Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Alastair Crooke e pubblicato su Strategic Culture Foundation. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Vladimir Putin e Xi Jinping - 21 marzo 2023 - © Mikhail Tereshchenko/TASS
Vladimir Putin e Xi Jinping – 21 marzo 2023 – © Mikhail Tereshchenko/TASS

 

L’Occidente è bloccato tra il sentimento pubblico che ha creato e la realtà sul campo, scrive Alastair Crooke.

Cambiamenti strategici conseguenti – Al termine dell’incontro con Vladimir Putin, Xi Jinping ha detto a Putin: “È in arrivo un cambiamento che non si è verificato in 100 anni – e noi stiamo guidando questo cambiamento insieme”.

L'”Intesa” è stata siglata durante ore di colloqui nell’arco di due giorni e tra una pletora di documenti firmati. Due potenti Stati hanno formato un dualismo che, sposando una gigantesca base manifatturiera con il preminente fornitore di materie prime, gli armamenti avanzati e l’abilità diplomatica della Russia, lascia gli Stati Uniti nell’ombra. Un posto nell’ombra (assunto per volontà o per incapacità di contemplare una transizione così radicale) riflette gli Stati Uniti con le spalle voltate alla partecipazione al mondo multipolare in divenire.

Con gli Stati Uniti in balia dell’egemonia, l’emergere di una triforcazione globale è inevitabile – comprese le tre sfere della guerra commerciale: Eurasia, guidata da Russia e Cina; Sud globale influenzato dall’India – e con gli Stati Uniti che dominano sull’UE e sulla sfera anglosassone.

Ma non era questa l’essenza di ciò che il presidente Xi intendeva per “cambiamento”; il cambiamento del sistema commerciale, militare e monetario era già “pronto”. Quello che Xi e Putin suggeriscono è che dobbiamo mettere da parte i vecchi occhiali dell’orientalismo occidentale, con cui siamo stati abituati a vedere il mondo, e pensarlo in modo diverso e in modi diversi.

La trasformazione non è mai facile. Come sta reagendo la classe politica statunitense? =Si sta agitando selvaggiamente. È profondamente spaventata dalla manifestazione di questa nuova alleanza. Si è scagliata, come al solito, con un’esplosione di propaganda: Putin ha ottenuto ben poco dalla visita di Xi, a parte lo sfarzo e le cerimonie; quella di Xi è stata una “visita al capezzale” di un paziente malato; la Russia è stata umiliata diventando una colonia delle risorse cinesi – e per finire, il vertice non è riuscito a trovare una soluzione per l’Ucraina.

Tutta questa propaganda non ha senso, ovviamente. Si tratta di canards gettati al vento. Washington sa quanto sia convincente la narrazione cinese: La Cina cerca l’armonia, la pace e uno stile di vita significativo per tutti. L’America, invece, è sinonimo di dominio, divisione e contenimento – e di guerre sanguinose, di tipo coloniale, per sempre (nel meme della Cina).

La narrazione di Xi ha una certa forza, non solo nel mondo “che rifiuta di allinearsi”, ma anche all’interno dell'”altra America”. Risuona persino un po’ nell’Europa, altrimenti del tutto “orecchiata”.

Il problema è che queste “due Americhe” – l’oligarchia che ha diritto e l'”altra America” – semplicemente non sono state in grado di dialogare tra loro e si sono ritirate in sfere separate: Le piattaforme tecnologiche occidentali (come Twitter) sono state consapevolmente configurate in modo da non ascoltare l'”altra America”. E per cancellare, o de-piattaforma, le voci contrarie. L’odierno schema anti-russo è un altro derivato della “psicologia del nudge”, originariamente sperimentata durante il Lockdown: Allora la “scienza” (determinata dai governi) offriva al pubblico una “certezza”, e allo stesso tempo alimentava la paura che qualsiasi inosservanza delle regole governative potesse portare alla morte.

La certezza morale (che derivava dal seguire la “scienza”) giustificava il giudizio severo, la condanna e il licenziamento di coloro che in qualche modo mettevano in discussione l’isolamento. L’odierno stratagemma psicologico geopolitico – derivato dal precedente di Lockdown – è quello di “incollare” alla sfera geopolitica la posizione di tolleranza zero nei confronti della messa in discussione di presunti principi “inviolabili” (come i diritti umani). Così, lo schema utilizza la “chiarezza” narrativa dell'”invasione illegale, non provocata e criminale dell’Ucraina” da parte della Russia per dare all’opinione pubblica occidentale l’appagante senso di rettitudine necessario per giudicare in modo altrettanto severo, estromettere dal lavoro e denigrare pubblicamente chiunque abbia espresso sostegno alla Russia.

Questo è visto come un successo dell’intelligence, in quanto contribuisce all’obiettivo di mantenere la “condivisione degli oneri” della NATO e a garantire l’espressione generalizzata di “indignazione morale” da parte dell’Occidente nei confronti di tutto ciò che è russo.

Lo “stratagemma della certezza” dell’Occidente può aver funzionato, in quanto ha ingannevolmente suscitato una furia morale in un ampio segmento dell’opinione pubblica. Tuttavia, può anche essere una trappola: accendendo una propaganda così emotivamente carica, la forza di quest’ultima limita ora le opzioni occidentali (in un momento in cui le circostanze della guerra in Ucraina sono molto cambiate rispetto a quanto ci si aspettava). L’Occidente è ora intrappolato da quell’opinione pubblica che considera qualsiasi compromesso che non sia una piena capitolazione russa una violazione dei suoi “principi invocabili”.

L’idea di esporre le diverse sfaccettature di un conflitto (che è il fulcro della mediazione), fornendo prospettive diverse, diventa intollerabile se contrapposta alla rettitudine del “bianco e nero”. Xi e Putin sono ritenuti dai media occidentali talmente carenti dal punto di vista morale che molti temono di essere disprezzati per essere dalla parte sbagliata della linea di faglia “morale” su una questione così controversa.

In particolare, questo stratagemma non funziona nel resto del mondo, dove il wokismo ha poca presa.

Esiste tuttavia un substrato di preoccupazione della classe dirigente per questa tecnica di negazione. Si pongono due questioni reali: Primo: l’America può sopravvivere senza l’egemonia statunitense? Quali legami, quale significato nazionale, quale visione potrebbe sostituire per tenere insieme una nazione così diversa? La “modernità come vincitrice della storia” è convincente nel contesto della degenerazione culturale contemporanea? Se l’odierna “modernità” che esplora il mondo arriva solo al costo della solitudine personale e della perdita di autostima (che è il sintomo riconosciuto dell’alienazione derivante dalla separazione dalle radici della comunità), la “modernità” tecnologica vale allora la pena? Oppure un ritorno ai valori precedenti può diventare il prerequisito per una diversa modalità di modernità? – Una modalità che lavori con il grano, invece che contro il grano del radicamento culturale.

Questa è la domanda chiave posta dai Presidenti Xi e Putin (attraverso il concetto di Stato nazionale civile).

In secondo luogo, gli Stati Uniti sono passati dall’essere un esercito a un egemone finanziario a caccia di rendite. Quale prezzo avrebbe la duratura prosperità commerciale degli Stati Uniti se questi ultimi perdessero l’egemonia del dollaro? Il “privilegio” del dollaro ha sostenuto a lungo la prosperità degli Stati Uniti. Ma le sanzioni americane, i sequestri di beni e i nuovi accordi monetari pongono la questione: L’ordine globale è cambiato a tal punto che l’egemonia del dollaro, al di là degli Stati Uniti e delle loro dipendenze, non è più sostenibile?

Le classi dirigenti occidentali sono certe della risposta: L’egemonia politica e quella del dollaro sono interconnesse. Mantenere il potere, arricchire il “miliardo d’oro”, significa sostenere entrambi, anche se le élite vedono chiaramente che la narrazione americana sta perdendo trazione nel mondo e gli Stati stanno migrando verso nuovi blocchi commerciali.

L'”altra America” non è così sicura di considerare la carneficina associata agli interminabili interventi americani come “degna di nota”. C’è anche una corrente di pensiero che pensa che un sistema finanziario, dipendente da “fix” sempre più grandi di stimolo finanziario, sia sano (nel creare disuguaglianze), o che la sua leva piramidale possa essere sostenuta a lungo termine.

Alcuni anni fa, quando Nathan Gardels parlò con Lee Kuan Yew di Singapore, quest’ultimo disse: “Per l’America essere soppiantata… da un popolo asiatico a lungo disprezzato e liquidato con disprezzo come decadente, debole, corrotto e inetto, è emotivamente molto difficile da accettare”. Yew ha previsto che “il senso di supremazia culturale degli americani renderà questo adattamento molto difficile”.

Allo stesso modo, per la Cina, che ha avuto una lunga e continua storia come grande potenza, essere bloccata da un “popolo dal nulla” è intollerabile.

L’Intesa è un boccone amaro per l’Occidente. Per una generazione, separare la Russia dalla Cina è stato un obiettivo primordiale degli Stati Uniti, come originariamente prescritto da Zbig Brzezinski: Contenere sia la Russia che la Cina attraverso l’esacerbazione delle dispute regionali (Ucraina, Taiwan) era il gioco a somma zero, con la Russia come primo obiettivo (per costringerla a tornare in Occidente attraverso l’implosione economica), per poi passare a contenere la Cina – ma solo la Cina. (Sì, alcuni in Occidente credevano che un perno russo verso ovest fosse molto fattibile).

Un ex vice segretario di Stato americano, Wess Mitchell, ha scritto sulla rivista National Interest: Per evitare che la Cina prenda Taiwan: Fermare la Russia in Ucraina! In poche parole, Mitchell sosteneva che: “Se gli Stati Uniti dovessero infliggere abbastanza dolore a Putin per il suo azzardo in Ucraina”, allora Xi sarebbe implicitamente contenuto.

Quindi, il contenimento della Russia attraverso l’Ucraina è stato “il punto”: “Se gli Stati Uniti hanno intenzione di minacciare sanzioni catastrofiche contro la Russia per l’Ucraina, è meglio che siano dannatamente catastrofiche, perché la credibilità del sistema finanziario guidato dagli Stati Uniti per punire le aggressioni su larga scala è a rischio”, ha avvertito Mitchell. “Gli Stati Uniti avranno una sola occasione per dimostrare questa credibilità, e l’Ucraina è questa”.

Mitchell ha proseguito,

“La buona notizia in tutto questo è che l’Ucraina ha dato agli Stati Uniti una finestra momentanea e deperibile per agire con decisione e non solo affrontare la situazione in Ucraina, ma anche dissuadere una mossa contro Taiwan… L’impatto della brutalità di Putin nel galvanizzare la condivisione degli oneri europei è un cambiamento di gioco per la strategia globale degli Stati Uniti. Con la Germania che nei prossimi anni spenderà più della Russia per la difesa (110 miliardi di dollari all’anno contro 62 miliardi), gli Stati Uniti potranno concentrare più forze convenzionali disponibili per scoraggiare la Cina”.

Una finestra momentanea? Ma ecco l’evidente discrepanza: gli Stati Uniti stavano scommettendo su “un momento effimero”, mentre la Russia si stava preparando per una guerra a lungo termine. Le sanzioni finanziarie non hanno funzionato, l’isolamento della Russia non è avvenuto e la strategia di contenimento ha contribuito piuttosto a destabilizzare il sistema finanziario globale a scapito dell’Occidente.

L’amministrazione Biden aveva puntato tutto su una strategia di contenimento volta a evitare una guerra su due fronti – una strategia che non ha funzionato, come previsto. Inoltre, l’abbattimento del pallone aerostatico cinese e le conseguenti grida di battaglia anticinesi che si sono levate da tutte le parti negli Stati Uniti hanno convinto i cinesi che il loro precedente tentativo di distensione con gli Stati Uniti e l’Europa, avvenuto a novembre in occasione del G20 di Bali, era “morto nell’acqua”.

La Cina si è ricalibrata e si è preparata alla guerra. (Come minimo, una guerra fredda sanzionatoria, ma in ultima analisi, una guerra calda). A tutto vapore con l’Intesa. La strategia “divide et impera” di Brzezinski è stata bucata sotto la linea di galleggiamento e affondata.

L’Occidente si trova ora in un angolo: Non può sostenere una guerra sia contro la Russia che contro la Cina, ma la sua esagerata e deliberatamente ingannevole manipolazione dell’opinione pubblica per creare una “coesione” occidentale rende quasi impossibile una de-escalation.

L’opinione pubblica negli Stati Uniti e in Europa vede ora la Russia e la Cina nelle sfumature più oscure del Demiurgo manicheo. È stato ripetutamente detto loro che la Russia è sull’orlo del collasso totale e che l’Ucraina “sta vincendo”. La maggior parte degli americani e degli europei ci crede. Molti sono arrivati a disprezzare questi nuovi avversari.

La classe dirigente statunitense non può tirarsi indietro. Tuttavia, non ha i mezzi per condurre una guerra su due fronti. La trappola consiste nella propaganda derivante da un precedente schema di Lockdown, progettato per spaventare e dis-informare il pubblico. Uno degli obiettivi principali era quello di far apparire il dubbio o lo scetticismo come moralmente irresponsabile all’interno del discorso pubblico. Allo stesso modo, il nuovo schema di controllo dell’opinione pubblica occidentale, con il quale i Presidenti Xi e Putin vengono fatti apparire così moralmente carenti che gran parte dell’opinione pubblica teme di criticare la guerra alla Russia, si è rivelato un boomerang. Questa “certezza” significa che sarebbe moralmente irresponsabile tirarsi indietro da una guerra, anche se persa. La guerra ora deve procedere fino alla sconfitta del regime ucraino – un risultato molto più umiliante di quanto lo sarebbe stata una fine negoziata. Ma l’opinione pubblica non permetterà nulla di meno dell’umiliazione di Putin. L’Occidente è bloccato tra il sentimento pubblico che ha creato e la realtà sul campo.

In questo modo, l’Occidente è caduto nella sua stessa “trappola della certezza”.

Alastair Crooke

 

Alastair Crooke è ex diplomatico britannico, fondatore e direttore del Conflicts Forum di Beirut.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments