Tre cattolici hanno presentato un “dubium” al Vaticano chiedendo se la Chiesa in Germania è nello scisma.

Un articolo dello staff del Catholic News Agency, nella mia traduzione. 

 

Mons. Georg Batzing, presidente dei vescovi tedeschi
Mons. Georg Batzing, presidente dei vescovi tedeschi

 

Tre cattolici hanno presentato un “dubium” al Vaticano chiedendo se la Chiesa in Germania è nello scisma.

Il trio della diocesi di Essen ha formalmente richiesto una decisione alla Congregazione per la Dottrina della Fede, ha riferito CNA Deutsch, il partner di notizie in lingua tedesca della CNA.

Un dubium, dalla parola latina che significa “dubbio”, è una domanda rivolta alla congregazione dottrinale del Vaticano a cui si può rispondere con un “sì” o un “no”.

La congregazione risponde con un “Responsum ad dubium”, come ha fatto a marzo quando è stato chiesto se la Chiesa ha l’autorità di benedire le coppie dello stesso sesso.

A volte viene chiesto alla congregazione di rispondere a più domande, note come “dubia”. Quattro cardinali hanno presentato cinque dubia nel 2016 sull’interpretazione di Amoris laetitia, l’esortazione apostolica di Papa Francesco sull’amore nella famiglia.

André Wichmann, di Bochum, nella Germania occidentale, ha detto a CNA Deutsch il 9 giugno che lui e altri due avevano presentato i dubia per una “grande preoccupazione riguardo l’unità”.

“Dal mio punto di vista, la scissione ha già avuto luogo”, ha detto, citando le richieste in Germania per l’ordinazione delle donne, le benedizioni delle coppie dello stesso sesso in sfida al Vaticano, e i laici che predicano nelle messe.

“Siamo tre cristiani cattolici della diocesi di Essen. Siamo stati anche coinvolti nella vita comunitaria in vari ministeri per molti anni”, ha detto.

“In un processo che è durato molti anni, abbiamo anche sperimentato la crescente polarizzazione nelle congregazioni locali. Non è stato sempre facile professare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Né è stato sempre facile sostenere una liturgia celebrata secondo i libri della Chiesa”.

Wichmann ha detto che il gruppo sapeva di “non avere diritto a una risposta” da Roma, ma il segnale era comunque importante.

“Il tetto della Chiesa è in fiamme a nord delle Alpi”, ha commentato.

Wichmann ha notato le critiche alla “via sinodale” della Chiesa tedesca fatte questa settimana dall’influente teologo cardinale Walter Kasper.

L’88enne cardinale tedesco ha detto: “Non ho ancora perso la speranza che le preghiere di molti fedeli cattolici aiutino a indirizzare la Via Sinodale in Germania su binari cattolici”.

Il Cammino Sinodale è un processo pluriennale che riunisce vescovi e laici per discutere quattro temi principali: il modo in cui il potere viene esercitato nella Chiesa; la moralità sessuale; il sacerdozio e il ruolo delle donne.

Wichmann ha previsto che la Via Sinodale causerà anche frustrazione tra i “cattolici orientati alla riforma”. Egli ha sostenuto che poiché le decisioni dell’iniziativa non sono legalmente vincolanti per i vescovi, le aspettative di un cambiamento dottrinale non sono realistiche.

Ha detto che anche per i cattolici che sono fedeli al Magistero, la Via Sinodale rischia di creare una più profonda “polarizzazione e divisione”.

“Le discussioni qui, nella Chiesa cattolica in Germania, si svolgono separatamente dalla Chiesa universale. Molti dei temi sollevati devono essere decisi nella Chiesa universale, sulla base del Magistero”, ha detto.

“Trattando argomenti che contraddicono il Magistero e intraprendendo così un percorso idiosincratico, la via sinodale delude inevitabilmente anche le aspettative dei cattolici per i quali il Catechismo e il Magistero costituiscono un fondamento”.

Il vescovo Georg Bätzing, il presidente della conferenza episcopale tedesca, ha insistito il mese scorso che i cattolici del paese non sono “scismatici”.

Egli ha detto: “È assolutamente chiaro che ci sono questioni che possiamo discutere solo a livello della Chiesa universale. Noi contribuiremo dalla Germania con le nostre riflessioni”.

“Tuttavia, vorrei respingere l’accusa ripetutamente usata di essere scismatici o di volersi staccare come Chiesa nazionale tedesca da Roma. Il nostro legame con Roma e con il Santo Padre è molto stretto”.

Per i tre autori del dubium, ha detto Wichmann, “solo sul fondamento del chiarimento si può ritrovare l’unità nella fede, nell’amore e nella speranza”.

“Speriamo quindi molto in una risposta da Roma”, ha detto, “anche per togliere i dubbi di molti credenti e promuovere così la fiducia”.

 





Facebook Comments
image_pdfimage_print
1