Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

CDC

 

I funzionari dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno rilasciato questo mese numerose dichiarazioni false sui possibili effetti collaterali del vaccino COVID-19, continuando una tendenza alla disinformazione e all’errore da parte dell’agenzia per la salute pubblica.

Il dottor Tom Shimabukuro, un alto funzionario dei CDC, ha recentemente ripetuto la menzogna secondo cui l’agenzia non ha mai rilevato un segnale di sicurezza per l’ictus ischemico per i vecchi vaccini COVID-19.

“Non è stato rilevato alcun segnale di sicurezza per l’ictus ischemico per le serie primarie o i richiami monovalenti dei vaccini Pfizer o Moderna nel monitoraggio statunitense e mondiale”, ha dichiarato Shimabukuro il 19 aprile all’Advisory Committee on Immunization Practices, un gruppo consultivo del CDC.

I ricercatori del CDC hanno identificato l’ictus ischemico come un segnale di sicurezza per i vaccini COVID-19 originali di Pfizer e Moderna, secondo i documenti ottenuti da The Epoch Times. Documenti ottenuti più di recente mostrano che il CDC ha individuato il segnale già il 6 maggio 2022.

Il CDC ha riconosciuto in documenti ufficiali che qualsiasi evento avverso successivo alla vaccinazione COVID-19 che soddisfi determinati criteri costituisce “un segnale di sicurezza”.

Shimabukuro, che ha fatto questa falsa affermazione anche durante un incontro a febbraio, non ha risposto alle richieste di commento di The Epoch Times.

Un portavoce del CDC aveva precedentemente smentito l’affermazione, dicendo che Shimabukuro era corretto.

Secondo la Mayo Clinic, l’ictus ischemico si verifica quando il cervello non riceve abbastanza sangue. Provoca la morte delle cellule cerebrali in pochi minuti e spesso porta al decesso.

Un altro funzionario del CDC dal nome non citato ha falsamente dichiarato alla NBC che l’agenzia non ha trovato dati che “suggeriscano un legame tra i vaccini COVID-19 e l’acufene”, o ronzio nelle orecchie.

Il CDC ha identificato l’acufene come un segnale di sicurezza nella sua analisi di possibili segnali nei dati del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), secondo i file ottenuti da The Epoch Times.

Bert Kelly, portavoce dei CDC, ha dichiarato a The Epoch Times in una e-mail: “Ad oggi, non abbiamo dati a sostegno dell’acufene e del suo legame con l’infezione da COVID-19 o con la vaccinazione”.

Dopo essere venuti a conoscenza delle segnalazioni di acufeni fatte al sistema di eventi avversi dopo la vaccinazione COVID-19, il CDC ha analizzato i dati di un altro sistema di sorveglianza chiamato Vaccine Safety Datalink. Secondo Kelly, i ricercatori del CDC non hanno identificato alcun “raggruppamento di diagnosi di acufene” nel sistema di datalink nei 70 giorni successivi alla vaccinazione COVID-19.

Non ha reso disponibili i dati.

Barbara Loe Fisher, cofondatrice e presidente del National Vaccine Information Center, ha fatto notare che ci sono state più di 24.000 segnalazioni di acufeni inviate al VAERS dopo la vaccinazione con il COVID-19.

“La letteratura medica dimostra sempre più che l’acufene è legato a un’infiammazione cerebrale”, ha affermato Fisher, citando diversi studi. “I funzionari dei CDC dovrebbero prendere sul serio il segnale dell’acufene e perseguire attivamente ogni strada di ricerca disponibile per scoprire cosa sta succedendo, invece di fare tutto il possibile per liquidare rapidamente il rischio segnalato di sviluppare un ronzio cronico nelle orecchie dopo l’iniezione di COVID”.

L’acufene è elencato come un potenziale effetto collaterale del vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson e le autorità di regolamentazione di alcuni Paesi lo indicano come un potenziale evento avverso del vaccino COVID-19 di AstraZeneca. Moderna e Pfizer non sono stati formalmente collegati all’acufene, anche se alcune ricerche hanno riscontrato un aumento statisticamente significativo dell’acufene in seguito alla vaccinazione COVID-19, che secondo i ricercatori “suggerisce un’associazione tra i vaccini COVID-19” e l’acufene.

Una persona che ne soffre ha recentemente dichiarato a The Epoch Times di avere un ronzio sordo nelle orecchie che è iniziato un’ora dopo aver ricevuto una dose del vaccino Pfizer. Un’altra ha detto di aver subito una perdita dell’udito dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19.

 

Un altro funzionario fornisce informazioni false

Il CDC ha dichiarato che avrebbe analizzato i dati VAERS attraverso una tecnica di data mining chiamata Proportional Reporting Ratio (PRR). In seguito, l’agenzia ha dichiarato falsamente che il data mining non era di sua competenza, prima di cambiare idea e affermare di aver effettivamente iniziato a eseguire i PRR nel febbraio 2021.

Il Dr. John Su, capo del team VAERS del CDC, ha fornito le nuove date in una dichiarazione a The Epoch Times.

Su ha poi riconosciuto che la data non era corretta. Il CDC afferma ora di aver iniziato le PRR solo nel marzo 2022 e di averle interrotte prima della fine dell’anno.

Le e-mail ottenute di recente mostrano che Su era stato informato da un collega che il CDC non stava eseguendo PRR tra febbraio 2021 e settembre 2021, ma ha comunque fornito la falsa informazione.

“Non stavamo eseguendo alcuna PRR in questo periodo”, ha detto Paige Marquez, un dipendente del CDC, a Su e ad altri in un’e-mail del 2 giugno 2022.

Un mese dopo, Su ha trasmesso le false informazioni a un portavoce del CDC, che le ha riferite a The Epoch Times.

“Abbiamo eseguito le PRR dal [febbraio] 2021 e continuiamo a farlo fino ad oggi”, ha affermato.

Su non ha risposto a una richiesta di commento da parte di Epoch Times.

Nell’agosto 2022 ha fornito le false informazioni anche a un collega, Jeremy Goodman, prima che Marquez intervenisse, come dimostrano i messaggi appena ottenuti.

“Mi correggo: non abbiamo condotto analisi PRR nel periodo specificato”, ha scritto Su in un’e-mail.

Il CDC ha dichiarato che nessuno dei suoi dipendenti ha fornito intenzionalmente informazioni false sui PRR.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments