Le case farmaceutiche stanno facendo di tutto per distribuire prodotti sperimentali a base di mRNA, con effetti collaterali non del tutto conosciuti, che finiranno inevitabilmente nelle braccia dei nostri bambini. Di seguito vi propongo un articolo scritto da Danel Horovitz, pubblicato su Conservative Review. Eccolo nella mia traduzione. 

 

vaccini covid bambini vaccinazione
(Photo by David Ryder/Getty Images)

 

A questo punto non c’è più nessuno che possa ignorare i pericoli delle iniezioni di mRNA COVID. Invece di ritirarle dal mercato e di indagare immediatamente su chi sapeva cosa e quando, le stesse aziende stanno presentando alla FDA la richiesta di introdurre immediatamente sul mercato altre iniezioni di mRNA. Saranno immediatamente sostenuti da tutti i dipartimenti sanitari delle contee e degli stati e promossi da tutti i pediatri finché non saranno nelle braccia di tutti i neonati. I vaccini mRNA contro l’influenza e l’RSV (Virus Respiratorio Sinciziale, ndr) sono dietro l’angolo e, se gli Stati non pongono barriere legali al loro rilascio, potrebbero causare danni ancora maggiori dei vaccini COVID, ammesso che sia possibile.

Moderna è così sfacciata e spudorata che, mentre milioni di persone soffrono per la loro prima iniezione di mRNA, l’azienda annuncia che le sue nuove iniezioni di RSV a base di mRNA sono… avete indovinato… efficaci all’84%. Beh, a giudicare dal vaccino COVID, che si è dichiarato efficace al 94% fin dal primo giorno ma che in realtà sta subendo un attacco di efficacia negativa, possiamo solo immaginare quanto possa essere “sicuro ed efficace” un vaccino pubblicizzato come efficace “solo” all’84%. Albert Bourla di Pfizer ha anche annunciato che l’azienda presenterà un vaccino antinfluenzale a base di mRNA a giugno o luglio e poi un altro vaccino combinato coronavirus/influenzale basato su una piattaforma a mRNA nel corso dell’anno.

Dopo che Moderna ha fatto trapelare i risultati di primo piano del proprio studio interno (naturalmente non sono necessari studi di terzi), Stephane Bancel, amministratore delegato dell’azienda, ha dichiarato alla CNBC a Davos che l’azienda è stata in grado di completare tutte e tre le fasi dello studio clinico sul vaccino RSV in un solo anno (invece di sei-otto anni) e che ora presenterà una domanda di approvazione accelerata alla FDA in modo che il vaccino sia sul mercato per il prossimo autunno. Un bel seguito alla sua rivelazione che l’azienda lavorava già al vaccino COVID prima che il virus avesse un nome!

 

 

Si consideri il fatto che l’RSV è stato il manifesto di un vaccino fallito negli anni ’60 e che l’industria farmaceutica non è riuscita a produrre un vaccino efficace per 55 anni. Eppure, dobbiamo credere che l’azienda sia stata in qualche modo in grado di decifrare magicamente il codice e, naturalmente, non riprodurrà nessuno dei problemi indotti dal vaccino COVID. Qualcuno si è mai chiesto come mai un’azienda che non è riuscita a immettere sul mercato un solo prodotto per otto anni sia potuta diventare improvvisamente protagonista della più grande pandemia di sempre e abbia poi improvvisamente più di una dozzina di prodotti a base di mRNA pronti per l’uso?

Beh, dopo aver risolto la questione di come Moderna sembra aver brevettato la sequenza del virus COVID in un farmaco contro il cancro che l’azienda stava sviluppando nel 2016, forse potremo scoprire il segreto del suo successo.

 

 

Per inciso, 11 mesi dopo che Maria Bartiromo ha chiesto a Bancel se Moderna avesse brevettato la sequenza, non ci ha ancora risposto sul motivo di questa grande coincidenza. Quello che sappiamo è che un’azienda che sembra conoscere il futuro più di un profeta biblico, ora afferma che ci saranno altre pandemie e chiarisce di avere una produzione di mRNA in ogni continente.

 

 

Prima ancora di parlare della piattaforma a RNA, dobbiamo renderci conto che l’RSV è il peggior candidato anche per un vaccino tradizionale. Una delle cose che tutti dovremmo aver osservato dalle vaccinazioni COVID è che i virus a RNA in rapida evoluzione sono inclini alla mutazione e le risposte anticorpali stimolate dalle vaccinazioni non sembrano essere adatte ai virus respiratori. Per questo motivo anche il CDC ammette che l’anno scorso l’efficacia del vaccino antinfluenzale è stata solo del 16%, il che ci fa pensare che il numero reale sia in territorio negativo. Anticorpi non ottimali o una mancata corrispondenza tra classi di anticorpi possono creare un imprinting immunitario e consentire all’organismo di tollerare maggiormente il virus o di fungere da cavallo di Troia per potenziarlo, come è accaduto con il vecchio vaccino contro l’RSV.

Il vaccino contro l’RSV del 1967 fu un vero disastro, con il conseguente ricovero in ospedale dell’80% dei neonati e dei bambini della sperimentazione clinica. Il Children’s Hospital of Philadelphia, sul suo sito web, spiega che l’iniezione di RSV è stato un esempio da manuale di anticorpi che non funzionano correttamente e che creano un aumento della malattia anticorpo-dipendente, per cui “gli anticorpi agiscono come un ‘cavallo di Troia’, permettendo all’agente patogeno di entrare nelle cellule e di esacerbare la risposta immunitaria”.

“Negli studi clinici, i bambini a cui era stato somministrato il vaccino avevano maggiori probabilità di sviluppare o morire di polmonite dopo l’infezione da RSV”, si legge sul sito web dell’importante ospedale pediatrico. “A seguito di questa scoperta, gli studi sul vaccino sono stati interrotti e il vaccino non è mai stato presentato per l’approvazione o rilasciato al pubblico”.

Dobbiamo davvero credere che Moderna abbia improvvisamente scoperto il codice per prevenire le ADE dopo che il suo vaccino COVID ha probabilmente causato una forma di potenziamento virale?

Passiamo ora alla piattaforma mRNA. Sebbene sia vero che molti dei problemi delle iniezioni di COVID derivano dalla proteina spike, motivo per cui ogni versione dell’iniezione in commercio presenta problemi, anche l’mRNA in sé è pericoloso. Ciò che dovrebbe essere evidente a chiunque a questo punto, sulla base della letteratura pubblicata abbastanza presto, è che non esiste alcuno spegnimento o modulatore dell’mRNA che codifica il corpo. Quindi, anche se non codifica il corpo per produrre qualcosa di dannoso come un picco patogeno, non c’è alcuna capacità di garantire che l’mRNA non vada in tutto il corpo producendo quella proteina, tessuto o codice per un periodo di tempo illimitato e in quantità sconosciute. Quasi nulla è puramente buono in quantità illimitate e in luoghi illimitati del corpo per un periodo di tempo illimitato.

Questo prima ancora di affrontare le questioni relative alla natura pro-infiammatoria delle nano particelle lipidiche che trasportano l’mRNA, all’involucro di polietilenglicole che le circonda e che causa reazioni autoimmuni e allergiche, e a numerosi altri materiali che non sono mai stati studiati adeguatamente. Vi sono poi numerosi studi che indicano un rischio sostanziale di trascrizione inversa dell’mRNA in DNA:

Intracellular Reverse Transcription of Pfizer BioNTech COVID-19 mRNA Vaccine BNT162b2 In Vitro in Human Liver Cell Line | HTML

The SARS-CoV-2 Spike protein induces long-term transcriptional perturbations of mitochondrial metabolic genes, causes cardiac fibrosis, and reduces myocardial contractile in obese mice | bioRxiv

(2010 Liver Study) Chromosomal integration of adenoviral vector DNA in vivo – PubMed

Adenoviral Vector DNA- and SARS-CoV-2 mRNA-Based Covid-19 Vaccines: Possible Integration into the Human Genome – Are Adenoviral Genes Expressed in Vector-based Vaccines? – PMC

SARS-CoV-2 RNA reverse-transcribed and integrated into the human genome | bioRxiv

Reverse-transcribed SARS-CoV-2 RNA can integrate into the genome of cultured human cells and can be expressed in patient-derived tissues | PNAS

Non dovremmo escludere definitivamente i problemi di trascrizione del DNA sollevati in questi documenti prima di abbreviare il prossimo sviluppo dell’mRNA da otto anni a un anno?

Quindi, a parte le terapie mirate per i malati terminali, è chiaro che l’mRNA non è pronto per essere utilizzate e deve essere vietato, perché è chiaro che il sistema non si autoregola. La vaccinazione è diventata un culto senza qualifiche, circospezione, modulazione o pensiero razionale equilibrato. Come ha recentemente affermato Mike Ryan, un medico irlandese che ricopre il ruolo di direttore esecutivo del Programma di Emergenze Sanitarie dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, “La vaccinazione serve a proteggere se stessi, ma è anche un atto intrinsecamente altruistico: ci si vaccina per far parte di un gruppo immunitario che poi proteggerà coloro che non possono essere vaccinati”. È quindi abbastanza ovvio che le vaccinazioni contro l’RSV saranno destinate ai bambini con una devozione ancora più cultuale di quelle contro il COVID.

Tutti sanno che i bambini sono più vulnerabili all’RSV e all’influenza che al COVID. Le aziende si impegneranno a fondo per far arrivare questa iniezione nelle braccia di ogni bambino. Bloccare i mandati non è sufficiente. Abbiamo informazioni più che sufficienti per dimostrare che queste iniezioni sono pericolose e non sono pronte per essere utilizzate. Ogni Stato deve vietare al proprio dipartimento sanitario di acquistare, promuovere, raccomandare o commercializzare queste iniezioni. Inoltre, ogni Stato ha bisogno di una commissione di voci diverse che si affianchi alla FDA e formuli le proprie raccomandazioni, come quella istituita dal governatore Ron DeSantis sotto la guida del dottor Joe Ladapo.

La maggior parte dei repubblicani è disposta a lottare intrepidamente contro l’aborto, anche quando è politicamente impopolare. Tuttavia, le iniezioni di mRNA sono come un aborto forzato, perché nel momento in cui sono permesse, anche se non sono obbligatorie, non c’è alcun consenso consapevole. Genitori ignari, donne incinte e anziani saranno spinti a sottoporsi all’iniezione. Non sappiamo ancora fino a che punto possano avere effetto su altre persone. Inoltre, c’è un robusto sforzo da parte di un’industria da 26 miliardi di dollari per iniettarli nella fornitura di carne bovina.

Soprattutto, mentre gli Stati creano una protezione contro la sperimentazione dei farmaci federali, i repubblicani alla Camera devono abrogare l’immunità legale dalla responsabilità dei farmaci. Questo è il modo migliore per garantire che i vaccini siano sicuri e che si possano scoprire eventuali illeciti in tribunale. In assenza di queste riforme, continueranno a fare esperimenti sui nostri bambini. E cosa importa loro se innumerevoli vite andranno perdute o ferite? Produrranno semplicemente l’mRNA per “rimediare”, come stanno progettando con la loro tanto attesa cura a base di mRNA per gli attacchi di cuore!

Danel Horovitz

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email