I dati VAERS rilasciati venerdì dai Centers for Disease Control and Prevention hanno incluso un totale di 1.217.333 segnalazioni di eventi avversi provenienti da tutte le fasce di età in seguito ai vaccini COVID, compresi 26.699 decessi e 217.301 lesioni gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 1 aprile 2022.

Ampi stralci da una articolo di Megan Redshaw, pubblicato su The Defender, nella mia traduzione. 

 

vaccini covid vaccinazione
(Photo by Emily Elconin/Getty Images)

 

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno pubblicato oggi nuovi dati che mostrano un totale di 1.217.333 segnalazioni di eventi avversi a seguito di vaccini COVID che sono state inviate tra il 14 dicembre 2020 e il 1 aprile 2022 al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS). ). VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse al vaccino negli Stati Uniti

I dati includevano un totale di 26.699 segnalazioni di decessi – con un aumento di 303 rispetto alla settimana precedente – 217.301 di feriti gravi, compresi i decessi, nello stesso periodo – 2.780 in più rispetto alla settimana precedente.

Escludendo le ” relazioni estere ” al VAERS, tra il 14 dicembre 2020 e il 1 aprile 2022 negli Stati Uniti sono stati segnalati 803.613 eventi avversi , inclusi 12.304 decessi 79.094 danneggiati gravi.

I rapporti esteri sono rapporti che le sussidiarie estere inviano ai produttori di vaccini statunitensi. In base alle normative della Food and Drug Administration (FDA) statunitense, se a un produttore viene notificata una segnalazione di un caso estero che descrive un evento grave e non compare sull’etichetta del prodotto, il produttore è tenuto a presentare la segnalazione a VAERS.

Dei 12.304 decessi negli Stati Uniti segnalati al 1 aprile, il 17% si è verificato entro 24 ore dalla vaccinazione, il 21% entro 48 ore dalla vaccinazione e il 59% si è verificato in persone che hanno manifestato l’insorgenza dei sintomi entro 48 ore dalla vaccinazione.

Negli Stati Uniti, al 1 aprile erano state somministrate 561 milioni di dosi di vaccino COVID, di cui 331 milioni di dosi di Pfizer, 211 milioni di dosi di Moderna e 19 milioni di dosi di Johnson & Johnson (J&J).

 

 

Ogni venerdì, VAERS pubblica i rapporti sui danni da vaccino ricevuti a partire da una data specificata. Le segnalazioni presentate a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che possa essere confermata una relazione causale.

Storicamente, è stato dimostrato che VAERS riporta solo l’1% degli effettivi eventi avversi del vaccino.

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 1 aprile 2022 per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni mostrano:

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 1 aprile 2022 per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano:

  • 30.954 eventi avversi, di cui 1.778 classificati come gravi e 44 decessi segnalati.
    La morte più recente segnalata a VAERS riguarda una ragazza di 15 anni (VAERS ID 2201554 ) del South Dakota che ha sviluppato COVID nonostante abbia ricevuto due dosi di Pfizer/BioNTech. Ha ricevuto la sua prima dose di Pfizer il 30 luglio 2021 e la sua seconda dose il 20 agosto 2021. Si è presentata al pronto soccorso il 15 gennaio 2022, con dolore addominale, è risultata positiva al COVID, è stata messa su un ventilatore e successivamente deceduto.
  • 68 segnalazioni di anafilassi tra i giovani di età compresa tra 12 e 17 anni in cui la reazione era pericolosa per la vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte, con il 96% dei casi attribuito al vaccino Pfizer.
  • 650 segnalazioni di miocardite e pericardite, con 638 casi attribuiti al vaccino di Pfizer.
  • 165 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue, con tutti i casi attribuiti a Pfizer.

I dati US VAERS dal 14 dicembre 2020 al 1 aprile 2022, per tutti i gruppi di età combinati, mostrano:

Il 34enne muore due settimane dopo il vaccino Pfizer, il CDC non indaga

Un uomo di 34 anni è morto improvvisamente solo due settimane dopo aver ricevuto la sua prima dose di vaccino COVID della Pfizer a causa di una dissezione aortica acuta , una rara emergenza medica in cui lo strato interno del grande vaso sanguigno che si dirama dall’aorta del cuore si strappa. La condizione colpisce soprattutto gli uomini tra i 60 e i 70 anni.

In un’intervista esclusiva con The Defender, la madre di Victor Castillo Simoes, Henrietta, ha detto che l’unico sintomo di suo figlio è stato il dolore al petto che ha provato poco prima di morire.

Dopo la sua morte, Henrietta ha detto che i test hanno escluso fattori genetici che potrebbero aver causato la patologia cardiaca e un prestigioso ricercatore che lavora con la famiglia ha condiviso il suo sospetto che il vaccino abbia innescato l’evento.

Henrietta il 9 settembre ha denunciato la morte di suo figlio al VAERS. Il CDC ha offerto le sue condoglianze ma non ha indagato sulla morte di Simoes.

Secondo il sito web VAERS, il CDC dà seguito solo alle segnalazioni classificate come gravi “tentando di ottenere cartelle cliniche per comprendere meglio l’evento”.

Nel caso di molte storie di lesioni da vaccino riportate da The Defenders, incluso quello di Simoes, le cartelle cliniche non sono disponibili per coloro che muoiono improvvisamente dopo aver ricevuto un vaccino COVID e non sono arrivati ​​​​in ospedale per il trattamento.

Secondo il sito web VAERS , ciò significa che il CDC non sta dando seguito a questi decessi segnalati.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments