Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da M.K. Bhadrakumar, un diplomatico indiano con esperienza trentennale, di cui la metà passata in paesi come la Russia. L’articolo è pubblicato sul blog di Bhadrakumar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte, comprese eventuali donazioni. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Guerra in Ucraina
Guerra in Ucraina

 

Il Presidente ucraino Vladimir Zelensky ha in qualche modo alleggerito la suspense dichiarando giovedì ai media occidentali che il suo esercito deve aspettare e ha bisogno ancora di “un po’ di tempo” per lanciare la tanto attesa controffensiva contro le forze russe.

Ha riconosciuto che le brigate da combattimento ucraine sono “pronte”, ma ha precisato che l’esercito ha ancora bisogno di “alcune cose”, tra cui i veicoli corazzati che stanno “arrivando in lotti” dai Paesi della NATO.

Zelensky ha spiegato che “possiamo andare avanti e, credo, avere successo. Ma perderemmo molte persone. Penso che sia inaccettabile. Quindi dobbiamo aspettare. Abbiamo bisogno ancora di un po’ di tempo”.

Tuttavia, l’affermazione di Zelensky secondo cui l’esercito ucraino ha ancora bisogno di equipaggiamento è in contrasto con le dichiarazioni assertive dei funzionari occidentali. Nientemeno che il capo della NATO Jens Stoltenberg ha detto due settimane fa, una settimana intera dopo essere tornato da Kiev dopo i colloqui con Zelensky e i suoi principali collaboratori, che le consegne della NATO costituivano più del 98% dei veicoli da combattimento promessi all’Ucraina.

Stoltenberg ha aggiunto: “In totale, abbiamo addestrato ed equipaggiato più di nove nuove brigate corazzate ucraine. Questo metterà l’Ucraina in una posizione forte per continuare a riconquistare il territorio occupato”.

Martedì scorso, il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha appoggiato in linea di massima le parole di Stoltenberg, durante una conferenza stampa congiunta con il Ministro degli Esteri britannico James Cleverly, in visita, pur avendo cura di aggiungere un’avvertenza:

“Loro (i militari ucraini) hanno in atto… ciò di cui hanno bisogno per continuare ad avere successo nel riconquistare il territorio che è stato sequestrato con la forza dalla Russia… Non sono solo le armi; è l’addestramento. È assicurarsi che gli ucraini possano mantenere i sistemi che forniamo loro, ed è importante, naturalmente, che abbiano i piani giusti, ancora una volta, per avere successo”.

Cleverly si è detto d’accordo con il senso delle parole di Blinken, ma ne ha dato una prospettiva politica. Questo è perfettamente accettabile, poiché questa è una guerra più politica che militare.

Cleverly ha detto che non ci si deve aspettare una controffensiva da film da parte di Kiev. Ha ammonito: “Il mondo reale non funziona così. Spero e mi aspetto che facciano molto, molto bene, perché ogni volta che ho visto gli ucraini, hanno superato le aspettative… (ma) dobbiamo essere realistici. Questo è il mondo reale. Non è un film di Hollywood”.

Per essere onesti, Stoltenberg aveva anche messo in guardia su un binario parallelo, dicendo che “non dovremmo mai sottovalutare la Russia”. Ha affermato che la Russia sta mobilitando più forze di terra ed è “disposta a inviare migliaia di truppe con un tasso di vittime molto alto”.

Forse, il punto saliente su cui questi tre funzionari hanno insistito è che, a prescindere dall’esito della prevista offensiva ucraina, i Paesi della NATO “devono mantenere la rotta e continuare a fornire all’Ucraina ciò di cui ha bisogno per prevalere” di fronte a quello che sembra essere un conflitto prolungato. In effetti, sia Blinken che Cleverly sono in sintonia con le parole di Stoltenberg.

Infatti, proprio mentre i due ministri degli Esteri parlavano, lo stesso giorno, gli Stati Uniti hanno annunciato un ulteriore aiuto di 1,2 miliardi di dollari all’Ucraina, destinato a rafforzare le difese aeree e a mantenere le forniture di munizioni.

Nelle ultime settimane ci si è chiesti se sia in programma una controffensiva ucraina. La risposta è un categorico “sì”. Per quanto riguarda la tempistica, sembra che ci sia una divergenza di opinioni.

Le condizioni meteorologiche non sono più un fattore insormontabile e gli sponsor occidentali di Zelensky vogliono che lui parta con l’offensiva – prima lo fa meglio è. Il loro calcolo è che l’offensiva ha una ragionevole possibilità di successo, il che contribuirebbe a placare l’opinione interna occidentale che il costoso sostegno all’Ucraina non sta finendo in un pozzo senza fondo.

In secondo luogo, l’offensiva è utile dal punto di vista politico per sostenere l’opinione pubblica europea. Infatti, la Commissione europea guidata dal suo presidente (e fervente atlantista), Ursula von der Leyen, ha appena confermato che l’UE si sta preparando a compiere i primi passi verso l’adozione dei metodi delle sanzioni statunitensi e a imporre misure punitive extraterritoriali (collaterali) su imprese di Paesi terzi, tra cui quelle degli Emirati Arabi Uniti e forse della Turchia.

Sembra che l’UE si concentrerà innanzitutto sulla rivendita di beni dell’UE sanzionati alla Russia. In futuro, le imprese saranno punite anche se non hanno sede nell’UE e, quindi, non sono soggette alle norme comunitarie.

In effetti, tale applicazione extraterritoriale del proprio sistema di norme viola il diritto internazionale – e la stessa UE aveva ufficialmente sostenuto questa posizione fino a poco tempo fa – ma la Von der Leyen sta spingendo per una revisione dell'”ordine basato sulle regole” per aggiungere una nuova punta di diamante alla strategia occidentale per indebolire la Russia.

L’ipotesi di fondo è che le sanzioni indeboliranno l’economia russa e creeranno disaffezione sociale. Questo dimostra che, a prescindere dal destino della controffensiva di Zelensky, la guerra per procura contro la Russia non si placa. D’altra parte, nessuno può incolpare il Presidente Biden di una sconfitta ucraina.

Tuttavia, c’è una fregatura: Anche Zelensky ha le sue priorità, prima fra tutte la sua sopravvivenza politica. Sa che la sua narrativa su un’imminente sconfitta russa, eccetera, si è sgretolata e potrebbe diventare il capro espiatorio di qualsiasi gioco di responsabilità all’indomani di una schiacciante sconfitta nelle settimane o nei mesi a venire.

In effetti, il gioco dei troni a Kiev si sta avvicinando a una fase critica. Avvertendo il pericolo, Zelensky sta tentennando. Sta guadagnando tempo. (Il generale Valerii Fedorovych Zaluzhnyi, capo delle forze armate ucraine, ha saltato una riunione della NATO). Ma per quanto tempo Zelensky potrà respingere le crescenti pressioni degli Stati Uniti e della NATO per lanciare l’offensiva? La sua strategia di uscita avrebbe potuto essere quella di aprire una linea con Mosca, ma questa opzione non esiste più.

Da parte sua, la Russia sta facendo benissimo a tenere le carte coperte. La Russia ha la capacità di lanciare un’offensiva “a grande freccia” verso il Dnieper, ma la preferenza del Cremlino è quella di continuare a ridurre le forze armate ucraine – una strategia che si è dimostrata conveniente in termini umani e materiali, produttiva e sostenibile.

A seconda della traiettoria dell’offensiva ucraina, quindi, la Russia ha la possibilità di passare a un attacco massiccio per polverizzare l’avversario. Attualmente, la sua campagna di bombardamenti pesanti mira a creare shock e timore a Kiev e sconforto nelle capitali europee, e a degradare la mobilitazione dell’Ucraina. L’Occidente è tenuto a fare congetture sulle intenzioni russe.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments