Horowitz menziona 5 nuovi dati che vanno tutti nella stessa direzione: danno da vaccino. E parliamo solo del breve termine, quello che stiamo osservando già adesso. E se si continua di questo passo a briglie sciolte,  il futuro cosa ci riserva? L’articolo di Horowitz è stato pubblicato su Conservative review. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

vaccini covid

 

Quante persone sono state ferite dai vaccini? Non lo sappiamo, e il nostro governo non ha alcun desiderio di scoprirlo. Ma un torrente di nuovi dati dimostra che è esponenzialmente più di quanto qualsiasi sistema di segnalazione di eventi avversi stia mostrando, e il numero di reazioni gravi potrebbe essere di milioni in ogni grande paese.

Secondo il Mitteldeutscher Rundfunk (MDR), un’emittente pubblica di Lipsia, “Il numero di complicazioni gravi dopo la vaccinazione contro la Sars-CoV-2 è 40 volte superiore a quello precedentemente registrato dal Paul Ehrlich Institute (PEI)”, conclude uno studio con circa 40.000 partecipanti del Charité di Berlino. “Un risultato: otto persone vaccinate su 1.000 lottano con gravi effetti collaterali”.

Questo è un criterio molto rigoroso e include solo i sintomi che durano per settimane o mesi e richiedono attenzione medica. Eppure i ricercatori credono che gli eventi avversi siano stati sottovalutati di un fattore 40 e che quasi l’1% delle persone abbia sperimentato questo grado di danno dalle iniezioni. Circa 179 milioni di dosi sono state somministrate in Germania.

Questi numeri arrivano diversi mesi dopo che un informatore della BKK, uno dei più grandi assicuratori sanitari tedeschi, ha fornito dati basati su codici di fatturazione medica per mostrare che il conteggio ufficiale tedesco degli eventi avversi dell’Istituto Paul Ehrlich ha sottovalutato gli eventi avversi di un fattore 7 e il numero di eventi avversi gravi di un fattore 13,86.

Questi numeri si armonizzano anche con l’indagine del ministero della salute di Israele, che ha mostrato che lo 0,3% di tutti gli israeliani che hanno ricevuto i booster Pfizer hanno riferito di essere stati ricoverati in ospedale entro 30 giorni e lo 0,5% ha riportato la paralisi di Bell, oltre al 4,5% che ha riportato qualche grado di effetti collaterali neurologici. Se i numeri erano così alti solo per i richiami, nella totalità (comprese tutte le dosi) i numeri erano probabilmente più alti, il che confermerebbe il numero dello 0,8% che sperimenta reazioni gravi riportato dal nuovo studio della Charité di Berlino.

Se si estrapola un tasso di otto reazioni gravi per mille persone vaccinate, si arriverebbe a oltre 2 milioni di persone negli Stati Uniti gravemente ferite. E di nuovo, queste sono solo le lesioni che sono in qualche modo evidenti a breve termine.

Detto altrimenti, se applichiamo il fattore di sottosegnalazione degli “eventi avversi gravi” in Germania a VAERS negli Stati Uniti, dove 99.537 persone hanno riferito di essersi recate in un centro di assistenza urgente in seguito al vaccino, quel numero potrebbe essere vicino ai 4 milioni. Ad oggi, ci sono 61.106 ospedalizzazioni legate al vaccino riportate negli Stati Uniti dall’inizio della campagna di vaccinazione. Usando un’estrapolazione di un fattore di sottosegnalazione (URF) di 40 per i dati VAERS – allineandolo con l’URF stimato del sistema di segnalazione della Germania – questo porterebbe il numero totale di ricoveri legati al vaccino a poco meno di 2,5 milioni.

Ora, potrebbe essere che VAERS catturi una quota maggiore delle lesioni rispetto all’Istituto Paul Ehrlich in Germania, ma è interessante notare che uno studio condotto da Steve Kirsch e dalla dott.ssa Jessica Rose l’anno scorso ha stimato un fattore di sottosegnalazione di 41 con VAERS, che sarebbe proprio in linea con la stima tedesca. In ogni caso, se il numero di feriti gravi è ovunque vicino a quello che diversi dati disparati indicano da tutto il mondo, questa è una calamità pubblica di proporzioni epiche.

Dov’è lo sforzo urgente da parte del nostro governo di tracciare e monitorare le lesioni da vaccino del prodotto che il governo ha imposto alla gente? Secondo un recente documento FOIA ottenuto da Vice, il CDC ha pagato l’anno scorso 420.000 dollari a un controverso broker di dati per accedere a un anno di dati “anonimizzati” di localizzazione dei telefoni cellulari degli americani. Hanno tracciato la frequenza con cui le persone hanno visitato i siti di vaccinazione, così come la conformità con il lockdown, come ad esempio quanto spesso hanno visitato “parchi, palestre, o attività di gestione del peso”.

Immaginate se usassero tale tecnologia per tracciare e sorvegliare le lesioni da vaccino o per tracciare quanto spesso le persone visitano siti web per informazioni sul trattamento di disturbi cardiaci o vertigini.

I dati che abbiamo già sono troppo evidenti per essere ignorati. L’unica domanda è se è ancora peggio di quanto pensiamo. Ecco quattro scoperte più recenti da considerare:

1) Uno studio di Cipro pubblicato su Cureus intitolato, “Mortalità a Cipro nel periodo 2016-2021” ha osservato un aumento del 9,7% della mortalità per tutte le cause a Cipro nel 2021 rispetto al 2020, e del 16,5% rispetto alla mortalità media dei cinque anni precedenti. Il modello si è sviluppato principalmente nel terzo e quarto trimestre dello scorso anno, allineandosi perfettamente con i tempi dell’ondata di vaccini nell’isola mediterranea.

Questo è un modello che si sviluppa con studi di mortalità per tutte le cause e lesioni cardiache/mortalità in tutto il mondo – che stiamo vedendo molti più morti nel 2021 rispetto al 2020 e che si correla più con l’adozione del vaccino per tempo e gruppo di età, non con la prevalenza e la gravità dei casi di COVID.

Lo studio conclude che la maggior parte del sostanziale aumento della mortalità a Cipro nel 2021 non è spiegato dai decessi per COVID-19 ed è “parallelo alla concomitante campagna di vaccinazione”. Questo dovrebbe essere “ampiamente indagato dalle autorità sanitarie pubbliche nazionali ed europee per identificare e affrontare le cause sottostanti”, aggiungono gli autori di Cipro e Danimarca.

La maggior parte delle persone a Cipro non è stata vaccinata fino alla seconda metà del 2021. E in effetti lo studio sembra mostrare che la totalità dei decessi in eccesso nel 2020 e nei primi due trimestri del 2021 rispetto ai quattro anni precedenti sono completamente spiegati dalla somma dei decessi COVID registrati. Non è così negli ultimi due trimestri del 2021, quando più della metà dei decessi in eccesso non sono stati spiegati dal totale dei decessi COVID. Inoltre, “Il numero di morti per tutte le cause nel terzo trimestre del 2021 era più di otto deviazioni standard più lontano dalla media delle morti nei terzi trimestri degli anni 2016-2020”.

2) I ricercatori del MIT e di Israele hanno studiato l’andamento delle chiamate in ambulanza legate al problema cardiaco in Israele nel 2019 (pre-COVID) e le hanno confrontate con lo stesso lasso di tempo nel 2020 (COVID ma pre-vaccino) e nel 2021 (COVID con vaccino). Lo studio ha scoperto che le vaccinazioni COVID erano “significativamente associate” a un aumento del 25% dei servizi medici di emergenza sia per l’arresto cardiaco (CA) che per la sindrome coronarica acuta (ACS) nei giovani dai 16 ai 39 anni in Israele da gennaio a maggio 2021. Sia il fatto che sono stati in grado di utilizzare il 2020 come controllo, sia il fatto che l’aumento di gennaio “sembra seguire da vicino la somministrazione della seconda dose di vaccini” rende un caso credibile che il COVID non può essere il colpevole dietro la maggior parte dell’aumento. I dati sono anche molto affidabili perché Israele ha un solo servizio di ambulanze in tutto il paese, che ha fornito ai ricercatori dati uniformi. Paesi come l’Australia stanno anche riportando attacchi cardiaci improvvisi e una crisi per la disponibilità e i tempi di attesa del servizio di ambulanza, con una domanda “storica” di servizi di emergenza.

 

TRADUZIONE DEL TWEET: “Il ministro della salute del Queensland dice che nessuno dei suoi ‘esperti’ è in grado di spiegare l’improvviso aumento del 40% di attacchi cardiaci, dolori al petto e problemi respiratori del codice 1. In altre notizie: ho una teoria.”

 

3) C’è stato un aumento del 28% dei decessi in Islanda per il primo trimestre di quest’anno rispetto alla precedente media quinquennale. Solo circa un terzo di queste morti in eccesso può essere attribuito alla COVID, e la tempistica coincide con un forte aumento dei boosters. Inoltre, come stiamo assistendo in numerosi altri paesi che a malapena hanno avuto morti per COVID fino a quando tutti sono stati triplicati, non dovremmo vedere nemmeno questa quantità di morti per COVID se le iniezioni funzionassero davvero. Allo stesso modo, l’Australia ha sperimentato un aumento del 22% di morti nel gennaio di quest’anno, ben oltre qualsiasi cosa durante la parte pre-vaccinazione della pandemia.

4) Un recente studio danese preprint nel prestigioso Lancet, che ha seguito la mortalità per tutte le cause dei partecipanti al trial Pfizer e Moderna, non ha trovato assolutamente nessun beneficio di mortalità per tutte le cause dalle due iniezioni di mRNA. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto un aumento dei decessi legati al cuore tra coloro che hanno preso le dosi rispetto al placebo. Uno degli autori ha osservato che “c’è un sovrappeso di morti cardiovascolari nel gruppo Pfizer”, che è “un potenziale segnale di pericolo che merita un ulteriore esame”.

“Penso che ci siano segnali di pericolo in relazione alle morti e alle malattie cardiovascolari. Lo sappiamo ora con certezza per i vaccini mRNA rispetto alla miocardite e pericardite”, ha detto il professor Christine Stabell-Benn dell’Università della Danimarca meridionale in un’intervista con Unherd. “Ma anche aneddoticamente, direi che ci sono rapporti di morti cardiovascolari che penso che meritino un ulteriore esame. Questo è solo un pezzo del puzzle, ma si aggiunge alle prove che suggeriscono che questo è qualcosa che dovrebbe essere indagato ulteriormente per i vaccini mRNA”.

Quest’ultimo punto è fondamentale. Non è un singolo punto di dati che spicca, ma la preponderanza di prove attraverso il tempo e in tutto il mondo che sembra dipingere un quadro molto chiaro dei problemi di sicurezza. La Pfizer ha già guadagnato più di cinque volte la somma rastrellata dalla ExxonMobile per il primo trimestre di quest’anno – tutto costruito sui governi globali che approvano, commercializzano, distribuiscono e rendono obbligatorio questo prodotto non testato. Se le informazioni attuali non sono sufficienti per mettere in pausa questi vaccini, allora rabbrividisco al pensiero di ciò che verrà dopo.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla






 

 

Facebook Comments