Di seguito un articolo di Daniel Horowitz apparso su Conservative Review. Eccolo nella mia traduzione. 

 

vaccini covid bambini vaccinazione
(Photo by David Ryder/Getty Images)

 

Non avrei mai immaginato di pubblicare un libro – “Rise of the Fourth Reich” (nascita del quarto Reich, ndr) – sul fascismo COVID a quasi tre anni dal “Great Reset” che sarebbe stato più rilevante ora che durante i lockdown stessi. Ma ora dovrebbe essere chiaro senza ombra di dubbio che i vaccini sbagliati non sono stati una sorta di errore. È stato fatto di proposito, senza alcun rimorso. L’unico rimorso sarà da parte nostra per non aver combattuto finché eravamo in tempo.

Riuscite a trovare un esempio peggiore di fascismo che negare l’istruzione ai bambini che non si sottopongono a un’iniezione pericolosa, esente al 100% da responsabilità e al riparo da tutti i controlli di mercato? Ora che il CDC promuove consapevolmente vaccini pericolosi, è tempo che gli Stati rossi (cioè guidati da Repubblicani, ndr) passino al contrattacco e rimuovano tutti i vaccini non soggetti a responsabilità dai programmi di immunizzazione scolastica obbligatoria.

Anche se Anthony Fauci e Bill Gates ammettono che questa generazione di vaccini non è affatto all’altezza, la scorsa settimana il CDC ha tranquillamente aggiunto i vaccini COVID al programma di vaccinazione infantile.

 

 

Ora è proprio come la stucchevole designazione dell’epatite B – una malattia basata sulle malattie sessualmente trasmissibili con dati inconsistenti alla base del vaccino – per i bambini.

In quale altro ambito della medicina inseriamo un prodotto privato in una lista raccomandata dal governo che deve essere somministrata a ogni singolo essere umano vivente, con la minaccia dell’apartheid medico come strumento di applicazione, indipendentemente dalle sue esigenze specifiche? Oh, e la cosa più promossa dal governo – fino ai mandati scolastici inclusi – si dà il caso che sia esente da responsabilità. Imporre un prodotto biologico nel corpo dei bambini esentando i produttori dalla responsabilità è la peggiore forma di fascismo che si possa immaginare.

Evidentemente, non è abbastanza generoso da coprire lo scudo dell’immunità vaccinale fino all’ottobre 2025, secondo l’invocazione della legge PREP, che è stata emendata cinque volte. I funzionari sanno che ci saranno morti e danneggiati per gli anni a venire. Quindi, inserendo i vaccini nel programma di vaccinazione infantile, godranno di un’indennità completa per sempre, ai sensi del National Childhood Vaccine Injury Act del 1986. Quindi, anche se Biden intende porre fine alla dichiarazione di emergenza a maggio, i danni e la distruzione che ne derivano ci accompagneranno per sempre.

Merriam-Webster definisce il fascismo come un regime “che esalta la nazione e spesso la razza al di sopra dell’individuo e che è caratterizzato da un governo autocratico centralizzato guidato da un leader dittatoriale, da una severa irreggimentazione economica e sociale e dalla soppressione forzata dell’opposizione”. Non c’è esempio più lampante di questo che impegnarsi nell’apartheid degli scolari per non farsi iniettare nel proprio corpo un prodotto promosso dal governo, finanziato dal governo e assolto da ogni responsabilità dal governo.

È una vergogna che pochissimi Stati rossi si siano mossi per contrastare questa forma di fascismo. In West Virginia, ancora oggi, i funzionari non accettano esenzioni religiose dall’obbligo dei vaccini, che non dovrebbero esistere. La presidente del Comitato per la Salute e le Risorse Umane della Camera, Amy Summers, ha bloccato la legge HB 535, che fornirebbe un’esenzione filosofica. Alcuni Stati stanno cercando di annacquare queste proposte di legge per applicarle solo ai vaccini COVID. Ma le iniezioni COVID dovrebbero essere ritirate dal mercato. Le altre iniezioni devono essere esaminate una per una, ma nel frattempo non c’è mai una scusa per costringere un altro essere umano a sottoporsi a qualcosa di cui ci si può avvalere se si ritiene che sia così protettivo.

Inoltre, tutti gli Stati devono abolire l’intero concetto di programma di vaccinazione infantile. È giusto che un paziente e un medico scelgano individualmente i vaccini che ritengono appropriati per il bambino. L’idea che ogni bambino, per operare, abbia bisogno di una lista sempre più lunga di prodotti biologici, indipendentemente dal suo stato di salute, è contraria a tutti i principi della medicina.

Per esempio, chi mai ha bisogno di un’iniezione di difterite e perché è legata al tetano? Perché i bambini hanno bisogno di vaccinazioni contro le malattie sessualmente trasmissibili? C’è davvero bisogno di un vaccino contro il rotavirus, che è fondamentalmente un virus intestinale? Perché la rosolia viene imposta a tutti i bambini quando è un problema solo per i feti e quindi non dovrebbe essere un’opzione a parte per le donne incinte? Gli uomini non dovrebbero mai essere spinti a fare questa iniezione. Dopo tanti anni di vaccini, dovremmo avere un’idea chiara di quante persone sono morte o sono rimaste invalide a causa di queste malattie prima dell’introduzione dei vaccini, quante ne muoiono ora e quante sono state danneggiate dai vaccini. Con mia grande sorpresa, non abbiamo risposte valide a ciò che ci è stato detto essere ovvio. Sono queste le domande che gli Stati devono iniziare a considerare attraverso la creazione di una commissione sui vaccini.

Nel frattempo, non c’è alcun motivo per cui un essere umano debba essere costretto a partecipare allo schema della Pfizer. Questo è sempre stato vero, ma è assolutamente immorale dopo tutto quello che abbiamo imparato sull’industria dei vaccini negli ultimi anni. È semplicemente indifendibile costringere un essere umano ad assumere un prodotto promosso, commercializzato, distribuito e esente da responsabilità dal governo federale, perché viola ogni principio del Codice di Norimberga, proteggendo il produttore da tutte le forze di responsabilità inerenti a un vero mercato libero che rendono un prodotto più sicuro. Sebbene gli Stati non abbiano alcun potere sullo scudo di responsabilità, nulla impedisce al governo di uno Stato di dire che qualsiasi cosa non soggetta a responsabilità non può essere inserita nel programma per l’infanzia raccomandato dallo Stato per le scuole.

Honda ha appena emesso un avviso di “non guidare” su vari modelli dal 2001 al 2003 di Honda Accord, Civic, CR-V, Odyssey, Pilot e Acura a causa di airbag difettosi che si sospetta abbiano ucciso 30 persone in tutto il mondo dal 2009. Eppure, i COVID, con 17.000 decessi segnalati da VAERS solo negli Stati Uniti in due anni – quando sappiamo che VAERS è tristemente sottostimato di 20-40 volte – sono ancora sul mercato e fanno parte del CIS! Questi numeri sono già abbastanza terribili, ma cosa succederebbe se li moltiplicassimo per 20 o 30?

 

 

Qual è la differenza tra i produttori di automobili e quelli di vaccini? La Honda è responsabile per le sue auto; la Pfizer non ha alcuna responsabilità per ciò che ottiene dal governo per finanziare, commercializzare, promuovere e imporre con la forza sui nostri corpi. E ricordate, la condizione concessa in cambio dell’indennizzo era la creazione del VAERS e l’intesa che, non appena i segnali avessero iniziato a lampeggiare, le iniezioni sarebbero state ritirate dal mercato. Eccoci qui, a due anni dall’insondabile grado e portata di lesioni e morti, e le iniezioni ricevono ora una promozione permanente.

Per cominciare, sappiamo da uno studio saudita che tra l’11% e il 20% (a seconda del lotto) delle persone che hanno assunto l’iniezione di AstraZeneca hanno avuto effetti collaterali neurologici.

 

 

Sappiamo poi, sulla base dello studio di Pfizer su neonati e bambini, che 1 bambino su 77 (1,4%) ha manifestato eventi avversi gravi. La tabella 21 a pagina 42 afferma che il 61% dei bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni ha manifestato una “reazione sistemica entro 7 giorni”. Ciò significa che non si tratta di una semplice irritazione del sito di iniezione, ma di qualcosa di più simile a febbre, brividi o dolori muscolari. Come si può inserire una cosa del genere nella CIS?

Ammettiamolo: Le aziende farmaceutiche hanno la responsabilità fiduciaria di massimizzare i profitti per gli azionisti. Se il governo le promuove in ogni modo immaginabile e le assolve dalla responsabilità, la loro responsabilità le porta a massimizzare i profitti senza preoccuparsi della sicurezza. Con questa semplice comprensione, come si fa a chiedere all’ultimo bambino di morire per una bugia?

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments