Daniel Horowitz nel suo articolo pubblicato su The Blaze, dice di non non prendere alla leggere le affermazioni fatte da Bill Gates su una potenziale futura epidemia di vaiolo. Ecco l’articolo di Horowitz che vi propongo nella mia traduzione. 

 

vaccino antivaiolo
vaccino antivaiolo

 

Chi ha seguito la presentazione speciale di Glenn Beck mercoledì sera sulle origini della SARS-CoV-2 ha capito che persone come Bill Gates hanno passato più di un decennio a finanziare la ricerca sul gain-of-function del coronavirus e, curiosamente, a mettere in guardia sull’arrivo di una pandemia di coronavirus. Quindi, con Bill Gates che insinua che potrebbe esserci una pandemia di vaiolo – un’idea che fino a pochi anni fa avremmo deriso come la teoria della cospirazione per eccellenza – dovremmo prestare molta attenzione.

Qual è la probabilità che meno di due settimane dopo che il più noto finanziatore globale della ricerca sui vaccini ha avvertito di un’epidemia del virus del vaiolo, ormai estinto da tempo, in un laboratorio della Merck compaiano fiale di vaiolo discutibili? Questo è il mondo in cui viviamo, o forse il mondo che i nostri padroni globalisti hanno creato.

Nel corso di un’intervista del think tank Policy Exchange con il presidente del Comitato ristretto per la salute e l’assistenza sociale del Parlamento britannico ed ex segretario alla Sanità del Regno Unito Jeremy Hunt, Bill Gates ha casualmente e scioccamente messo in guardia da un attacco bioterroristico contro il vaiolo. “Dite, ok, e se un bioterrorista portasse il vaiolo in 10 aeroporti? Come reagirebbe il mondo?”, ha chiesto retoricamente Gates nell’inquietante intervista del 4 novembre con Hunt. “Ci sono epidemie causate naturalmente ed epidemie causate dal bioterrorismo che potrebbero essere anche molto peggiori di quelle che abbiamo vissuto oggi”.

Non c’è alcuna prova che un’organizzazione terroristica si sia concentrata su questo problema, che nel decennio precedente era una delle preoccupazioni della nostra comunità antiterroristica.

Lunedì sera, alle porte di Filadelfia, Yahoo News ha riferito che il CDC sta mettendo in quarantena e l’FBI sta indagando su 15 “fiale discutibili” rinvenute nel congelatore di un laboratorio della Merck a North Wales, in Pennsylvania, di cui 10 etichettate come “Vaccinia” e le altre cinque come “Vaiolo”.

Come riporta Yahoo: “Le fiale congelate con l’etichetta “Vaiolo” sono state scoperte casualmente da un addetto di laboratorio mentre ripuliva il congelatore di una struttura che conduce ricerche sui vaccini in Pennsylvania”, ha dichiarato il CDC in una dichiarazione a Yahoo News. “Il CDC, i suoi partner amministrativi e le forze dell’ordine stanno indagando sulla questione e il contenuto delle fiale sembra intatto. L’operatore di laboratorio che ha scoperto le fiale indossava guanti e una maschera facciale. Forniremo ulteriori dettagli non appena saranno disponibili”.

Il termine “vaccinia” è legato all’agente patogeno che causa il vaiolo ed è stato utilizzato come base per creare il vaccino contro il vaiolo. Infatti, l’etimologia della parola vaccino risale alla fine del XVIII secolo, quando il vaiolo bovino fu usato come precursore del vaccino contro il vaiolo. “Mucca” in latino è “vacca”.

È risaputo che per Merck è illegale tenere una fiala del genere in un congelatore. Qual è la spiegazione di Merck per averla conservata nel suo congelatore in un magazzino a caso?

In tempi normali, queste preoccupazioni sarebbero state ignorate, ma la scoperta di un agente patogeno etichettato e almeno il simbolismo dell’antidoto accanto ad esso – a seguito di un avvertimento da parte del papa mondiale dei vaccini – in realtà imita quasi perfettamente la preparazione del COVID.

 

Breve storia di come siamo arrivati a questo punto: coronavirus e vaccini

Per due decenni, c’è stata una rete ininterrotta di persone come Fauci, Gates, Peter Daszak e Ralph Baric che hanno lavorato alla ricerca sul gain-of-function del coronavirus, perseguendo vaccini contro il coronavirus e avvertendo dell’imminenza di un’epidemia. Quindi dovremmo prendere sul serio queste persone quando avvertono di altri focolai, perché evidentemente sono “al corrente”.

Ecco solo una piccola parte della storia del virus:

  • Nel gennaio 2010, Bill Gates aveva previsto che avremmo inaugurato il “decennio dei vaccini”.
  • Nel 2012, il NIH ha collaborato con Moderna, un’oscura start-up, per creare vaccini mRNA. Stanno ancora litigando per i diritti di brevetto fino ad oggi.
  • Il 9 settembre 2013, Ralph Baric, il medico dietro la ricerca sul guadagno di funzione del coronavirus presso l’UNC Chapel Hill in collaborazione con il laboratorio di Wuhan, ha annunciato una sovvenzione di 10 milioni di dollari dal NIAID di Fauci “per studiare l’attività patogena dei virus, compresi quelli che comportano grave sindrome respiratoria acuta (SARS), sindrome respiratoria mediorientale (MERS), Ebola, influenza altamente patogenica e virus dell’herpes HHV8”, che aiuterà a “identificare nuovi bersagli per l’intervento terapeutico e migliorare le strategie per la progettazione del vaccino”.
  • Nel novembre 2015, Baric e compagnia pubblicano la loro scoperta sulla rivista Nature sulla decifrazione del codice per il trasferimento del coronavirus dai pipistrelli ai topi con tessuto polmonare umano che ora è patogeno e può creare un’epidemia. Il mese scorso, il NIH ha finalmente ammesso in una lettera alla Commissione della Camera per l’energia e il commercio che l’agenzia ha effettivamente finanziato il sostegno di EcoHealth a Baric, insieme al laboratorio di Wuhan che è riuscito a migliorare un coronavirus di pipistrello per renderlo più contagioso per l’uomo. Il NIH ha accusato EcoHealth e ha definito la ricerca rivoluzionaria “un risultato inaspettato”.

Ora si consideri il fatto che il 10 gennaio 2017 Fauci ha tenuto un discorso alla conferenza della Georgetown University sulla “Preparazione alle pandemie nella prossima amministrazione” e ha avvertito che “sicuramente” ci sarà un’altra pandemia. Ha concluso il suo discorso (intorno al minuto 38:25) avvertendo che “l’amministrazione che arriverà nei prossimi giorni” dovrà affrontare una pandemia. Dopo aver elencato alcune potenziali pandemie, ha audacemente predetto: “Ciò che è certo è che, a prescindere da tutto, la storia ci ha detto definitivamente che accadrà”. E ha aggiunto: “La cosa di cui siamo straordinariamente fiduciosi è che lo vedremo nei prossimi anni”.

Una cosa è dire che bisogna sempre essere pronti per una pandemia senza precedenti, ma prevedere in modo definitivo e con straordinaria sicurezza che si verificherà entro “pochi anni”, sicuramente entro il mandato del prossimo presidente? È davvero inquietante, visto che ha finanziato proprio la ricerca che probabilmente ha creato il virus.

Ma forse i suoi commenti potrebbero essere liquidati come una profezia apocalittica da parte di un uomo esperto di malattie infettive… se non fosse per un gioco di guerra batteriologica che l’amministrazione Obama ha giocato con il team di transizione di Trump appena tre giorni dopo, accompagnato da un inquietante cambiamento di politica di cui Trump non era certamente a conoscenza. Lo scorso marzo, Lisa Monaco, consigliere di Obama per la sicurezza interna e l’antiterrorismo, ha rivelato su “Foreign Affairs” che il 13 gennaio 2017 i funzionari della sicurezza nazionale di Obama hanno tenuto un’esercitazione di guerra contro le pandemie con i membri del team di transizione dell’amministrazione Trump entrante. Ha descritto lo scenario come segue: “Un nuovo virus si stava diffondendo con una velocità allarmante, causando interruzioni dei trasporti globali, interruzioni della catena di approvvigionamento e il crollo dei prezzi delle azioni. Con un vaccino lontano molti mesi, l’infrastruttura sanitaria degli Stati Uniti era messa a dura prova”.

Tuttavia, ciò che l’autrice non rivela, ma che Peter Breggin ha evidenziato nel suo libro “COVID-19 e i predatori globali“, è che quello stesso giorno del 2017 la FDA ha pubblicato nel Registro Federale un nuovo regolamento che “rafforza l’autorità della FDA” di supervisionare politiche e prodotti in caso di “influenza pandemica”. In particolare, il regolamento “consente all’FDA di derogare ai requisiti delle buone pratiche di fabbricazione correnti altrimenti applicabili (ad esempio, conservazione o manipolazione) per soddisfare le esigenze di risposta alle emergenze” e permette al CDC “di creare ed emettere “istruzioni per l’uso di emergenza” relative alle condizioni di utilizzo approvate dall’FDA per i prodotti idonei”.

I “prodotti medici” interessati da queste modifiche, definiti “contromisure mediche” (MCM), comprendono “farmaci (ad esempio, antivirali e antidoti), prodotti biologici (ad esempio, vaccini, prodotti del sangue e terapie biologiche) e dispositivi (ad esempio, diagnostici in vitro e dispositivi di protezione individuale)”.

Ci sono molte altre reti interconnesse, ma andiamo avanti fino al 18 ottobre 2019, presumibilmente due mesi prima della pandemia, e la Gates Foundation, in collaborazione con la Johns Hopkins University e il World Economic Forum – i tre principali attori di questa evasione – ha tenuto l'”Evento 201″, che ha simulato “un’epidemia di un nuovo coronavirus zoonotico trasmesso dai pipistrelli ai maiali alle persone che alla fine diventa efficacemente trasmissibile da persona a persona, portando a una grave pandemia”.

Qual è la natura dell’agente patogeno? “L’agente patogeno e la malattia che provoca sono modellati in gran parte sulla SARS, ma è più trasmissibile in ambito comunitario da persone con sintomi lievi”.

Qual era lo scopo della simulazione? Tra le altre cose, “i governi, le organizzazioni internazionali e le imprese dovrebbero pianificare ora l’utilizzo delle capacità aziendali essenziali durante una pandemia su larga scala”.

E come si dice, il resto è storia.

Altre date e documenti importanti nella cronologia dell’insabbiamento sono disponibili qui.

 

Deja vu con il vaiolo?

Quindi, quando Bill Gates mette in guardia dal vaiolo proprio prima che vengano scoperte fiale di vaiolo e nella stessa settimana una donna del Maryland risulta positiva al test del vaiolo delle scimmie, dovremmo prestare attenzione.

Ma non è questo il punto. Proprio come nel caso del coronavirus, stavano già lavorando a una “cura”. Il 4 giugno, il CDC ha approvato a caso un farmaco contro il vaiolo, il Tembexa (brincidofovir), perché “da tempo si teme che il virus che causa il vaiolo, il virus della variola, possa essere usato come arma biologica”.

È risaputo che nessuna azienda farmaceutica spenderà centinaia di milioni per sviluppare un farmaco per una malattia eradicata, sulla quale non c’è modo di guadagnare miliardi di profitti. Ora, anche se questo farmaco esisteva già in passato e lo stanno riproponendo per il vaiolo, il processo costa comunque milioni. Perché?

E a proposito della storia di questo farmaco, sembra molto simile a quella dei farmaci approvati per il COVID, tra cui il remdesivir. È emerso che, come il remdesivir di Gilead e il molnupiravir di Merck, il brincidofovir era un farmaco riproposto fallito con problemi di sicurezza. Il suo produttore, Chimerix, ha condotto tre studi di Fase 3 falliti per l’indicazione dell’adenovirus, e ha fatto fiasco! Inoltre, è accompagnato da un’avvertenza FDA “black box” per l’uso nel vaiolo, per l’aumento della mortalità dopo l’assunzione di più di due dosi, sulla base di quegli stessi studi falliti!

 

 

Quindi, proprio come il remdesivir, il farmaco che intendono utilizzare è un farmaco costoso e coperto da brevetto, anche se riproposto. Ma a differenza dell’ivermectina, che era straordinariamente sicura ed efficace per il suo uso originario – e che tuttavia è osteggiata a gran voce dalla cabala – questi farmaci hanno fallito miseramente nelle loro indicazioni originarie. Proprio come gli altri due farmaci COVID falliti approvati dalla FDA – il baricitinib e il tofacitinib – questo farmaco antivaioloso è accompagnato da un avviso di scatola nera della FDA!

Nella sua lettera di approvazione del 4 giugno, l’FDA afferma di non aver condotto alcuno studio di sicurezza sull’uomo e di essersi affidata alla “Regola degli animali”, “che consente ai risultati di studi di efficacia su animali adeguati e ben controllati di servire come base per l’approvazione quando non è fattibile o etico condurre studi di efficacia sull’uomo”. Ma questo avviene solo quando le precedenti indicazioni approvate dimostrano che il farmaco è sicuro ed efficace, così da poter essere riproposto per un’indicazione secondaria nella sua stessa formulazione sulla base di studi sugli animali… ad esempio, un farmaco come l’ivermectina può essere utilizzato come antivirale dopo l’approvazione per i parassiti, perché era così sicuro ed efficace. Ma questo farmaco si è dimostrato insicuro e inefficace al punto che non ha mai ottenuto l’approvazione per la sua indicazione primaria e ora viene utilizzato per un’indicazione secondaria senza uno studio sull’uomo!

In genere, la cura viene creata dopo la malattia, ma in questo caso forse la malattia sta arrivando per “curare” quello che loro percepiscono come un disturbo tra noi, la gente. E forse le “cure” proposte assomiglieranno molto ai disturbi, proprio come abbiamo visto con gli shottini, il remdesivir, il baricitinib e il tofacitinib – e molto probabilmente vedremo con i nuovi farmaci COVID di Merck e Pfizer.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments