Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ron Unz e pubblicato su The Unz Review. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte, comprese eventuali donazioni. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

truppe-russe-guerra-ucraina

 

È da poco trascorso il primo anniversario della guerra tra Russia e Ucraina e il Wall Street Journal ha pubblicato una lunga rassegna dei dodici mesi di conflitto, riassumendo quanto accaduto e descrivendo le prospettive future, un articolo che ha attirato più di 2.500 commenti.

L’Ucraina è ora la guerra dell’Occidente
L’iniziale riluttanza degli Stati Uniti e dei loro alleati ad aiutare Kiev a combattere la Russia si è trasformata in un massiccio programma di assistenza militare, che comporta rischi propri.
Yaroslav Trofimov – The Wall Street Journal – 25 febbraio 2023 – 2.800 parole

Pur non criticando il nostro coinvolgimento, l’autore fa notare che l’America e i suoi alleati hanno già fornito all’Ucraina un’incredibile somma di 120 miliardi di dollari in equipaggiamenti militari e denaro, una cifra di gran lunga superiore all’intero bilancio della difesa della Russia, con ulteriori ingenti esborsi ancora da effettuare.

Come indicava il titolo del pezzo, l’Occidente aveva effettivamente assunto il controllo della guerra e se lo sforzo per sconfiggere il presidente russo Vladimir Putin fallisse, l’influenza globale americana potrebbe essere minata e il futuro dell’alleanza NATO messo in discussione. In effetti, luminari della politica estera come John Mearsheimer, Jeffrey Sachs, Douglas Macgregor e Lawrence Wilkerson hanno recentemente sollevato la possibilità che la NATO rischi di disintegrarsi, soprattutto sulla scia della rivelazione bomba di Seymour Hersh, secondo cui il Presidente Biden avrebbe distrutto illegalmente i gasdotti Nord Stream, alcune delle più importanti infrastrutture energetiche civili europee.

In effetti, l’America è in guerra con la Russia sul suo stesso confine e, se perdiamo questa guerra, l’era del nostro dominio globale che ha seguito il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991 potrebbe finire. Fin dai primi giorni dei combattimenti, i nostri media elettronici e sociali si sono comportati da cheerleader sfrenati, acclamando le vittorie ucraine e le sconfitte russe, ma questo articolo del WSJ non poteva evitare di fornire una prospettiva molto più sobria.

Sebbene questa guerra abbia avuto un’enorme importanza mondiale, in realtà ho scritto molto poco sui dettagli del conflitto.

Non ho alcuna competenza militare e dubito di poter dare un contributo utile sui combattimenti, che sono stati comunque oscurati dalla nebbia della guerra. L’establishment neoconservatore americano controlla totalmente i media mainstream occidentali e negli ultimi decenni ha fatto della propaganda, disonesta o meno, una delle sue armi politiche più utilizzate. Infatti, non appena la guerra è scoppiata, i social media sono stati inondati dalle eroiche imprese del “fantasma di Kiev” e dei “martiri dell’Isola dei Serpenti”, vere e proprie bufale che sono state ampiamente diffuse e credute all’epoca.

Viviamo nell’era degli smartphone, quindi i video che mostrano carri armati russi distrutti o truppe russe sconfitte e in ritirata sono stati ampiamente promossi dai partigiani della parte ucraina. Ma queste prove aneddotiche mi sembravano del tutto prive di significato. Nel 1940 l’esercito francese ha subito una delle sconfitte più pesanti della storia per mano dei tedeschi, eppure se gli smartphone fossero stati in circolazione all’epoca, sarebbe stato facile per gli attivisti pro-francesi fornire centinaia di filmati che mostravano panzer tedeschi distrutti o piccole unità tedesche sconfitte. Un simile war-porn sembra più un intrattenimento per partigiani politici che qualcosa di serio.

Questo evidente problema ha portato presto alcuni osservatori a cercare un mezzo per determinare in modo più oggettivo le perdite in combattimento. Molti di loro hanno iniziato a fare affidamento sul sito web Oryx, gestito da un’organizzazione “open source” apparentemente indipendente, che organizzava e mostrava immagini di carri armati e altri veicoli militari distrutti, consentendo così agli analisti di sommare le perdite subite da ciascuna parte nel conflitto. Giornalisti e altri hanno presto utilizzato queste prove fotografiche per concludere che i russi avevano subito perdite enormi, quasi catastrofiche, con i difensori ucraini, poco armati ma molto motivati, che avevano distrutto un numero enorme di carri armati e altri veicoli militari russi, un risultato che suggeriva anche un numero molto elevato di vittime russe.

La presunta perdita di hardware russo documentata da Oryx sembra assolutamente sconcertante. Una delle pagine principali del sito web elenca quasi 9.500 veicoli blindati russi persi, di cui 6.000 distrutti e quasi 2.800 catturati. Queste perdite comprendono quasi 1.800 carri armati, di cui oltre 500 sono stati catturati dai coraggiosi ucraini. Ognuno di questi elementi elencati è collegato a una fotografia, la maggior parte della quale è stata caricata separatamente o contenuta in un Tweet. Ad esempio, sono elencati 244 carri armati T-72B distrutti o catturati, tutti numerati singolarmente e collegati alle prove fotografiche. Ovviamente, non tutti i veicoli russi distrutti sono stati ripresi, quindi la vera entità delle perdite apparenti della Russia deve essere stata sicuramente molto più grande. Anche le perdite di hardware dell’Ucraina sono state catalogate, ma ammontano solo a circa 3.000 veicoli blindati.

Oryx: Perdite di attrezzature militari russe
Oryx: Perdite di equipaggiamento militare ucraino

Per la maggior parte dell’anno scorso, i nostri media mainstream hanno raccontato storie di vittorie ucraine e sconfitte russe, e sicuramente l’ampio compendio di materiale fattuale fornito dal sito web Oryx è stato un motivo importante per questo. La voce di Oryx su Wikipedia è composta da soli tre brevi paragrafi, ma spiega che il sito è stato regolarmente citato da Reuters, BBC, Guardian, Economist, Newsweek, CNN e CBS, mentre Forbes ha definito Oryx “eccezionale” e “la fonte più affidabile nel conflitto fino ad ora”. La mia impressione è che molti giornalisti che si occupano di questioni militari siano affascinati da queste foto di attrezzature pesanti, intatte o distrutte, e che Oryx fornisca molte migliaia di immagini così impressionanti, catturando così la loro attenzione.

Se i russi avessero effettivamente subito più del triplo delle perdite ucraine in termini di veicoli corazzati, con ben oltre 500 dei loro carri armati catturati da questi ultimi, un trionfo militare ucraino sarebbe potuto sembrare molto probabile, per cui gli americani e i loro alleati hanno naturalmente ricompensato i loro protetti vittoriosi con un’ondata di sostegno finanziario e militare che ha facilmente superato i cento miliardi di dollari.

Il presunto successo ucraino è stato certamente notevole. Secondo Wikipedia, la più grande offensiva terrestre nella storia dell’umanità è stata l’Operazione Barbarossa della Germania nel 1941, che ha coinvolto meno di 7.000 veicoli blindati. Ma se diamo credito a Oryx, negli ultimi dodici mesi i coraggiosi patrioti ucraini hanno completamente annientato una forza meccanizzata russa di gran lunga superiore, mentre le loro perdite sono state solo una frazione di quelle. I singoli individui dovrebbero decidere da soli quanto siano plausibili questi numeri totali.

Ho guardato solo di recente il sito web di Oryx e la prima cosa che mi è venuta in mente è stata come si potesse determinare se le immagini fossero reali, false o duplicate. Secondo Wikipedia, l’esercito ucraino possiede migliaia di carri armati, molti dei quali sono gli stessi modelli utilizzati dai russi invasori. Quindi, se gli attivisti ucraini hanno caricato su Oryx la foto di un T-72B distrutto, come possiamo essere sicuri che si tratti di un carro armato russo e non di uno dei loro? E se diverse foto dello stesso veicolo distrutto fossero state scattate da angolazioni diverse e caricate separatamente? I combattimenti nel Donbass sono iniziati nel 2014, e possiamo essere sicuri che le foto fornite provengano dai combattimenti attuali e non da battaglie combattute anni fa?

Nessuno degli appassionati del settore militare che ho interpellato ha avuto risposte pronte a queste domande, forse perché non avevano mai preso in considerazione queste preoccupanti possibilità.

Negli ultimi decenni, i maghi degli effetti speciali di Hollywood hanno dato prova di grande abilità tecnica nel mostrare l’Uomo Ragno che oscilla tra i grattacieli e l’Incredibile Hulk che si trasforma. Sicuramente produrre semplici fotografie di attrezzature militari distrutte sarebbe una banalità, con costi quasi invisibili rispetto al budget di un film. Ma si consideri che quelle semplici fotografie caricate su un sito web olandese sono state un fattore cruciale per attirare molte decine di miliardi di dollari di sostegno finanziario da parte dei governi americani e alleati, dando a ogni singola immagine sul sito web di Oryx un valore potenziale di 10 milioni di dollari o più. Produrre fotografie false è certamente molto più sicuro e facile che distruggere i carri armati russi nella vita reale, e farlo su scala industriale sembrerebbe una strategia di propaganda molto efficace dal punto di vista dei costi, quindi è difficile credere che né gli ucraini né i loro mentori Neocon/CIA/MI6 abbiano mai deciso di impiegare tali metodi.

Per dirla in termini molto crudi, dubito che le perdite russe possano essere stimate con precisione aggregando e analizzando ciò che equivale a tweet di propaganda ucraini.

Inoltre, un esame delle origini di Oryx ha sollevato altre questioni preoccupanti.

Dalla guerra in Iraq in poi, la credibilità del governo americano si è costantemente deteriorata, indebolendo notevolmente l’efficacia delle sue campagne di propaganda internazionale, un pilastro centrale della sua influenza internazionale.

Nel 2014 un blogger britannico di nome Eliot Higgins ha fondato Bellingcat, apparentemente un’organizzazione di ricerca indipendente che si basava sull’analisi obiettiva di materiali open source. In pratica, però, i suoi sforzi sembravano produrre quasi invariabilmente conclusioni strettamente allineate agli interessi della politica estera americana in Siria, Ucraina e in altri punti critici internazionali. Tra questi, in particolare, l’abbattimento del volo 17 della Malaysian Airlines e il presunto attacco con il gas in Siria, di cui lo stesso Higgins si era occupato l’anno precedente, attribuendo sempre la colpa ai governi bersaglio dell’ostilità americana.

Numerosi eminenti giornalisti internazionali e altri esperti, tra cui Seymour Hersh, Theodore Postol e Karel van Wolferen, sono spesso giunti a conclusioni completamente diverse, ma i loro punti di vista sono stati generalmente ignorati dai media, mentre Bellingcat è stato pesantemente citato dai media occidentali per confermare pienamente le accuse del governo americano. Di conseguenza, si è diffuso il sospetto che Bellingcat operasse semplicemente come strumento dei servizi segreti occidentali, in modo molto simile a come la CIA aveva creato altre organizzazioni di facciata a scopo propagandistico durante la prima guerra fredda.

Secondo la pagina di Wikipedia su Oryx, entrambi i suoi fondatori erano ex allievi di Bellingcat, il che solleva seri dubbi sul fatto che abbiano davvero una mentalità indipendente come sostengono di essere.

Nel frattempo, altri esperti militari americani hanno fornito valutazioni molto diverse sull’andamento della guerra.

Per decenni, il colonnello Douglas Macgregor è stato considerato un importante stratega militare conservatore, autore di diversi libri molto apprezzati e di molte decine di apparizioni su FoxNews. Dopo una lunga carriera nella NATO, è stato finalista per la posizione di Consigliere per la sicurezza nazionale, è stato consigliere anziano del Segretario alla Difesa ed è stato nominato ambasciatore degli Stati Uniti in Germania. È ovviamente molto ben inserito in questi ambienti militari e, sulla base dei suoi contatti al Pentagono, ha ripetutamente affermato che in realtà sono le forze ucraine ad aver subito perdite orrende, tra cui ben 160.000 morti in combattimento rispetto alle perdite russe, di gran lunga inferiori, pari a circa 20.000 unità. Altri esperti militari come Scott Ritter e Larry Johnson hanno espresso opinioni molto simili.

In tutte le sue numerose interviste, Macgregor appare piuttosto persuasivo e sicuro nelle sue valutazioni della situazione militare.

 

 

Dato il sostegno entusiasta e quasi uniforme dei potenti interessi politici, finanziari e mediatici occidentali alla parte ucraina, trovo difficile capire perché Macgregor, Ritter, Johnson e altri dovrebbero assumere posizioni così contrarie, a meno che non credano sinceramente di essere corretti. In effetti, una ricerca della BBC ha recentemente utilizzato i social media e altre fonti aperte per identificare 14.709 singoli membri del servizio russo uccisi in guerra, una cifra che sembra abbastanza coerente con la stima totale di Macgregor di 20.000 persone.

