Vi propongo un articolo scritto da Daniel Horowitz sulla diffusione della epatite infantile di origine ignota. L’articolo è stato pubblicato su The Blaze. La traduzione è mia. 

 

CDC

 

Una dopo l’altra, vediamo spuntare in tutto il mondo malattie misteriose, con molti giovani che muoiono o si ammalano improvvisamente. Nell’ultimo anno e mezzo, abbiamo iniettato a metà dell’umanità dosi multiple di una pericolosa terapia genica mRNA che ha già chiaramente causato numerose malattie neurologiche, ematologiche e cardiache, e ce ne sono più di 1.000 altre osservate dalla Pfizer nei primi mesi del lancio. Eppure le agenzie governative stanno adottando un approccio del tipo “non vedo il male, non sento il male” e non vogliono nemmeno indagare le iniezioni come causa potenziale di nessuna di queste malattie.

L’ultima novità nei media è l’improvvisa comparsa di una grave epatite tra i bambini piccoli negli Stati Uniti e in diversi paesi europei. Dopo diverse settimane di rapporti dei media in entrambi i continenti di misteriose epidemie di epatite pediatrica, il CDC ha emesso un allarme giovedì scorso chiedendo ai pediatri di stare attenti all’epatite, che è un’infiammazione del fegato, spesso espressa sintomaticamente con ittero e problemi gastroenterologici.

Ci sono stati nove casi di epatite in bambini in Alabama e due in North Carolina, molti dei quali hanno avuto bisogno di trapianti di fegato. Il CDC, nella sua dichiarazione, sembra aver eliminato COVID o i tipici virus dell’epatite che causano l’infiammazione come colpevole. Tuttavia, l’agenzia sembra concentrare la sua indagine sull’adenovirus come causa potenziale, perché sostiene che alcuni dei bambini sono stati infettati da adenovirus di tipo 41

Tuttavia, mentre questa preoccupazione non dovrebbe essere esclusa, notate cosa non è mai escluso? La terapia genica infiammatoria che è stata appena introdotta in tutta la popolazione. Gli adenovirus sono comuni e lievi quasi quanto i rinovirus nei bambini, e non abbiamo mai avuto questo problema prima. Perché l’adenovirus diventerebbe improvvisamente pro-infiammatorio nel fegato senza altri fattori di confondimento? Perché non dovremmo guardare il prodotto nuovo di zecca che è noto per causare infiammazione e produrre auto-anticorpi in numerose parti del corpo, ma soprattutto nel fegato, dove si deposita la più alta concentrazione di nanoparticelle lipidiche?

Mentre il CDC è corretto nel dire che l’infiammazione del fegato “può essere causata da infezioni virali, uso di alcol, tossine, farmaci e alcune altre malattie”, manca una causa importante: l’epatite autoimmune. Ecco perché, come minimo, si dovrebbe indagare sulle iniezioni come potenziale colpevole o fattore contribuente:

1) Sappiamo che le iniezioni sembrano innescare una risposta anticorpale incontrollata in tutto il corpo, con l’mRNA che programma il tessuto a produrre proteine spike in tutto il corpo. La proteina spike innesca la risposta auto-anticorpale infiammatoria in tutto il corpo, ma è portata soprattutto al fegato. La tabella canadese di bio-distribuzione (pag. 23) mostra che le nanoparticelle lipidiche del vaccino Pfizer si depositano nel fegato più che in qualsiasi altro posto dopo il sito di iniezione stesso.

 

 

Dopo appena 48 ore, circa il 16% della dose di 50 microgrammi si è depositata nel fegato. Diversi mesi fa, i ricercatori della Thomas Jefferson University hanno scoperto che le nanoparticelle lipidiche utilizzate nei vaccini mRNA erano iper-infiammatorie nei topi. “La potenza delle piattaforme mRNA-LNP nel sostenere l’induzione di risposte immunitarie adattative e gli effetti collaterali osservati possono derivare dalla natura altamente infiammatoria degli LNP”, ha concluso il documento, pubblicato su Science Direct.

2) L’Agenzia Europea dei Medicinali ha una valutazione delle prove su animali su Comirnaty e ha trovato (p. 49) infiammazione del fegato in alcuni ratti:

 

TRADUZIONE DELLE FRASI SOTTOLINEATE IN ROSSO: “C’è stata una tendenza a un fegato leggermente ingrossato nelle donne A 100microgrammi di vaccino Pfizer “…”Il fegato ha mostrato la formazione di vacuoli epatocellulari (cioè cavità, ndr) al d17 controllo”

 

Se si tracciano le aree delle risposte infiammatorie nei tassi, esse coincidono con le aree che hanno ricevuto un deposito sostanziale di nanoparticelle lipidiche, come il midollo osseo, la milza e i linfonodi.

3) In febbraio, uno studio bomba (vedi anche qui) è stato pubblicato in Svezia e ha mostrato che in vitro, i vaccini mRNA della Pfizer usano un enzima di trascrittasi inversa chiamato LINE-1 per trascrivere potenzialmente il codice genetico del vaccino nel DNA. Indovina quali tessuti cellulari sono stati usati in quello studio? Le cellule del fegato! “Nel rapporto sulla tossicità del BNT162b2, non sono stati forniti studi di genotossicità né di carcinogenicità”, hanno osservato gli autori. “Il nostro studio mostra che BNT162b2 può essere trascritto inversamente nel DNA nella linea cellulare epatica Huh7, e questo può suscitare la preoccupazione se il DNA derivato da BNT162b2 possa essere integrato nel genoma dell’ospite e influenzare l’integrità del DNA genomico, che può potenzialmente mediare effetti collaterali genotossici”.

Dato quello che sappiamo sulla trascrizione inversa e la concentrazione del vaccino che si deposita nel fegato, come potremmo escludere il vaccino come causa dell’infiammazione del fegato?

4) L’anno scorso, i ricercatori olandesi hanno pubblicato uno studio osservazionale di un paziente di 82 anni che credono abbia subito una riattivazione dell’infezione da epatite C dopo aver ricevuto l’iniezione Pfizer, che “si è manifestata con ittero, perdita di coscienza, coma epatico e morte”. Un certo numero di casi di lesioni da epatite acuta sono stati registrati in VAERS e collegati alle iniezioni.

 

 

La linea di fondo è che stiamo vedendo epidemie di malattie autoimmuni spuntare ovunque. Ogni medico che ho consultato sulla questione del trattamento COVID e del danno da vaccino attesta un improvviso, innaturale picco nel virus Epstein-Barr (il virus che causa la mononucleosi) e nell’herpes zoster, due malattie autoimmuni che si crede siano innescate dalle iniezioni. Questo non significa che ogni improvviso e misterioso disturbo sia causato dalle iniezioni, ma ciò che significa è che la comunità medica non avrà mai interesse nemmeno a indagare sulle iniezioni come fattore contribuente.

All’inizio di quest’anno, un sondaggio del Ministero della Salute israeliano ha rilevato che circa il 24% delle persone con disturbi autoimmuni preesistenti ha riportato un peggioramento o una riattivazione della loro patologia dopo aver preso un richiamo Pfizer. Non c’è dubbio che le iniezioni stanno innescando alcuni disturbi autoimmuni. Sappiamo anche che l’epatite autoimmune esiste e che certi auto-anticorpi possono infiammare il fegato e attaccare le cellule epatiche. Quando mai nella storia abbiamo distribuito liberamente un’iniezione che scatena una risposta anticorpale incontrollata in tutto il corpo a una proteina spike molto pro-infiammatoria che si deposita nel fegato?

Proprio come con le spiegazioni inquietanti per i giovani che improvvisamente hanno ictus e attacchi di cuore, sarà almeno lugubremente divertente guardare la serie di teorie presentate per l’improvviso picco di infiammazione del fegato.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email