Di seguito stralci da un articolo scritto da Imogen Braddick, pubblicato su The Sun del 3 dicembre 2022. Eccoli nella mia traduzione. 

 

Il virologo cinese Shi Zhengli (L) è visto all'interno del laboratorio P4 di Wuhan, capitale della provincia cinese di Hubei, il 23 febbraio 2017 (Photo by Johannes Eisele/AFP via Getty Images)
Il virologo cinese Shi Zhengli (L) è visto all’interno del laboratorio P4 di Wuhan, capitale della provincia cinese di Hubei, il 23 febbraio 2017 (Photo by Johannes Eisele/AFP via Getty Images)

 

L’Istituto di virologia di Wuhan, un laboratorio di massima sicurezza specializzato in coronavirus, è stato nell’occhio del ciclone per le domande sulla possibilità che il Covid sia fuggito dal suo laboratorio.

Nel suo nuovo libro – La verità su Wuhan – l’informatore (“gola profonda”, ndr) Huff sostiene che la pandemia è stata il risultato del finanziamento da parte del governo statunitense della pericolosa ingegneria genetica dei coronavirus in Cina.

“EcoHealth Alliance e i laboratori stranieri non hanno adottato misure di controllo adeguate per garantire la biosicurezza, e la gestione del rischio, che hanno portato alla fuga [del virus] dal laboratorio dell’Istituto di virologia di Wuhan”, ha dichiarato nel suo libro, di cui The Sun Online ha ricevuto una copia esclusiva in anteprima.

EcoHealth Alliance ha studiato diversi coronavirus nei pipistrelli per più di dieci anni con finanziamenti del National Institutes of Health (un’agenzia del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, ndr) e ha sviluppato stretti rapporti di lavoro con il laboratorio di Wuhan.

Il dottor Huff, che ha lavorato presso EcoHealth Alliance dal 2014 al 2016 e ha ricoperto il ruolo di vicepresidente dal 2015, ha lavorato sul lato riservato del programma di ricerca come scienziato del governo statunitense.

Il veterano dell’esercito, originario del Michigan, ha affermato che “la Cina sapeva fin dal primo giorno che si trattava di un agente geneticamente modificato”.

“Il governo statunitense è responsabile del trasferimento di biotecnologie pericolose ai cinesi”, ha dichiarato.

Parlando con The Sun Online, il dottor Huff ha aggiunto: “Ero terrorizzato da ciò che ho visto. Stavamo consegnando loro la tecnologia delle armi biologiche”.

Nel suo libro, l’esperto di malattie infettive emergenti sostiene che “scienziati avidi hanno ucciso milioni di persone in tutto il mondo”, arrivando ad affermare che il governo statunitense ha insabbiato tutto.

Shi Zhengli – il virologo di Wuhan noto come “Batwoman” – sperava che il programma avrebbe creato un sistema di allerta precoce per le pandemie.

Nel 2014, però, al dottor Huff è stato chiesto di rivedere una proposta di finanziamento che rivelava che si stava svolgendo un lavoro di gain of function per creare il SARS-CoV-2, che causa la Covid.

Il lavoro sul guadagno di funzioni prevede che i virus vengano modificati per infettare più facilmente gli esseri umani per aiutare i ricercatori a testare le teorie scientifiche, sviluppare nuove tecnologie e trovare trattamenti per le malattie infettive.

Ma questo rischioso metodo di ricerca può porre problemi di sicurezza ed è vietato in molti Paesi.

Inizialmente è stato vietato negli Stati Uniti nel 2014, ma è stato reintrodotto dal NIH nel 2017.

Il dott. Huff si è reso conto che la EcoHealth Alliance stava lavorando a stretto contatto con il laboratorio di Wuhan per la ricerca sul guadagno di funzioni, con il sostegno dell’USAID, un dipartimento del governo statunitense.

“EcoHealth Alliance ha sviluppato il SARS-CoV-2 ed è stata responsabile dello sviluppo dell’agente SARS-CoV-2 durante il mio impiego presso l’organizzazione”, ha dichiarato.

Anche se ha sottolineato di non aver visto alcuna prova che la Cina abbia deliberatamente rilasciato il virus.

 

L’ALLARME LANCIATA

Durante un incontro con i massimi dirigenti nel 2015 e nel 2016, il dottor Huff ha dichiarato di aver lanciato l’allarme sui rischi per la biosicurezza nei laboratori a contratto.

“Ero preoccupato che EcoHealth Alliance non avesse sufficiente visibilità o conoscenza di prima mano di ciò che accadeva nei laboratori esteri appaltati e gestiti da EcoHealth Alliance”, ha dichiarato.

Il dottor Huff ha dichiarato che nel gennaio 2018 i funzionari del governo statunitense hanno nuovamente lanciato avvertimenti sul laboratorio di Wuhan, tra cui la grave carenza di esperti necessari per gestire in sicurezza la ricerca sui coronavirus mortali.

“Si potrebbe ragionevolmente sostenere che la EcoHealth Alliance abbia fatto in modo che la Cina fallisse”, ha affermato.

E quando il Covid è emerso alla fine del 2019, ha detto che la Cina “e alcuni dei loro collaboratori del governo statunitense presso il Dipartimento di Stato, l’USAID e il Dipartimento della Difesa sono entrati in piena modalità di insabbiamento”.

Il dottor Huff ha dichiarato di avere “buone ragioni per credere che il governo statunitense sia stato avvisato dell’epidemia nell’agosto o nell’ottobre 2019”.

Ha lasciato EcoHealth Alliance nel 2016 “a causa di un gran numero di dubbi etici sul lavoro scientifico e su EcoHealth Alliance nel suo complesso”.

Ma alla fine del 2019 gli è stato improvvisamente offerto un posto di lavoro presso la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA). Ma lui ha rifiutato.

Il dottor Huff ritiene che i funzionari governativi gli abbiano offerto il ruolo in modo che potesse “giurare sul silenzio per il resto della mia vita”.

In seguito al rifiuto, il dott. Huff dice di essere stato oggetto di molestie e pedinamenti. 

Il dottor Huff ha poi intentato una causa con la Renz Law LLC contro la EcoHealth Alliance nello Stato di New York.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email