Un lettore di questo blog mi scrive.

 

 
 
Ormai e appurato che il vaccino non protegge le altre persone tant’è vero che i sostenitori del siero miracoloso continuano a tenere la mascherina come prima, per quelli che amano tanto la democrazia è che puntano il dito contro il professore inoltro un esempio di quello che sta succedendo in Cina, inoltre ricordo a questi Signori che si professano dispensatori di consigli e tanto amanti della Democrazia che A fronte del regolamento e dello Statuto dell’Unione Europea vieta la discriminazione tra coloro che non hanno aderito alla somministrazione del vaccino e che  godono degli stessi diritti Civili e politici di coloro che  l’hanno ricevuto, quindi le stesse persone hanno  il diritto di ingresso all’interno di qualsiasi locale

Liu Hu è un giornalista cinese. Come tutti i suoi concittadini, non può muoversi senza il suo codice QR. Da diversi anni questo dispositivo è indispensabile per fare la spesa, recarsi in ufficio, andare al ristorante, al cinema, muoversi in città, viaggiare…

Nel 2017 Liu Hu ha esagerato: in un articolo ha denunciato la corruzione all’interno del governo. Questo gli è costato una condanna e una multa.

Ma non è tutto.

Poco dopo, improvvisamente si è reso conto di non essere più in grado di comprare un biglietto aereo. Il sistema l’ha appena rifiutato. Idem per i biglietti del treno.
Poi ha scoperto di non essere in grado di ottenere un prestito da nessuna banca, e addirittura vietato l’acquisto di proprietà.

Ad altri come lui, per essersi espressi un po’ troppo sui social, gli è stato impedito di affittare, di occupare particolari posti di lavoro. Hanno anche visto i loro conti bancari congelati.
A volte è vietato loro partecipare a manifestazioni o assemblee. E siccome è impossibile accedere ad alcune arterie senza presentare il proprio codice QR, verrebbero subito avvistati e pesantemente sanzionati.

Ma tanto da noi non si può immaginare nemmeno per un secondo che una cosa del genere sia possibile… adesso… tanto è solo un green pass per andare al cinema
 

(lettera firmata)

 

 

Da Wikipedia:

Liu Hu è nato e cresciuto nel distretto di Yubei a Chongqing .

A metà del 2013, durante la campagna anti-corruzione del Partito Comunista Cinese , Liu Hu ha accusato Ma Zhengqi (马正其;馬正其) di corruzione nei rapporti con il vero nome.  Il 23 agosto 2013, Liu Hu è stato detenuto dalla polizia di Pechino per diffamazione , quindi è stato trattenuto nel centro di detenzione di Pechino.  Il 3 agosto 2014, Liu Hu era in attesa dell’esito del suo appello. 

Liu alla fine ha perso la causa ed è stato costretto a pubblicare delle scuse e a pagare una multa. Tuttavia, ha rifiutato di pagare un’ulteriore multa imposta dal tribunale. Dopo questo caso, la posizione di Liu nel sistema di credito sociale cinese è stata danneggiata ed è stato effettivamente confinato nella sua residenza a Chongqing . I suoi account sui social media sono stati chiusi e la sua possibilità di acquistare i biglietti del treno è stata legalmente limitata.

Facebook Comments