Oltre alla dipendenza che causa in troppi utilizzatori soprattutto giovanissimi, nel mondo del porno si sta ora presentando con sempre maggior frequenza il problema dei video rubati a donne e ragazzine non consenzienti, delle registrazioni di stupri e dei video con minori caricati e ricaricati infinite volte anche dopo la segnalazione e la rimozione. Questo articolo del NYT, pur non affrontando la questione del porno, che anzi in qualche modo difende, spiega molto bene le gravi violazioni della dignità di donne e ragazzine che il più grande social di condivisione di materiale pornografico continua ad accettare e su cui fa incasso.

Ecco l’articolo di Nicholas Kristof nella nostra traduzione. 

 

 

Perché il Canada consente a questa azienda di trarre profitto da video di sfruttamento e abusi?

(Questo articolo contiene descrizioni di violenza sessuale)

Pornhub si vanta di essere il volto sorridente ed ammiccante della malizia, il sito web che paga un cartellone pubblicitario a Times Square e fornisce spazzaneve per ripulire le strade di Boston. Fa donazioni a organizzazioni che lottano per l’uguaglianza razziale e offre contenuti bollenti gratuiti per convincere la gente a resistere al lock-down per il Covid-19.

Quel presunto sano Pornhub attira 3,5 miliardi di visite al mese, più di Netflix, Yahoo o Amazon. Pornhub raccoglie denaro da quasi tre miliardi di dollari di pubblicità al giorno. Una classifica vede Pornhub come il decimo sito web più visitato al mondo.

Eppure c’è un altro aspetto dell’azienda: il suo sito è infestato da video di stupro. 

Monetizza gli stupri di minori, il  revenge porn, i video di telecamere di sorveglianza  fatti a donne sotto  la doccia, i contenuti razzisti e misogini e i filmati di donne asfissiate con sacchetti di plastica. La ricerca di “ragazze sotto i 18 anni” (scritto “under18”) o “14yo” (14enni, ndt) porta in ogni caso a più di 100.000 video. La maggior parte non riguarda bambini che vengono aggrediti, ma ce ne sono comunque troppi.

Dopo che una ragazza di 15 anni era scomparsa in Florida, sua madre l’ha trovata su Pornhub – in 58 video di sesso. Le aggressioni sessuali a una ragazza californiana di 14 anni erano state pubblicate su Pornhub e sono state segnalate alle autorità non dalla compagnia ma da un compagno di classe che ha visto i video. In ogni caso, i delinquenti sono stati arrestati per le aggressioni, ma Pornhub è sfuggito alla responsabilità di aver condiviso i video e averne tratto profitto.

Pornhub è come YouTube in quanto consente ai membri del pubblico di pubblicare i propri video. La grande maggioranza dei 6,8 milioni di nuovi video pubblicati sul sito ogni anno probabilmente coinvolge adulti consenzienti, ma molti descrivono abusi sui minori e violenza non consensuale. Poiché è impossibile essere sicuri che un giovane in un video abbia 14 o 18 anni, né Pornhub né nessun altro ha un’idea chiara di quanto contenuto sia illegale.

A differenza di YouTube, Pornhub consente di scaricare questi video direttamente dal suo sito web. Quindi, anche se un video di stupro viene rimosso su richiesta delle autorità, potrebbe essere già troppo tardi: il video sopravvive poiché viene condiviso con altre persone o caricato più e più volte.

“Pornhub è diventato il mio sfruttatore”, mi ha detto una donna di nome Cali. Dice di essere stata adottata negli Stati Uniti dalla Cina e poi ceduta dalla sua famiglia adottiva e costretta a comparire in video pornografici a partire da quando aveva 9 anni. Alcuni video dei suoi abusi, ha detto, sono finiti su Pornhub e lì riappaiono regolarmente.

“Vengo ancora venduta, anche se da cinque anni sono fuori da quella vita”, ha detto Cali. Ora ha 23 anni, studia in un’università e spera di diventare avvocato, ma quei vecchi video incombono sulla sua vita.

“Potrei non riuscire mai a sfuggire a questa storia”, ha detto. “Potrei avere 40 anni ed avere otto figli e ci sarà ancora gente che si masturba davanti alle mie foto.”

“Se digiti “Giovane Asiatica” probabilmente riesci a trovarmi”, ha aggiunto.

In realtà, forse non ci si riesce. Recentemente Pornhub proponeva 26.000 video in risposta a quella ricerca. Senza contare i video che vengono visualizzati in “ricerche correlate” suggerite da Pornhub, tra cui “giovanissima adolescente”, “adolescente extra piccola”, “adolescente asiatica piccolissima” o semplicemente “ragazza giovane”.  E senza necessariamente contare i video su un canale di Pornhub chiamato “adolescente asiatica abusata”.

Il problema non è la pornografia ma lo stupro. Concordiamo almeno sul fatto che promuovere aggressioni contro bambini o chiunque senza consenso sia inconcepibile. Il problema con Bill Cosby o Harvey Weinstein o Jeffrey Epstein non era il sesso ma la mancanza di consenso – e così è con Pornhub.

Mi sono imbattuto in molti video su Pornhub che erano registrazioni di aggressioni a donne e ragazze prive di sensi. Gli stupratori aprivano le palpebre delle vittime e toccavano loro i bulbi oculari per mostrare che non rispondevano agli stimoli.

Pornhub ha tratto profitto questo autunno da un video di una donna nuda torturata da una banda di uomini in Cina. Monetizza compilation di video con titoli come “Screaming Teen” (Adolescente che grida), “Degraded Teen” (Adolescente umiliata) e “Extreme Choking” (Soffocamento estremo). Cercate un video di soffocamento e potrebbe suggerirvi di cercare anche “She Can’t Breathe” (Lei non riesce a respirare: riprende la frase di George Floyd, ndt).

Dovrebbe essere possibile essere favorevoli al sesso e contrari a Pornhub. 

Pornhub ha rifiutato di rendere disponibili i nomi di chi carica le registrazioni, ma ha rilasciato una dichiarazione. “Pornhub è esplicitamente impegnata  nella lotta al materiale pedopornografico e ha istituito una policy globale, leader nel settore, di affidabilità  e sicurezza per identificare ed eliminare il materiale illegale dalla nostra comunità”, ha affermato. Pornhub ha aggiunto che qualsiasi affermazione secondo cui la società autorizza i video di bambini sul sito “è irresponsabile e palesemente falsa”.

II.

A 14 anni, Serena K. Fleites era una brava studentessa a Bakersfield, in California, e non aveva mai fatto sesso con un ragazzo. Ma all’ottavo anno ha preso una cotta per un ragazzo di un anno più grande e lui le ha chiesto di fare un video nuda. Le glielo ha mandato e questo le ha cambiato la vita.

Lui gliene chiese un altro, poi un altro ancora; lei era imbarazzata ma lusingata. “È stato allora che ho iniziato a ricevere strani sguardi a scuola”, ha ricordato. Lui aveva condiviso i video con altri ragazzi e qualcuno li aveva pubblicati su Pornhub.

Il mondo di Fleites è crollato. È già abbastanza difficile avere 14 anni senza che i tuoi compagni di classe si divertano guardandoti nuda e poi prendendoti in giro come una prostituta. “C’erano persone che mi scrivevano che, se non avessi mandato loro un video, li avrebbero mandati a mia madre”, ha raccontato.

Il ragazzo è stato sospeso, ma Fleites ha iniziato a saltare la scuola perché non poteva sopportare la vergogna. Sua madre ha convinto Pornhub a rimuovere i video e Fleites ha cambiato scuola. Ma le voci arrivarono nella nuova scuola e presto i video furono caricati di nuovo su Pornhub e altri siti web.

Fleites ha litigato  con sua madre e iniziato  a tagliarsi. Poi un giorno è andata all’armadietto dei medicinali e ha preso tutte le pillole antidepressive che era riuscita a trovare.

Tre giorni dopo, si è svegliata in ospedale, frustrata per essere ancora viva. Poi si è impiccata in bagno; la sua sorellina l’ha trovata e i medici l’hanno rianimata.

Mentre Fleites scendeva nel gorgo, un amico l’ha iniziata alle metanfetamine e agli oppioidi, e lei è diventata dipendente da entrambi. Ha abbandonato la scuola ed è diventata una senzatetto.

A 16 anni, ha messo un annuncio su Craigslist (un portale di annunci personali, ndt) e ha iniziato a vendere sue foto e video nuda. Era un modo per fare un po’ di soldi, e forse anche un modo per punirsi. Ha pensato: “Non valgo più niente perché tutti hanno già visto il mio corpo”, mi ha detto.

Anche quei video sono finiti su Pornhub. Fleites vorrebbe chiedere che fossero rimossi. Di solito vengono rimossi, dice, ma poi verrebbero caricati di nuovo. Un video con lei nuda a 14 anni ha avuto 400.000 visualizzazioni, dice, lasciandole la paura di fare domanda per lavori in fast food per paura che qualcuno la riconoscesse.

Così oggi Fleites, 19 anni, pulita da droghe da un anno ma disoccupata e traumatizzata, vive nella sua macchina a Bakersfield, insieme a tre cani che si sono dimostrati più leali e amorevoli della specie umana. Sogna di diventare un aiutante veterinario ma non sa bene come riuscirci. “È un po’ difficile andare a scuola quando vivi in ​​macchina con dei cani”, ha detto.

“Sono stata stupida”, ha riconosciuto, sottolineando che non aveva mai immaginato che i video potessero essere condivisi online. “Era una di quelle sciocchezze da adolescente, ed è pazzesco come si sia trasformata in qualcosa di molto più grande.

“Una vita intera può essere cambiata a causa di un piccolo errore.”

III.

Il problema va ben oltre un’azienda. In effetti, un rivale di Pornhub, XVideos, che probabilmente ha ancora meno scrupoli, potrebbe attirare più visitatori. Riproduzioni di abusi sui minori compaiono anche su siti tradizionali come Twitter, Reddit e Facebook. E Google supporta modelli di business di aziende che prosperano grazie alle molestie su minori.

Google alla ricerca di “porno giovanile” propone 920 milioni di video. I successi più apprezzati includono un video di una “giovanissima adolescente” nuda impegnata in atti sessuali su XVideo insieme a un video su Pornhub il cui titolo non è riproducibile qui.

Ho chiesto al National Center for Missing and Exploited Children (Centro nazionale per i bambini scomparsi e abusati, ndt) di compilare il numero di immagini, video e altri contenuti relativi allo sfruttamento sessuale infantile segnalati ogni anno. Nel 2015, hanno ricevuto segnalazioni per 6,5 milioni di video o altri file; nel 2017, 20,6 milioni; e nel 2019 69,2 milioni.

Facebook quest’anno in un periodo di tre mesi ha rimosso 12,4 milioni di immagini relative allo sfruttamento di minori. Twitter ha chiuso 264.000 account in sei mesi lo scorso anno per sfruttamento sessuale dei bambini. Al contrario, Pornhub osserva che la Internet Watch Foundation, un’organizzazione no profit con sede in Inghilterra che combatte le immagini di abusi sessuali su minori, ha segnalato solo 118 casi di immagini di abusi sessuali su minori sul suo sito in quasi tre anni, una cifra apparentemente trascurabile. “L’eliminazione dei contenuti illegali è una battaglia continua per ogni piattaforma di contenuti moderna e ci impegniamo a rimanere in prima linea”, ha affermato Pornhub nella sua dichiarazione.

La Internet Watch Foundation non è riuscita a spiegare perché la sua cifra per Pornhub è così bassa. Forse è perché le persone su Pornhub sono abituate al materiale ed è improbabile che lo segnalino. Ma se sai cosa cercare, in 30 minuti è possibile trovare su Pornhub centinaia di video di probabili abusi sessuali su minori. Pornhub ha recentemente offerto playlist con nomi che includono video dal titolo “meno di 18 anni”, “la migliore collezione di ragazzini” e “minori di – – anni”.

Il Congresso e i presidenti che si sono avvicendati non hanno fatto quasi nulla mentre questo problema cresceva. Il mondo tecnologico che lo ha reso possibile è stato per lo più passivo, in una posizione difensiva. Ma i reportage pionieristici dei miei colleghi del Times nel 2019 avevano spinto il Congresso a iniziare a discutere strategie concorrenti per affrontare lo sfruttamento dei minori.

Le preoccupazioni nei confronti di Pornhub stanno aumentando. Una petizione per chiudere il sito ha ricevuto 2,1 milioni di firme. Il senatore Ben Sasse, un repubblicano del Nebraska, ha chiesto al Dipartimento di Giustizia di indagare su Pornhub. PayPal ha interrotto i servizi per l’azienda e alle società di carte di credito è stato chiesto di fare lo stesso. Un’organizzazione chiamata Traffickinghub , guidata da un’attivista di nome Laila Mickelwait, documenta gli abusi e chiede che il sito venga chiuso. Venti membri del parlamento canadese hanno chiesto al proprio governo di adottare provvedimenti severi contro Pornhub, che ha effettivamente sede a Montreal.

“Hanno fatto soldi con il mio dolore e la mia sofferenza”, mi ha detto una ragazza di 18 anni di nome Taylor. Il suo ragazzo ha girato segretamente un video in cui  a 14 anni compiva un atto sessuale, video che poi, come conferma la Polizia, è finito su Pornhub. “Il giorno dopo sono andata a scuola e, mentre percorrevo il corridoio, tutti guardavano il cellulare e me”, ha aggiunto piangendo “E ridevano.”

Taylor ha detto di aver tentato il suicidio due volte a causa dell’umiliazione e del trauma subiti. Come altri citati qui, ha accettato di raccontare la sua storia e di aiutarci a documentarla perché ha pensato che questo potrebbe aiutare altre ragazze ad evitare di soffrire come ha sofferto lei.

IV.

Pornhub è di proprietà di Mindgeek, un conglomerato privato di media pornografici con più di 100 siti Web, società di produzione e marchi. I suoi siti includono Redtube, Youporn, XTube, SpankWire, ExtremeTube, Men.com, My Dirty Hobby, Thumbzilla, PornMD, Brazzers e GayTube. Ci sono altri importanti attori del porno al di fuori dell’egida di Mindgeek, in particolare XHamster e XVideos, ma Mindgeek è un colosso del porno. Se operasse in un altro settore, il Dipartimento di Giustizia potrebbe imbastire contro di lui una causa antitrust.

Pornhub e Mindgeek si distinguono anche per la loro influenza. Uno studio di quest’anno condotto da una società di marketing digitale ha concluso che Pornhub è stata la società tecnologica con il terzo maggiore impatto sulla società nel 21° secolo, dopo Facebook e Google, ma prima di Microsoft, Apple e Amazon.

Con sede nominale in Lussemburgo per motivi fiscali, Mindgeek è una società privata gestita da Montreal. Non si sa chi lo possiede, ma è guidato da Feras Antoon e David Tassillo, entrambi canadesi, che hanno rifiutato di essere intervistati.

Il primo ministro Justin Trudeau del Canada si definisce un femminista e si dichiara orgoglioso degli sforzi del suo governo per l’emancipazione femminile in tutto il mondo. Ecco allora una domanda per Trudeau e tutti i canadesi: perché il Canada ospita una società che propone video di stupro a tutto il mondo?

I moderatori del sito di Mindgeek sono incaricati di filtrare i video con i bambini, ma il suo modello di business trae profitto dai video di sesso con protagonisti i giovanissimi.

“Il compito di un moderatore di contenuti è quello di far passare il maggior numero di contenuti possibile”, mi ha detto un ex dipendente Mindgeek. Ha anche detto di non ritenere che i massimi dirigenti siano cattivi, ma che puntino soprattutto a massimizzare le entrate.

Sebbene Pornhub non mi abbia detto quanti moderatori utilizza ne ho intervistato uno che ha detto che ce ne sono circa 80 in tutto il mondo che lavorano sui siti Mindgeek (in confronto, Facebook mi ha detto che ha 15.000 moderatori). Con 1,36 milioni di nuove ore di video caricate ogni anno su Pornhub, ciò significa che ogni moderatore dovrebbe rivedere centinaia di ore di contenuti ogni settimana.

I moderatori fanno avanzare rapidamente i video, ma spesso è difficile valutare se una persona ha 14 o 18 anni o se la tortura è reale o falsa. La maggior parte dei contenuti per minorenni coinvolge adolescenti, ha detto il moderatore con cui ho parlato, ma alcuni provengono da telecamere spia nei bagni o negli spogliatoi e mostrano bambini dagli 8 ai 12 anni.

“Ė un lavoro che porta all’autodistruzione”, ha detto il moderatore.

A Pornhub sembrano essere sempre più allarmati sulle proprie responsabilità civili o penali. Gli avvocati li stanno accerchiando e nove donne hanno citato in giudizio l’azienda presso il tribunale federale dopo che sono usciti su Pornhub dei video di telesorveglianza. I video sono stati girati in uno spogliatoio del Limestone College nella Carolina del Sud e mostravano donne che facevano la doccia e si vestivano.

I dirigenti di Pornhub in passato sembrano aver presunto di godere dell’immunità ai sensi della Sezione 230 del Communications Decency Act, che protegge le piattaforme Internet su cui i membri pubblicano contenuti. Ma nel 2018 il Congresso ha limitato la Sezione 230 in modo che potrebbe non essere sufficiente a proteggere l’azienda, portando Mindgeek a comportarsi meglio.

Hanno raddoppiato il numero di moderatori negli ultimi due anni, mi ha detto il moderatore, e quest’anno Pornhub ha iniziato a segnalare volontariamente materiale illegale al National Center for Missing and Exploited Children. Dopo aver agito  in precedenza con malavoglia e lentezza nel rimuovere video con bambini e contenuti non consensuali, Pornhub ora sta rispondendo più rapidamente.

Ha anche compilato un elenco di contenuti vietati. Ho ottenuto una copia di questo elenco e si propone di escludere i video con termini o temi come “stupro”, “preadolescente”, “pedofilia” e “bestialità” (chiarisce utilmente che “include anguille, pesci, polpi, insetti”). I pannolini sono OK “se non è coprofilia”. Le mutilazioni dipendono dal contesto ma “non si possono rappresentare recisioni di parti del corpo”.

Quindi, anche se ora non è più possibile cercare su Pornhub in inglese utilizzando termini come “minorenne” o “stupro”, la società non si è sforzata di eliminare tali video. Un membro chiamato “13yoboyteen” (ragazzino tredicenne, ndt) può pubblicare video. Una ricerca per “r * pe” (st*pro, ndt) restituisce 1.901 video. “Ragazzina con l’apparecchio per i denti” mostra 1.913 video e suggerisce di provare anche “ragaxxine giovanissime”. Una ricerca per “13 anni” genera 155.000 video. Per essere chiari, la maggior parte non ha 13 anni, ma il fatto che siano promossi con quel linguaggio sembra riflettere il tentativo di attirare i pedofili.

Inoltre, alcuni video sembrano in contrasto con l’elenco dei contenuti vietati. “Runaway Girl Gets Ultimatum, Anal or the Streets” (Ultimatum a ragazza scappata di casa: sesso anale o la strada, ndt) è il titolo di un video di Pornhub. Un altro utente pubblica video che documentano sesso con ragazze adolescenti che piangono, protestano e gridano di dolore.

Mentre Pornhub sta diventando più attento ai video di utenti  americani che potrebbero fare causa, rimane sprezzante sulle vittime dell’estero. Un video indonesiano si intitola “Junior High School Girl After Class” e mostra quella che sembra essere una giovane adolescente che fa sesso. Un video di sesso cinese, appena rimosso, era intitolato: “Bella ragazza del liceo viene ingannata dai compagni di classe e portata in cima a un edificio dove viene insultata e violentata”.

“Loro guadagnano denaro sul momento peggiore della mia vita, sul  mio corpo”, mi ha detto un’adolescente colombiana che ha chiesto di essere chiamata Xela, uno pseudonimo.  Due uomini americani l’hanno pagata quando aveva 16 anni per un incontro sessuale che hanno filmato e poi pubblicato su Pornhub. È una delle tante vittime di Pornhub che mi hanno detto di aver pensato o tentato il suicidio.

Negli ultimi giorni, mentre stavo completando questo articolo, sono stati pubblicati due nuovi video di ragazze in età prepuberale aggredite, insieme a un video di sesso di una ragazza di 15 anni che si era suicidata dopo essere finita online. Non vedo come dei moderatori in buona fede possano approvare video del genere.

V.

“Sarà sempre online”, mi ha detto Nicole, una donna britannica che ha visto pubblicati e ripubblicati suoi video su Pornhub. “Questa è la mia grande paura nell’avere figli, che vedano queste cose.”

Questo è un tema ricorrente tra le vittime: uno stupro ha una qualche fine, ma Pornhub rende la sofferenza interminabile.

Video con Nicole, nuda a 15 anni, sono stati pubblicati su Pornhub. Ora ne ha 19 e da due anni cerca di rimuoverli.

“Perché i miei video di quando avevo 15 anni ed ero sotto ricatto, video che sono pornografia infantile, [vengono] caricati continuamente?” Nicole l’anno scorso ha protestato verso Pornhub  con un messaggio. “Avete davvero bisogno di un sistema migliore. … Ho cercato di uccidermi più volte dopo essermi ritrovata caricata nuovamente sul vostro sito web. “

L’avvocato di Nicole, Dani Pinter, dice che su Pornhub ci sono ancora almeno tre video di Nicole nuda all’età di 15 o 16 anni che stanno cercando di far rimuovere.

“Non finirà mai”, ha detto Nicole. “Guadagnano troppi soldi dai nostri traumi”.

Pornhub ha introdotto un software che in teoria dovrebbe “rilevare” i video di stupro e impedire che vengano caricati di nuovo. Ma Vice ha mostrato come questa tecnologia sia facilmente aggirabile su Pornhub.

Uno scandalo di Pornhub ha coinvolto la società di produzione Girls Do Porn, che ha reclutato giovani donne per esibizioni come modelle vestite e poi le ha spinte a esibirsi in video di sesso, sostenendo che i video sarebbero stati venduti solo come DVD in altri paesi e non sarebbero mai andati online. Rassicurate che nessuno l’avrebbe mai saputo, alcune delle donne avevano acconsentito – e sono rimaste sconvolte quando i filmati furono commercializzati in modo massiccio su Pornhub.

La Girls Do Porn è stata perseguita per sfruttamento sessuale e fatta chiudere. Ma quei video continuano ad emergere e riaffiorare su Pornhub; l’ultima volta che ho controllato, i video di sei vittime di Girls Do Porn erano ancora su Pornhub, che continua a trarne profitto.

Una delle donne di Girls Do Porn che ho visto su Pornhub ora è morta. È stata assassinata a 20 anni, presumibilmente da un ex fidanzato arrabbiato che sta per essere processato. 

 Non voglio rivelarne il nome perché dovrebbe essere ricordata come una valida atleta universitaria e non per un video di sesso che ha rappresentato il momento più mortificante della sua vita.

VI.

Allora qual è la soluzione?

Mi aspettavo che le vittime volessero far chiudere Pornhub e mandare i suoi dirigenti in prigione. Alcuni volevano questo, ma altri avevano posizioni più sfumate. Lydia, che ora ha 20 anni, è stata sfruttata da bambina e sul sito sono stati pubblicati molti suoi video di stupro. “Mi fa sempre male lo stomaco” per la tensione, mi ha detto, ma non vuole passare per contraria  al porno in quanto tale.

“Non voglio che la gente capisca  ‘No al  porno!'” Mi ha detto Lydia. “Direi piuttosto ‘Smettetela di fare del male ai bambini'”.

Susan Padron mi ha detto che aveva supposto che la pornografia fosse consensuale, fino a quando un fidanzato non l’ha filmata in un atto sessuale quando aveva 15 anni e l’ha pubblicata su Pornhub. Da allora ha lottato e crede che solo le persone che hanno confermato la propria identità dovrebbero essere autorizzate a pubblicare video.

Jessica Shumway, che è stata vittima dello sfruttamento e un suo video di sesso è stato caricato da un utente su Pornhub, concorda: “Devono capire chi è minorenne nei video e che ci sia  il consenso di tutti”.

Ho chiesto a Leo, 18 anni, che aveva suoi video di quando aveva 14 anni pubblicati su Pornhub cosa suggeriva.

“È dura”, ha detto. “La mia soluzione sarebbe lasciare il porno a società di produzione professionali”, perché richiedono una prova dell’età e il consenso.

In questo momento quelle aziende non riescono a competere con siti per lo più gratuiti come Pornhub e XVideos.

“Pornhub ha già distrutto il modello di business dei siti a pagamento”, ha detto Stoya, attrice e sceneggiatrice di film per adulti. Anche lei pensa che tutte le piattaforme, da YouTube a Pornhub, dovrebbero richiedere una prova del consenso per caricare video di privati.

Si presume che gli editorialisti dovrebbero offrire risposte, ma io faccio fatica a pensare ad una soluzione. Se Pornhub curasse il caricamento dei video in modo più rigoroso, il materiale più offensivo potrebbe semplicemente spostarsi sul dark web o su siti web in paesi meno regolamentati. Però questo almeno impedirebbe che  poi venissero normalizzati su un sito mainstream.

Più pressione e meno impunità aiuterebbero. Stiamo già vedendo che limitare l’immunità garantita dalla “Sezione 230” porta ad una migliore auto-sorveglianza.

E chiamatemi puritano, ma non vedo perché i motori di ricerca, le banche o le società di carte di credito dovrebbero sostenere una società che monetizza le aggressioni sessuali su bambini o donne incoscienti. Se PayPal ha potuto sospendere la collaborazione con Pornhub, anche American Express, Mastercard e Visa possono farlo.

Non vedo alcuna soluzione precisa. Ma oltre a limitare l’immunità in modo che le aziende siano incentivate a comportarsi meglio, ecco tre passaggi che potrebbero aiutare: 1.) Consentire solo agli utenti verificati di pubblicare video. 2.) Proibire il download. 3.) Aumentare la moderazione.

Queste misure non ucciderebbero il porno né infastidirebbero molto i consumatori;  

YouTube prospera senza download. Siri Dahl, un’importante porno star che fa affari con Pornhub, mi ha detto che le mie tre proposte sono “assurdamente ragionevoli”.

Il mondo è stato spesso ignaro degli abusi sessuali sui minori, da quelli della Chiesa cattolica a quelli dei boy scout. Con grave ritardo abbiamo perseguito persone come Jeffrey Epstein o R. Kelly . Ma dovremmo anche opporci alle società che sfruttano sistematicamente i bambini. Con Pornhub, abbiamo un Jeffrey Epstein moltiplicato per 1.000.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1