Abbiamo quindi posizioni diametralmente opposte, con i funzionari ucraini e il sito web Oryx che sostengono che le perdite russe sono state diverse volte superiori a quelle ucraine, mentre Macgregor e i suoi alleati pongono il rapporto forse 8 a 1 nella direzione opposta.

Personalmente propendo molto di più per la prospettiva di Macgregor, ma in realtà dubito che la questione abbia molta importanza in termini strategici. Fin dall’inizio, non ho mai considerato i dettagli operativi dei combattimenti in Ucraina come molto interessanti o importanti, e non vi ho prestato molta attenzione. Questo spiega perché non avevo mai guardato il sito web di Oryx fino a pochi giorni fa.

Se l’esercito russo fosse completamente sconfitto dagli ucraini e perdesse il controllo della Crimea e del Donbass, una simile catastrofe militare per la Russia avrebbe importanti conseguenze a livello globale. Ma considero questa possibilità eccezionalmente improbabile e dubito che qualcuno di buon senso la pensi diversamente.

Invece, sembra quasi certo che la guerra si concluderà con una situazione di stallo, come sembrano credere molti analisti occidentali, oppure che i russi finiranno per schiacciare gli ucraini, come previsto da Macgregor e da altri esperti occidentali. Ma a meno che quest’ultimo risultato non attiri le forze della NATO e porti a una guerra più ampia, con il possibile rischio di un conflitto nucleare, non credo che le conseguenze strategiche siano molto diverse in questi due scenari contrastanti.

Prima dell’inizio della guerra, si pensava che i russi avrebbero sopraffatto la resistenza ucraina nel giro di poche settimane e, rispetto a quelle aspettative iniziali, la guerra si è già arenata per un anno intero.

Col senno di poi, il fallimento della Russia nel conseguire una vittoria rapida e decisiva non avrebbe dovuto sorprendere più di tanto. Per esempio, non sapevo che l’Ucraina avesse un enorme esercito regolare, più di tre volte quello tedesco e molto più grande di quello di qualsiasi Paese europeo della NATO. Gran parte delle forze armate ucraine erano completamente addestrate secondo gli standard NATO e, includendo le riserve e la Guardia Nazionale, l’Ucraina ha schierato più di mezzo milione di truppe di terra, superando le forze russe attaccanti di circa 3 a 1, con molte delle sue migliori unità pesantemente trincerate in forti posizioni difensive. In circostanze così difficili, è comprensibile che i russi abbiano avuto bisogno di un anno di pesanti combattimenti per guadagnare terreno contro i caparbi difensori ucraini, con questi ultimi fortemente sostenuti da rifornimenti e assistenza da parte dell’America e del resto della NATO.

Tuttavia, sebbene i progressi operativi della Russia sul campo di battaglia siano stati lenti e contrastanti, a livello geostrategico i russi hanno già ottenuto una serie di importanti vittorie. La Cina, l’Iran, l’India, l’Arabia Saudita e la maggior parte degli altri Paesi non occidentali si sono chiaramente spostati verso la Russia, che ha anche facilmente superato le sanzioni senza precedenti che molti si aspettavano avrebbero paralizzato la sua economia. La sconsiderata distruzione americana dei gasdotti Nord Stream e la crisi energetica europea potrebbero causare il collasso della NATO. L’indice di gradimento interno di Putin è di circa 80 punti, probabilmente il più alto mai raggiunto. E non credo che nessuno di questi risultati cambierà se lo stallo militare continuerà.

Un anno fa, subito dopo lo scoppio della guerra, avevo delineato la mia prospettiva più ampia in un lungo articolo:

Per più di cento anni, tutte le numerose guerre dell’America sono state combattute contro avversari del tutto inferiori, che possedevano solo una frazione delle risorse umane, industriali e naturali che noi e i nostri alleati controllavamo. Questo enorme vantaggio ha regolarmente compensato molti dei nostri gravi errori iniziali in quei conflitti. La difficoltà principale che i nostri leader eletti dovettero affrontare fu quindi solo quella di persuadere la cittadinanza americana, spesso molto riluttante, ad appoggiare una guerra, motivo per cui molti storici hanno sostenuto che incidenti come l’affondamento del Maine e del Lusitania, e gli attacchi a Pearl Harbor e alla Baia del Tonchino furono orchestrati o manipolati proprio a questo scopo.

Questo enorme vantaggio in termini di potenza potenziale si è certamente verificato quando è scoppiata la Seconda Guerra Mondiale in Europa, e Schultze-Rhonof e altri hanno sottolineato che gli imperi britannico e francese, sostenuti dall’America, disponevano di risorse militari potenziali enormemente superiori a quelle della Germania, un Paese di medie dimensioni più piccolo del Texas. La sorpresa è stata che, nonostante queste probabilità schiaccianti, la Germania ha avuto un grande successo per diversi anni, prima di andare incontro a una sconfitta…

Consideriamo l’atteggiamento assunto durante l’attuale conflitto con la Russia, un grave conflitto da Guerra Fredda che potrebbe diventare caldo. Nonostante la sua grande forza militare e l’enorme arsenale nucleare, la Russia sembra essere fuori combattimento come qualsiasi altro nemico americano del passato. Includendo i Paesi della NATO e il Giappone, l’alleanza americana ha un vantaggio di 6 a 1 in termini di popolazione e una superiorità di 12 a 1 in termini di prodotto economico, i cardini del potere internazionale. Questa enorme disparità è implicita negli atteggiamenti dei nostri pianificatori strategici e dei loro portavoce nei media.

Solo due settimane prima dell’attacco russo all’Ucraina, Putin e il leader cinese Xi Jinping hanno tenuto il loro 39° incontro personale a Pechino e hanno dichiarato che la loro partnership non ha “limiti”. La Cina sosterrà certamente la Russia in qualsiasi conflitto globale.

Nel frattempo, gli attacchi senza fine e la diffamazione dell’Iran da parte dell’America sono andati avanti per decenni, culminando con l’assassinio, due anni fa, del principale comandante militare del Paese, Qasem Soleimani, che era stato indicato come uno dei principali candidati alle elezioni presidenziali iraniane del 2021. Insieme al nostro alleato israeliano, nell’ultimo decennio abbiamo anche assassinato molti dei più importanti scienziati iraniani e nel 2020 l’Iran ha pubblicamente accusato l’America di aver scatenato contro il suo Paese l’arma di guerra biologica Covid, che ha infettato gran parte del suo Parlamento e ucciso molti membri della sua élite politica. L’Iran si schiererebbe certamente anche con la Russia.

L’America, insieme ai suoi alleati della NATO e al Giappone, possiede un’enorme superiorità in qualsiasi prova di potenza globale contro la Russia da sola. Tuttavia, questo non sarebbe il caso di una coalizione composta da Russia, Cina e Iran, e anzi credo che quest’ultimo gruppo potrebbe avere la meglio, dato il suo enorme peso di popolazione, risorse naturali e forza industriale.

Dalla caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, l’America ha goduto di un momento unipolare, regnando come unica iperpotenza mondiale. Ma questo status ha favorito la nostra arroganza smodata e l’aggressione internazionale contro obiettivi molto più deboli, portando infine alla creazione di un potente blocco di Stati disposti a opporsi a noi.

Lo scorso ottobre ho aggiornato la mia analisi e ritengo che gli sviluppi successivi abbiano generalmente confermato la mia valutazione:

Ho scritto queste parole appena due settimane dopo l’inizio della guerra e, come è inevitabile in ogni conflitto, diverse cose sono andate diversamente da quanto inizialmente previsto.

Si pensava che i russi avrebbero spazzato via gli ucraini, ma invece hanno incontrato una resistenza molto determinata, subendo pesanti perdite mentre progredivano lentamente. Generosamente riforniti di armi avanzate dalle scorte della NATO, gli ucraini hanno recentemente lanciato contrattacchi di successo, costringendo il presidente russo Vladimir Putin a richiamare 300.000 riserve.

Ma se gli sforzi militari della Russia hanno avuto un successo solo parziale, su tutti gli altri fronti l’America e i suoi alleati hanno subito una serie di sconfitte geopolitiche strategiche.

