccini vettoriali (come i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson).

 

Mal di testa dopo l’infezione rispetto alla vaccinazione

I ricercatori hanno anche evidenziato le differenze nelle caratteristiche delle persone che hanno riportato mal di testa dopo un’infezione rispetto a una vaccinazione.

Tra le persone con mal di testa post-infezione da vaccino, il 59% soffriva di emicrania e il 31,4% di cefalea di tipo tensivo.

La cefalea di tipo tensivo era più diffusa nelle persone con cefalea post-vaccinazione rispetto a quella di tipo emicranico. I mal di testa dei partecipanti erano principalmente bilaterali, moderati e pressanti, e interessavano l’intera testa o più regioni.

Potrebbe essere un segno di condizioni gravi

La maggior parte dei partecipanti ha dichiarato che i mal di testa erano lievi e gli autori hanno sottolineato che i mal di testa sono eventi avversi comuni riportati con altri vaccini.

Tuttavia, questi mal di testa derivanti dalla vaccinazione COVID-19 possono portare a conseguenze pericolose.

Il mal di testa post-vaccinazione “può anche essere un segno di patologie pericolose per la vita, tra cui la trombosi venosa cerebrale (CVT), la mielite acuta e l’emorragia intracerebrale”, scrivono i ricercatori. “Il mal di testa post-vaccinazione di solito inizia meno di un giorno dopo la vaccinazione e l’insorgenza ritardata del mal di testa dovrebbe essere considerata un segnale di allarme per patologie gravi, come la CVT indotta da vaccino”.

I risultati dello studio hanno anche dimostrato che lo sviluppo di cefalee in seguito alla COVID-19 aumentava le probabilità di sviluppare cefalee post-vaccinazione. Sebbene il meccanismo alla base della reazione rimanga sconosciuto, gli autori hanno suggerito che potrebbe essere correlato a quello che viene definito un pato-meccanismo mediato da citochine. Si tratta del percorso in cui le citochine regolano l’immunità e l’infiammazione.

Uno studio del 2022 (pdf) pubblicato sul Journal of Clinical Medicine ha mostrato risultati simili. Gli autori hanno scoperto che il mal di testa post-vaccino può essere associato al rilascio di citochine, in particolare nelle persone con diagnosi di emicrania. Su 841 intervistati, oltre il 66% ha sperimentato emicranie da un’ora a sette giorni dopo la prima dose di vaccino. Oltre il 60% ha dichiarato di aver accusato un mal di testa da un’ora a sette giorni dopo la seconda dose. Oltre il 50% ha dichiarato che il mal di testa era grave.

Effetti collaterali neurologici

Una revisione completa del 2022 ha rilevato diversi effetti collaterali neurologici che lacerano il cervello, la colonna vertebrale e i nervi dopo la vaccinazione con il COVID-19. La maggior parte di questi effetti si è verificata negli adulti anziani e nei pazienti con problemi di salute. La maggior parte di essi si è verificata negli anziani e nelle persone con disturbi autoimmuni. Gli effetti collaterali dei vaccini a base di adenovirus comprendono:

  • Infiammazione del midollo spinale.
  • Danni allo strato protettivo esterno del midollo spinale.
  • Infiammazione oculare in uno o entrambi gli occhi.
  • Infiammazione o gonfiore del cervello.
  • Sindrome di Guillain Barre.
  • Paralisi di Bell.
  • Sclerosi multipla.
  • Ictus ischemico.
  • Dolore improvviso e paralizzante alle braccia e alle spalle.
  • Fuoco di Sant’Antonio.
  • Fischi e danni ai nervi nelle orecchie.

Anche i ricercatori di un rapporto pubblicato sul Journal of Headache and Pain indicano la TVP come un effetto collaterale pericoloso e potenzialmente letale.

Che cos’è la trombosi venosa cerebrale?

La trombosi venosa cerebrale (CVT) si verifica quando un coagulo di sangue si forma nei vasi sanguigni del cervello, impedendo al sangue di defluire. Il coagulo può quindi rompersi, causando la fuoriuscita di sangue nei tessuti cerebrali. Ciò può provocare un’emorragia, che può portare a un ictus.

I sintomi della trombosi venosa cerebrale possono variare a seconda della posizione del coagulo di sangue. I sintomi fisici che possono manifestarsi sono

  • Mal di testa.
  • Visione offuscata.
  • Svenimento o perdita di coscienza.
  • Perdita di controllo sul movimento di una parte del corpo.
  • Convulsioni.
  • Coma.

“L’insorgenza ritardata della cefalea in seguito a un vaccino COVID-19 basato su un vettore adenovirus è associata alla FPC”, secondo gli autori del rapporto del Journal of Headache and Pain. “I pazienti con cefalea di nuova insorgenza, 1 settimana dopo la vaccinazione con un vaccino a base di adenovirus vettoriale, dovrebbero ricevere una valutazione clinica approfondita ed escludere la CVT”.

“Comprendere le caratteristiche e i fattori di rischio associati a queste cefalee può aiutare i medici a diagnosticarle e a distinguerle da cause più gravi (come la CVT)”, hanno scritto i ricercatori dello studio Frontiers in Neurology. Gli autori hanno concluso che sono necessari altri studi che tengano conto dei fattori confondenti per quanto riguarda le cefalee post-vaccinazione.

Raccomandazioni

Secondo gli autori dello studio, sono necessari sforzi continui per distinguere i fattori associati a queste cefalee, in particolare il mal di testa prolungato dopo la vaccinazione.

Per segnalare gli effetti collaterali del vaccino COVID-19, visitare il sito web del Vaccine Adverse Events Reporting System.

Mary Elizabeth Gillis

 

Mary Elizabeth Gillis è una giornalista sanitaria e specialista cardiopolmonare con oltre un decennio di esperienza. Dopo aver conseguito il dottorato in fisiologia applicata, ha conseguito un master in scienze in giornalismo presso la Columbia University.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments