Inquietante questo articolo che vi propongo scritto da Daniel Horrowitz, pubblicato su Conservative Review. Eccolo nella mia traduzione. 

 

vaccini covid bambino bambini

 

La questione più grave e imminente che affligge questo Paese non è stata nemmeno menzionata negli exit poll. È il problema delle “morti improvvise”. Ogni giorno scopriamo ricerche sempre più schiaccianti sull’entità delle morti e delle lesioni causate dalle iniezioni che ancora oggi sono promosse dal governo come mai prima d’ora. Ora, cosa intendono fare i repubblicani, che controllano la Camera e metà dei governi statali? Qual è il loro piano per fermare queste iniezioni, risarcire le vittime e garantire che questa tecnologia non venga più sviluppata? In realtà, non solo i repubblicani non discutono nemmeno la questione, ma la maggior parte dei dipartimenti sanitari degli Stati rossi (dove governano i repubblicani, ndr) continua a promuovere le iniezioni. Persino l’Australia sta ritirando le iniezioni per i giovani di età inferiore ai 30 anni. La Florida rimane ancora l’unico Stato degli Stati Uniti a farlo.

Sin dal primo giorno della campagna vaccinale, sapevamo che il VAERS stava mostrando una profondità, un’ampiezza e una portata senza precedenti dei danni da vaccino. Ecco le cifre attuali, per gentile concessione di Open VAERS (un sito di sorveglianza, non un sito governativo), che includono i non americani:

 

VAERS – Legenda: Deaths=morti Bell’s palsy=paralisi di Bell Heart attack=attacchi di cuore Permanently disabled=inabilità permanente Miscarriages=aborti spontanei

 

Fin dal primo giorno, questo farmaco ha superato i limiti massimi dei livelli di allarme tipici dei sistemi di farmacovigilanza, che in genere farebbero scattare l’interruzione automatica dell’autorizzazione del prodotto. Invece ha continuato a essere finanziata, promossa e, in alcuni casi, resa obbligatoria.

Sapevamo anche che questi terribili livelli di danno erano probabilmente sottostimati, ma non riuscivamo a individuare il livello esatto. Ebbene, ora, grazie ai dati V-SAFE del CDC resi noti dal tribunale (lo studio dell’avv. Siri ha chiesto l’accesso agli atti, ndr), possiamo dimostrare che VAERS è probabilmente sottostimato di 26 volte. Grazie all’assiduo lavoro dell’avvocato Aaron Siri per conto dell’Informed Consent Action Network, ora sappiamo che il CDC ha sempre tenuto traccia delle lesioni da vaccino attraverso il programma V-SAFE, con il quale oltre 10 milioni di americani hanno accettato di tenere traccia dei propri eventi avversi e di segnalarli al CDC tramite un’applicazione telefonica. Tra questi 10 milioni di persone, si sono verificati oltre 70 milioni di eventi avversi e quasi l’8% di questi 10 milioni ha dovuto ricorrere a cure mediche, spesso più volte, per far fronte alla lesione o al disturbo. Circa un quarto di tutti gli individui ha dovuto perdere il lavoro il giorno successivo. E 4,2 milioni dei 70 milioni di disturbi sono stati classificati come gravi. Si tratta di dati concreti che sono stati nelle mani del CDC per oltre un anno e mezzo e che non sono stati resi noti al pubblico.

Ora, i ricercatori di Open VAERS hanno scoperto un modo per verificare quanti dei pazienti con voci V-SAFE hanno compilato un rapporto VAERS. Ecco cosa hanno scoperto:

Il campo SPLTTYPE di VAERS ci permette di vedere quali segnalazioni provengono da V-Safe. Non è un campo che si può cercare in Wonder, ma si può cercare sul sito web OpenVAERS. Abbiamo anche una nuova pagina che suddivide i sintomi e gli eventi V-Safe.

Poiché 782.913 partecipanti al V-Safe hanno richiesto cure mediche, allora 782.913 partecipanti al V-Safe avrebbero dovuto ricevere una telefonata che diceva loro di compilare un rapporto VAERS e ci sarebbero dovuti essere 782.913 rapporti in VAERS con la dicitura “vsafe”.

Questo non è accaduto. Invece, ci sono solo 30.492 segnalazioni V-Safe in VAERS.

30.492 (rapporti VAERS effettivi da v-Safe) / 782.913 (persone danneggiate che sono state istruite a presentare un rapporto) = 3,89% del numero che dovrebbe essere presente. O, in altre parole, un URF di 26x. E questo è tutto, gente. Questo è il sottocontatore.

La dottoressa Jessica Rose ha maggiori dettagli nel suo Substack.

Tenete presente che si tratta di un URF di 26 per le lesioni più gravi che hanno richiesto cure mediche. Si può tranquillamente supporre che il fattore di sottodenuncia sia ancora maggiore per le lesioni più lievi. Tuttavia, si tratta di persone che hanno segnalato la lesione nell’applicazione del CDC, ma che non hanno comunque presentato un rapporto VAERS. Questo ci dà un numeratore e un denominatore solidi, direttamente dal CDC, su un campione di grandi dimensioni, che mostra che solo uno su 26 degli infortunati da vaccino, in media, ha compilato un rapporto VAERS. Passiamo ora in rassegna alcuni dei dati principali del VAERS solo per gli Stati Uniti:

 

VAERS – Legenda: Deaths=morti Bell’s palsy=paralisi di Bell Heart attack=attacchi di cuore Permanently disabled=inabilità permanente Miscarriages=aborti spontanei

 

Moltiplicando questi numeri per 26, nel tentativo di ottenere una stima approssimativa del probabile universo di lesioni da vaccino negli Stati Uniti, si otterrebbe l’entità delle morti e delle lesioni reali:

392.496 morti!
1,852 milioni di ricoveri ospedalieri
2,751 milioni di visite di pronto soccorso
4,55 milioni di visite mediche
61.750 anafilassi
154.336 palpitazioni di Bell
47.164 aborti spontanei
161.226 attacchi di cuore
237.848 miocarditi/pericarditi
205.062 herpes zoster
349.674 lesioni pericolose per la vita

Sebbene nessuno di questi numeri sia esatto e rifletta semplicemente l’estrapolazione di un URF di base che probabilmente non è uniforme per ogni disturbo, si tratta dell’URF medio del programma di farmacovigilanza del CDC. Anche se i numeri fossero un quarto o un quinto di questi valori massimi, si tratterebbe di un genocidio governativo di proporzioni epiche. Ora, potrebbe benissimo essere che l’URF sia più basso per i decessi che per le lesioni (V-SAFE non teneva traccia dei decessi), ma Ethical Skeptic ha stimato quasi esattamente 400.000 decessi inspiegabili sulla base dei dati di mortalità del CDC.

 

 

Inoltre, negli ultimi sette mesi il Regno Unito ha registrato 23.287 decessi in eccesso non dovuti alla vaccinazione, che estrapolati per la popolazione statunitense corrisponderebbero a quasi 115.000 decessi in eccesso negli Stati Uniti. Non è quindi da escludere che il numero di decessi nei 22 mesi possa essere almeno tre volte superiore, in particolare l’anno scorso, quando sono state somministrate più vaccinazioni. Anche questo farebbe pensare a un numero di morti superiore a 300.000. Ma ancora una volta, anche se l’URF fosse solo un decimo, dovrebbe scuotere le nostre coscienze e far nascere immediatamente TrialsAndExecution.com.

Questi numeri sono anche in linea con altri dati in tutto il mondo. Ad esempio, uno studio retrospettivo e trasversale su circa 1.000 giovani tra i 12 e i 18 anni che hanno ricevuto l’iniezione di COVID in Arabia Saudita ha rilevato che l’1,265% delle persone del campione di studio è stato ricoverato in ospedale, il che, estrapolato per la popolazione statunitense, corrisponde a 2,82 milioni di persone (come percentuale di coloro che hanno ricevuto l’iniezione in patria). Questo potrebbe rientrare nell’estrapolazione di cui sopra, a seconda di dove si traccia la linea di demarcazione tra cure urgenti e ricoveri. Basandomi sui dati assicurativi della Germania, ho già estrapolato che se la stessa percentuale negli Stati Uniti si rivolgesse alle cure mediche per un infortunio, il totale sarebbe di oltre 9 milioni di pazienti. Questo è all’incirca il risultato che si ottiene sommando i numeri VAERS relativi a ricoveri, cure urgenti e visite mediche moltiplicati per l’URF di 26 di V-SAFE.

Se questo è il grado di danno catastrofico causato negli Stati Uniti, potete immaginare l’entità di morti e feriti nel mondo? Si consideri che negli Stati Uniti sono state somministrate 646 milioni di dosi.

 

 

Se 646 milioni di dosi hanno potenzialmente provocato 392.000 morti, quanti decessi si sono verificati a livello globale dopo la somministrazione di 12,94 miliardi di dosi? Supponendo che il tasso di lesioni sia all’incirca lo stesso e uniforme, si arriverebbe a 7,855 milioni di morti per iniezione COVID a livello globale. Se si estrapola a livello globale il tasso di lesioni di livello clinico negli Stati Uniti – definito da una visita medica, una visita di assistenza urgente o un ricovero in ospedale – si arriverebbe a 183 milioni di lesioni di livello clinico da vaccino COVID nel mondo.

Ovviamente si tratta di un calcolo a ritroso, ma anche se i numeri fossero una frazione di questa somma, si tratterebbe di un genocidio di proporzioni epiche. In ogni caso, questa dovrebbe essere la questione più urgente del nostro tempo.

Come mai queste iniezioni vengono ancora somministrate negli Stati rossi (dove governano i repubblicani, ndr)? Com’è possibile che i repubblicani non abbiano promesso nemmeno di indagare sui danni, tanto meno di bloccare questa tecnologia? Ricordiamo che Pfizer e Moderna hanno in fase di sviluppo numerose altre iniezioni (tra cui persino un vaccino contro l’overdose di fentanyl!) che ora stanno per approvare senza una legittima sperimentazione sull’uomo. Com’è possibile che Trump continui a evitare questo problema e anzi elogi i vaccini come il suo più grande risultato?

A differenza dell’aborto, la maggior parte delle persone non ha un consenso illuminato su queste iniezioni. Anche quando non sono obbligatori, sono comunque fortemente incoraggiati in molti ambienti, e a molte persone vengono negati interventi o trapianti di organi senza di essi. Come può questo non essere il più grande problema pro-vita di tutti i tempi? Eppure non è nemmeno il problema numero 100 nella mente dei nostri signori repubblicani. Le elezioni contano, dopotutto?

Daniel Horowitz

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email