Un nuovo studio basato sui dati dello studio clinico di fase 3 di Moderna suggerisce che i destinatari del vaccino COVID-19 di Moderna potrebbero avere maggiori probabilità di soffrire di infezioni ripetute, forse a tempo indeterminato.

Vi presento un articolo scritto da Madhava Setty, M.D. e pubblicato su The Difender. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

Per meglio capire l’articolo che vi propongo bisogna sapere che gli anticorpi anti-S1 (proteina Spike) SARS-CoV-2 IgG rappresentano la risposta ai vaccini (contenenti tutti essenzialmente la proteina S1 o il messaggio per la sua sintesi). Sono presenti anche dopo un’infezione naturale in più del 95% dei casi. Gli anticorpi anti-NCP (nucleocapside) SARS-CoV-2 IgG compaiono soltanto dopo un’infezione naturale. Infatti la proteina nucleocapside non è contenuta nei vaccini utilizzati contro il COVID. Così, la costellazione di IgG anti-NCP e di IgG anti-S1 positive indica uno stato dopo l’infezione naturale o la reinfezione, mentre le IgG anti-S1 positive in presenza di IgG anti-NCP negative indicano che la persona è stata solo vaccinata contro la SARS-CoV-2.

 

Vaccino-covid-Moderna

 

Un nuovo studio (di Dean Follmann et al.) suggerisce che i destinatari del vaccino COVID-19 di Moderna possono avere maggiori probabilità di soffrire di infezioni ripetute, forse a tempo indeterminato.

Lo studio, ancora in preprint, ha scoperto che i partecipanti alla sperimentazione di adulti fatta da Moderna che hanno ricevuto il vaccino, e successivamente sono stati esposti al virus, non hanno generato anticorpi a un componente chiave del virus così spesso come hanno fatto quelli nel gruppo placebo.

I risultati degli autori, che sono corroborati dai dati del Regno Unito che dimostrano che i tassi di infezione sono significativamente più alti nei vaccinati, suggeriscono che Moderna sapeva di questo segnale di sicurezza nel 2020 quando il produttore del vaccino stava conducendo le sue prove.

Gli autori di “Anticorpi anti-nucleocapside dopo l’infezione da SARS-CoV-2 nella fase in cieco dello studio clinico di efficacia del vaccino mRNA-1273 (Moderna, ndr) Covid-19” hanno scritto:

“Tra i partecipanti con malattia da Covid-19 confermata dalla PCR, la sieroconversione in anticorpi anti-N ad un follow-up mediano di 53 giorni dopo la diagnosi si è verificata in 21/52 (40%) dei destinatari del vaccino mRNA-1273 (Moderna, ndr) contro 605/648 (93%) dei destinatari del placebo (p < 0,001)”.

I partecipanti vaccinati nello studio che hanno sviluppato la COVID-19 di rottura (cioè infezione nonostante si fosse vaccinati, ndr) – cioè hanno ricevuto un test PCR positivo – hanno sviluppato una risposta anticorpale alla porzione del nucleocapside del virus SARS-CoV-2 meno spesso rispetto ai destinatari del placebo che sono risultati positivi al virus.

La differenza è stata statisticamente significativa, portando gli autori a concludere:

“Lo stato della vaccinazione dovrebbe essere considerato quando si interpretano i dati di sieroprevalenza e sieropositività basati solo sul test anticorpo anti-N.”

“Come marcatore di infezione recente, gli anticorpi anti-N possono avere una sensibilità inferiore nelle persone vaccinate con mRNA-1273 (Moderna, ndr) che si infettano”.

In altre parole, gli autori hanno scoperto che usare la presenza di anticorpi anti-nucleocapside (anti-N) per determinare se una persona è stata esposta alla SARS-CoV-2 può non rilevare alcune infezioni. Quindi, la sensibilità di questo tipo di test, se applicato a individui vaccinati, non è ideale.

Tuttavia, ci sono implicazioni più importanti di questi risultati, come Igor Chudov e altri sono stati rapidi a riconoscere.

In particolare, lo studio implica che la ridotta capacità di un individuo vaccinato di produrre anticorpi contro altre porzioni del virus può portare a un maggiore rischio di infezioni future nei vaccinati rispetto ai non vaccinati.

È importante notare che questo non è solo un altro argomento a favore della superiorità dell’immunità naturale.

Piuttosto, questa è una prova che suggerisce che anche dopo che una persona vaccinata ha un’infezione di rottura, quell’individuo ancora non acquisisce lo stesso livello di protezione contro le esposizioni successive che una persona non vaccinata acquisisce.

Questa è una scoperta preoccupante, e qualcosa che i ricercatori che hanno condotto lo studio del vaccino Moderna probabilmente sapevano nel 2020.

 

Stabiliamo alcuni fatti di fondo:

  • Gli anticorpi anti-nucleocapside sono anticorpi specifici per la porzione nucleocapside del virus SARS-CoV-2, il virus responsabile del COVID-19.
  • Un metodo per determinare se un individuo è stato esposto al virus (di recente o in passato) consiste nel rilevare gli anticorpi specifici del virus nel siero della persona.
  • Poiché coloro che sono stati vaccinati, apparentemente, avranno anticorpi anti-spike-proteina, l’uso dei livelli anti-spike per diagnosticare un’infezione precedente o recente è impossibile in quelle persone.
    Tuttavia, la presenza di anticorpi anti-nucleocapside dopo l’esposizione dovrebbe, in teoria, non essere influenzata dallo stato di vaccinazione.
  • Sebbene la presenza di un anticorpo anti-N non sia necessariamente indicativo di immunità, avere un’ampia serie di anticorpi contro diversi componenti del virus offre una protezione più solida rispetto ad avere anticorpi contro un singolo componente, ad esempio la proteina spike.
    Questo è uno dei motivi per cui l’immunità naturale è superiore all’immunità mediata dal vaccino mRNA.
  • Il documento non offre nuove scoperte. Presenta invece un’analisi di ciò che avrebbe dovuto essere già noto dalla sperimentazione del vaccino di Moderna.

 

Le infezioni di rottura comportano la produzione di N-anticorpi meno spesso che nell’infezione primaria

Moderna ha arruolato più di 30.000 soggetti nel suo studio, randomizzandoli allo stesso modo al vaccino o al placebo.

Alla fine del periodo di osservazione iniziale, i destinatari del placebo hanno contratto COVID-19 13 volte di più, permettendo ai ricercatori di vantare un’efficacia del vaccino (VE) del 93,2%.

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha successivamente autorizzato il vaccino per uso di emergenza. Il resto è storia.

Questo recente studio ha esaminato la presenza o l’assenza di anticorpi anti-nucleocapside in tutti i partecipanti allo studio che hanno contratto il COVID-19, sulla base di un test PCR positivo, durante il periodo di prova.

Come detto in precedenza, i destinatari del placebo hanno prodotto anticorpi anti-N più del doppio delle volte rispetto alle loro controparti che erano state vaccinate. (Chudov offre una buona spiegazione del significato degli anticorpi anti-N qui).

Questa è una scoperta sconcertante. Perché la vaccinazione dovrebbe sopprimere la capacità di una persona di produrre anticorpi contro diverse parti del virus quando è esposta all’intero virus?

Una possibilità è che se il vaccino è protettivo, i carichi virali saranno più bassi, portando a meno sieroconversioni.

Tuttavia, questo studio ha anche trovato che a qualsiasi carico virale dato, i non vaccinati hanno prodotto una risposta anti-N più grande rispetto ai vaccinati:

 

 

Il grafico a sinistra (A) mostra il numero di destinatari del placebo e del vaccino che hanno avuto una sieroconversione dopo l’esposizione alla SARS-Co-V2 a vari livelli di copie virali. Possiamo vedere che, indipendentemente dallo stato di vaccinazione, un numero inferiore di copie virali provoca meno sieroconversioni rispetto a un numero superiore di copie virali.

Ma c’è una differenza significativa tra i destinatari del vaccino e quelli del placebo.

Questo è dimostrato nel grafico B, che mostra che per ogni dato numero di copie virali, i destinatari del placebo avevano significativamente più probabilità di sieroconversione. La differenza è più evidente ai numeri di copie virali più bassi.

Questa non è una scoperta spuria. L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito pubblica dati di sorveglianza settimanali e monitora i livelli di anticorpi anti-N nei loro donatori di sangue.

Hanno notato i livelli più bassi di questi anticorpi negli individui vaccinati che hanno avuto infezioni di rottura. Tuttavia, hanno attribuito questo livello più basso al beneficio protettivo del vaccino.

Secondo un rapporto del 22 marzo dell’agenzia britannica:

“Queste risposte anti N più basse negli individui con infezioni di rottura (post-vaccinazione) rispetto alle infezioni primarie riflettono probabilmente le infezioni più brevi e più miti in questi pazienti”.

Anche se la vaccinazione può per qualche tempo diminuire la gravità della malattia, le infezioni “più brevi e più lievi” (meno gravi) sono associate a una carica virale inferiore.

Come dimostrano i dati di cui sopra, i vaccinati hanno un tasso di conversione degli anticorpi anti-N più basso rispetto ai non vaccinati a tutti i livelli di carica virale.

Questo è uno dei risultati più significativi dello studio perché ribalta l’idea finora incontestata che la diminuzione della sieroconversione nei vaccinati sia dovuta a un’infezione meno grave in questa popolazione – che è un beneficio fornito dal vaccino.

Tuttavia, questo nuovo studio mostra che anche a basse cariche virali, i non vaccinati hanno più probabilità di sieroconversione di quelli che sono vaccinati.

Infatti, la differenza nei tassi di sieroconversione è la più grande ai carichi virali più bassi.

La diminuzione dei tassi di conversione non è il risultato di un beneficio del vaccino. È una conseguenza di esso.

 

Una volta vaccinati, non si può tornare indietro

Gli autori hanno anche trovato un’altra importante scoperta: I partecipanti allo studio Moderna che erano PCR-positivi e sieronegativi al basale, prima dell’inoculazione del vaccino o del placebo, alla fine hanno avuto una seroconversione allo stesso modo – indipendentemente dal fatto che avessero ricevuto il vaccino o il placebo.

Questo era vero anche nei partecipanti che hanno ricevuto una sola dose.

Questo significa che lo stato di vaccinazione al momento dell’esposizione è predittivo del tasso di sieroconversione in futuro, e l’effetto è dose-dipendente.

Se la sieroconversione si traduca o meno in un’immunità più robusta è ancora da determinare. Tuttavia, i dati del Regno Unito e di altri paesi suggeriscono che i tassi di conversione più bassi possono spiegare perché i tassi di infezione sono più alti nella loro popolazione vaccinata. Questi dati sono presentati di seguito.

I ripetuti attacchi di COVID-19 porteranno alla fine alla sieroconversione nei vaccinati? Lo studio non ha potuto rispondere a questa domanda.

Ancora più importante, come influirà la somministrazione regolare del booster sui tassi di sieroconversione con il passare del tempo? Questa è un’altra importante domanda che deve ancora trovare risposta.

Non c’è dubbio che l’immunità mediata dal vaccino contro il COVID-19 diminuisce e sta diminuendo più velocemente con il passare del tempo. I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) raccomandano un primo richiamo dopo cinque mesi e un secondo dopo soli quattro.

I dati israeliani sull’efficacia di un secondo richiamo hanno dimostrato che l’efficacia nel prevenire la “malattia grave” (non l’ospedalizzazione) è scesa a poco più del 50% entro sette settimane.

Se viene offerto un terzo richiamo, sarà probabilmente raccomandato prima di quattro mesi dopo il secondo, sulla base di questi dati deludenti.

Ci sono altri dati deludenti che arrivano dal Regno Unito. Nel loro ultimo rapporto settimanale di sorveglianza, che include i tassi di casi tra i cittadini non vaccinati e quelli con richiamo, la Health Security Agency ha offerto questa tabella inquietante:

 

 

Le prime due colonne dimostrano che il tasso di casi di COVID-19 nei vaccinati con booster era da tre a quattro volte superiore a quello dei non vaccinati in tutte le età tranne che per i minori di 18 anni.

L’agenzia ci avverte di interpretare questi numeri con cautela. Le persone vaccinate possono dimostrare un comportamento meno cauto rispetto ai non vaccinati. E non c’è nemmeno una stratificazione del rischio basata sulle comorbidità.

Tuttavia, il grafico tiene conto del fattore più grande: l’età.

Quindi cosa potrebbe spiegare un così grande aumento dei tassi di infezione tra i vaccinati con richiamo?

È interessante notare che gli autori avvertono ulteriormente che i non vaccinati possono aver contratto COVID-19 prima del periodo di osservazione – in altre parole, possono aver acquisito l’immunità naturale in precedenza, dando loro una protezione aggiuntiva.

Ma questo non dovrebbe valere anche per i vaccinati con booster? Dovrebbe, ma gli autori non lo menzionano.

Poiché non è menzionato, possiamo tranquillamente dire che gli autori assumono che i non vaccinati hanno più probabilità dei vaccinati con booster di soccombere a una precedente infezione. Quindi, ci saranno più persone nel pool dei non vaccinati che godono del vantaggio dell’immunità naturale.

Ma i loro stessi dati raccontano la storia opposta. I vaccinati con booster hanno più probabilità di contrarre la malattia – di un fattore da 3 a 4. Come facciamo a sapere se i tassi di infezione più grandi nei vaccinati sono dovuti a un’immunità più robusta nei non vaccinati a causa di un’infezione precedente o a una carenza immunitaria nei vaccinati?

Alla domanda si può rispondere definitivamente esaminando l’andamento dei tassi di infezione. Ecco la tabella equivalente di due mesi prima:

 

 

C’è ancora un tasso di infezione maggiore tra i vaccinati con richiamo, ma è solo due o tre volte più alto. Se l’ipotesi degli autori fosse corretta, i dati più recenti avrebbero dovuto mostrare una differenza minore, non maggiore.

La crescente diffusione tra i vaccinati e i non vaccinati è una tendenza in atto da mesi. I lettori curiosi possono esaminare i dati da soli qui.

Se non altro, i loro dati supportano la scoperta che i tassi di sieroconversione diminuiti nei vaccinati possono causare un maggior rischio di infezioni ripetute.

Tuttavia, senza sapere quante delle infezioni nei vaccinati sono secondi o terzi attacchi di COVID-19, possiamo solo speculare.

I dati del Regno Unito non sono anomali. Gli ultimi dati di Walgreens dimostrano ulteriormente che i vaccinati con booster si stanno infettando quasi al doppio del tasso dei non vaccinati.

Sfortunatamente, i dati Walgreens non specificano anche quante di queste infezioni sono reinfezioni.

 

Quante persone sono già state esposte o infettate?

Il 29 aprile il CDC ha pubblicato il suo ultimo Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWR) intitolato “Seroprevalence of Infection-Induced SARS-CoV-2 Antibodies – United States, September 2021-February 2022”.

Nel suo rapporto, il CDC stima la percentuale della popolazione che è stata precedentemente infettata dalla SARS-CoV-2. L’agenzia ha determinato questo attraverso uno studio di sieroprevalenza alla ricerca di anticorpi anti-N nel siero raccolto da più di 45.000 persone di 52 diverse giurisdizioni.

In base alla percentuale di anticorpi anti-N nei campioni di siero, si stima che il 57,7% della popolazione statunitense sia stata esposta alla SARS-CoV-2 a febbraio.

Tuttavia, questa stima non tiene conto del fatto che i vaccinati non ricevono una sieroconversione allo stesso ritmo dei non vaccinati.

Questa percentuale è significativamente più alta dei casi di COVID-19 che sono stati riportati fino ad oggi. Al 24 aprile, c’erano circa 70,5 milioni di casi, che corrispondono solo al 21,4% della popolazione (stimata in 330 milioni).

La ragione di questa differenza è che gli studi di sieroprevalenza raccolgono tutti i casi e le esposizioni, anche negli asintomatici. In questo senso, gli studi di sieroprevalenza offriranno una stima più accurata della porzione di popolazione che è stata esposta.

In particolare, la sieroprevalenza variava significativamente tra i gruppi di età: il 75,2% dei sieri di bambini da 0 a 11 anni erano positivi agli anticorpi anti-N, rispetto al 33,2% delle persone dai 65 anni in su.

Il CDC non ha riportato la sieroprevalenza in base allo stato di vaccinazione. Invece l’agenzia ha riconosciuto che i suoi risultati “potrebbero sottostimare il numero cumulativo di infezioni da SARS-CoV-2 perché le infezioni dopo la vaccinazione potrebbero risultare in titoli anti-N più bassi”.

È interessante notare che gli autori del CDC hanno citato lo stesso studio preprint discusso sopra per spiegare questa possibilità.

 

Cosa significa questo per i bambini?

Anche se il CDC ha inopportunamente scelto di non riportare i tassi di sieroconversione nei vaccinati rispetto ai non vaccinati, possiamo ancora fare alcune stime ragionevoli e importanti da questo rapporto settimanale basato sulla nostra recente comprensione dei tassi di sieroconversione nei vaccinati.

Come detto sopra, il CDC ha riferito che i campioni di siero prelevati da bambini di 11 anni e meno sono risultati positivi agli anticorpi anti-N il 75,2% delle volte.

Una domanda centrale è: quale parte dei campioni sieropositivi è stata trovata nei non vaccinati?

Anche se la FDA non considera la sieropositività un surrogato dell’immunità, sapere se un bambino è stato esposto o meno alla SARS-CoV-2 sarà utile per valutare il rischio rispetto al beneficio della vaccinazione.

La somministrazione del vaccino è solo del 28,6% nelle età da 5 a 11 anni. I bambini sotto i 5 anni non possono essere vaccinati. Se assumiamo che pochi, se non nessuno, bambini sotto i 5 anni hanno ricevuto il vaccino COVID-19, solo il 16,4% dei bambini sotto i 12 anni è stato vaccinato sulla base dei dati della popolazione in quel gruppo di età.

Se il 16,4% dei bambini sotto i 12 anni è stato vaccinato, i non vaccinati superano i vaccinati di circa 5 a 1. Se i vaccinati avessero una sieroconversione con la stessa frequenza dei non vaccinati, dovremmo aspettarci che un sesto dei sieropositivi provenga dai vaccinati e cinque sesti dai non vaccinati.

Tuttavia, i dati dello studio Moderna dimostrano che i vaccinati presentano una sieroconversione solo il 40% delle volte rispetto al 93% dei non vaccinati. I vaccinati presentano una sieroconversione (40/93) = 0,43 volte più spesso dei non vaccinati.

Possiamo quindi dire che il rapporto tra sieropositivi vaccinati e sieropositivi non vaccinati è 0,43 a 5, o 1 a 11,63. Questo significa che 1/12,63, o il 7,9% dei sieropositivi sono di bambini vaccinati.

Il restante 92,1% (11,63/12,63) proviene da bambini non vaccinati.

Quindi, se il 75,2% dei sieri dei bambini risulta positivo agli anticorpi anti-N, il 68,4% (75,2% x 0,921) dei bambini non vaccinati presenta già una sieroconversione.

 

Ci sono potenziali errori in questo calcolo:

  • I campioni utilizzati nell’indagine potrebbero non essere rappresentativi della popolazione per quanto riguarda lo stato di vaccinazione.
  • I tassi di sieroconversione tra i vaccinati potrebbero essere superiori a quelli riscontrati nello studio Moderna.
  • I tassi di sieroconversione possono essere diversi nelle persone vaccinate con un vaccino diverso da Moderna (Pfizer, in questo caso).
  • I tassi di sieroconversione possono essere diversi nei bambini.

Tuttavia, possiamo dire con ragionevole sicurezza che una parte sostanziale di bambini non vaccinati è già stata esposta alla SARS-CoV-2.

Con i rischi noti di eventi avversi che ora includono una ridotta capacità di generare anticorpi anti-N dopo l’esposizione, non c’è alcuna giustificazione per richiedere o anche solo raccomandare il vaccino ai bambini senza prima valutare i loro livelli di anticorpi.

Anche se la FDA continua a sostenere che i livelli di anticorpi non sono necessariamente indicativi di immunità, ha comunque concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per il prodotto di Pfizer nei bambini dai 5 agli 11 anni sulla base delle risposte anticorpali dopo la vaccinazione.

 

Riassunto

Sono passati sedici mesi da quando la FDA ha concesso a Moderna l’EUA per il suo vaccino. Più di 200 milioni di dosi di questo prodotto sono state date a persone solo negli Stati Uniti.

Il produttore del vaccino sapeva nel 2020 che il suo prodotto potrebbe potenzialmente impedire ai destinatari di montare ampie risposte anticorpali dopo l’esposizione alla SARS-CoV-2?

Questo potenziale effetto avverso si verifica in altri “vaccini” mRNA COVID-19?

Gli individui vaccinati sono a maggior rischio di contrarre il COVID-19 rispetto ai non vaccinati.

Ma che cosa succede dopo un’infezione di rottura? Questi prodotti hanno attenuato in modo permanente la nostra capacità di combattere le future infezioni da SARS-CoV-2?

Con la maggior parte dei bambini che sono già stati infettati, c’è qualche motivo per inoculare anche un solo bambino sano prima che queste domande abbiano una risposta definitiva?

Eppure il produttore del vaccino sta pressando la FDA ad autorizzare il suo prodotto per i bambini sotto i 6 anni.

Se queste inoculazioni impediscono alle persone di acquisire l’immunità adeguata dopo l’esposizione, stanno, di fatto, creando una pandemia dei vaccinati.

Meno di 10 mesi fa, il direttore del CDC Dr. Rochelle Walensky ha avvertito: “C’è un chiaro messaggio che sta arrivando. Questo sta diventando una pandemia dei non vaccinati”.

Cos’è più ironico? La sua dichiarazione? O che la dichiarazione venga da un’organizzazione chiamata Centers for Disease Control and Prevention?

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments