“Gli interessi dell’America sono meglio serviti da una pace rapida e negoziata. Un tale obiettivo esclude l’imposizione di termini umilianti alla Russia, che inducono Mosca e Putin a intensificare militarmente – per sopravvivere politicamente.”

Vi propongo nella mia traduzione l’opinione di Patrick Buchanan, un politico statunitense. Egli è stato consigliere dei presidenti statunitensi Richard Nixon, Gerald Ford e Ronald Reagan. L’articolo è ripreso dal suo blog

 

Ucraina-Russia-NATO

 

La settimana scorsa, fonti hanno fatto trapelare al New York Times che, nel bersaglio e nell’uccisione di generali russi da parte dell’Ucraina e nell’affondamento dell’ammiraglia russa del Mar Nero, la Moskva, l’intelligence degli Stati Uniti ha giocato un ruolo indispensabile.

A quanto pare, i nostri informatori hanno identificato e localizzato per le forze ucraine quelli che sono diventati gli obiettivi dei loro attacchi mortali.

Perché l’intelligence degli Stati Uniti dovrebbe fare questo sembra inspiegabile.

Rivendicando il credito per i successi militari più visibili dell’Ucraina, sminuiamo i risultati delle forze di quel paese.

Vantandoci pubblicamente di aver contribuito ad architettare l’uccisione di generali russi e l’affondamento dell’incrociatore Moskva, deridiamo il presidente russo Vladimir Putin. Lo provochiamo per indurlo a reagire contro di noi, sollevando così la possibilità di una più ampia guerra USA-Russia che potrebbe degenerare in una terza guerra mondiale.

Inoltre, il vanto degli Stati Uniti come questo gioca a favore della narrativa di Putin secondo cui la Russia sta affrontando e combattendo in Ucraina un’alleanza guidata dagli Stati Uniti che è pronta a schiacciare la Russia.

Infatti, per quale motivo stiamo andando oltre l’assistenza agli ucraini per difendersi, nel fare questa la guerra degli americani?

Quando la presidente della Camera Nancy Pelosi è arrivata in Polonia dopo la sua visita a Kiev, ha praticamente abbracciato l’idea che la guerra Ucraina-Russia sia ora la guerra dell’America, dichiarando: “L’America sta con l’Ucraina. Noi stiamo con l’Ucraina fino a quando la vittoria non sarà raggiunta”.

Ad accompagnare Pelosi a Kiev c’era una delegazione di Democratici della Camera, uno dei quali, il rappresentante Jason Crow del Colorado, ha fatto eco a Pelosi in Polonia:

“Gli Stati Uniti d’America sono in gioco per vincere”.

La loro visita ha seguito quella del segretario alla Difesa Lloyd Austin, che è uscito da Kiev e ha dichiarato gli obiettivi strategici degli Stati Uniti nella guerra dell’Ucraina:

“Vogliamo vedere la Russia indebolita al punto che non possa fare il tipo di cose che ha fatto invadendo l’Ucraina”.

Queste dichiarazioni dei leader statunitensi rafforzano la linea di Putin secondo la quale la Russia è assediata da un’alleanza occidentale guidata dagli Stati Uniti che teme e detesta la Madre Russia e vuole vederla sconfitta e diminuita.

I nostri nemici in Occidente che cercano di distruggere la Russia sono come quelli che abbiamo combattuto nella Grande Guerra Patriottica del 1941-1945, sostiene ora Putin. E l’intervento in Ucraina era necessario per evitare che i neonazisti di oggi trascinassero l’Ucraina nella loro più grande cospirazione per distruggere la Russia.

Considerate le parole di Putin di una settimana fa:

“Le forze che hanno sempre perseguito una politica di contenimento della Russia … non vogliono un paese così enorme e indipendente che sia troppo grande per le loro idee … Credono che li metta in pericolo semplicemente per il fatto della sua esistenza, anche se questo è lontano dalla realtà. Sono loro che mettono in pericolo il mondo”.

Siamo odiati per quello che siamo, dice Putin. E la nostra operazione militare è un atto di legittima autodifesa contro lo stesso tipo di “sporcizia nazista” che abbiamo combattuto nella Grande Guerra Patriottica.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov descrive la recente impennata nelle pesanti spedizioni di armi occidentali in Ucraina come “la NATO … che va in guerra contro la Russia attraverso un procuratore e arma quel procuratore”.

Tagliando fuori i repubblicani dalla sua delegazione a Kiev, Pelosi sembra voler rendere la guerra non solo la guerra dell’America, ma la causa del suo partito.

Questo sembra essere un motivo anche dietro Biden che supera consapevolmente qualsiasi leader occidentale nel linguaggio che usa su Putin, chiamandolo un “assassino”, un “dittatore assassino”, un “puro delinquente”, un “macellaio”, un “criminale di guerra”, colpevole di “genocidio”, che “per l’amor di Dio … non può rimanere al potere”.

Tale linguaggio è progettato per mostrare Biden come il principale anti-putinista del mondo e il più moralmente indignato di tutti i leader del mondo per ciò che la Russia sta facendo in Ucraina.

Ma, ancora una volta, come il pubblico vanto degli agenti dell’intelligence degli Stati Uniti sul nostro ruolo nell’affondamento della Moskva e nell’uccisione dei generali russi, l’effetto è quello di squalificare il presidente degli Stati Uniti da qualsiasi ruolo nel negoziare una tregua o la fine di questa guerra.

Come possiamo beneficiare del fatto di non avere alcuna comunicazione da leader a leader con il Cremlino, cosa che il presidente John F. Kennedy ha mantenuto nella crisi dei missili di Cuba per porvi fine?

L’Europa della NATO, che sostiene la resistenza ucraina, non è d’accordo con i piani degli Stati Uniti per paralizzare la Russia in modo permanente.

L’America deve riconoscere che i nostri obiettivi in questa guerra non sono gli stessi dell’Ucraina.

Il presidente Volodymyr Zelenskyy vorrebbe che gli Stati Uniti si tuffassero e combattessero a fianco di Kiev, devastassero e sconfiggessero l’esercito russo, ed espellessero la Russia non solo dalle regioni invase quest’anno ma anche dalla Crimea, che Putin ha annesso nel 2014.

Gli interessi vitali dell’America in questa guerra, tuttavia, sono di evitare che diventi una guerra USA-Russia o una terza guerra mondiale o una guerra nucleare.

L’obiettivo degli Stati Uniti di imporre una sconfitta schiacciante dell’aggressione russa è secondario al nostro interesse molto più vitale di evitare una guerra USA-Russia.

Gli interessi dell’America sono meglio serviti da una pace rapida e negoziata. Un tale obiettivo esclude l’imposizione di termini umilianti alla Russia, che inducono Mosca e Putin a intensificare militarmente – per sopravvivere politicamente.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments