Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ted Snider, pubblicato su Antiwar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’intervista nella mia traduzione.

 

Joe Biden e Antony Blinken
Joe Biden e Antony Blinken (MIKE COPPOLA / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / GETTY IMAGES VIA AFP)

 

La firma del Dipartimento di Stato di Joe Biden è stata l’abdicazione della diplomazia. Il suo capo, Antony Blinken, il principale diplomatico statunitense, ha abdicato al ruolo di diplomatico. Sebbene evidente in Iran, Venezuela, Cuba e Corea del Nord, questa assenza di diplomazia non è stata più evidente che nella guerra russo-ucraina, dove il Dipartimento di Stato è stato più guerriero del Pentagono.

Il 9 novembre 2022, il presidente degli Stati Maggiori Riuniti, il generale Mark Milley, ha dichiarato: “Deve esserci un riconoscimento reciproco del fatto che una vittoria militare probabilmente, nel vero senso della parola, non è raggiungibile con i mezzi militari, e quindi è necessario ricorrere ad altri mezzi”. Nove mesi dopo, Milley consigliava ancora: “Se l’obiettivo finale è che l’Ucraina sia un Paese sovrano, libero e indipendente, con il suo territorio intatto, questo richiederà un considerevole livello di sforzi ancora da compiere. Si tratta di una guerra lunga, molto difficile e con un alto numero di vittime. È possibile raggiungere questi obiettivi con mezzi militari. Ci vorrà molto, molto tempo, ma è anche possibile raggiungere questi obiettivi, forse, con qualche mezzo diplomatico”.

Ma mentre i guerrieri consigliavano la diplomazia, i diplomatici consigliavano la guerra. Alla domanda sui colloqui che si sarebbero svolti nei primi giorni di guerra, il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha risposto che la Russia sta “suggerendo che la diplomazia si svolga a colpi di pistola o mentre i razzi, i mortai e l’artiglieria di Mosca prendono di mira il popolo ucraino” e ha obiettato che “questa non è vera diplomazia. Queste non sono le condizioni per una vera diplomazia”.

Se la diplomazia non è uno strumento appropriato in tempo di guerra, quando lo è? Il Dipartimento di Stato stava avanzando una nuova teoria – e un abbandono – della diplomazia: non si negozia con i nemici in tempo di guerra. Ma in quali altri casi si negozia? E con chi si negozia?

Il Dipartimento di Stato ha perso la sua identità sostituendo i mezzi per raggiungere gli obiettivi americani, la diplomazia – la sua ragione d’essere – con il raggiungimento di tali obiettivi ed è diventato un braccio del Pentagono. Il Dipartimento di Stato ha posto come precondizione dei colloqui la sconfitta della Russia. Non si cessa la guerra con i negoziati di pace: si vince la guerra e poi si negozia la pace. Prima la Russia depone le armi e restituisce all’Ucraina il territorio conquistato, poi si negozia. Ma questa non è diplomazia. Questo è raggiungere i propri obiettivi diplomatici con la guerra. È l’abdicazione della diplomazia.

Putin “dovrebbe essere messo sotto pressione, senza negoziare”, ha detto l’allora primo ministro britannico Boris Johnson, in armonia con i suoi partner statunitensi. Prima della guerra, la diplomazia era già in crisi quando il Dipartimento di Stato ha informato Mosca che la negoziazione dell’espansione della NATO in Ucraina non era mai stata presa in considerazione.

In seguito, un suggerimento cinese secondo cui “tutte le parti dovrebbero sostenere la Russia e l’Ucraina a lavorare nella stessa direzione e a riprendere il dialogo diretto il più rapidamente possibile, in modo da deescalare gradualmente la situazione e raggiungere infine un cessate il fuoco globale”, non era coerente con la nuova posizione degli Stati Uniti sulla diplomazia. Il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale, John Kirby, ha spiegato che “un cessate il fuoco, in questo momento, anche se può suonare bene, non crediamo che avrebbe questo effetto”, non sarebbe “un passo verso una pace giusta e duratura”.

“Non sosteniamo”, ha dichiarato chiaramente Kirby, “le richieste di un cessate il fuoco in questo momento”. Il Segretario di Stato Antony Blinken ha definito la proposta una “mossa tattica della Russia”, “sostenuta dalla Cina”, e ha avvertito che “il mondo non deve farsi ingannare”.

Gli Stati Uniti avrebbero continuato, sia nei colloqui con l’allora primo ministro israeliano Naftali Bennet che in quelli di Istanbul, a rifiutare una possibilità di diplomazia che l’Ucraina era disposta a cogliere.

Nel suo libro di prossima pubblicazione, La pace perduta, Richard Sakwa fa una distinzione tra la ricerca dell’egemonia e la ricerca del primato. “L’egemonia”, spiega, è una leadership che “si basa principalmente sul consenso e sulla fede nei valori proclamati dall’egemone, mentre il primato comporta il predominio e il tentativo consapevole di ostacolare le ambizioni altrui”. La grande strategia degli Stati Uniti ha cercato di bilanciare i due aspetti. Ma dopo la Guerra Fredda, sostiene Sakwa, la ricerca del primato è cresciuta eccessivamente a spese dell’egemonia.

Sebbene Gorbaciov e la Russia post-sovietica abbiano cercato di trascendere il mondo dei blocchi, gli Stati Uniti hanno offerto solo un’adesione subordinata in un mondo unipolare guidato dagli Stati Uniti. La scelta”, dice Sakwa, “era tra la subordinazione all’ordine liberale guidato dagli Stati Uniti, come ‘parte interessata responsabile’… o la resistenza”. Ma se una nazione sceglieva la resistenza, “l’intera macchina della coercizione e della demonizzazione sarebbe stata dispiegata”.

Prima dell’annessione russa della Crimea nel 2014, la Russia, in parte per una posizione di debolezza, aveva ampiamente giocato secondo queste regole e si era comportata da “parte responsabile”. Nei disaccordi tra Russia e Stati Uniti fino a quel momento, secondo Alexander Lukin, capo del Dipartimento di Relazioni Internazionali della National Research University Higher School of Economics di Mosca, la Russia era scesa a compromessi e i disaccordi erano stati risolti piuttosto rapidamente. Ma la reazione della Russia al colpo di Stato del 2014 che ha rimosso Viktor Yanukovych dal potere e la successiva annessione della Crimea hanno “cambiato radicalmente questo consenso”, secondo Lukin. Una Russia ora più forte e sicura di sé si è attestata sulla sua linea rossa in Ucraina. “La Russia”, dice Lukin, “si è rifiutata di giocare secondo le regole”.

La Crimea è stata la fine della supremazia americana incontrastata. Questo è uno dei motivi per cui l’annessione della Crimea era così minacciosa per gli Stati Uniti. Di fronte a una tale sfida, è stata dispiegata “l’intera macchina della coercizione”. In tali circostanze, afferma Sakwa, “le forme tradizionali di diplomazia [vengono] marginalizzate”. Vengono sostituite da sanzioni e risposte militari.

Il rifiuto degli Stati Uniti di negoziare è un tentativo di preservare il primato. I pari possono negoziare. Anche gli egemoni possono, a volte, negoziare. Ma la supremazia preclude i negoziati. La supremazia mette i concorrenti al loro posto subordinato e “vanifica le ambizioni degli altri”. “Il nostro primo obiettivo”, ha dichiarato nel 1992 Paul Wolfowitz, sottosegretario alla Difesa, “è quello di impedire il riemergere di un nuovo rivale”.

È, in parte, perché gli Stati Uniti si vedono ancora nel ruolo di primato globale che ritengono di non poter negoziare con la Russia. La Russia ha sfidato il primato americano. Queste sfide non si affrontano con la diplomazia, ma con la disciplina.

Ci sono molte altre ragioni per cui, nel caso dell’invasione illegale dell’Ucraina da parte della Russia, gli Stati Uniti hanno rifiutato la diplomazia. Ci sono persone potenti all’interno dell’amministrazione Biden, come Victoria Nuland, Jake Sullivan e Antony Blinken, che sono molto critici nei confronti della Russia. Blinken si preoccupa, come espresso dal portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price, dei “principi fondamentali”, tra cui il fatto che ogni Paese ha il diritto sovrano di determinare con chi collaborare o allearsi. Il 6 settembre a Kiev, Blinken ha dichiarato: “La sicurezza dell’Ucraina è… parte integrante della sicurezza di tutto il mondo a causa dei principi che vengono messi in discussione qui”. C’è la preoccupazione di difendere la sovranità delle nazioni e l’integrità dei loro confini legali. Ma a livello sistemico, al di sopra di queste ragioni particolari, la diplomazia con la Russia è esclusa dall’insistenza dell’America non solo sull’egemonia, ma sulla supremazia, che richiede non negoziati, ma coercizione e subordinazione.

Ted Snider

 

Ted Snider scrive regolarmente di politica estera e storia degli Stati Uniti su Antiwar.com e The Libertarian Institute. Collabora spesso anche con Responsible Statecraft e The American Conservative, oltre che con altre testate.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments