Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Daniel Horowitz e pubblicato su Conservative Review. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

vaccini COVID (foto Dado Ruvic/Illustration/Reuters)
vaccini COVID (foto Dado Ruvic/Illustration/Reuters)

 

Alcuni di voi potrebbero aver fatto un salto di gioia martedì, dopo aver appreso la notizia che l’FDA ha de-autorizzato la serie originale di vaccini COVID. In realtà, però, l’agenzia sta ricaricando le batterie in modo da poter inserire i vaccini nel programma di immunizzazione permanente e mescolarli con una lista sempre più lunga di vaccini virali respiratori che verranno introdotti nei prossimi mesi. È giunto il momento per il Congresso di premere il pedale dell’acceleratore per opporsi a queste iniezioni, e non di presentare la questione come se fosse finita.

La FDA e il CDC avevano un problema. Non era possibile continuare a commercializzare le iniezioni come una necessità imminente e urgente per una pandemia in corso. Dopo tutto, anche il Presidente ha detto che la pandemia è finita. Se avessero continuato a confezionare le iniezioni come una serie continua di protezione contro la pandemia, si sarebbero ritrovati con meno dell’1% della popolazione che le avrebbe ricevute. Quindi, invece di cancellarle semplicemente, come stanno facendo la Svizzera e altri Paesi, l’FDA ha fatto un’operazione di “bait-and-switch”. I funzionari hanno tolto l’autorizzazione alla serie originale di iniezioni per segnalare che la pandemia è finita. Ma ora hanno stabilito un sistema che consentirà loro di inserire il nuovo vaccino bivalente o una versione futura, magari mista a influenza e RSV, come vaccino singolo annuale.

Perché questo è così significativo? Poiché il pubblico è già stato educato a pensare che sia necessario un vaccino antinfluenzale annuale, i funzionari sperano ora di trattare il COVID come il vaccino antinfluenzale. A tutti coloro che entrano in farmacia, soprattutto a fine estate, verrà chiesto se sono in regola con il vaccino antinfluenzale o con il COVID. Allo stesso modo, ogni volta che ci si reca dal medico di base, quest’ultimo prende in considerazione il calendario e fa pressione sul paziente affinché sia in regola con le vaccinazioni. La maggior parte delle persone non vuole essere considerata un cattivo ragazzo sporco e pieno di malattie e si adegua. In questo modo, la vaccinazione COVID non è più una decisione urgente e temporanea dettata dalla paura, che non avrebbe più risonanza ora che la paura si è dissolta. Al contrario, farà parte della serie di vaccinazioni annuali fino alla fine dei tempi.

“In questa fase della pandemia, i dati supportano la semplificazione dell’uso dei vaccini bivalenti COVID-19 a mRNA autorizzati e l’agenzia ritiene che questo approccio contribuirà a incoraggiare le future vaccinazioni”, ha dichiarato Peter Marks, direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA. Marks è stato accusato dagli informatori della FDA di aver esercitato pressioni per violare i protocolli e ridurre i tempi di approvazione del vaccino originale di Pfizer nell’agosto 2021.

La frase più importante è “contribuire a incoraggiare le vaccinazioni future”. Se continuassero con l’attuale sequenza, perderebbero l’indulgenza di tutti. Non importa che le iniezioni bivalenti siano altrettanto obsolete di quelle originali, perché quelle varianti non esistono più. Non si tenga conto che le iniezioni bivalenti non sono mai state testate come prime dosi, ma solo come booster di quelle originali, ma ora le autorizzano come prime dosi.

Inoltre, si tenga presente che sono in procinto di approvare diversi vaccini contro l’RSV per gli anziani e, eventualmente, per i più giovani. Inoltre, a meno di un anno dall’approvazione di nuove iniezioni di mRNA per l’influenza, una delle quali sarà combinata con COVID e RSV. Quindi ora ogni anziano sarà terrorizzato in farmacia e dal medico ogni agosto per essere “aggiornato” su tutte e tre le vaccinazioni. E se siete fortunati, potrebbero somministrarvi tutta l’infiammazione in un’unica dose. È a questo che si alludeva quando l’FDA, nel suo comunicato stampa, ha fatto riferimento a uno sforzo per “semplificare” il “complicato” programma di vaccinazione statunitense. Di sicuro non hanno apportato questa modifica per semplificare, perché hanno creato sette diverse permutazioni di idoneità! Date un’occhiata a quanto è complicato:

 

 

Tutto ciò significa che la lotta contro le morti e le lesioni causate dalle iniezioni di COVID e da altre iniezioni future di mRNA non è finita, neanche per sogno. Mi dispiace, repubblicani della Camera, ma non potete abbandonare la questione.

Inoltre, oltre ad aver approvato le iniezioni bivalenti come prima dose annuale per tutti, la FDA ha approvato un ulteriore richiamo per gli anziani e gli “immunocompromessi” per la primavera.

Con tutti i dati e la scienza di cui disponiamo sull’efficacia negativa e sulle lesioni che colpiscono ogni sistema di organi, come possono i repubblicani della Camera continuare a girare intorno a questo problema? La sottocommissione selezionata di supervisione sulla pandemia da coronavirus sta tenendo audizioni sull’aumento di funzionalità e il senatore Roger Marshall ha appena pubblicato un rapporto preliminare sulla fuga di notizie dal laboratorio di Wuhan. Tuttavia, tutti continuano a ignorare il gorilla da 800 libbre presente nella stanza. Il guadagno di funzioni, per definizione, nasce dall’ossessione maniacale per le campagne di vaccinazione di massa. I vaccini hanno chiuso il cerchio e sono diventati la causa degli agenti patogeni piuttosto che la soluzione. Allora perché i repubblicani non hanno voglia di tenere udienze sul Warp Speed e sul nuovo programma statale di sicurezza biomedica da 5 miliardi di dollari “Project Next Gen” di Biden?

Per capire perché la sperimentazione umana sui vaccini è solo all’inizio e non sta per finire, per la prima volta nella storia delle biofarmacie, l’anno scorso Pfizer ha superato la barriera dei 100 miliardi di dollari di fatturato. Ha inoltre soppiantato J&J come prima azienda produttrice di ricavi. Nulla di tutto ciò è stato creato dal libero mercato; piuttosto, le entrate dell’azienda provengono dai contribuenti e dal denaro stampato utilizzato per commercializzare, distribuire, infamare, indennizzare e imporre i suoi prodotti al mondo. La totalità delle sue entrate, pari a 43 miliardi di dollari, proviene dai vaccini e dal Paxlovid. Pensate che Pfizer e i suoi sostenitori nel governo chiuderanno questo rubinetto con la pandemia ormai finita? Ripensateci.

In una recente presentazione degli utili del quarto trimestre del 2022, Pfizer prevede che i ricavi da vaccini nei prossimi anni aumenteranno ancora, quasi ai livelli della pandemia.

 

 

Ebbene, se il COVID è finito, da dove provengono queste entrate? È chiaro che l’azienda si aspetta che questo farmaco diventi un’iniezione annuale, soprattutto per gli anziani, e che i pediatri lo spingano sui bambini. Inoltre, l’azienda prevede entrate massicce per le sue iniezioni combinate di COVID e influenza a partire da due anni:

 

 

Considerando tutto ciò che sappiamo sul fallimento dei vaccini virali respiratori (lo stesso Fauci lo ha ammesso) e il problema particolare dei vaccini COVID, come possiamo accettare che queste aziende continuino a banchettare con fiducia sulle carcasse di americani morti per gli anni a venire?

In effetti, l’annuncio della FDA è stato concepito per segnalare ai repubblicani che possono dire alla loro base che il problema è chiuso, mentre in realtà è appena iniziato. Per esempio, dato che il Congresso e il Presidente hanno posto fine all’emergenza sanitaria, perché il Segretario dell’HHS Xavier Becerra ha annunciato la scorsa settimana un’estensione dell’esenzione di responsabilità del PREP Act per tutti i prodotti legati al COVID fino alla fine del 2024? Perché è così necessario continuare a sospendere la garanzia del Settimo Emendamento di un processo con giuria, assolvendo Pfizer e Moderna da ogni responsabilità?

È chiaro che non hanno finito. Ecco perché i repubblicani devono usare le leggi di ri-autorizzazione per correggere la dozzina di atrocità commesse contro i cittadini usando l’autorità per le pandemie.

Recentemente, il CEO di Pfizer Albert Bourla ha dichiarato: “Siamo molto allineati con l’Agenda 2030 della Cina e stiamo cercando di contribuire il più possibile”. L’amministrazione Biden sta continuando a dare all’azienda i soldi, le risorse e le autorità per fare proprio questo. Qual è la risposta del GOP (il partito repubblicano, ndr)?

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments