Molnupiravir è un antivirale orale prodotto dalla Merck che riduce la capacità del SARS CoV 2 (il virus che provoca COVID 19) di moltiplicarsi nell’organismo aumentando il numero di mutazioni del materiale genetico (RNA) del virus, in modo da renderlo incapace di replicarsi. Ma ci sono alcune informazioni che si dovrebbero sapere per avere un quadro più completo. Ce le spiega nel suo articolo Daniel Horowitz, pubblicato su The Blaze, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

molnupiravir della Merck
molnupiravir della Merck

 

La FDA ha rifiutato per 20 mesi persino di esaminare l’approvazione di farmaci riproposti [per la COVID-19] economici, sicuri ed efficaci, nonostante le montagne di prove di studi che garantiscono la loro efficacia e sicurezza. Così, naturalmente, ora che l’agenzia è sulla buona strada per rilasciare un’autorizzazione all’uso di emergenza al primo farmaco ambulatoriale per COVID, questa deve essere la cosa più grande dopo la penicillina, giusto? Sbagliato! Infatti, il farmaco è così pericoloso e ha così tanti effetti collaterali conosciuti e sconosciuti che i membri del comitato consultivo della FDA hanno praticamente ammesso che questa è stata una decisione “difficile” e che potrebbero annullare l’autorizzazione in seguito. Questa decisione rende il loro rifiuto di ivermectina, fluvoxamina, nitazoxanide e idrossiclorochina ancora più indifendibile.

Se vi è piaciuto il remdesivir, vi piacerà sicuramente il molnupiravir della Merck, che è stato sviluppato con l’aiuto delle stesse entità che sorvegliano la sua approvazione sulla base di dati errati prodotti dalla stessa azienda che sta guadagnando più di 1 miliardo di dollari dal governo federale. Nessun conflitto di interessi di sorta!

Ieri, il Comitato consultivo per i farmaci antimicrobici della FDA ha votato 13-10 per approvare molnupiravir a 800 milligrammi due volte al giorno per cinque giorni di trattamento COVID per le persone nelle categorie a rischio. Ha ancora bisogno dell’approvazione ufficiale della FDA e del CDC prima che possa essere utilizzato, ma la soluzione è stata a lungo.

Come riporta la CNBC, anche coloro che hanno votato per il farmaco hanno ammesso che è stata una decisione difficile e hanno chiesto di rivedere l’autorizzazione lungo la strada. Hanno ammesso, come ho avvertito, che questo farmaco può essere mutageno e causare difetti alla nascita, oltre al fatto che i dati ……….(parola da me soppressa, ndr) della Merck mostrano che l’efficacia è molto modesta.

“Data la grande popolazione potenziale interessata, il rischio di effetti diffusi su potenziali difetti di nascita, specialmente effetti ritardati sul maschio, non è stato adeguatamente studiato”, ha avvertito il dottor Sankar Swaminathan, uno specialista di malattie infettive presso l’Università dello Utah School of Medicine, che ha votato no.

Come riporta la CNBC:

La FDA e la Merck hanno entrambe raccomandato di non usare il farmaco nei bambini e nelle donne incinte. Il molnupiravir è stato trovato essere letale per gli embrioni nei ratti gravidi, causando anche difetti di nascita e riducendo il peso corporeo del feto. Ha anche causato altri difetti che hanno interferito con la crescita delle ossa nei giovani cuccioli, insieme ad altre anomalie, i dati dimostrano.

Proprio come i vaccini e il remdesivir, questo farmaco colpisce la tripla corona – fallisce sull’efficacia, causa lesioni, e induce anche mutanti e fuga virale, possibilmente rendendo il virus peggiore. Nel documento di briefing della FDA sul farmaco per la riunione di ieri, si afferma chiaramente che “ci sono potenziali problemi di sicurezza relativi al MOV, compresa la tossicità embriofetale, la tossicità delle ossa e della cartilagine e la mutagenicità”. Osservano anche che ci sono prove che il molnupiravir “può aumentare il tasso di cambiamenti nella proteina spike virale, che, in teoria, potrebbe aumentare l’evoluzione della proteina spike della SARS-CoV-2”.

“Di particolare interesse, in alcuni partecipanti, il trattamento MOV è stato associato a cambiamenti di aminoacidi in siti/regioni di spike che sono probabilmente sotto pressione immunitaria o altre pressioni evolutive”, avverte l’ex guardiano che ora è diventato un collaboratore di Big Pharma. Questo suona molto simile all’avvertimento del Dr. Geert Vanden Bossche sui vaccini che esercitano una pressione evolutiva sul virus, che probabilmente ha portato a renderlo più resistente quest’anno che nel 2020. “Collettivamente, queste analisi indicano che il trattamento MOV può aumentare il tasso di emergenza delle popolazioni di SARS-CoV-2 con cambiamenti di aminoacidi nella proteina spike virale, coerente con il suo meccanismo d’azione mutageno”, avverte la FDA.

Tuttavia, il dottor Michael Green, uno specialista di trapianti pediatrici presso l’Università di Pittsburgh School of Medicine Division of Infectious Diseases, ha detto che la mancanza di terapie disponibili ha spinto lui e altri a votare per approvare il farmaco.

Il problema è che dopo aver corso un rischio così sconosciuto per un farmaco che non ha mai avuto successo e ha problemi di sicurezza noti, l’efficacia è molto modesta. Persino la sperimentazione della Merck stessa mostra un’efficacia quasi nulla per la Delta, e tutti sappiamo ormai quanto possano essere affidabili i dati del produttore stesso!

 

Ancora più bizzarro, dopo che Merck ha annunciato una riduzione del 50% dei ricoveri dalla prima fase della sperimentazione annunciata in ottobre, solo la scorsa settimana la società ha annunciato che l’efficacia combinata è scesa al 30%. Come alcuni hanno sottolineato, questo solleva serie preoccupazioni su ciò che è successo con la sperimentazione del farmaco, dato che i dati della sola fase 2 indicherebbero un’efficacia negativa per il farmaco, con il 4,7% di ricoveri nel gruppo placebo rispetto al 6,2% nel gruppo molnupiravir.

Inoltre, ricordiamo che ha già cannato in termini di efficacia per la COVID moderata e non ha mai avuto il potenziale di funzionare in fase avanzata perché non è antinfiammatorio come l’ivermectina. La FDA ammette in anticipo che non c’è alcun beneficio provato dopo il quinto giorno di sintomi.

Quindi, stiamo scambiando così tanti rischi di lesioni e di peggioramento del virus per una breve finestra di efficacia potenzialmente modesta ad un costo di 700 dollari a persona. Se questo è lo standard per l’approvazione durante un’emergenza, come mai la FDA potrebbe rifiutarsi di dare il via libera a farmaci che hanno già stabilito un robusto profilo di sicurezza per decenni, quando studi indipendenti da persone che non hanno alcun beneficio mostrano un’efficacia molto maggiore e per un più ampio spettro di malattie a un prezzo più economico?

La FDA e il NIH sono disposti a dare un farmaco noto per i difetti congeniti con bassa efficacia alle donne in età fertile in regime ambulatoriale, ma non permetteranno nemmeno un farmaco da premio Nobel (Ivermectina, ndr) più sicuro del Tylenol come ultima risorsa a qualcuno che sta morendo.

Sciacquare semplicemente il naso e la bocca con Betadine all’inizio dei sintomi o preventivamente funziona meglio di questo farmaco, secondo i dati della stessa Merck.

Di nuovo, perché il nostro governo si rifiuta di raccomandare una qualsiasi di queste terapie e trattamenti, ma continua a sostenere il remdesivir e ora approva il molnupiravir, due farmaci pericolosi e probabilmente inefficaci? E cosa ci dice questo sul processo e sulla trasparenza dietro la percezione della sicurezza e dell’efficacia dei vaccini da parte della FDA?

Non ci sono risposte innocenti a queste domande.

Janet Cragan, un funzionario medico del CDC e un membro del comitato consultivo della FDA, ha bizzarramente ammesso alla riunione di martedì che “ci sono preoccupazioni definite circa i potenziali effetti di questo farmaco sull’embrione e sul feto”, ma poi ha detto che ha problemi a negare il farmaco alla gente! “Non credo che si possa eticamente dire che va bene dare questo farmaco in gravidanza. [Ma] non sono sicura che si possa dire a una donna incinta che ha il Covid-19 che non può avere il farmaco se ha deciso che è quello di cui ha bisogno”.

Beh, che ne dite di negare il farmaco più sicuro in circolazione a tutti quelli che hanno il COVID da 20 mesi?!?!!

Roy Baynes, il dirigente della Merck alla riunione, ha persino avuto il coraggio di suggerire che non spetta alla FDA dire ai medici di non usare il farmaco anche nelle donne incinte! “Ma penso che l’idea qui sia che alla fine il medico è la posizione migliore per determinare il relativo rischio-beneficio per i loro pazienti”, ha detto Baynes.

Con i suoi otto meccanismi d’azione contro la COVID e il premiato profilo di sicurezza stabilito da decenni, l’ivermectina batte il molnupiravir in ogni considerazione. Come ha osservato un articolo del 2017 pubblicato su Nature’s Journal of Antibiotics, “Pochi, se non nessuno, altri farmaci possono rivaleggiare con l’ivermectina per il suo impatto benefico sulla salute e il benessere umano.” Gli autori hanno osservato che “l’ivermectina continua a sorprendere ed entusiasmare gli scienziati, offrendo sempre più promesse per contribuire a migliorare la salute pubblica globale trattando una vasta gamma di malattie, con il suo potenziale inaspettato come agente antibatterico, antivirale e anticancro particolarmente straordinario.” Hanno fortuitamente previsto: “Essenzialmente, un farmaco unico, multiforme ‘meraviglia’ del passato e del presente può ancora diventare un farmaco ancora più eccezionale del futuro”. Purtroppo, il nostro governo sta negando quel futuro e quello di molti altri importanti farmaci sicuri e fuori brevetto.

Chiunque non riesca a vedere il conflitto di interessi in questa potente giustapposizione è volontariamente cieco alla ………………(parola da me soppressa, ndr) irrimediabile del NIH, del CDC e della FDA.

 

 

 

Facebook Comments