All’inizio della guerra, la maggior parte degli osservatori riteneva che le sanzioni senza precedenti imposte dall’America e dai suoi alleati della NATO avrebbero inferto un colpo paralizzante all’economia russa. Invece, la Russia è riuscita a non subire gravi danni, mentre la perdita di energia russa a basso costo ha devastato le economie europee e danneggiato gravemente la nostra, provocando i più alti tassi di inflazione degli ultimi quarant’anni. Ci si aspettava che il Rublo russo crollasse, ma ora è più forte di prima.

La Germania è il motore industriale dell’Europa e le sanzioni imposte alla Russia sono state così autodistruttive che le proteste popolari hanno iniziato a chiedere la loro revoca e la riapertura dei gasdotti energetici Nord Stream. Per prevenire qualsiasi potenziale defezione, questi gasdotti russo-tedeschi sono stati improvvisamente attaccati e distrutti, quasi certamente con l’approvazione e il coinvolgimento del governo statunitense. L’America non è legalmente in guerra con la Russia e tanto meno con la Germania, quindi questa è stata probabilmente la più grande distruzione di infrastrutture civili in tempo di pace nella storia del mondo, infliggendo danni enormi e duraturi ai nostri alleati europei. Il nostro dominio totale sui media mondiali ha finora impedito alla maggior parte degli europei e degli americani di riconoscere ciò che è accaduto, ma con l’aggravarsi della crisi energetica e il progressivo emergere della verità, la NATO potrebbe avere difficoltà a sopravvivere. Come ho discusso in un recente articolo, l’America potrebbe aver sprecato tre generazioni di amicizia europea distruggendo quei vitali oleodotti.

Pravda americana: Di oleodotti e pestilenze
Ron Unz – The Unz Review – 3 ottobre 2022 – 3.900 parole

Nel frattempo, molti anni di comportamento arrogante e oppressivo dell’America nei confronti di molti altri grandi Paesi hanno prodotto un potente contraccolpo di sostegno alla Russia. Secondo le notizie, gli iraniani hanno fornito ai russi un gran numero di droni avanzati, che sono stati efficacemente impiegati contro gli ucraini. Fin dalla Seconda Guerra Mondiale, l’alleanza con l’Arabia Saudita è stata un pilastro della nostra politica mediorientale, ma i sauditi si sono ripetutamente schierati con i russi sulle questioni relative alla produzione di petrolio, ignorando completamente le richieste americane nonostante le minacce di ritorsione del Congresso. La Turchia ha il più grande esercito della NATO, ma collabora strettamente con la Russia per le spedizioni di gas naturale. Anche l’India si è avvicinata alla Russia su questioni cruciali, ignorando le sanzioni che abbiamo imposto sul petrolio russo. Ad eccezione dei nostri Stati vassalli politici, la maggior parte delle grandi potenze mondiali sembra schierarsi dalla parte della Russia.

Dalla Seconda Guerra Mondiale, uno dei pilastri centrali del dominio globale americano è stato lo status del dollaro USA come valuta di riserva mondiale e il relativo controllo sul sistema bancario internazionale. Fino a poco tempo fa abbiamo sempre presentato il nostro ruolo come neutrale e amministrativo, ma abbiamo sempre più iniziato ad armare questo potere, usando la nostra posizione per punire gli Stati che non ci piacciono, e questo naturalmente sta costringendo gli altri Paesi a cercare alternative. Forse il mondo potrebbe tollerare il congelamento delle attività finanziarie di Paesi relativamente piccoli come il Venezuela o l’Afghanistan, ma il sequestro dei 300 miliardi di dollari di riserve estere della Russia ha ovviamente fatto pendere l’ago della bilancia e i Paesi più importanti cercano sempre più di spostare le loro transazioni dal dollaro e dalla rete bancaria che controlliamo. Sebbene il declino economico dell’UE abbia causato un corrispondente calo dell’euro e abbia fatto salire il dollaro per difetto, le prospettive a lungo termine per la nostra continua egemonia valutaria non sembrano affatto buone. E visti i nostri orrendi deficit di bilancio e commerciali, una fuga dal dollaro potrebbe facilmente far crollare l’economia statunitense.

Subito dopo lo scoppio della guerra d’Ucraina, l’eminente storico Alfred McCoy ha sostenuto che stavamo assistendo alla nascita geopolitica di un nuovo ordine mondiale, costruito attorno a un’alleanza Russia-Cina che avrebbe dominato la terraferma eurasiatica. La sua discussione con Amy Goodman è stata vista quasi due milioni di volte.

Ron Unz

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments