Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Megan Redshaw e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

vaccini-covid-19
Pfizer vaccino covid

 

Sebbene ci sia stato detto che il vaccino COVID-19 di Pfizer è prodotto con un innocuo RNA messaggero (mRNA), l’etichetta del prodotto della Food and Drug Administration (FDA) statunitense mostra che contiene RNA modificato artificialmente, un ingrediente chiave che non è presente in natura e rappresenta un rischio sostanziale per la salute umana.

Secondo l’etichetta del vaccino COVID-19 di Pfizer e BioNTech, riportata nel Fact Sheet for Healthcare Providers dell’FDA, ogni dose di vaccino Pfizer per bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni contiene 10 microgrammi (mcg) di modRNA, mentre il Comirnaty completamente approvato e autorizzato per l’uso in individui di età pari o superiore ai 12 anni contiene 30 mcg di modRNA.

Pfizer, sul suo sito web, conferma che il suo vaccino COVID-19 contiene modRNA: “ModRNA è l’acronimo di RNA messaggero modificato con nucleosidi e nella sintesi dell’RNA utilizzato in questa piattaforma vaccinale, alcuni nucleosidi, che sono importanti molecole biologiche che costituiscono il DNA e l’RNA, sono sostituiti da nucleosidi modificati per contribuire a migliorare l’evasione immunitaria e la produzione di proteine”. L’azienda sostiene che il modRNA istruisce le cellule a produrre le proteine desiderate.

Tuttavia, il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) afferma sul suo sito web (pdf) che i vaccini mRNA COVID-19 sono “fatti di mRNA” o “RNA messaggero”.

Secondo l’agenzia, l’mRNA dei vaccini COVID-19, come quelli di Pfizer e Moderna, viene creato in laboratorio e insegna alle cellule come produrre pezzi innocui di proteine spike che innescano una risposta immunitaria all’interno dell’organismo. L’mRNA dei vaccini a base di mRNA viene scomposto entro pochi giorni dalla vaccinazione ed eliminato dall’organismo. Nella sua descrizione dell’mRNA e del funzionamento dei vaccini COVID-19, il CDC non fa alcun riferimento al modRNA né indica che l’RNA utilizzato nei vaccini COVID-19 sia stato modificato.

L’RNA messaggero è presente in natura e vive nelle nostre cellule, e non dura abbastanza per avviare una risposta immunitaria prima di essere distrutto dal sistema immunitario; è il modRNA che viene creato sinteticamente, secondo Klaus Steger, un biologo molecolare che ha diretto diversi laboratori di tecnologia genetica, applicando regolarmente tecnologie basate sull’RNA.

A differenza dell’mRNA, il modRNA modifica uno dei quattro composti dell’RNA che lo fanno durare più a lungo nell’organismo, è meno immunogeno (riduce la stimolazione del sistema immunitario innato) e più efficiente nella produzione di una proteina, in questo caso la proteina spike, ha dichiarato Steger. Poiché il modRNA non può colpire cellule specifiche per produrre la proteina virale, può attaccare cellule perfettamente sane e aggirare le barriere protettive dell’organismo, come la barriera emato-encefalica.

L’iniezione di modRNA nel corpo può portare a eventi avversi come ictus, complicazioni cardiovascolari, embolia polmonare e formazione di coaguli di sangue, molti dei quali sono stati resi noti nei documenti di Pfizer (pdf) ma non sono stati attribuiti al suo prodotto.

“È mia opinione che, come minimo, l’uso intenzionale di mRNA, un acronimo che notoriamente sta per RNA messaggero, e le infinite dichiarazioni sul fatto che i vaccini si basano su RNA messaggero presente in natura costituiscano un improprio branding in violazione di una serie di leggi”, ha dichiarato l’avvocato Thomas Renz, con sede in Ohio, in un’e-mail a The Epoch Times.

“Esiste il dovere legale e morale di fornire un consenso informato, e camuffare un farmaco destinato a essere una terapia genica come un vaccino contenente ‘RNA messaggero naturale’ è un’evidente violazione di entrambi questi doveri”.

David Wiseman, un bioscienziato con un dottorato in patologia sperimentale e un background in farmacia, farmacologia e immunologia, ha dichiarato a The Epoch Times in un’e-mail che la FDA utilizza il termine “modRNA” in tutti i suoi documenti normativi. Tuttavia, quando ha concesso l’autorizzazione all’uso in emergenza del vaccino Pfizer-BioNTech, la FDA ha dichiarato che il vaccino contiene RNA messaggero, che ha descritto come “materiale genetico” che contiene un “piccolo pezzo di mRNA del virus SARS-CoV-2 che istruisce le cellule del corpo a produrre la caratteristica proteina ‘spike’ del virus”.

La descrizione dell’FDA è problematica perché il virus SARS-CoV-2 non contiene mRNA, ha detto Wiseman. “L’mRNA è il tipo di RNA prodotto durante la copiatura delle istruzioni dal DNA in un processo chiamato trascrizione, quindi dire che si tratta di mRNA virale è inesatto”.

“Comprendete che, in fondo, mRNA, modRNA, saRNA, ecc. sono tutte terapie geniche e riguardano la manipolazione genetica”, ha scritto il signor Renz in un recente articolo di Substack. “Suggerire che si tratta di un rischio elevato è un eufemismo. Non abbiamo idea di cosa stiamo facendo, eppure continuiamo a cercare di controllare questi geni”.

 

Pfizer sta usando la terapia genica a RNA modificato per sviluppare altri vaccini


Renz ha dichiarato a The Epoch Times che Pfizer non sta utilizzando il modRNA solo per le iniezioni di COVID-19, ma sta anche sfruttando la tecnologia della terapia genica per produrre vaccini e trattamenti a base di mRNA autoamplificato (saRNA).

“Oltre al modRNA, il sito web di Pfizer menziona anche il saRNA (RNA autoamplificante) e numerose altre tecnologie di RNA prodotte in laboratorio”, ha dichiarato. “Abbiamo scoperto che sono in fase di sviluppo diverse tecnologie a RNA per vari usi e che queste tecnologie, insieme a nuove tecnologie adiuvanti, possono consentire l’introduzione di prodotti di terapia genica negli alimenti, nell’aria (vaccini aerosolizzati) e persino in prodotti topici”.

Secondo Pfizer, il saRNA è una piattaforma che utilizza una molecola molto più grande che codifica l’antigene di interesse e quattro proteine aggiuntive, consentendo alla cellula di produrre più copie dell’mRNA, con il risultato di esprimere una maggiore quantità di proteine da una dose minore. Pfizer afferma che attualmente sta utilizzando questa tecnologia di terapia genica per sviluppare vaccini combinati contro l’influenza, l’herpes zoster e l’apparato respiratorio.

“Sarà curioso sapere se anche questo verrà divulgato”, ha aggiunto Renz.

Megan Redshaw

 

Megan Redshaw è avvocato e giornalista investigativa con una formazione in scienze politiche. È anche naturopata tradizionale con ulteriori certificazioni in nutrizione e scienze dell’esercizio.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments