Il dottor Joseph Ladapo (a sinistra) è stato nominato chirurgo generale nel settembre del 2021 dal governatore Ron DeSantis (a destra). (File immagine)
Il dottor Joseph Ladapo (a sinistra) è stato nominato chirurgo generale nel settembre del 2021 dal governatore Ron DeSantis (a destra). (File immagine)

 

Il 3 gennaio, l’ufficio del chirurgo generale della Florida (l’equivalente del nostro Ministro della Sanità, ndr), Dr. Joseph Ladapo, ha rilasciato una dichiarazione in cui chiedeva di sospendere l’uso dei vaccini COVID-19 mRNA, citando la recente scoperta di contaminanti di DNA nelle fiale del vaccino.

Nell’episodio del 12 gennaio di “American Thought Leaders” di EpochTV, il dottor Ladapo ha spiegato i motivi della sua richiesta di sospensione, affermando che, sebbene anche i vaccini COVID mRNA presentino problemi di sicurezza che li collegano a una moltitudine di eventi avversi, la recente scoperta è “oltre ogni limite”.

“Il DNA è un contaminante comune di molti prodotti biologici”, ha detto al conduttore della trasmissione, Jan Jekielek. “Possiamo usare il DNA per produrre diversi farmaci, come l’insulina, altri biologici – e questa è una meravigliosa innovazione – e normalmente il DNA non rappresenta un problema”.

Le cellule umane sono resistenti all’ingresso del DNA e questo impedisce di danneggiarne l’integrità.

Tuttavia, poiché i vaccini a base di mRNA utilizzano nanoparticelle lipidiche, che trasportano l’mRNA direttamente nelle cellule, anche i contaminanti del DNA potrebbero entrare nelle cellule. Alcuni scienziati, come il Dr. Ladapo, temono che il DNA del vaccino possa integrarsi con il genoma umano.

Importanti funzionari della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti

Il 6 dicembre, il dottor Ladapo ha inviato una lettera al commissario della FDA, Robert Califf, e al direttore dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), Mandy Cohen.

Nella lettera ha chiesto se sono state effettuate valutazioni del rischio di integrazione del DNA del vaccino nel DNA umano, in particolare per quanto riguarda la controversa regione promotrice/enhancer SV40 presente nel vaccino di Pfizer.

Tra le altre domande si chiedeva se fossero state effettuate valutazioni del rischio di integrazione del DNA nelle cellule riproduttive e se gli attuali livelli di residui di DNA fossero accettabili secondo gli standard della FDA.

Il dottor Peter Marks, direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, ha risposto al dottor Ladapo il 14 dicembre.

“Abbiamo ricevuto … lunghe risposte che non rispondono alla domanda”, ha detto il Dr. Ladapo.

Nella sua risposta, il Dr. Marks ha scritto che l’integrazione del DNA “è piuttosto implausibile”, aggiungendo che gli studi sugli animali non mostrano “alcuna prova indicativa di genotossicità”.
Non è stato menzionato alcun test per valutare se si sta verificando un’integrazione del DNA.

Il Dr. Ladapo ritiene che sarebbe imprudente non effettuare test per l’integrazione del DNA, un rischio potenziale una volta che il DNA entra nella cellula.

La loro posizione è: “Oh, no, va bene. Va tutto bene, è sicuro ed efficace. Questo non solo non è sufficiente, ma è del tutto inaccettabile”, ha detto il Dr. Ladapo. “Ecco perché ho preso questa decisione, che è assolutamente corretta”.

 

Contaminazione del DNA: La controversia sul promotore SV40

Sia i vaccini Moderna che quelli Pfizer contengono contaminanti di DNA, ma solo nei vaccini Pfizer è stata riscontrata la presenza di DNA promotore/enhancer SV40, che da allora è diventata oggetto di dibattito.
SV40, o simian vacuolating virus 40, è un virus a DNA che talvolta causa il cancro negli animali.

Tuttavia, il promotore/enhancer di SV40 presente nei vaccini è solo una piccola sezione del DNA; non è equivalente all’intero virus SV40 o alla sua proteina.

I promotori/enhancer sono sezioni di DNA che possono controllare l’attività di altri DNA.

“Con il DNA, ci sono diverse regioni che dicono ad altre parti del DNA se essere attive o meno”, ha detto il dottor Ladapo. “Questo tipo di processo di controllo è molto importante… L’assenza di controllo può, ad esempio, portare al cancro… [e] altre anomalie metaboliche”.

Nella sua lettera alla FDA, il Dr. Ladapo ha chiesto informazioni sul rischio aggiuntivo dell’integrazione del DNA della regione promotrice/enhancer di SV40.

Il Dr. Marks ha risposto che nel vaccino non erano presenti né i geni per le proteine SV40 né le proteine SV40 stesse.

Ma il Dr. Ladapo ritiene che il Dr. Marks stia intenzionalmente non rispondendo alla domanda.

“Nessuno parla di proteine SV40… abbiamo parlato della regione promotrice/enhancer. Devono farlo intenzionalmente”, ha detto il Dr. Ladapo.

 

I rischi dell’integrazione del DNA

Attualmente non si sa se il DNA introdotto nell’organismo venga integrato nel genoma umano della cellula; e se viene integrato, quale impatto avrà.
Solo l’1% circa del DNA umano produce proteine; il compito del restante 99% del DNA è per lo più sconosciuto.

“C’è… molta incertezza sul nostro genoma: cosa fa, come sostiene la vita e la crea, e crea il miracolo di ogni singolo essere umano”, ha detto il dottor Ladapo. Quello che sappiamo è che alcuni dei rischi potenziali dell’integrazione del DNA includono lo sviluppo di tumori, a causa… della regolazione di diversi aspetti del DNA e della crescita cellulare”.

“Altre possibilità includono l’interruzione della normale espressione di alcune proteine, che in seguito potrebbe portare a un’alterazione delle normali funzioni umane”.

Poiché gli studi di biodistribuzione nei ratti hanno dimostrato che i vaccini a base di mRNA possono accumularsi negli organi riproduttivi, la lettera del Dr. Ladapo esprime la preoccupazione che possa verificarsi anche un’integrazione del DNA nelle cellule riproduttive.

“Siamo gli esseri più complessi, le macchine più complesse, se vogliamo, le macchine viventi che esistono su questa Terra. Quindi credo che il nostro genoma sia parte della nostra connessione con Dio. Questo significa che il rischio di non prendere precauzioni adeguate e sensate, di mantenere l’integrità al meglio delle nostre possibilità – la vita non è perfetta, ma al meglio delle nostre possibilità – del nostro genoma umano è molto alto”.

Marina Zhang

 

Marina Zhang is a health writer for The Epoch Times, based in New York. She mainly covers stories on COVID-19 and the healthcare system and has a bachelors in biomedicine from The University of Melbourne. Contact her at marina.zhang@epochtimes.com.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments