Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ron Paul, un politico americano, e pubblicato su Ron Paul Institute. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Kruscev-Kennedy
Kruscev-Kennedy

 

La maggior parte delle persone concorda sul fatto che siamo più vicini alla guerra nucleare di quanto non lo siamo mai stati dalla crisi dei missili di Cuba del 1962. Alcuni potrebbero addirittura sostenere che siamo più vicini ora di quanto non lo fossimo in quei giorni fatidici, quando i missili sovietici a Cuba hanno quasi scatenato una guerra nucleare tra gli Stati Uniti e l’URSS.

In quei giorni ci dissero che eravamo in una lotta di vita o di morte con il comunismo e che quindi non potevamo cedere nemmeno un metro quadrato di territorio, altrimenti le tessere del domino sarebbero cadute una dopo l’altra fino a quando i “rossi” avrebbero dominato su di noi.

Quella crisi era molto reale per me, poiché ero stato arruolato nell’esercito nel bel mezzo dello stallo tra USA e URSS su Cuba e tutti sentivamo quanto fossimo vicini all’annientamento.

Fortunatamente, all’epoca alla Casa Bianca c’era un presidente che comprendeva i pericoli della guerra nucleare. Anche se era circondato da falchi che non gli avrebbero mai perdonato di aver interrotto l’idiota invasione della Baia dei Porci a Cuba, il presidente John F. Kennedy prese il telefono per discutere con il suo omologo sovietico, Nikita Krusciov, che alla fine salvò il mondo.

Gli storici ci dicono che il Presidente Kennedy accettò di rimuovere i missili statunitensi dalla Turchia in cambio della rimozione dei missili sovietici da Cuba. Si trattava di un classico caso di come la diplomazia possa funzionare se impiegata correttamente.

È fin troppo chiaro che oggi non abbiamo un John F. Kennedy alla Casa Bianca. Anche se non abbiamo più un impero sovietico e un’ideologia comunista come giustificazione per un conflitto con la Russia, l’amministrazione Biden sta ancora trascinando gli Stati Uniti verso un conflitto nucleare. Perché ci mettono tutti in pericolo? La stessa vecchia “teoria del domino” che è stata screditata durante la Guerra Fredda: se non combattiamo la Russia fino all’ultimo ucraino, Putin marcerà presto attraverso Berlino.

Tutto è iniziato con la promessa di Biden di inviare all’Ucraina solo uniformi e forniture mediche per paura di scatenare una rappresaglia russa. Da lì siamo passati ai missili anticarro, ai lanciarazzi multipli, ai missili Patriot, ai veicoli da combattimento Bradley e a milioni di munizioni. La scorsa settimana l’amministrazione Biden ha annunciato l’invio all’Ucraina di munizioni all’uranio impoverito, che avvelenano la terra per i millenni a venire. Si dice che presto saranno consegnati missili ATACM a lungo raggio, che potrebbero colpire in profondità la Russia.

Pare che siano in arrivo anche dei caccia F-16.

La logica dell’escalation da parte di Washington, ci dicono, è che poiché i russi non si sono direttamente ritorti contro la NATO per il sostegno diretto della NATO alla macchina da guerra dell’Ucraina, possiamo essere certi che non risponderanno mai.

È davvero una scommessa saggia? È chiaro a molti che i caccia F-16 costruiti dagli Stati Uniti che decollano dalle basi della NATO con piloti della NATO che attaccano i russi in Ucraina – o anche la Russia stessa – sarebbero una dichiarazione di guerra alla Russia.

Ciò significherebbe la Terza Guerra Mondiale – qualcosa che siamo riusciti a evitare per tutta la Guerra Fredda.

Il Congresso è silenzioso – o accondiscendente – mentre ci avviamo verso il disastro senza alcun obiettivo strategico statunitense. Biden – o chiunque sia a capo dello spettacolo – va dritto per la sua strada.

Mentre ci avviciniamo alle elezioni presidenziali statunitensi, una cosa è chiara: abbiamo un disperato bisogno di un presidente di pace che faccia per noi quello che JFK fece per gli Stati Uniti durante la crisi di Cuba. Speriamo che non sia troppo tardi!

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments