Di seguito la seconda parte di un articolo scritto da Yuhong Dong, M.D., Ph.D. pubblicato su The Epoch Times, sui potenziali effetti legati all’impurità dell’mRNA troncato trovato nei campioni del vaccino COVID-19 di Pfizer. La prima parte la trovate qui. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

I coaguli fibrosi anomali inducono attacchi cardiaci, ictus e decessi
I coaguli fibrosi anomali inducono attacchi cardiaci, ictus e decessi

 

L’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha sollevato notevoli preoccupazioni in merito all’impurità dell’mRNA troncato trovato nei campioni del vaccino COVID-19 di Pfizer. Le molecole di mRNA tronche sono un problema grave perché le modifiche alla sequenza codificante della proteina specifica potrebbero dare origine a proteine e conseguenze inaspettate nelle cellule umane.

Nella prima parte di questa serie, abbiamo esaminato le prove che il vaccino COVID-19 di Pfizer contiene frammenti di mRNA o mRNA troncati. Abbiamo spiegato che si tratta di un problema serio che si aggiunge agli eventi di sicurezza pericolosi per la vita del vaccino. Abbiamo anche scoperto che Pfizer ha presentato rapporti analitici falsificati sull’mRNA a diverse autorità sanitarie.

In questa seconda parte, discuteremo i potenziali danni correlati al vaccino che potrebbero essere causati dall’mRNA troncato del vaccino Pfizer; discuteremo anche la causa principale dell’inazione delle autorità sanitarie. (…)

***

Prima del marzo 2021, il Comitato per i Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha chiesto a Pfizer di affrontare il potenziale risultato dannoso degli mRNA troncati, ma ha invece ricevuto Western blot falsificati, come descritto nel precedente articolo.

Pfizer non ha fornito una risposta veritiera all’EMA, che tuttavia ha scritto che questi obblighi specifici sono stati “considerati risolti”. Considerati da chi?

La maggior parte dell’mRNA troncato nel vaccino Pfizer manca di un codone di stop
Un mRNA completo contiene cinque parti:

  • 5′ CAP – funzione che dà il via alla sua traduzione
  • 5′ UTR: non si traduce in una sequenza proteica.
  • Regione codificante: sarà tradotta in sequenze proteiche.
  • 3′ UTR: non si traduce in sequenza proteica; un codone di stop si trova all’inizio di questa regione.
  • Coda di poli(A): aumenta la stabilità dell’mRNA.

 

All’inizio del 3′ UTR si trova un codone di stop, che è anche il segnale di stop della struttura di lettura aperta dell’mRNA.

La lunghezza totale dell’mRNA del vaccino di Pfizer è di 4.284 nucleotidi. Poiché la coda del poli(A) si estende dai nucleotidi 4.175 ai 4.284, l’UTR 3′ si estende dai nucleotidi 3.880 ai 4.174, quindi la posizione del codone di stop è a 3.877-3.879. Poiché la maggior parte dell’mRNA troncato è più corto di 3.500 nucleotidi secondo i rapporti dell’EMA, la maggior parte dell’mRNA impuro non contiene un codone di stop.

Si potrebbe obiettare che questo mRNA troncato non ha una coda di poli(A), quindi non è stabile e dovrebbe degradarsi rapidamente. Pfizer ha presentato materiale che dimostra che non sono state generate proteine tronche.

Questo potrebbe essere vero per una certa quantità di mRNA aggiunto in un singolo sistema cellulare in vitro. Tuttavia, i dati in vitro non possono essere tradotti in risultati sull’uomo. Le cose si complicherebbero se l’mRNA troncato fosse incorporato in nanoparticelle lipidiche ben progettate e iniettato in un corpo umano.

 

1. I coaguli fibrosi anomali inducono attacchi cardiaci, ictus e decessi

Poiché non c’è un segnale di stop, in teoria un altro mRNA in una cellula prenderà il sopravvento e continuerà a prolungare la “proteina spike”. Se subentra lo stesso mRNA spike, si formeranno proteine spike prolungate con ripetizioni multiple. Se subentra un mRNA diverso, si formeranno tipi di proteine sconosciute.

A metà del 2021, gli imbalsamatori di tutto il mondo hanno estratto dai cadaveri strani coaguli fibrosi, bianchi o marroni, che non erano stati segnalati in precedenza.

Si tratta di forme simili a corde, lunghe da pochi centimetri a diversi metri. Tutte queste caratteristiche dimostrano che sono molto diversi dai normali coaguli di sangue, che normalmente sono morbidi, rotondi, piatti e simili a grumi, di colore rosso scuro o nero.

Anche se abbiamo riassunto le prove di ricerca per capire i meccanismi di questi strani coaguli, sembra che manchi ancora qualcosa per comprendere appieno la causa dell’insolita lunghezza di questi coaguli.

E se la struttura simile a una stringa della proteina spike si allungasse quando non c’è un segnale di stop? Questo potrebbe spiegare perché gli imbalsamatori hanno scoperto quei coaguli fibrosi insolitamente lunghi durante le autopsie.

Le “proteine spike” presentano sette sequenze amiloidogeniche e possono formare sostanze simili all’amiloide. Tali strutture facilitano la formazione di legami più stretti, simili a corde, con torsioni longitudinali e legami incrociati, formando una struttura simile a una fibra. Un’analogia di questo processo è la produzione di corde di canapa: fibre di canapa corte e sottili possono essere arrotolate in corde lunghe e robuste con un’elevata resistenza alla forza.

Mancando il “codone di stop” nell’mRNA troncato, il materiale di partenza (come le “fibre di canapa”) potrebbe essere più lungo della normale proteina spike. Dopo diversi cicli di attorcigliamento e legami incrociati, non sarebbe una sorpresa la formazione di questi insoliti e lunghi coaguli fibrosi.

 

 

Naturalmente, altre situazioni potrebbero spiegare la formazione di questi strani coaguli di sangue legati agli spike. Tuttavia, fino ad oggi, l’mRNA troncato senza un “meccanismo di arresto” nel processo di traduzione delle proteine spike rimane uno dei fattori più probabili per la formazione di questi lunghi coaguli fibrosi nei vasi sanguigni delle persone.

Nel frattempo, la proteina spike può anche innescare la cascata della coagulazione inducendo l’interruzione dell’endotelio, l’infiammazione delle cellule endoteliali, complicazioni trombotiche pericolose per la vita, l’iperattivazione delle piastrine attraverso recettori multipli (ACE2, TMPRSS2 o recettore della fibronectina), reti fibrose dalle trappole extracellulari dei neutrofili (NET), nonché l’aumento del livello di angiotensina II, l’attivazione del recettore Toll-like 4 e l’aumento della produzione del fattore di coagulazione (FXa),

 

2. Patologie neurodegenerative

Nelle cellule sane, l’mRNA troncato e le proteine difettose possono essere riconosciute ed eliminate dalle vie di controllo della qualità delle proteine nel nostro organismo.

Tuttavia, a seconda della proteina e dell’efficienza del sistema di controllo della qualità delle proteine, queste proteine aberranti possono sfuggire al sistema di controllo della qualità del nostro corpo, ripiegarsi in modo errato, formare aggregati insolubili, compromettere la capacità di funzionamento delle cellule sane e portare a molte malattie, tra cui l’Alzheimer e il Parkinson.

Inoltre, la sindrome da nebbia da vaccino potrebbe essere almeno in parte correlata all’esito di queste proteine tronche derivate dall’mRNA.

 

3. I tumori

Questo problema di qualità può fornire spunti per l’osservazione di uno studio del 2022 condotto presso la Lund University in Svezia, che ha dimostrato che il vaccino a base di mRNA di Pfizer-BioNTech è in grado di “invertire la trascrizione” sei ore dopo essere entrato nelle cellule epatiche umane e di influenzare i geni umani.

 

 

Attualmente si ritiene che la maggior parte dei tumori sia causata da mutazioni e danni ai geni.

Di conseguenza, ciò contribuisce a spiegare l’osservazione del patologo americano Dr. Ryan Cole di un aumento anomalo e preoccupante di alcuni casi di cancro dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19.

Recentemente, Cole ha condiviso i risultati della biopsia di un paziente affetto da mieloma multiplo, dimostrando che la maggior parte delle cellule B presenta la proteina spike. L’mRNA troncato con funzioni sconosciute potrebbe essere in grado di inserirsi nei genomi umani e modificare i nostri geni.

 

4. Disturbi autoimmuni

Poiché non c’è un segnale di stop, in teoria un altro mRNA in una cellula prenderà il sopravvento e continuerà a prolungare la “proteina spike”. Se subentra un mRNA di una proteina self, si formerà un tipo misto di proteina spike con una regione sovrapposta di proteina self.

La possibilità di autoimmunità aumenterà, poiché il nostro sistema immunitario genererà anticorpi verso queste proteine “spike”.

Con la pubblicazione dei rapporti sugli eventi avversi del vaccino COVID-19 a base di mRNA di Pfizer, sono stati segnalati molti eventi avversi relativi a malattie autoimmuni. Oltre alle malattie epatiche autoimmuni, si registrano anche miocarditi autoimmuni, nefriti e danni al sistema nervoso.

Le lesioni autoimmuni indotte dal vaccino Pfizer, tra cui l’epatite autoimmune, sono state riassunte in questa revisione, compresi i casi originali elencati di seguito.

Caso in Germania: un uomo di 52 anni ha sviluppato due volte un’epatite acuta dopo aver ricevuto due dosi di vaccino Pfizer.

Caso negli Stati Uniti: una donna sana di 35 anni, che ha ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer nel terzo mese post-partum, ha sviluppato un’epatite autoimmune circa sette giorni dopo. Le è stato diagnosticato un danno epatico indotto dal vaccino con caratteristiche di epatite autoimmune.

Caso in Italia: Una donna di 43 anni, che ha sviluppato un’epatite colestatica acuta 15 giorni dopo la vaccinazione con Pfizer, è stata considerata affetta da danno epatico immuno-mediato indotto da vaccino.

Caso in Spagna: A una donna di 41 anni, che ha sviluppato un’epatite acuta dopo aver ricevuto il vaccino Moderna, è stata diagnosticata una lesione epatica autoimmune indotta dal vaccino e accompagnata da una grave colestasi.

 

L’mRNA tronco è un grave problema di qualità per i vaccini a base di mRNA COVID-19

I segni di RNA più corti riscontrati in diversi lotti di vaccini a mRNA di Pfizer hanno dimostrato che si è verificata una degradazione sostanziale durante il processo di produzione e spedizione, un risultato scoperto dopo la somministrazione di vaccini di emergenza autorizzati da Pfizer.

Come altri mRNA, l’mRNA del vaccino Pfizer è fragile, soprattutto se esposto all’acqua. Anche se le modifiche lo hanno reso più stabile, l’mRNA si rompe ancora in pezzi di lunghezza imprevedibile, il che spiega il problema di qualità osservato dell’mRNA troncato.

I processi di sviluppo dei farmaci devono seguire linee guida rigorose per giustificare l’approvazione da parte degli enti regolatori.

La normativa è definita linee guida ICH, abbreviazione di International Council for Harmonisation of Technical Requirements for Pharmaceuticals for Human Use.

L’ICH pubblica una serie completa di linee guida. Le tre categorie principali delle linee guida, qualità, sicurezza ed efficacia, sono utilizzate per autorizzare nuovi farmaci e monitorarne la sicurezza. Esiste anche una quarta categoria chiamata “linee guida multidisciplinari“.

Una caratteristica principale dei prodotti farmaceutici di buona qualità è che la quantità, la purezza, la stabilità e i parametri fisici e chimici sono stabili e coerenti tra i diversi lotti e partite.

L’attuale sistema di controllo della qualità dell’industria dei vaccini è ben attrezzato per individuare i difetti prima delle operazioni di riempimento e finitura. Tuttavia, può sfuggire ai difetti durante le operazioni di riempimento e di finitura e oltre.

Durante la creazione del vaccino a base di mRNA COVID-19, le normative fornite dalle agenzie regolatorie mondiali hanno stabilito i requisiti per il produttore di vaccini Pfizer-BioNTech. Uno dei requisiti era quello di dimostrare che il vaccino consentiva alle cellule di produrre in modo stabile le proteine spike della SARS-CoV-2 a lunghezza completa.

Tuttavia, questi requisiti non sono stati affrontati in modo professionale e concreto.

 

Questo problema contribuisce alla disparità di eventi avversi sperimentati da diverse persone

Poiché è difficile quantificare e qualificare i componenti impuri dell’mRNA, questo vaccino con mRNA troncato causerà un’elevata variabilità tra lotti e partite diverse.

Nella prima parte di questa serie, Sasha Latypova ha presentato, al minuto 4:01 del suo video, la sua analisi delle dosi del vaccino COVID-19. Ha descritto che “ci sono lotti che presentano un’alta variabilità. Ha descritto che “ci sono lotti con quasi nessun effetto avverso riportato; in alcuni lotti, ci sono migliaia di SAE, centinaia di morti”.

Nella sua presentazione, ha anche illustrato un’indagine sui vaccini antinfluenzali storici. In base ai dati VAERS, esistono vaccini antinfluenzali coerenti tra più produttori e in molti lotti nell’arco di 30 anni.

È stata invitata a parlare alla conferenza “Pandemic Strategies” del Lakaruppropet a Stoccolma, in Svezia, dal 21 al 22 gennaio 2023.

Ha anche pubblicato la sua presentazione registrata come opinione, intitolata “Contromisure COVID-19: Evidenze di un’intenzione di nuocere”, sulla sua pagina LinkedIn. L’intero episodio è disponibile qui.

La dottoressa ha spiegato l’importanza delle buone pratiche di fabbricazione (GMP) nell’industria farmaceutica. Ciò significa che il prodotto deve essere coerente da una dose (o iniezione) all’altra.

L’elevata variabilità del vaccino mRNA di Pfizer indica un processo di produzione difettoso.

Dal rapporto che Pfizer ha presentato alla FDA nel 2020, l’integrità dell’RNA variava dal 62 all’86%, con una differenza del 38,7%.

 

 

Per il vaccino a base di mRNA di Pfizer, l’EMA ha rivisto l’integrità dell’RNA fino a circa il 50% di purezza.

Brian Gerrish ha intervistato Latypova in un podcast di UK Column. Gerrish è un ex ufficiale della Royal Navy dell’epoca della Guerra Fredda. Si è specializzato nella guerra antisommergibile e ha condotto operazioni per localizzare e seguire i sottomarini nucleari sovietici nel Mare di Norvegia, nell’Atlantico settentrionale e nella costa orientale degli Stati Uniti. Oggi è un oratore pubblico e un giornalista investigativo del quotidiano britannico Column.

Le cause alla base dei problemi dei vaccini

È strano che le agenzie sanitarie mondiali non abbiano adottato misure normative rigorose contro il problema della qualità dei vaccini della Pfizer.

(…)

Riferimenti:

https://www.genome.gov/genetics-glossary/Genetic-Code

https://www.genome.gov/genetics-glossary/Amino-Acids

https://www.genome.gov/genetics-glossary/messenger-rna

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8299225/

https://www.genome.gov/genetics-glossary/Open-Reading-Frame

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6791314/

https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fgene.2018.00431/full#F3

https://files.catbox.moe/sg745z.pdf

https://www.ema.europa.eu/en/documents/assessment-report/comirnaty-epar-public-assessment-report_en.pdf

https://www.trialsitenews.com/a/what-the-leaked-ema-emails-docs-reveal-major-concerns-with-pfizer-c-19-vaccine-batch-integrity-and-the-race-to-authorise-cdda0ba2

https://sashalatypova.substack.com/p/fake-western-blots-submitted-by-pfizer

https://unglossed.substack.com/p/pfizer-did-not-know-what-the-covid#%C2%A7blotter-gate-pfizer-simulated-proof-that-truncated-rnas-dont-get-turned-into-proteins

https://www.annualreviews.org/doi/10.1146/annurev.genom.7.080505.115737#_i25

https://www.covidtruths.co.uk/wp-content/uploads/2021/04/M3-20-Nov-2020-FDA-Query-Responses.pdf

https://www.fda.gov/emergency-preparedness-and-response/coronavirus-disease-2019-covid-19/pfizer-biontech-covid-19-vaccines

https://www.ema.europa.eu/en/medicines/human/EPAR/comirnaty

https://www.tga.gov.au/news/media-releases/tga-provisionally-approves-pfizer-covid-19-vaccine

https://www.theepochtimes.com/embalmers-have-been-finding-numerous-long-fibrous-clots-that-lack-post-mortem-characteristics_4696015.html

https://www.theepochtimes.com/health/why-strange-clots-form-after-mrna-jabs-treatments-to-consider_4914851.html

https://www.theepochtimes.com/health/why-spike-protein-causes-abnormal-blood-clots-200-symptoms_4842684.html

https://www.theepochtimes.com/health/covid-vaccine-fog-and-what-to-do-about-it_4425776.html

https://www.mdpi.com/1467-3045/44/3/73

https://www.theepochtimes.com/health/explaining-covid-19-vaccine-induced-autoimmunity-hepatitis-and-healing_4460668.html

https://www.ich.org/page/ich-guidelines

https://jpharmsci.org/article/S0022-3549(23)00009-6/fulltext#%20

COVID-19 countermeasures: Evidence for an intent to harm – FULL

https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:activity:7028539657902559232/

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments