Il governo svizzero ha annunciato una proposta per eliminare la maggior parte delle restrizioni COVID attualmente in vigore nel paese a partire dal mese di febbraio. Articolo di Pierre Baralevi, pubblicato su Lifesitenews, che vi propongo nella mia traduzione.

 

Ginevra (Svizzera)
Ginevra (Svizzera)

 

Il governo svizzero ha annunciato una proposta per eliminare la maggior parte delle restrizioni COVID attualmente in vigore nel paese il mese prossimo (febbraio, ndr).

“A partire dalla prossima settimana, credo che potremo discutere l’abolizione della quarantena e dei requisiti dell’home office”, ha detto alla stampa venerdì il ministro della salute svizzero Alain Berset.

Il Consiglio federale svizzero dovrebbe approvare la proposta di Berset questo mercoledì.

Questo significherebbe che, a partire da mercoledì, le persone che sono state a stretto contatto con qualcuno che è risultato positivo al COVID-19 non dovranno più autoisolarsi. Questo include le persone che vivono nella stessa casa di qualcuno che è risultato positivo.

Inoltre, a partire dal 16 febbraio, i cosiddetti certificati COVID o i requisiti del passaporto del vaccino (indicati come la regola delle 2G in Svizzera e in altri paesi di lingua tedesca) saranno aboliti. Così come i limiti di capacità per i grandi eventi o le presenze massime per gli incontri privati.

Secondo il giornale svizzero Blick, la situazione negli ospedali e nei reparti di terapia intensiva “si è notevolmente attenuata” in Svizzera. Anche se i ricoveri COVID ci sono ancora, “i casi sono di solito molto più lievi”.

Questo è stato ripreso da Berset nel suo annuncio di venerdì.

“Come il Consiglio federale ha sempre detto, queste misure sono qui solo fino a quando aiutano veramente a combattere la pandemia e ad evitare un sovraccarico del sistema ospedaliero”, ha spiegato.

Si crede che l’unica restrizione che rimarrà in vigore per un po’ di tempo dopo il 16 febbraio sia l’obbligo della mascherina.

Il Blick riporta che l’annuncio ha generato reazioni per lo più positive da parte dei politici svizzeri, anche se alcuni, come il presidente svizzero della Conferenza dei direttori sanitari, Lukas Engelberger, hanno messo in discussione la tempistica della decisione. Engelberger ha sostenuto che la revoca delle restrizioni dovrebbe avvenire solo “dopo che l’onda Omicron avrà raggiunto il suo picco”.

A questo sentimento ha fatto eco il Dr. Andreas Widmer dell’Ospedale Universitario di Basilea e Presidente del Centro Nazionale per la Prevenzione delle Infezioni che ha messo in guardia contro la revoca troppo presto degli obblighi di mascherina.

“Al momento, il mandato della mascherina non deve essere revocato in nessuna circostanza”, ha detto Widmer, sostenendo che la variante Omicron potrebbe essere più pericolosa di quanto si creda attualmente.

Altri, come Léonore Porchet, membro del partito dei Verdi della Svizzera, hanno chiesto la revoca immediata del mandato delle mascherine, in particolare per i bambini e gli adolescenti.

“Abbiamo visto quanto i bambini soffrono sia mentalmente che fisicamente quando sono limitati [da queste maschere]”, ha sostenuto.

L’annuncio della Svizzera arriva dopo che diversi altri paesi europei tra cui il Regno Unito, la Danimarca, la Svezia e la Repubblica Ceca hanno annunciato la revoca o l’allentamento delle loro restrizioni COVID.

Italia-Svizzera, casi COVID per milioni di persone
Italia-Svizzera, casi COVID per milioni di persone
Facebook Comments