Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ted Snider e pubblicato su Antiwar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Guerra Ucraina-Russia aprile 2022
Guerra Ucraina-Russia aprile 2022

 

È difficile ottenere un conteggio dei morti in Ucraina che non sia frutto della macchina propagandistica di qualcuno. Ma il numero dei morti è indiscutibilmente un orrore. Misurare la menomazione dell’Ucraina solo in termini di morti, però, è un’ingiustizia nei confronti della profondità della ferita ucraina.

Non solo, ma l’uso di decine di migliaia come unità di misura dei morti potrebbe essere una sottostima volta a mantenere il morale e a far sì che gli ucraini continuino a combattere con il sostegno dell’Occidente politico. Le morti possono essere il modo peggiore per segnare una nazione, ma non sono l’unico modo per farlo.

La promessa che il sacrificio dei soldati nella controffensiva sarebbe valso la pena è stata sgonfiata e la speranza è andata persa. Il compenso in vite umane è scarso e un alto diplomatico occidentale ha dichiarato alla CNN che “per loro fare davvero dei progressi che cambierebbero l’equilibrio di questo conflitto, credo sia estremamente, altamente improbabile”.

Il risultato è la disperazione. Un reportage del 10 agosto da Kiev, pubblicato dal Washington Post, inizia con le parole “Questa nazione è esausta” e continua con la disperata osservazione che “gli ucraini, che hanno bisogno di buone notizie, semplicemente non ne ricevono”.

Le notizie degli ucraini che si schieravano per combattere nei primi giorni di guerra sono state sostituite da quelle di ucraini che fanno di tutto per eludere la leva. L’11 agosto, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha licenziato tutti i direttori di un centro di reclutamento militare regionale. Sebbene le notizie si siano concentrate sulla repressione della corruzione, la vera notizia è stata ciò che la corruzione vendeva. Chi era disposto a offrirsi volontario è andato al fronte ed è caduto; chi è rimasto ha visto il prezzo e non vuole più andarci. I capi dei centri di reclutamento sono stati licenziati per aver preso tangenti per aiutarli. Sono stati licenziati per aver “sfruttato le loro posizioni per arricchirsi attraverso schemi di elusione della leva”. Zelensky ha descritto il “cinismo” e il “tradimento” come “arricchimento illecito” e “beneficio illegale” per il “trasferimento illegale di persone soggette al servizio militare oltre il confine”.

Ma la morte e la disperazione non sono gli unici costi. Lo sono anche la perdita di arti e la perdita di salute mentale. Un articolo del Washington Post del 15 agosto descrive “Corpi fatti a pezzi. Braccia e gambe maciullate in modo irriconoscibile” dalle mine e “l’angoscia mentale di amputare un arto dopo l’altro”. Il Wall Street Journal ha recentemente riportato che tra i 20.000 e i 50.000 ucraini “hanno perso uno o più arti dall’inizio della guerra”, prima di affermare che “la cifra reale potrebbe essere più alta”.

Ci sono anche notizie non confermate di un alto numero di suicidi nelle forze armate ucraine. Un articolo del New York Times intitolato “The Hidden Trauma of Ukraine’s Soldiers” (Il trauma nascosto dei soldati ucraini) riferisce della “crisi della psiche ferita, oltre che dei corpi spezzati, tra i soldati ucraini”. Il rapporto afferma che la necessità di “cure per i traumi psicologici… supera di gran lunga la capacità dell’Ucraina di affrontarli”.

L’orrore non accenna a finire. Ma il futuro dell’Ucraina potrebbe essere peggiore.

La Russia potrebbe non rimanere sulla difensiva per sempre. Dopo una controffensiva arriva l’offensiva successiva. La Russia è rimasta sulla difensiva, permettendo all’Ucraina di entrare nelle sue posizioni preparate e di essere divorata. Man mano che le forze armate ucraine risultano frustrate e ridotte, la Russia potrebbe aspettare il momento giusto per trasformare la controffensiva nella prossima grande offensiva russa.

Sembra che in Russia si sia parlato in modo non ufficiale dell’inevitabilità di una futura offensiva russa. L’ex generale Konstantin Pulikovsky avrebbe commentato che “ci sarà sicuramente un’offensiva. Ma di solito inizia quando sentiamo che il nemico è davvero esausto”. Il 15 agosto, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha dichiarato a una conferenza sulla sicurezza a Mosca, a cui secondo la Russia hanno partecipato 26 ministri della Difesa e 75 Paesi, che “le risorse militari dell’Ucraina sono quasi esaurite”.

Scrivendo su Asia Times, Stephen Bryen afferma che “i russi hanno tenuto duro invece di iniziare una grande spinta per finire la guerra, cercando di logorare gli ucraini… Ma i pianificatori di guerra a Mosca sanno come contare, e potrebbe essere che ora vedano opportunità per una grande offensiva”.

Pur sottolineando la propria posizione difensiva, la Russia starebbe avanzando silenziosamente nel nord del Paese. Sebbene non l’abbia definita un’offensiva, i funzionari ucraini sostengono che la Russia stia “accumulando un gran numero di truppe e attrezzature lungo la linea del fronte settentrionale in Ucraina”, oltre a centinaia di carri armati, sistemi di artiglieria e lanciarazzi.

L’analista militare e tenente colonnello dell’Esercito degli Stati Uniti in pensione Daniel L. Davis ha ripetutamente sottolineato che, anche se l’Ucraina dovesse lanciare e vincere una controffensiva, il tasso di vittime e di morti sarebbe così alto che “avrebbe esaurito le ultime forze rimaste con cui condurre offensive” o operazioni future, lasciandola vulnerabile a un’offensiva russa.

Se l’obiettivo, come dice sempre il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, è quello di mettere l’Ucraina nella migliore posizione “sul campo di battaglia [per] essere nella posizione più forte possibile al tavolo dei negoziati”, allora questa opportunità è passata due volte. È passata nei giorni precedenti la guerra, quando l’Ucraina avrebbe potuto mantenere tutto il suo territorio ed evitare tutti i morti in cambio della promessa americana di non ammettere l’Ucraina nella NATO quando Mosca ha presentato la sua proposta sulle garanzie di sicurezza. È passata di nuovo nel novembre 2022, quando l’Ucraina ha riconquistato una quantità massiccia di territorio e gli analisti militari hanno avvertito di un punto di inflessione in cui l’Ucraina probabilmente non avrebbe potuto catturare altro territorio, ma avrebbe potuto perdere altro territorio e altre vite.

La terza opportunità è ora. La controffensiva sta fallendo e spingerla ulteriormente potrebbe solo preparare il campo di battaglia per un’offensiva russa.

Un giorno gli ucraini, ognuno dei quali avrà conosciuto qualcuno che è stato ucciso o ferito in guerra, potrebbero ricordare con disperazione che la Russia avrebbe probabilmente annullato la guerra per una promessa di neutralità dell’Ucraina, che è meno di quanto gli Stati Uniti chiedono a Cuba. Zelensky era disposto a fare questa promessa nei negoziati delle prime settimane di guerra. Anatol Lieven, direttore del Programma Eurasia del Quincy Institute, riferisce che la grande maggioranza degli ucraini si è opposta all’adesione alla NATO in tutti i sondaggi che hanno posto la domanda prima del 2014. Nel 2008, quando la NATO ha aperto le porte all’Ucraina, il 58% degli ucraini si è opposto. Nel maggio 2022, a tre mesi dalla guerra con la Russia, solo il 59% degli ucraini ha dichiarato che avrebbe votato per l’adesione alla NATO.

Ricorderanno anche con disperazione che tutti i territori ora annessi dalla Russia, esclusa la Crimea ma incluso un Donbas autonomo, avrebbero potuto rimanere parte dell’Ucraina. Il sociologo Volodymyr Ishchenko, uno dei principali studiosi dei movimenti radicali in Ucraina, afferma in un recente articolo che “alla vigilia dell’invasione, il più grande partito di opposizione… sosteneva la neutralità dell’Ucraina e la piena attuazione degli accordi di Minsk”. Al culmine della crisi politica sull’attuazione degli accordi di Minsk, Ishchenko riferisce che solo il 26% degli ucraini ha sostenuto la campagna per il “No”.

Gli ucraini potrebbero un giorno ricordare che, dopo aver negoziato con soddisfazione in Bielorussia, di nuovo nei negoziati con l’allora primo ministro israeliano Naftali Bennet e ancora una volta a Istanbul, hanno combattuto al servizio di una più ampia guerra americana che ha portato a tutti i loro morti, corpi spezzati e menti distrutte.

Se la guerra continua, probabilmente tutto questo non farà che peggiorare. Se l’obiettivo è negoziare prima che l’Ucraina si trovi in una posizione ancora più vulnerabile e prima che sia ancora più ferita, allora il momento di porre fine ai combattimenti e negoziare una soluzione diplomatica è adesso.

Ted Snider

 

Ted Snider scrive regolarmente di politica estera e storia degli Stati Uniti su Antiwar.com e The Libertarian Institute. Collabora spesso anche con Responsible Statecraft e The American Conservative, oltre che con altre testate.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments