Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Julie Sladden e pubblicato su Brownstone Institute. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

vaccini-covid-19

 

L’allarmante scoperta, da parte dello scienziato Kevin McKernan, di una contaminazione da DNA in fiale di vaccini Pfizer e Moderna Covid ha suscitato notevole preoccupazione nella comunità scientifica. Nel frattempo, la scoperta ha attirato le critiche di coloro che sono pronti a “demonizzare” chiunque metta in discussione la sicurezza, l’efficacia e la sacralità dei “vaccini”. I detrattori di McKernan – e ce ne sono stati molti – hanno criticato qualsiasi cosa, dalla mancanza di pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria alle speculazioni sulla validità delle fiale inviate anonimamente.

Ora, non fraintendetemi. La critica e il dibattito aperto nella ricerca scientifica sono cose positive. Dopo tre anni di censura e dibattito soffocato nella scienza e nella medicina, una cosa è evidente: la libertà di parola è fondamentale per la verità.

Ma è chiaro anche un altro aspetto. Il sistema di peer-review è essenzialmente difettoso. Gli stessi attori con interessi acquisiti nell’industria farmaceutica hanno curiosamente la stessa influenza sull’industria della ricerca e delle pubblicazioni. Come sottolinea giustamente McKernan, “il mercato convaliderà questa scoperta molto prima che la tradizionale revisione paritaria si metta gli stivali. La riproduzione indipendente in laboratorio batte sempre 3 lettori anonimi”. Questa è stata la motivazione che ha spinto a pubblicare i risultati online con un invito agli scienziati del settore a verificare i risultati in modo indipendente.

E l’invito è stato accolto. I risultati di McKernan, relativi al prodotto Pfizer (BNT162b2), sono stati ora verificati in modo indipendente da diversi laboratori riconosciuti a livello internazionale, che hanno confermato la presenza e i livelli di contaminazione del DNA in diverse fiale e lotti.

Quindi, alla domanda “Il risultato è riproducibile?”, la risposta (almeno per il prodotto BNT162b2 di Pfizer) è “Sì”. La contaminazione è reale. Questi risultati ci inducono ora a porci altre domande che rimangono sospese nell’aria.

Domande come: “Quanto è grave la contaminazione?”, “Cosa stanno facendo le autorità di regolamentazione?” e – la domanda sulla bocca di tutti – “Cosa significa questo per i miliardi di persone che hanno ricevuto il vaccino?”.

Queste domande meritano una risposta.

Quanto è grave la contaminazione? Ci sono due cose da considerare. In primo luogo, quali sono i livelli di contaminazione e, in secondo luogo, quali sono i componenti della contaminazione. Come riportato in precedenza, i livelli di contaminazione da DNA nel prodotto BNT162b2 di Pfizer sono risultati circa 18-70 volte superiori ai limiti stabiliti dalle autorità di regolamentazione. Questi livelli di contaminazione sono stati confermati anche in modo indipendente.

Per dare una prospettiva a questi numeri, McKernan spiega in termini di test PCR per Covid.

“Probabilmente vi è stato fatto un tampone nasale per ottenere una PCR per la Covid. Verresti definito positivo con un CT (soglia di ciclo) inferiore a 40. Con la contaminazione del vaccino stiamo ottenendo CT inferiori a 20. Si tratta di una contaminazione milioni di volte superiore a quella che si avrebbe se si fosse positivi al virus. Ora, il virus che stanno tamponando è al di fuori della membrana mucosa del naso. Stiamo parlando di un contaminante che viene iniettato, aggirando le difese della mucosa a concentrazioni milioni di volte superiori… C’è un’enorme differenza in termini di quantità di materiale presente”.

Il processo di produzione, come discusso in un recente articolo del BMJ, indica come possa essersi verificata la contaminazione del DNA. Gli studi clinici sono stati condotti utilizzando il “Processo 1”, che prevedeva la trascrizione in vitro del DNA sintetico – un processo essenzialmente “pulito”. Tuttavia, questo processo non è praticabile per la produzione di massa, quindi i produttori sono passati al “Processo 2” per migliorare la situazione. Il processo 2 prevede l’uso di batteri Escherichia coli per replicare i plasmidi.

Estrarre i plasmidi dall’Escherichia coli può essere un’impresa ardua e può comportare la presenza di plasmidi residui nei vaccini. Ma c’è un’altra preoccupazione. Quando si riscontra una contaminazione da plasmidi, è possibile che sia presente anche un’endotossina batterica. Questa endotossina può produrre gravi effetti collaterali se iniettata, tra cui anafilassi e shock settico. Il professor Geoff Pain, australiano, è stato il più esplicito nel fornire ampi dettagli su queste endotossine.

Il sequenziamento dei plasmidi delle fiale Pfizer ha portato a un’altra scoperta “accidentale”. È stato trovato qualcosa che non era nella mappa di sequenza divulgata da Pfizer all’EMA. Questo qualcosa è chiamato promotore SV40. Il promotore SV40 è una sequenza che attiva l’espressione genica, come un interruttore. È anche un potente segnale di localizzazione nucleare, cioè si dirige verso il nucleo. L’intera sequenza genetica SV40 è salita alla ribalta negli anni ’60, quando si è scoperto che aveva inquinato il vaccino antipolio Salk, causando una successiva impennata dei tumori. Torneremo tra poco sul significato della sequenza promotrice di SV40.

Esperimenti successivi suggeriscono che la maggior parte della contaminazione del DNA è frammentata, il che non è affatto benigno. McKernan afferma: “La maggior parte del DNA è in realtà lineare, perché si passa attraverso una fase di frammentazione e il DNA lineare ha una maggiore propensione all’integrazione rispetto al DNA plasmidico circolare”.

A peggiorare le cose – come se le cose potessero peggiorare – sembra che gran parte del DNA sia impacchettato nelle nano particelle lipidiche (LNP). Se il DNA si trova effettivamente nelle LNP, abbiamo rischi diversi, poiché… questo trasfetterà le cellule dei mammiferi e diventerà un’alterazione genetica. Ora, il fatto che si integri con il genoma è secondario, il fatto che si introduca un DNA estraneo nella cellula è un rischio di per sé, perché potrebbe essere parzialmente espresso, o potrebbe confondersi con altri meccanismi di trascrizione e traduzione presenti”, spiega McKernan.

Ricapitoliamo. Abbiamo il DNA, per lo più impacchettato in LNP, progettato per viaggiare in tutto il corpo ed entrare nelle cellule, consegnando il suo carico genetico come un cavallo di Troia. Una parte di questo DNA può contenere la sequenza del promotore SV40, quella nota per dirigersi verso il nucleo e attivare l’espressione genica. McKernan afferma un’ovvia preoccupazione: “Se (il promotore SV40) si integra nel genoma, attiverà l’espressione genica ovunque si trovi. Se questo è un oncogene (un gene che causa il cancro), ci sono problemi”.

Questo, caro lettore, è solo uno dei molti possibili effetti negativi dell’iniezione di DNA sintetico nell’uomo.

La letteratura scientifica riconosce il potenziale oncogeno (cancerogeno), infettivo e protrombotico del DNA estraneo/sintetico. Inoltre, l’integrazione genomica di un promotore virale come l’SV40 può contribuire al cancro ed è ben noto che provoca la leucemia negli studi di terapia genica.

Si capisce perché gli scienziati sono allarmati. Queste preoccupazioni sono state presentate alla FDA il 16 giugno 2023. Cosa ne hanno fatto di queste informazioni, vi chiederete? Probabilmente l’hanno archiviata in una scatola da qualche parte in un magazzino buio e profondo, tra le parole ” visibile” e “cospirare”, secondo me.

Se consideriamo quanto sopra, è chiaro il motivo per cui esistono regole legali severe nel campo della scienza genetica, soprattutto quando sono coinvolti esseri umani. Regole concepite per tenere (effettivamente) le persone al sicuro dalle potenziali conseguenze, note e sconosciute, di un intervento sull’integrità genetica della vita umana. Il che ci porta alla domanda successiva:

Cosa stanno facendo le autorità di regolamentazione?”. Per quanto ne sappiamo, nulla.

La contaminazione, verificata in modo indipendente, è già di per sé un grave problema di controllo della qualità che merita l’attenzione immediata di autorità come la FDA, la TGA e l’EMA. Insieme ai dati significativi sugli eventi avversi e ai tassi di mortalità in eccesso in tutto il mondo, queste iniezioni avrebbero dovuto essere ritirate più di due anni fa. Anzi, riteniamo che non avrebbero mai dovuto essere approvate.

Questa storia non è affatto finita. Sono stati sollevati seri interrogativi, chiedendo se questi prodotti, che sono stati iniettati a miliardi di persone in tutto il mondo, siano stati approvati illegalmente.

L’inquietante rivelazione è stata sollevata in una recente pubblicazione di riferimento da uno degli autori. Sembra che anche senza la contaminazione del DNA “i cosiddetti “vaccini’, fin dall’inizio, soddisfacevano le definizioni legali per essere classificati come organismi geneticamente modificati”. Pertanto necessitavano di licenze per gli OGM. Sembra che queste licenze non ci siano.

La Corte Federale australiana è chiamata a prendere in considerazione la questione nell’ambito di un procedimento recentemente avviato ai sensi del Gene Technology Act contro Pfizer e Moderna. Il TGA australiano e l’Ufficio del regolatore dell’ingegneria genetica sono stati accuratamente informati della contaminazione da OGM e DNA sintetico dagli avvocati responsabili, ma nessuno dei due uffici si è preoccupato di rispondere o commentare.

In una dichiarazione alla stampa, il legale incaricato Katie Ashby-Koppens afferma: “Abbiamo accettato questo caso perché nessuna delle autorità di regolamentazione competenti stava facendo nulla al riguardo. La Therapeutic Goods Administration e l’Office of the Gene Technology Regulator sono stati avvisati nel 2022 che questi prodotti contengono OGM e non hanno agito. È stato lasciato ai cittadini il compito di fare ciò che il governo australiano non ha voluto fare”.

“Ogni singola persona a cui sono stati iniettati questi prodotti ha ricevuto un OGM che non è stato sottoposto al processo di regolamentazione degli esperti in questo Paese. Il genoma umano potrebbe essere modificato in modo permanente e nessuno è stato informato”.

Se tutto questo è evidente, nella migliore delle ipotesi gli organismi di regolamentazione hanno mancato al loro dovere di proteggere i cittadini. Nel peggiore dei casi sono stati complici di un crimine con conseguenze per la popolazione mondiale e per le generazioni a venire.

Per rispondere all’ultima domanda, la domanda sulla bocca di tutti: Che cosa significa questo per i miliardi di persone che hanno preso il vaccino? Potremmo presto iniziare a rispondere a questa domanda in modo più preciso, con lo sviluppo di kit qPCR per differenziare tra Long Covid e Long Vax e determinare se le sequenze del vaccino sono presenti in campioni di tessuto umano.

Julie Sladden

 

La dott.ssa Julie Sladden è medico e scrittrice freelance con una passione per la trasparenza nella sanità. I suoi articoli sono stati pubblicati su The Spectator Australia e The Daily Declaration. Nel 2022 è stata eletta consigliere del governo locale di West Tamar in Tasmania.

 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

Facebook Comments