Rilancio un articolo scritto da Sunetra Gupta, professore di epidemiologia teorica presso il Dipartimento di zoologia dell’Università di Oxford, pubblicato su The Telegraph. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Sunetra Gupta
Sunetra Gupta, professore di epidemiologia teorica presso il Dipartimento di zoologia dell’Università di Oxford

 

Molti agenti patogeni sono in grado di infettarci ripetutamente, ma causano malattie gravi e morte solo alla prima esposizione. Se la prima infezione avviene in età infantile, quando siamo protetti dagli anticorpi materni, o se manteniamo una protezione incrociata da altri agenti patogeni correlati, i decessi rimarranno in gran parte limitati a coloro che sono diventati vulnerabili a causa della senescenza immunitaria o dello sviluppo di patologie predisponenti.

In queste circostanze, possiamo aspettarci che la SARS-CoV-2 si stabilizzi, come altri coronavirus stagionali, in uno stato endemico in cui i livelli richiesti di “immunità di gregge” vengono mantenuti attraverso una continua reinfezione e i decessi tra le persone vulnerabili scendono a un livello basso e costante. L’immunità acquisita naturalmente può condurci a questo stato, ma abbiamo bisogno di un piano solido per proteggere i vulnerabili lungo il percorso. I vaccini sono il modo ideale per ottenere questa protezione mirata, soprattutto nelle popolazioni in cui è difficile isolare temporaneamente i vulnerabili (o offrire loro questa possibilità) durante i picchi di infezione.

Ma dovremmo vaccinare chi ha un rischio trascurabile? Prima di addentrarci in discussioni sulla dimensione etica o politica di questa domanda, dovremmo chiederci quale scopo abbia – perché, se è inutile, la discussione dovrebbe semplicemente finire qui.

In genere i vaccini non superano l’immunità naturale, quindi non dovrebbe sorprendere che i vaccini Covid non offrano una protezione a lungo termine contro le infezioni. Allo stesso tempo, possiamo essere certi che continueranno a funzionare bene per prevenire esiti clinici gravi. Il ruolo di questi vaccini è quello di offrire protezione alle persone clinicamente vulnerabili; imporli a chi ha un rischio trascurabile nella speranza di aumentare l’immunità di gregge è illogico.

I richiami riusciranno a ottenere ciò che due dosi non sono riuscite a fare? Per coloro che sono estremamente vulnerabili e non mostrano alcuna evidenza di una risposta immunitaria significativa dopo due dosi, è del tutto ragionevole tentare una terza dose.

Ma non può essere un vantaggio individuale per nessun altro sottoporsi a un terzo vaccino, dopo aver già ridotto il rischio di malattie gravi (che per la maggior parte era molto basso) con due vaccinazioni. Affinché ci sia il beneficio collettivo dell’immunità di gregge, il richiamo dovrebbe fornire una protezione a vita contro l’infezione – a meno che non siamo disposti ad accettare vaccinazioni di massa ripetute nel prossimo futuro. Oltre a essere una colossale distrazione di risorse limitate, questo aprirebbe la porta a uno stato di lockdown permanente, mentre passiamo da una campagna di richiamo all’altra.

Tutte queste speculazioni e questi intrecci etici possono essere evitati riconoscendo che i vaccini hanno già portato una protezione mirata a chi ne aveva bisogno nel Regno Unito e che ora la migliore linea d’azione è affidarsi all’immunità naturale per mantenere e consolidare uno stato normale di convivenza con questo virus. Questi richiami dovrebbero arrivare nelle braccia delle molte persone vulnerabili in tutto il mondo che non hanno ancora ricevuto una sola dose. È vergognoso che non l’abbiamo fatto, invece di spingere i vaccini su chi non ne ha bisogno, nella vana speranza di prevenire la diffusione del virus nei Paesi più ricchi.

È anche deplorevole che si sostenga che dovremmo vaccinare il resto del mondo per evitare che rimanga un terreno di coltura per nuove varianti. È improbabile che nasca un mutante che eluda l’immunità contro le malattie gravi conferita dalla vaccinazione o dall’infezione naturale. Potrebbe essere in grado di provocare reinfezioni che gli consentano di soppiantare la variante prevalente, così come la variante delta ha preso il sopravvento in molti luoghi.

Tuttavia, queste “acquisizioni” non implicano che le varianti in arrivo siano enormemente più trasmissibili. È fondamentale imparare ad accettare che le nuove varianti possano competere con le varianti consolidate, ma che queste non aumentino il carico di malattia in una popolazione in cui i soggetti vulnerabili sono stati vaccinati o hanno subito un’infezione naturale prima di diventare vulnerabili.

Nell’improbabile caso dell’evoluzione di una variante che resista all’immunità contro le malattie gravi, dovremo sviluppare nuovi vaccini su misura per tali varianti, piuttosto che affidarci al potenziamento dell’immunità preesistente. È rassicurante che ci sia la tecnologia per farlo in tempi brevi, come ha dimostrato il successo dei vaccini attuali.

Forse la prossima volta, sia che si tratti di una nuova variante aggressiva o di un agente patogeno completamente nuovo, esiteremo a infliggere gli stessi danni attraverso il lockdown in attesa dell’arrivo dei vaccini e riconosceremo che la combinazione di immunità naturale e protezione indotta dal vaccino dei soggetti vulnerabili offre la soluzione più solida e umana al problema.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments