Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ted Snider e pubblicato su Anti.War. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

esplosione nucleare, guerra nucleare, armi nucleari

 

Mentre l’Occidente riversa in Ucraina armi sempre più avanzate, in grado di colpire non solo il territorio occupato dai russi in Ucraina, ma anche il territorio riconosciuto internazionalmente della Russia stessa, si profila il rischio di una guerra nucleare. La politica russa di deterrenza nucleare afferma che la Russia potrebbe “ipoteticamente” consentire l’uso di armi nucleari solo in caso di “aggressione con armi convenzionali, quando è minacciata l’esistenza stessa dello Stato”. Di recente si sono moltiplicati gli articoli che sostengono che gli Stati Uniti dovrebbero correre questo rischio.

Il lancio di questa orribile guerra in Ucraina da parte della Russia è stato illegale e folle. L’unica cosa più orribile e più folle sarebbe concludere la guerra convenzionale con una guerra nucleare. L’unica risposta sana a questa guerra è quella di porvi fine in un modo che non metta fine anche a tutto il resto: attraverso un accordo negoziale.

Alcuni articoli, come quello del generale statunitense in pensione Kevin Ryan, sostengono che gli Stati Uniti dovrebbero accettare il rischio di una guerra nucleare in Ucraina perché è inevitabile; altri, come quello di Simon Tisdall, sostengono che gli Stati Uniti dovrebbero accettare il rischio perché è improbabile che accada.

Il problema del primo argomento è che è potenzialmente suicida. Il problema del secondo è che si basa sulla convinzione della natura illusoria delle linee rosse della Russia. Ma non si sa mai che una linea rossa è una vera linea rossa finché non la si è già oltrepassata. Nel caso del nucleare, è troppo tardi.

Tisdall sostiene che, sebbene apparentemente “sensata a prima vista”, la preoccupazione di Biden che dare a “Zelensky tutto ciò di cui ha bisogno per vincere” possa essere vista da Putin come “escalation” e come superamento delle linee rosse è “troppo cauta”. Invece, egli sostiene la tesi che Putin minaccia linee rosse, “giocando sulle paure occidentali”, ma che in realtà sta bluffando. Ma Putin ha intensificato la guerra in difesa delle sue linee rosse. Per fortuna, però, ha intensificato la guerra con misure convenzionali e non nucleari. In risposta alle escalation occidentali e ucraine, Putin ha adottato la strategia di colpire obiettivi elettrici e di trasporto: una strategia che aveva evitato in precedenza.

L’osservazione e l’argomentazione di Tisdall ignorano anche il parere di coloro che hanno studiato più a fondo Vladimir Putin. Philip Short, nella sua biografia di Putin, afferma che diverse lezioni apprese nell’infanzia sono state formative per Putin. Una di queste era: in un combattimento, mai bluffare. Nel KGB, a Putin è stato insegnato a non “prendere un’arma se non si è pronti a usarla”. Putin racconta che, da bambino, aveva imparato che “per strada era lo stesso. [I] rapporti venivano chiariti con i pugni. Non ci si lasciava coinvolgere se non si era pronti ad andare fino in fondo”. Chi conosce meglio Putin sa che non è noto per bluffare. Quando la posta in gioco sono le armi nucleari, e non i pugni, questo è un profilo psicologico che sarebbe saggio non mettere semplicemente da parte.

Tisdall ammira il trionfale lavoro di lobbying di Zelensky per i missili a lunga gittata e i cacciabombardieri F-16 e deride i “ritardi” e le “indecisioni croniche” di Biden. Celebra Zelensky per aver “impresso il ritmo sul terreno” con le “incursioni nella Russia meridionale” che sta intraprendendo “indipendentemente dai [suoi] principali finanziatori”. Tisdall si lamenta del fatto che “è il presidente dell’Ucraina, non il comandante in capo dell’America avverso ai rischi o l’alleanza NATO, a guidare l’agenda bellica dell’Occidente” e che Biden “si preoccupa di disastri e perdite” mentre Zelensky “pensa solo a vincere”.

Ma Zelensky dovrebbe guidare l’agenda della guerra. È l’Ucraina ad essere in guerra con la Russia, non gli Stati Uniti. Ricordiamo tutte le promesse dell’America, secondo cui le decisioni spettano all’Ucraina e “non c’è niente sull’Ucraina senza l’Ucraina”.

Ma soprattutto, i due leader hanno responsabilità e impegni diversi. Zelensky ha una responsabilità nei confronti del popolo ucraino e della difesa del suo territorio. Anche Biden ha una responsabilità nei confronti dell’Ucraina. Sono stati gli Stati Uniti a dire a Zelensky nei primi giorni della guerra, quando sembrava possibile una pace, di non negoziare un accordo con la Russia, ma di continuare a combattere per “principi fondamentali”, perché la guerra “è per molti versi più grande della Russia, è più grande dell’Ucraina”. Quindi, un obiettivo chiave dell’amministrazione Biden è quello di stare al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario a difendere la sua sovranità e integrità territoriale. Questa è la promessa di Biden all’Ucraina. Ma un secondo obiettivo chiave è evitare di essere trascinati in una guerra della NATO con la Russia. Questa è la promessa di Biden agli americani. Evitare una guerra nucleare e impegnarsi per gli Stati Uniti e la loro sicurezza è la prima responsabilità del Presidente degli Stati Uniti. Come mi ha detto Anatol Lieven, direttore del Programma Eurasia presso il Quincy Institute for Responsible Statecraft, se Biden seguisse le priorità suggerite da Tisdall metterebbe gli americani “in pericolo morale per il bene dell’Ucraina” in un modo che “sarebbe una violazione del suo giuramento”.

Sebbene Zelensky possa guidare l’agenda di guerra, alcuni generali ucraini e funzionari statunitensi potrebbero non essere così soddisfatti di questo ruolo. È stato Zelensky a insistere, contro il loro parere, sulla lotta per Bakhmut che ha lasciato decine di migliaia di soldati ucraini morti, l’artiglieria ucraina cannibalizzata e Bakhmut nelle mani dei russi.

Tisdall sostiene che l’Ucraina avrebbe dovuto ricevere prima tutto ciò di cui aveva bisogno per vincere, compresi i cacciabombardieri F-16. Ma anche se la Russia potrebbe vedere la fornitura di F-16 come “un’escalation inaccettabile” – da qui la lunga riluttanza di Biden a fornirli – l’analista militare Daniel Davis ha sostenuto che “non c’è motivo di aspettarsi un cambiamento drammatico nelle sorti di Kiev nella guerra a causa di questi”.

Tisdall critica anche il rifiuto dell’amministrazione Biden di fornire zone di interdizione al volo. Ma la creazione e l’applicazione di una no-fly zone richiede la volontà degli Stati Uniti di abbattere gli aerei russi. È un atto di guerra che potrebbe trascinare gli Stati Uniti e la NATO in una guerra – potenzialmente nucleare – con la Russia. Come spiegò l’allora segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki nel marzo 2022, “la no-fly zone richiede l’attuazione. Richiederebbe, in sostanza, che l’esercito americano abbattesse gli aerei russi e provocasse una guerra diretta con la Russia, cosa che vogliamo evitare”.

Tisdall sostiene la sua tesi con lo sfortunato esempio della Libia come caso di no-fly zone che ha salvato molte vite. Ma, come ha sottolineato Noam Chomsky, il bombardamento della Libia ha portato a una devastazione ben peggiore di quella da cui la no-fly zone doveva proteggere. La no-fly zone era giustificata dall’affermazione che Gheddafi avrebbe massacrato la popolazione di Bengasi. Ma un’attenta ricerca condotta dopo la guerra ad Harvard e da un’inchiesta britannica ha concluso che Gheddafi non ha perpetrato bagni di sangue in nessuna delle città riconquistate dalle sue forze e che “l’ipotesi che Muammar Gheddafi avrebbe ordinato il massacro di civili a Bengasi non è supportata dalle prove disponibili”. L’intervento della NATO in Libia ha lasciato il Paese a pezzi, facendo affluire armi negli arsenali radicali di tutta la regione.

La Libia è anche una scelta infelice perché gli Stati Uniti e la NATO, andando oltre il loro mandato delle Nazioni Unite, hanno bombardato la Libia e sono stati visti da Putin come un esempio di disprezzo degli Stati Uniti per il diritto internazionale che ha contribuito a convincerlo che la NATO non era un’alleanza difensiva benigna. Questa conclusione sarebbe diventata ancora più importante quando la Russia ha visto la NATO invadere l’Ucraina e il confine occidentale della Russia.

Tisdall chiude il suo articolo sostenendo che a Zelensky dovrebbe essere dato “tutto ciò di cui ha bisogno per vincere” perché Biden ha ragione nel dire che “la guerra è una lotta fondamentale tra libertà e tirannia”. Biden ha inquadrato la battaglia come una lotta tra democrazia e autocrazia. Ma al di fuori di una ristretta cerchia di amici subordinati, nessuno gli crede. L’Africa ha inveito contro gli Stati Uniti per le loro lezioni ipocrite sulla democrazia. L’America Latina le ha respinte. La gente ha memoria. In tutta l’Africa, l’America Latina e la maggior parte del mondo, la gente ricorda il colonialismo statunitense e i colpi di stato che hanno eliminato i leader democraticamente eletti a favore di dittatori sostenuti dagli Stati Uniti.

È anche un po’ falso nominare Zelensky come portabandiera della democrazia. Anche prima della guerra, Kiev stava demolendo la democrazia e la libertà. Richard Sakwa, professore di politica russa ed europea al Kent, afferma che “il governo centrale di Kiev aveva da tempo approvato leggi che proibivano l’uso della lingua russa e persino della cultura russa dagli usi ufficiali, dall’istruzione e dai mass media”. Nicolai Petro, professore di Scienze politiche all’Università di Rhode Island, afferma che “con il rifiuto di Kiev degli accordi di Minsk, tutte le televisioni e i media di etnia russa sono stati chiusi dal governo ucraino”.

Dall’inizio della guerra, l’erosione della libertà e della democrazia sotto Zelensky è continuata. La democrazia ucraina è stata minacciata dalla decisione di Zelensky di bandire undici partiti di opposizione, tra cui il secondo partito più importante del Parlamento ucraino. Anche la libertà di stampa è stata minata. Alla fine del 2022, Zelensky ha approvato una legge che amplia il “potere normativo del suo governo sui media”, come riporta il New York Times. Secondo quanto riferito, il governo può bloccare le risorse Internet e revocare le licenze. La legge dà al governo il potere di vietare o rimuovere i messaggi ritenuti indesiderati. Il Guardian definisce il decreto di Zelensky di unire tutti i canali televisivi nazionali in un’unica piattaforma un ulteriore tentativo di “affermare la sua influenza sulla sfera mediatica del Paese”.

Le richieste dell’Ucraina di armi a lunga gittata e di cacciabombardieri F-16 e il via libera per attaccare la Crimea e colpire il territorio russo sono comprensibili. È comprensibile anche la convinzione che gli Stati Uniti debbano accettarle, visto il ruolo che gli Stati Uniti hanno svolto nel mettere l’Ucraina in questa posizione, bloccando i negoziati e incoraggiando l’Ucraina a continuare a combattere l’esercito russo. Ma dare a “Zelensky tutto ciò che gli serve per vincere” rischia la guerra con la Russia e rischia la guerra nucleare. L’unica cosa più orribile e folle di questa guerra sarebbe terminarla con le armi nucleari. L’unica risposta sana a questa guerra folle è un accordo negoziato che affronti i problemi e ponga fine ai combattimenti.

Ted Snider

 

Ted Snider scrive regolarmente di politica estera e storia degli Stati Uniti su Antiwar.com e The Libertarian Institute. Collabora spesso anche con Responsible Statecraft e The American Conservative, oltre che con altre testate.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments