I CDC cambiano la definizione di vaccino, la parola chiave non è più “immunità”, ma “protezione”. Ce ne parla David McLoone, nel suo articolo pubblicato su Lifesitenews, che vi propongo nella mia traduzione.

 

The Centers for Disease Control and Prevention, Atlanta. (AP Photo/John Bazemore)
The Centers for Disease Control and Prevention, Atlanta. (AP Photo/John Bazemore)

 

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno aggiornato silenziosamente la loro definizione di “vaccino” e “vaccinazione” il 1 settembre da fornire “immunità” a fornire semplicemente “protezione”.

Tra il 2015 e l’agosto 2021, il CDC aveva definito un vaccino come “[un] prodotto che stimola il sistema immunitario di una persona a produrre immunità a una specifica malattia, proteggendo la persona da quella malattia”.

Ma a seguito del crescente scetticismo sul termine “vaccino” applicato ai nuovi vaccini a mRNA contro COVID-19 da esperti in medicina, il CDC ha modificato la definizione all’inizio di settembre, descrivendo ora un vaccino come “[un] preparato che è utilizzato per stimolare la risposta immunitaria del corpo contro le malattie”.

Allo stesso modo, la parola “vaccinare” è ora, secondo la definizione del CDC, meno specifica sul livello di resistenza che un soggetto dovrebbe ricevere dal farmaco.

Tra il 2015 e l’agosto 2021, la definizione di vaccinazione fornita dal CDC era “l’atto di introdurre un vaccino nel corpo per produrre immunità a una malattia specifica”. Ora, la parola “immunità” è stata abbandonata a favore del termine meno preciso di “protezione” definendo la vaccinazione come “l’atto di introdurre un vaccino nel corpo per produrre protezione da una specifica malattia”.

Il Repubblicano Thomas Massie (Rep-KY) ha evidenziato su Twitter che il termine “vaccinazione” aveva subito una revisione della definizione già nel 2015. In precedenza, il CDC aveva descritto la vaccinazione più specificamente come “iniezione di un organismo infettivo ucciso o indebolito al fine di prevenire la malattia” contro cui il vaccino è stato progettato per proteggersi.

Massie ha commentato il cambiamento della definizione di “vaccinazione” nel corso degli anni, confrontando il lavoro del CDC con quello del ministero della verità di 1984 di George Orwell .

Anche la giornalista investigativa e autrice di bestseller del New York Times Sharyl Attkisson ha commentato il cambiamento. Ha osservato che è stato solo dopo l’introduzione dei vaccini COVID-19, “ed è stato scoperto che non necessariamente ‘prevengono la malattia’ o ‘forniscono immunità’,” che “il CDC ha modificato nuovamente la definizione di vaccini per dire semplicemente ‘produrre protezione.’”

A corroborare l’affermazione di Attkisson secondo cui i vaccini COVID non stanno fornendo l’immunità originariamente promessa dai loro produttori è il famoso cardiologo e capo consulente medico della Truth for Health Foundation Dr. Peter McCullough, MD

“Questo gruppo aveva effettivamente calcolato la carica virale dalle secrezioni orali e nasali in passato. La carica virale era 251 volte quella della precedente era non vaccinata in cui avevano usato la stessa metodologia”, ha detto McCullough. “Avevano lavoratori e pazienti precedenti che avevano la COVID-19 prima di qualsiasi esposizione ai vaccini. E ora i vaccinati portavano una massiccia carica virale e se la passavano l’un l’altro”.

Di conseguenza, il medico ha osservato che i “vaccinati” sono più suscettibili alla variante Delta del virus e che l’efficacia dei vaccini è “molto al di sotto dello standard normativo del 50% per avere persino un vaccino sul mercato”.

“I vaccini stanno fallendo”, ha aggiunto.

Sebbene il CDC abbia cambiato la sua definizione di vaccinazione a seguito di segnalazioni di un calo dimostrabile nell’efficacia della tecnologia di iniezione COVID sviluppata da mRNA, l’organizzazione ha difeso la sua decisione, tentando di dissipare le critiche secondo cui la definizione viene ridisegnata per adattarla ai vaccini che falliscono.

Un portavoce del CDC ha dichiarato a The Epoch Times che “mentre ci sono stati nel tempo lievi cambiamenti nella formulazione della definizione di ‘vaccino’ sul sito Web del CDC, questi non hanno avuto alcun impatto sulla definizione generale”.

Il portavoce ha affermato che la precedente definizione del CDC secondo cui i vaccini forniscono immunità “potrebbe essere interpretata nel senso che i vaccini sono efficaci al 100%, il che non è mai stato il caso di nessun vaccino”. Ha aggiunto che “l’attuale definizione è più trasparente e descrive anche i modi in cui i vaccini possono essere somministrati”.

“È anche importante notare che le modifiche alla definizione di ‘vaccino’ non cambiano il fatto che i vaccini e l’atto della vaccinazione hanno prevenuto milioni di malattie e salvato innumerevoli vite”, ha concluso il portavoce, senza fornire prove a sostegno del reclamo.

Il CDC non ha risposto immediatamente alla richiesta di LifeSite di ulteriori commenti.

A seguito del calo di efficacia del vaccino Pfizer, somministrato quasi a tutti in Israele, il paese è diventato la prima nazione ad autorizzare un’iniezione di richiamo del vaccino contaminato dall’aborto per i suoi cittadini.

Tuttavia, nell’arco di una settimana dall’introduzione dei richiami, almeno 14 persone hanno avuto un’infezione  di COVID-19 che ha bucato il vaccino. Ora, il commissario nazionale per il coronavirus Salman Zarka ha annunciato la sua intenzione di consegnare un quarto vaccino agli israeliani, a quanto pare per tenere a bada le ondate del virus.

“Sembra che se impariamo le lezioni dalla quarta ondata, dobbiamo considerare la [possibilità di successive] ondate con le nuove varianti, come quella nuova dal Sud America”, ha detto Zarka ad agosto, secondo il Times of Israel. .

Lo zar del COVID ha aggiunto che “pensando a questo e alla perdita di efficacia dei vaccini e degli anticorpi, sembra che ogni pochi mesi – potrebbe essere una volta all’anno o ogni cinque o sei mesi – avremo bisogno di un’altra iniezione”.

“Questa è la nostra vita d’ora in poi, a ondate”, ha detto.

Oltre alla diminuzione dell’efficacia, il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti mostra un numero considerevole di segnalazioni di effetti avversi a seguito della ricezione di un vaccino COVID, con un totale di 675.593 tali segnalazioni, inclusi 14.506 decessi.

Di questi rapporti, l’uso delle iniezioni basate sull’mRNA sviluppate sia da Pfizer che da Moderna ha preceduto il 92 percento di tutti gli infortuni e il 93 percento di tutti i decessi nel database.

 

Facebook Comments