Dopo le controversie seguite alle anticipazioni della biografia appena pubblicata di Benedetto XVI, ecco il punto di vista del prof. Paul Kengor, professore di scienze politiche al Grove City College di Grove City, Pennsylvania. L’articolo è apparso sul National Catholic Register e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Papa Benedetto XVI e Papa Francesco

 

“È così marcio, pettegolezzo”, ha detto papa Francesco nel febbraio 2014. “Riempie il cuore di amarezza e ci avvelena anche”.

Questo è stato un ritornello per tutto il papato di Francesco, così come gli avvertimenti di una vera e propria “calunnia”.

“La calunnia viene da una cosa molto malvagia”, diceva all’inizio del suo papato. “Nasce dall’odio. E l’odio è opera di Satana. La Calunnia distrugge l’opera di Dio nelle persone, nelle loro anime”.

Francesco ha preso in prestito una frase più popolare: “notizie false”. E proprio la settimana scorsa ha denunciato “notizie false, menzogne che infiammano il popolo e gli fanno chiedere giustizia”. È un linciaggio”.

Mi viene in mente questo mentre guardo uno scenario guidato ideologicamente dai media che mette in scena una lotta tra Papa Francesco e il Papa emerito Benedetto. L’attuale carburante per cercare di promuovere una guerra papale sono le parole di Benedetto in un’intervista a Peter Seewald. Coloro che nei media inquadrano Benedetto come un destrorso retrogrado stanno usando i suoi commenti per porre Benedetto come l’anti-Francesco – il cattivo “tradizionalista” che cerca di sabotare il “progresso” del buon Francesco su questioni a cui i giornalisti liberali tengono di più, come l’aborto, il “matrimonio” tra persone dello stesso sesso e l’omosessualità.

Queste sono le buffonate dei media ostili che vogliono distruggere Benedetto e costruire Francesco per il bene di un’agenda politico-culturale. Gran parte dell’inclinazione è dovuta all’ignoranza dei giornalisti liberali che non hanno mai compreso appieno nessuno dei due papi.

Ecco due esempi attuali:

Il quotidiano britannico Daily Express, in un articolo segnalato dal Drudge Report (generando così un numero enorme di click), ha realizzato questo titolo incendiario: “Papa Benedetto XVI “fa del suo meglio per sabotare Papa Francesco, in mezzo a discussioni tra matrimoni gay e anticristo”. L’articolo sostiene:

“L’ex papa … ha affermato che le persone che si oppongono alle unioni omosessuali nel mondo di oggi sono “scomunicate dalla società”. Ha detto che è “la stessa cosa con l’aborto e la creazione di vita umana in laboratorio”, aggiungendo che è naturale per coloro che si oppongono ad esso preoccuparsi del “potere spirituale dell’Anticristo” … Le osservazioni hanno scatenato la furia degli osservatori vaticani, che dicono che questo è l’ultimo di una lunga serie di passaggi usati come tentativo di frenare l’agenda liberale di Papa Francesco”.

L’articolo citava una sola fonte: Lynda Telford, l’autrice di un libro intitolato Donne del Vaticano: Il potere femminile in un mondo maschile, che ha mostrato riprovazione all’Express di “compatire profondamente Francesco” dopo aver letto le parole di Benedetto. Ha lanciato un’accusa impressionante al papa emerito:

“Benedetto sta facendo del suo meglio per sabotare tutte le riforme che Francesco sta cercando di portare avanti. Le riforme del divorzio (così le persone divorziate possono prendere il sacramento [sic]), aprire un dialogo con le persone LGBT, la contraccezione, tutto quanto”. Ha aggiunto: “Benedetto non ha il diritto di interferire. Tenerlo sotto lo stesso tetto di Francesco, così che non si liberi mai di lui, è spaventoso”.

L’articolo sosteneva:

“Mentre Francesco intraprendeva un viaggio per rivitalizzare il Vaticano e attirare nuovi fedeli nella Chiesa, alcuni esperti hanno detto che Benedetto sta ancora cercando di usare il suo potere per assicurare che i suoi principi tradizionali rimangano. Nel libro appena pubblicato, Benedetto ha cercato di smussare queste accuse dicendo che la sua amicizia con Francesco “non solo ha resistito, ma è cresciuta”. I suoi commenti sul matrimonio gay e l’aborto, tuttavia, hanno lasciato in molti la sensazione di un attacco al liberalismo che Francesco sta cercando di attuare”.

E cosa crede papa Francesco di questi problemi? L’Express ha offerto solo due citazioni dalla totalità dei sette anni di pontificato di Francesco:

“In precedenza, Papa Francesco si è pronunciato a favore dell’accoglienza di coloro che appartengono alla comunità LGBT nella fede cattolica. Nell’anno in cui è stato scelto per sostituire Benedetto, Francesco ha detto che la “chiave per la Chiesa è accogliere, non escludere”. Ha aggiunto: “Se una persona è gay e cerca Dio e ha buona volontà, chi sono io per giudicare?

Il pezzo si conclude qui, con una presentazione mozzafiato, selettiva e grossolanamente ignorante, delle numerose affermazioni di Francesco su questi temi.

L’Express è tutt’altro che solitario. L’agenzia di stampa AFP, in un servizio diffuso da Yahoo News, ha affermato: “L’ex papa tradizionalista Benedetto XVI accusa gli oppositori di volerlo ‘mettere a tacere’, associando il matrimonio gay all’’Anticristo’ e attaccando ‘ideologie umaniste’ in una nuova biografia autorizzata”. Anche l’AFP ha sparato sul cardinale Robert Sarah:

“Alcuni osservatori avevano accusato l’ex papa di dare consigli non richiesti quando è apparso un libro che difendeva il tema scottante del celibato sacerdotale, che portava il suo nome accanto a quello dell’arci conservatore cardinale guineano Robert Sarah. … Egli non ha rinunciato a intervenire nei dibattiti sociali, offrendo un nuovo slancio contro i matrimoni gay nella nuova biografia”.

 

Due Papi, un insegnamento

 

Notate la narrazione: Queste fonti mediatiche descrivono il punto di vista di Benedetto sull’aborto, sul “matrimonio” tra persone dello stesso sesso e sull’omosessualità come completamente contrario a Francesco nella fede e nel tono. In verità, sono in piena sintonia. Francesco è stato notevolmente coerente nell’opporsi all’aborto, al “matrimonio” omosessuale e all’omosessualità. Certo, ha parlato di non giudicare e di non amare (come ha fatto Benedetto), ma è stato ancora critico. Un anno fa, ho scritto un pezzo di 5.600 parole per la rivista Crisis, in cui ho esposto la lunga storia di Francesco su questi temi – un catalogo di dichiarazioni per far urlare i liberali. Non ripeterò qui quel catalogo, ma prenderò in considerazione alcuni esempi significativi:

Per quanto riguarda l’aborto, Francesco lo ha equiparato all’eugenetica nazista con i guanti bianchi. “Il mondo intero è stato scandalizzato per quello che i nazisti stavano facendo per mantenere la purezza della razza”, ha detto nel giugno 2018. “Oggi facciamo la stessa cosa, ma con i guanti bianchi”.

Papa Francesco ha anche paragonato l’aborto all’assunzione di un sicario. “È giusto assumere un sicario per risolvere un problema?” chiese Francesco nell’ottobre 2018. “Non si può … non è giusto uccidere un essere umano, indipendentemente da quanto sia piccolo, per risolvere un problema. È come assumere un sicario”.

Questo è molto più provocatorio di tutto ciò che Papa Benedetto ha detto sull’aborto.

Per quanto riguarda l’omosessualità, Francesco è attento a non far sentire gli omosessuali indesiderati, ma è anche attento a non accoglierli in luoghi come il seminario. Nel maggio 2018, ha avvertito i vescovi italiani: “Se c’è un dubbio sull’omosessualità, è meglio non farli entrare in seminario. Se pensate che il ragazzo sia omosessuale, non mettetelo in seminario”.

Quando si tratta di “matrimonio tra persone dello stesso sesso”, Francesco ha tuonato: “Non è il matrimonio!” Prima di un’udienza di 7.500 persone nell’Aula Paolo VI del 25 ottobre 2014, Francesco ha ricordato: “Quello che propongono non è il matrimonio. È un’associazione, ma non è il matrimonio! Bisogna dire le cose in modo molto chiaro e dobbiamo dire questo!”

Lo ha detto con enfasi e con frequenza. “La famiglia è colpita! Francesco” ha gridato. “La famiglia è battuta e la famiglia è svilita. … Si può chiamare tutto famiglia? Quanto… tanto relativismo c’è nel concetto di sacramento del matrimonio! Il Santo Padre ha condannato le “nuove forme, totalmente distruttive” del matrimonio.

Da quando il “matrimonio” tra persone dello stesso sesso è apparso sul suo radar, Francesco ha sparato sul concetto. Nel 2010, quando era cardinale in Argentina, ha dichiarato il “matrimonio” omosessuale uno sforzo diabolico del “padre della menzogna”. Rispondeva a uno sforzo dei legislatori di sinistra argentini per legalizzare il “matrimonio tra persone dello stesso sesso”. Ha dichiarato apertamente: “Non facciamo gli ingenui. Questa non è semplicemente una lotta politica, ma è un tentativo di distruggere il piano di Dio. Non è solo un disegno di legge (un mero strumento) ma una ‘mossa’ del padre della menzogna che cerca di confondere e ingannare i figli di Dio”.

Per quanto riguarda le “coppie gay” che adottano bambini, egli ha condannato anche questa nozione, affermando che avrebbe preso di mira “la vita di molti bambini che saranno discriminati in anticipo, e privati del loro sviluppo umano dato da un padre e una madre e voluto da Dio. In gioco c’è il rifiuto totale della legge di Dio incisa nei nostri cuori”.

Ha ribadito la stessa posizione del Papa sull’adozione. Nel novembre 2017, Francesco ha insistito sul fatto che “i bambini hanno il diritto di crescere in una famiglia con un padre e una madre”. Lo aveva detto anche nel novembre 2014 al colloquio interreligioso di tre giorni del Vaticano su “La complementarietà dell’uomo e della donna”, tra le altre occasioni.

Questi sono solo esempi sull’aborto, il matrimonio e l’omosessualità. Se gli ammiratori liberali di Francesco volessero leggere più a fondo, sarebbero apoplettici sulle sue fulminazioni contro la teoria del genere, che egli ha definito “demoniaca”, paragonabile alle “politiche educative di Hitler” e alla “dottrina” della “Gioventù hitleriana”, ai gruppi giovanili fascisti nell’Italia di Mussolini, e alle “armi nucleari”.

“Oggi nelle scuole lo insegnano ai bambini – ai bambini! – che ognuno può scegliere il proprio genere”, ha protestato Francesco. “Questo è terribile!”

Francesco non è un fan del transgenderismo. Ricordate i titoli di testa come questo del febbraio 2015? “Papa Francesco paragona le persone transgender con le armi nucleari”.

Francesco si è lamentato apertamente: “Dietro tutto questo troviamo l’ideologia di genere. Nei libri i ragazzi imparano che è possibile cambiare sesso. Il genere, essere donna o essere uomo, può essere un’opzione e non un fatto della natura?”

Molte di queste cose Francesco non ha esitato a descrivere come letteralmente sataniche. Le sue parole sono state molto più stridenti di qualsiasi cosa Benedetto abbia detto.

 

Vere fake news

 

Eppure, i giornalisti liberali non sono consapevoli di queste dichiarazioni o le ignorano volontariamente per fomentare una falsa dicotomia tra i due papi e favorire un’agenda ideologica. I giochi infantili che alcuni reporter fanno con l’aria dell’avvertimento di Francesco del novembre 2013 sul “progressismo adolescenziale”.

Nella mia esperienza, la maggior parte di questo povero giornalismo si basa non sulla malizia intenzionale, ma sull’ignoranza di persone che leggono solo fonti con cui sono d’accordo. Non sono consapevoli dell’altra parte perché hanno una mentalità chiusa a convinzioni che non vogliono nemmeno considerare. Il risultato: false narrazioni, notizie false e, ora, una finta lotta tra due papi che, in realtà, si piacciono e si trattano con rispetto.

Nel febbraio 2018, Francesco condannava le “notizie false”, definendole “segno di atteggiamenti intolleranti e ipersensibili” che “portano solo al diffondersi dell’arroganza e dell’odio”. Anche questo, avverte con tristezza, è opera del “serpente astuto”.

Lo sforzo continuo dei giornalisti liberali di appropriarsi di Francesco come “uno di loro” – un compagno di viaggio nel progressismo – e di plasmare il loro nemico Benedetto come nemico di Francesco è sbagliato. Per riprendere un’altra frase di Francesco, stanno “ideologizzando” il rapporto tra i due papi per far avanzare un’agenda politico-culturale. E’ divisivo, è marcio, e dovrebbe finire.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1