Uno studio pubblicato da tre eminenti economisti e rilanciato dal sito della prestigiosa università della Johns Hopkins University dice che i lockdown hanno semplicemente messo in ginocchio intere categorie di operatori economici e danneggiato l’economia di nazioni a fronte di miseri risultati in termini di riduzione della mortalità. I tre economisti invitano a non ripetere questo grave errore. 

Di seguito uno stralcio dell’articolo di Shawn Tully pubblicato su Fortune. Eccolo nella mia traduzione. 

 

chiuso-per-covid-lockdown

 

Quando l’epidemia di COVID è iniziata all’inizio del 2020, una serie di studi ha previsto che le chiusure imposte dal governo si sarebbero dimostrate molto efficaci nel prevenire i decessi. Un documento epidemiologico ampiamente citato dai ricercatori dell’Imperial College di Londra prevedeva che misure come il divieto di viaggiare e i mandati di rifugio sul posto avrebbero ridotto la mortalità da virus del 98%. Ma ora, una nuova analisi di tre eminenti economisti che esamina tutti i dati empirici della letteratura accademica che misurano la relazione tra la morte e le chiusure trova che le restrizioni forzate non hanno funzionato. La loro conclusione: Le chiusure hanno ridotto la mortalità di un minuscolo 0,2%. Questa cifra – ed è così piccola da essere statisticamente discutibile – semplicemente non valeva i costi, secondo loro. Come afferma il rapporto, “Questa meta-analisi conclude che le chiusure hanno avuto pochi o nessun effetto sulla salute, [ma] hanno imposto enormi costi economici e sociali dove sono state adottate. Di conseguenza, le politiche di lockdown sono infondate e dovrebbero essere respinte come strumento di politica pandemica”.

Due autori dello studio sono scandinavi. Jonas Herby è consigliere speciale presso il Centro di studi politici di Copenhagen. Lars Jonung è un ex consigliere economico dell’UE che per oltre un decennio ha diretto il Fiscal Policy Council della Svezia, l’agenzia che valuta i risultati delle politiche economiche della nazione. Il terzo è Steve Hanke, professore di economia applicata alla Johns Hopkins University. Hanke ha fatto parte del Consiglio dei Consulenti Economici del presidente Reagan, ed è stato a lungo uno dei principali consiglieri del mondo per le nazioni in via di sviluppo sulla politica monetaria, avendo contribuito alla pionieristica dollarizzazione in Ecuador e El Salvador e ricoperto posizioni a livello di gabinetto in Lituania e Montenegro. I coautori sono chiaramente liberi commercianti. Ma la loro posizione accademica, la grande quantità di dati che hanno analizzato e la loro metodologia sofisticata rendono le loro conclusioni convincenti.

Qui trovato l’intero studio:

 

 

 

Facebook Comments