Dichiarazione dell’Associazione dei medici e dei chirurghi americani (AAPS) a sostegno del diritto di tutti, compresi gli operatori sanitari, di rifiutare la vaccinazione obbligatoria con vaccini anti COVID. Ecco il comunicato nella mia traduzione.

 

Associazione-dei-medici-e-chirurghi-americani

 

A causa della dichiarazione congiunta di varie organizzazioni secondo cui tutti i “datori di lavoro dell’assistenza sanitaria e dell’assistenza a lungo termine” dovrebbero imporre l’obbligo di ricevere “il vaccino COVID-19” a tutti i loro lavoratori, l’Associazione dei medici e dei chirurghi americani (AAPS) dichiara che tutti gli esseri umani hanno diritto alla libertà, che non perdono quando servono i malati oi disabili. L’impegno etico a proteggere gli altri non richiede ai lavoratori di rinunciare alla propria integrità fisica e autodeterminazione e ad accettare l’intervento dettato da un’autorità governativa o semi-governativa.

Dato che circa la metà della popolazione ha ricevuto iniezioni consentite ai sensi di un’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA), che per legge federale non può essere obbligatoria, ceppi varianti di SARS-CoV-2 si sono moltiplicati e i ricoveri e i decessi stanno aumentando, non diminuendo come ci si sarebbe aspettati in una campagna di vaccinazione efficace. Sia le persone vaccinate che quelle non vaccinate stanno soccombendo. Le segnalazioni di morte post-iniezione o disabilità a lungo termine al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) stanno raggiungendo livelli senza precedenti.

Gli interventi medici sono in maniera rara completamente sicuri o efficaci e rischi e benefici differiscono nei singoli pazienti e nelle diverse circostanze. Ottenere un timbro di approvazione prematuro da parte della Food and Drug Administration (FDA), prematuro perché gli studi non dovrebbero essere completati entro la fine del 2022, non conferisce [ai vaccini] sicurezza o efficacia. I prodotti approvati dalla FDA sono stati spesso ritirati in passato.

La Dichiarazione Congiunta riconosce solo un’esenzione medica e omette di menzionare un’esenzione religiosa sebbene molti lavoratori si oppongano alla ricezione di questi prodotti in base alle loro convinzioni religiose. Le esenzioni mediche non sono praticamente mai riconosciute per i vaccini COVID, perché si nega impropriamente che causino danni a chiunque.

Gli effetti a lungo termine di questi nuovi prodotti geneticamente modificati non possono essere conosciuti in questo momento. Questi potrebbero includere disturbi autoimmuni, malattie da intensificazione (dell’infezione) anticorpo-mediata”, infertilità, cancro o difetti alla nascita.

I datori di lavoro sono obbligati a proteggere i propri lavoratori dai rischi prevedibili, anche da rischi bassi o inferiori a 1 su 10.000, e a risarcirli in caso di infortunio. Non sono autorizzati a imporre rischi che potrebbero essere così significativi, soprattutto senza compensazione. Il vantaggio per il pubblico non giustifica il sacrificio dei lavoratori che non accettano volentieri il rischio. Inoltre, il vantaggio per il pubblico in questo caso è puramente ipotetico. Le persone non infette non possono trasmettere l’infezione solo perché non sono vaccinate. Le persone vaccinate possono ancora infettare gli altri. Molti operatori sanitari hanno già l’immunità naturale e le iniezioni obbligatorie impongono rischi con benefici scarsi o nulli, ma non esiste alcuna disposizione per esentarli.

L’AAPS favorisce l’insistenza sul consenso pienamente informato e veramente volontario per tutti gli interventi medici. Ciò include la completa divulgazione di tutti i rischi e uno sforzo diligente per identificare e monitorare i rischi. Altrimenti, i lavoratori vengono arruolati in un esperimento di massa, che non sarebbe approvato da un Comitato di revisione istituzionale per motivi sia etici che scientifici: nessun consenso; nessuna divulgazione dei conflitti di interesse degli sperimentatori; nessun gruppo di controllo; nessun follow-up dei soggetti per stato COVID, parametri immunitari o effetti avversi; nessuna prestazione per le cure mediche dei soggetti; e nessun criterio per interrompere l’esperimento se i soggetti vengono danneggiati.

Invece di dipendere esclusivamente dai vaccini sperimentali, le istituzioni mediche dovrebbero essere all’avanguardia nel controllo innovativo delle infezioni come la ventilazione e la purificazione dell’aria; la pulizia esemplare per proteggersi da tutti gli agenti patogeni, compresi i batteri resistenti agli antibiotici; il trattamento precoce profilattico e proattivo, che generalmente non viene fornito oggi; e il supporto del sistema immunitario, compresa un’adeguata vitamina D. Le nostre organizzazioni mediche dovrebbero sostenere una discussione libera e aperta e opporsi alla censura da parte di agenzie governative, media, Big Tech e assistenza sanitaria aziendale.

Senza libertà non c’è sicurezza né per i lavoratori né per i nostri pazienti. La libertà ha superato ogni crisi 

in passato e, se ne avesse la possibilità, supererebbe anche questa.

 

 

La Association of American Physicians and Surgeons rappresenta i medici di tutte le specialità dal 1943. Il suo motto è omnia pro aegroto, tutto per il paziente.

 

 

Facebook Comments