Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da James Soriano e pubblicato su Crisis magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Biden e Putin
Biden e Putin

 

L’uomo con il lungo cappotto grigio uscì dalla sua tenda sulla riva scoscesa del Nieman e scrutò verso est attraverso un cannocchiale. Gli uomini lo aspettavano e, quando uscirono dal bosco, si levò il grido: “Vive l’Empereur! Queste sono dunque le steppe dell’Asia!”. Era il giugno del 1812 e, scrivendo circa cinquant’anni dopo i fatti, Leone Tolstoj colloca Napoleone Bonaparte nei pressi della città di Kaunas, nell’attuale Lituania. Le truppe esultanti sapevano che si stavano lasciando l’Europa alle spalle, quando entrarono nel lungo portico dell’Asia. Il loro obiettivo: Mosca.

La Russia ha sempre fatto parte del sistema degli Stati europei, ma non fa parte dell'”Europa” in quanto tale. Oggi questo non è sempre chiaro, ma nel XIX secolo era evidente: Gli europei avevano secoli di esperienza nel trattare con due potenze esterne – la Russia ortodossa e la Turchia ottomana – che si mescolavano nell’equilibrio di potere; ma nessuna delle due faceva parte della casa culturale europea.

Quando la civiltà classica crollò nel V secolo, altre tre civiltà emersero dalle macerie: La civiltà occidentale, che forse esiste ancora o forse no; la civiltà islamica, che si è conclusa con la sconfitta dell’Impero Ottomano nella Prima Guerra Mondiale; e la civiltà di Bisanzio, che si è conclusa con la caduta di Costantinopoli in mano ai Turchi nel 1453.

I popoli slavi delle pianure e delle foreste settentrionali guardavano a Bisanzio per avere stimoli culturali. Bisanzio inviò loro i santi fratelli Cirillo e Metodio, che li battezzarono. Gradualmente, è nata un’altra società distinta, la civiltà russa ortodossa, nipote dell’antichità classica.

Recentemente, Papa Francesco ha parlato in video a un gruppo di giovani cattolici russi. L’evento lo ha messo in difficoltà perché molti hanno pensato che le sue parole implicassero un sostegno morale alla Russia che sta combattendo la guerra in Ucraina. “Non dimenticate la vostra eredità”, ha detto all’assemblea.

Siete eredi della grande Russia, la grande Russia dei santi, dei re, la grande Russia di Pietro il Grande, di Caterina II, il grande e colto Impero russo di tanta cultura, di tanta umanità. Non rinunciate mai a questa eredità. Voi siete gli eredi della grande Madre Russia…

Mettendo da parte le polemiche, immaginate una scena simile con Francesco che tiene un discorso che ispira un gruppo di tecnocrati nella sede dell’Unione Europea a Bruxelles. Voi siete gli “eredi della civiltà occidentale”, direbbe loro, e dovreste essere consapevoli dei grandi santi dell’Europa, della sua cultura e del suo patrimonio.

Una scena del genere suona falsa. L'”Europa” di oggi è più un’idea che una società viva con un senso di continuità storica. È una cosa costruita dai pensieri profondi degli arconti dell’UE a Bruxelles, plasmata da astrazioni come “democrazia” e “diritti umani” e “un ordine basato sulle regole” – insieme all’idea che i “diritti” di qualsiasi importanza sono quelli che l’UE approva, qualunque essi siano.

L’UE è sempre stata a disagio con il passato dell’Europa: il nazionalismo è un male, i confini sono un male, la tradizione giudaico-cristiana è un male. Quando le élite modellano una società “dall’alto verso il basso”, una sorta di cultura dell’annullamento sarà invariabilmente all’opera. Prendiamo ad esempio i disegni sulle banconote in euro: non raffigurano nessuna persona o cosa reale della storia europea. Le immagini sono fittizie, l’impasto di una monocultura. Si dice quindi che l’europeo medio oggi non capisca più cosa significhi essere europeo. Non è certo che i giovani russi con cui Francesco ha parlato abbiano questo tipo di dubbi: conoscono la sfida che devono affrontare.

Nell’arco della vita degli Stati Uniti, la Russia è stata invasa dagli europei cinque volte. Napoleone occupò Mosca nel 1812, ma valutò male la volontà di resistenza del popolo russo. La causa della guerra di Crimea del 1856 è sconcertante, ma la Gran Bretagna e la Francia vinsero dopo aver assediato il porto russo di Sebastopoli. La Germania invase la Russia durante la Prima guerra mondiale, seguita da Gran Bretagna e Francia nel 1918, nel tentativo di soffocare la rivoluzione comunista russa. La Germania invase di nuovo la Russia nel 1941, provocando una distruzione lunga quanto la distanza tra New York e il Kansas.

La guerra in Ucraina entra ora nella storia come il sesto scontro militare in tempi moderni tra la Russia e le grandi potenze a ovest. Si tratta di una guerra per procura, una transazione strutturata che consente all’Occidente di limitare il proprio rischio di fallimento e di godere di un guadagno in caso di fallimento della Russia. Ciononostante, l’Occidente ha fatto scorrere il sangue russo. Sarebbe corretto affermare che l’assistenza americana ed europea all’esercito ucraino ha ucciso più soldati russi che l’esercito ucraino da solo. Sarebbe inoltre corretto ipotizzare che, in assenza di tale assistenza, la Russia e l’Ucraina sarebbero venute a patti molto tempo fa. L’assistenza occidentale permette la guerra.

Gli Stati Uniti e l’Europa ritengono la Russia responsabile della catastrofe. Dicono che l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia costituisce un grave atto di ingiustizia, un evidente caso di aggressione “non provocata”, e che la Russia deve essere chiamata a risponderne. La Russia non la vede così. Essa individua la causa della guerra in due catene di eventi precedenti: l’allargamento dell’alleanza NATO verso est, con l’obiettivo di farvi entrare l’Ucraina, e l’ascesa al potere in Ucraina di un movimento nazionalista apertamente anti-russo, che ha scatenato una guerra civile nelle regioni orientali del Paese.

Ma c’è qualcos’altro all’opera. La Russia ha sempre sospettato che ciò che l’Occidente vuole veramente è un cambio di regime a Mosca. L’idea non è mai molto lontana dalla superficie e la logica dell’integrazione dell’Ucraina nelle istituzioni occidentali punta in quella direzione.

La strategia occidentale è stata a lungo quella di mantenere la pressione sui confini della Russia, di imporre sanzioni, di respingere la diplomazia russa e di insistere sul diritto di scelta dell’Ucraina, il tutto culminato nel porre al Cremlino un dilemma quasi impossibile: o la Russia accetta l’Ucraina nella NATO, o entra in guerra per fermarla. E poiché i costi della guerra sono troppo alti, si pensa che alla fine la Russia si riprenderà, ringhiando e brontolando, ma accettando il nuovo stato di cose. La Russia ha scoperto il bluff.

Se la Russia avesse acconsentito alla NATO sul Dnieper, se avesse rispettato il diritto dell’Ucraina di scegliere le proprie alleanze, se avesse permesso a un’alleanza militare avversaria di spingersi fino al suo recinto, si sarebbe trovata su una china scivolosa verso il game over. Che è quello che vuole l’Occidente. Perderebbe la sua libertà d’azione e ogni pretesa di status di grande potenza. Dovrebbe adattarsi in modo flessibile a un ordine mondiale progettato dagli Stati Uniti. Sarebbe un’entità minore rispetto all’Occidente negli affari mondiali, piuttosto che un’alternativa ad esso.

L’Eurasia verrebbe trasformata nel recinto orientale di una monocultura continentale. Una nuova generazione di élite russe dalla mentalità europea avrebbe ereditato la terra, i cui cuori non avrebbero mai riposato fino a quando l’alfiere dell’arcobaleno non fosse stato issato sulle mura del Cremlino. Il futuro avrebbe portato il tipo di Russia che gli eurocrati di Bruxelles approverebbero; il tipo di Russia che Papa Francesco metterebbe in guardia.

Il popolo russo ha capito tutto questo. Percepisce che la battaglia in Ucraina non riguarda solo l’Ucraina. È una lotta per l’anima della Russia. Pochi russi volevano la guerra; forse molti di loro hanno capito che la guerra era diventata inevitabile. Ma dopo la guerra, tutti vogliono la vittoria, perché perdere la battaglia non sarebbe solo una battuta d’arresto da cui la Russia potrebbe poi riprendersi. Sarebbe equivalso alla perdita dell’identità storica della Russia, non solo come Paese, ma come civiltà, come società distinta dall’Occidente.

Dopo la terribile battaglia di Borodino, Tolstoj colloca Napoleone in cima alla collina Poklonnaya, alla periferia di Mosca. Osserva la città davanti a sé e rimane colpito dalla sua particolare architettura. “Questa città asiatica dalle innumerevoli chiese, la santa Mosca! esclama Napoleone. “Finalmente è qui”. Per il romanziere russo e l’imperatore francese, Mosca è una città asiatica. È nell’Oriente cristiano. L’Europa e gli Stati Uniti sono l’Occidente post-cristiano.

James Soriano


James Soriano è un funzionario del Servizio estero in pensione. Ha trascorso 29 anni nel Dipartimento di Stato, prestando servizio a vario titolo presso le ambasciate statunitensi in Egitto, Giordania, Libano, India, Iraq e Yemen.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments