Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Daniel Horowitz e pubblicato su Conservative Review. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

vaccini-COVID

 

Più di 10.000 categorie di quasi 1,6 milioni di eventi avversi, molti dei quali gravi e debilitanti, portati da Pfizer!

Forse non ne avete sentito parlare nei notiziari, ma negli ultimi mesi sono stati resi noti i documenti di farmacovigilanza di Pfizer richiesti dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA), l’ente regolatore dell’Unione europea. Essi dimostrano che Pfizer era a conoscenza fin dall’inizio di un livello di danno spaventoso. Un documento dell’agosto 2022 mostra che l’azienda aveva già osservato la seguente portata di danni da vaccino:

  • 508.351 segnalazioni di casi individuali di eventi avversi contenenti 1.597.673 eventi;
  • Un terzo degli eventi avversi è stato classificato come grave, ben al di sopra dello standard per i segnali di sicurezza solitamente fissato al 15%;
  • Le donne hanno riportato eventi avversi a un tasso tre volte superiore a quello degli uomini;
  • Il 60% dei casi è stato segnalato con “esito sconosciuto” o “non guarito”, quindi molte delle lesioni non erano transitorie;

Il maggior numero di casi si è verificato nella fascia di età compresa tra i 31 e i 50 anni e il 92% non presentava alcuna comorbidità, il che rende molto probabile che sia stato il vaccino a causare un danno così diffuso e improvviso.

Questi numeri da soli suggeriscono che tutti i vaccini COVID dovrebbero essere privati dei finanziamenti e che il Congresso deve immediatamente rimuovere le protezioni di responsabilità dai produttori. Ma un documento più recente rilasciato dagli europei è ancora più devastante, perché suddivide gli 1,6 milioni di eventi avversi osservati da Pfizer per categoria e sottocategoria di disturbi e lesioni.

Il documento confidenziale di 393 pagine di Pfizer, datato 19 agosto 2022, mostra che Pfizer ha osservato oltre 10.000 categorie di diagnosi, molte delle quali molto gravi e molto rare. Ad esempio:

  • Pfizer era a conoscenza di 73.542 casi di 264 categorie di disturbi vascolari dovuti ai vaccini. Molti di questi casi sono patologie rare.
  • Ci sono stati centinaia di categorie di disturbi del sistema nervoso, per un totale di 696.508 casi.
  • Ci sono stati 61.518 eventi avversi da oltre 100 categorie di disturbi oculari, il che è insolito per un danno da vaccino.
  • Allo stesso modo, ci sono stati oltre 47.000 disturbi dell’orecchio, inclusi quasi 16.000 casi di acufene, che persino i ricercatori della Mayo Clinic hanno osservato come un effetto collaterale comune ma spesso devastante all’inizio.
  • Ci sono stati circa 225.000 casi di disturbi della pelle e dei tessuti.
  • Ci sono stati circa 190.000 casi di disturbi respiratori.
  • In modo inquietante, ci sono stati oltre 178.000 casi di disturbi riproduttivi o al seno, inclusi disturbi che non ti aspetteresti, come 506 casi di disfunzione erettile negli uomini.
  • In modo molto inquietante, sono stati osservati oltre 77.000 disturbi psichiatrici dopo le iniezioni, dando credito alla ricerca del Dr. Peter McCullough che ha osservato casi di studio che mostrano la psicosi correlata alla vaccinazione.
  • 3.711 casi di tumori – benigni e maligni
  • Naturalmente, ci sono stati quasi 127.000 disturbi cardiaci, che coprivano la gamma di circa 270 categorie di danni cardiaci, inclusi molti disturbi rari, oltre alla miocardite.
  • Ci sono stati oltre 100.000 disturbi del sangue e del sistema linfatico, per entrambi esiste una vasta letteratura che li collega alla proteina spike.

Quando si legge ciò che Pfizer sapeva fin dall’inizio, confrontato con studi indipendenti, è chiaro che nessuno avrebbe potuto scambiare la maggior parte di questi effetti collaterali per semplici disturbi accidentali. Ecco un elenco di 3.129 casi di studio che descrivono le lesioni da vaccino in ogni sistema d’organo osservate in questo documento di Pfizer.

Ciò che è così sconcertante è che ci sono centinaia di disturbi neurologici molto rari che riflettono qualcosa di sistemicamente sbagliato con le iniezioni, una realtà che chiaramente non preoccupava né i produttori né le autorità di regolamentazione. Uno dei casi più famosi di lesioni da vaccino è quello di Maddie de Garay, un’adolescente dell’Ohio che è rimasta disabile a vita subito dopo aver partecipato alla sperimentazione clinica della Pfizer. La sua storia è raccontata nel capitolo 16 del mio libro. Ho controllato questo documento riservato e ho scoperto che erano noti 68 casi della sua rara diagnosi, la polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica.

 

 

L’ampia portata delle lesioni che interessano ogni singolo sistema di organi è semplicemente straordinaria. Eppure, ancora oggi, la FDA continua a etichettare in modo criminale il vaccino Pfizer come sicuro ed efficace. Ancora oggi, l’etichetta indica che l’iniezione è un vaccino completamente protettivo e non menziona tutti questi effetti collaterali, come richiesto dalla legge.

Recentemente, Peter Doshi, redattore del British Medical Journal, ha scritto una lettera alla FDA chiedendo che l’agenzia aggiorni l’etichettatura per riflettere la realtà di ciò che abbiamo imparato sulle iniezioni. In particolare, ha chiesto di includere nell’etichetta i seguenti effetti collaterali: sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini, embolia polmonare, morte cardiaca improvvisa, disturbi neuropatici e autonomici, diminuzione della concentrazione di sperma, sanguinamento mestruale abbondante e rilevamento dell’mRNA del vaccino nel latte materno. La relazione causale di tutti questi effetti collaterali con il vaccino è supportata da ricerche, indagini e sistemi di segnalazione degli eventi avversi.

Purtroppo, la FDA ha negato la relazione causale tra questi effetti collaterali e le iniezioni di COVID. Anche per quanto riguarda la richiesta di chiarire sul bugiardino che le iniezioni non bloccano la trasmissione, l’FDA ha risposto: “Non siamo convinti che ci sia un’idea sbagliata diffusa al riguardo”.

“La segnalazione nei bugiardini dei prodotti deve essere informativa e accurata, non propagandistica. La legge lo richiede e il rispetto della legge non dovrebbe essere facoltativo”, lamentano Doshi e gli altri autori in un articolo pubblicato su TheHill.com.

La questione è se i repubblicani alla Camera costringeranno la FDA a rispettare la legge usando la leva degli stanziamenti per la FDA e l’HHS. Finora non c’è stata alcuna resa dei conti per il loro falso marketing e per il devastante tributo umano che è costato. E questo è solo il tributo umano a breve termine.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments