I dati VAERS rilasciati oggi dal CDC hanno mostrato un totale di 358.379 segnalazioni di eventi avversi, da tutte le fasce di età, in seguito ai vaccini COVID, compresi 5.993 decessi e 29.871 lesioni gravi tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021.

Impressionante e documentatissima esposizione di Megan Redshaw pubblicata il 18 giugno 2021 su The Defender, Children’s health defense news and views. La traduzione è a cura di Wanda Massa.

 

 

Questa settimana il numero di eventi avversi segnalati tra tutte le fasce d’età in seguito ai vaccini COVID ha superato i 350.000, secondo i dati rilasciati oggi dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC). I dati provengono direttamente dai rapporti presentati al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse ai vaccini negli Stati Uniti. I rapporti presentati a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che una relazione causale possa essere confermata. Ogni venerdì, VAERS rende pubblici tutti i rapporti sulle lesioni da vaccino ricevuti a partire da una data specifica, di solito circa una settimana prima della data di rilascio.

I dati rilasciati oggi mostrano che tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021, un totale di 358.379 eventi avversi totali sono stati segnalati a VAERS, compresi 5.993 morti – un aumento di 105 morti rispetto alla settimana precedente. Ci sono state 29.871 segnalazioni di lesioni gravi, 1.430 in più rispetto alla settimana scorsa.

Dei 5.993 decessi segnalati a partire dall’11 giugno, il 23% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione, il 16% entro 24 ore e il 38% in persone che si sono ammalate entro 48 ore dalla vaccinazione.

Negli Stati Uniti, 306,5 milioni di dosi di vaccino COVID sono state somministrate all’11 giugno. Questo include 128 milioni di dosi del vaccino di Moderna, 167 milioni di dosi di Pfizer e 11 milioni di dosi del vaccino COVID di Johnson & Johnson (J&J).

I dati di questa settimana, dal 14 dicembre 2020 all’11 giugno 2021, per i ragazzi dai 12 ai 17 anni mostrano:

  • 332 eventi avversi totali, tra cui 271 classificati come gravi e sette decessi segnalati tra i ragazzi dai 12 ai 17 anni.

I più recenti decessi segnalati includono un maschio di 15 anni (VAERS I.D. 1383620) che presumibilmente è morto un giorno dopo aver ricevuto la sua seconda dose Pfizer, un maschio di 15 anni (VAERS I.D. 1382906) che ha ricevuto Pfizer e un maschio di 16 anni (VAERS I.D. 1386841) che presumibilmente ha subito un’emorragia ed è morto quattro giorni dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer. Un’autopsia è in corso.

Altri decessi includono due 15enni (VAERS I.D. 1187918 e 1242573), un 16enne (VAERS I.D. 1225942) e un 17enne (VAERS I.D. 1199455).

  • 974 segnalazioni di anafilassi tra i 12-17enni con il 98% dei casi attribuiti al vaccino della Pfizer, l’1,4% al Moderna e lo 0,2% (o due casi) al J&J.
  • 109 rapporti di miocardite e pericardite (infiammazione del cuore) con 108 attribuiti al vaccino COVID della Pfizer.
  • 24 rapporti di disturbi della coagulazione del sangue, tutti attribuiti a Pfizer.

I dati VAERS totali di questa settimana, dal 14 dicembre 2020 all’11 giugno 2021, per tutti i gruppi di età mostrano:

  • 379 eventi avversi totali, tra cui 29.871 lesioni gravi e 5.993 decessi segnalati.
  • il 21% dei decessi era legato a disturbi cardiaci.
  • Il 51% dei deceduti erano uomini, il 45% erano donne e i restanti rapporti di morte non includevano il sesso del deceduto.
  • L’età media della morte era di 74,4 anni.
  • A partire dall’11 giugno, 136 donne incinte hanno segnalato eventi avversi legati ai vaccini COVID, comprese 707 segnalazioni di aborto spontaneo o parto prematuro.
  • Dei 516 casi di paralisi di Bell riportati, il 54% è stato segnalato dopo le vaccinazioni Pfizer, il 42% dopo la vaccinazione con il vaccino Moderna e 267 casi, o l’8%, di casi di paralisi di Bell sono stati segnalati in collaborazione con J&J.
  • 332 segnalazioni di sindrome di Guillain-Barré, con il 45% dei casi attribuiti a Pfizer, il 40% a Moderna e il 21% a J&J.
  • 736 segnalazioni di anafilassi con il 42% dei casi attribuiti al vaccino di Pfizer, il 50% a Moderna e l’8% a J&J.
  • 352 rapporti di disturbi della coagulazione del sangue. Di questi, 2.705 rapporti sono stati attribuiti a Pfizer, 2.197 rapporti a Moderna e 1.408 rapporti a J&J.

Il CDC riprogramma la riunione d’emergenza per discutere le segnalazioni di giovani che sviluppano gravi problemi cardiaci dopo i vaccini mRNA

Il Comitato consultivo del CDC sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) ha pianificato di tenere una riunione di emergenza oggi per discutere i rischi/benefici dei vaccini COVID mRNA negli adolescenti e nei giovani adulti. L’agenzia ha riprogrammato la riunione nel tardo giovedì, dopo che il Congresso ha ufficialmente stabilito la Giornata nazionale della Liberazione (osservata oggi) come festa federale.

La riunione si terrà ora durante una riunione ACIP regolarmente programmata il 23-25 giugno.

La riunione di emergenza è stata annunciata la scorsa settimana dopo che il CDC ha riconosciuto un numero di segnalazioni di infiammazioni cardiache nei giovani dopo aver ricevuto un vaccino Pfizer o Moderna superiore al previsto.

Il CDC il 10 giugno ha detto di essere a conoscenza di un totale di 475 casi di miocardite o pericardite in pazienti dai 30 anni in giù. La rivelazione è stata fatta durante un’audizione della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per valutare di quali dati l’agenzia avrebbe bisogno per estendere l’autorizzazione all’uso di emergenza dei vaccini COVID ai bambini sotto i 12 anni.

I dati del CDC hanno mostrato 196 rapporti di miocardite e pericardite tra i giovani dai 18 ai 24 anni fino al 31 maggio, rispetto a un tasso previsto tra gli 8 e gli 83 casi. Tra i 16-17enni, 79 casi di miocardite e pericardite sono stati riportati fino al 31 maggio. Il tasso previsto tra le persone in questo gruppo di età è tra 2 e 19 casi.

Una ricerca degli ultimi dati disponibili in VAERS ha rivelato 1.117 casi di miocardite e pericardite, tra tutti i gruppi di età segnalati negli Stati Uniti in seguito alla vaccinazione COVID tra il 14 dicembre 2020 e l’11 giugno 2021. Dei 900 casi riportati, 686 sono stati attribuiti a Pfizer, 391 a Moderna e 36 al vaccino COVID di J&J.

I genitori condividono storie orribili di morte e malattia dopo il vaccino Moderna

Questa settimana, The Defender ha riportato due casi di giovani che hanno sviluppato complicazioni cardiache dopo essere stati vaccinati con il vaccino COVID , tra cui una matricola universitaria di 19 anni che è morta, e uno studente di 21 anni che si sta riprendendo.

Il 15 giugno, The Defender ha riferito che Simone Scott, una matricola di 19 anni della Northwestern University, è morta per le complicazioni di un trapianto di cuore a cui si è sottoposta dopo aver sviluppato quella che i suoi medici ritengono essere una miocardite, in seguito all’assunzione della sua seconda dose di vaccino COVID Moderna.

Scott ha ricevuto la seconda dose il 1° maggio, e l’11 maggio ha visitato un medico del campus perché non si sentiva bene. Il 16 maggio, ha inviato un messaggio al padre lamentando vertigini e stanchezza. Lui ha chiamato la polizia del campus che, quando l’ha visitata, ha dovuto somministrarle la CPR (CardioPulmonary Resuscitation, ossia la rianimazione cardiopolmonare, ndt).

Dopo molteplici interventi, compreso l’aggancio di Scott a una macchina ECMO che rispecchia la funzione del cuore in modo che il suo cuore potesse riposare, i medici hanno dichiarato che aveva bisogno di un trapianto cardiaco. È morta l’11 giugno.

La madre di Scott ha detto ai media locali: “Sento ancora che lei è qui, anche se so che non c’è più e mi sembra un immenso spreco“.

I medici della Scott non hanno confermato completamente la causa della sua morte, ma hanno detto che sembra che soffrisse di miocardite.

Il 15 giugno, The Defender ha riferito che uno studente di 21 anni del New Jersey ha subito una grave infiammazione cardiaca dopo aver ricevuto la sua seconda dose di vaccino COVID della Moderna. Justin Harrington, la cui scuola gli ha richiesto il vaccino per poter frequentare le lezioni in autunno, ha sperimentato sintomi simili all’influenza seguiti da dolori al cuore entro otto o dodici ore dal ricevimento del vaccino.

In un’intervista esclusiva con The Defender, il padre di Justin, Timothy Harrington, ha detto che suo figlio si sentiva diverso dopo la seconda iniezione. “Ogni volta che il suo cuore batteva faceva male e sentiva una pressione“, ha detto Harrington. “Poi ha sviluppato un dolore al cuore lungo entrambe le braccia“.

Harrington ha riferito che suo figlio, che non ha patologie mediche pregresse, non ha provato dolore al cuore con la sua prima dose di vaccino. Anche se Justin è stato dimesso dall’ospedale, deve indossare un monitor cardiaco e prendere quattro diversi farmaci per sei mesi, deve dormire appoggiato, non può fare sforzi e si sta perdendo uno dei momenti più importanti della sua vita, ha detto suo padre.

Per quanto riguarda il recupero di Justin, Harrington ha detto: “Ha una piccola cicatrice sul cuore e i medici sperano di averlo soccorso abbastanza tempestivamente da non avere altri problemi – ma è una pura congettura a questo punto“.

8 completamente vaccinati muoiono di COVID nel Maine, mentre i casi di svolta negli Stati Uniti aumentano

Come riportato da The Defender il 14 giugno, otto persone nel Maine sono morte di COVID dopo essere state completamente vaccinate, secondo gli ultimi numeri del Maine’s Centers for Disease Control and Prevention (CDC), che ha confermato un totale di 457 accresciuti casi nello stato.

I dati iniziali suggeriscono che i casi avversi nel Maine sono più comuni negli individui più anziani e nelle persone con patologie pregresse – le stesse popolazioni che, tra i non vaccinati, sono più a rischio di ospedalizzazione o morte per il virus. Circa la metà delle persone vaccinate nel Maine, che sono risultate positive al COVID non hanno avuto sintomi quando sono state contattate dagli investigatori del caso, secondo il CDC del Maine.

Il 3 giugno, la contea di Napa in California ha annunciato che una donna completamente vaccinata, a più di un mese dalla sua seconda iniezione Moderna, è morta dopo essere stata ricoverata in ospedale con COVID. La donna di 65 anni aveva patologie pregresse ed è risultata positiva alla variante Alpha.

Il 9 giugno, il California Department of Public Health aveva identificato più di 5.723 casi di COVID. Dei 5.723 casi, almeno 417 persone sono state ricoverate e almeno 47 sono morte. Nel 48% circa dei casi mancavano i dati di ricovero.

Non si sa se la causa principale del ricovero o della morte fosse il COVID o se ci fossero altre cause.

Altri stati continuano a segnalare casi in aumento, tra cui il Texas, che ha registrato più di 768 casi di COVID fino al 1 giugno, con l’8% (61 casi) che ha portato alla morte.

A Washington, il Dipartimento della Salute dello stato ha segnalato 1.837 casi di infezione fino al 9 giugno. Di questi, il 10% ha portato all’ospedalizzazione e 31 persone sono morte per malattie legate a COVID. La maggior parte dei casi si è verificata nella fascia di età tra i 35 e i 49 anni.

I funzionari della sanità spingono i vaccini, ignorando l’immunità naturale

Il CDC stima prudentemente che più di un terzo degli americani (almeno 114,6 milioni) sia stato infettato dalla SARS-CoV-2.

Come riportato da The Defender il 16 giugno, ci sono ampie ragioni per credere che nella maggior parte di questi individui, l’infezione da SARS-CoV-2 “induce un’immunità a lungo termine” (ne abbiamo trattato anche qui).

Per esempio, uno studio del dicembre 2020 dei ricercatori di Singapore ha trovato che gli anticorpi neutralizzanti (un pilastro della risposta immunitaria) sono rimasti presenti in alte concentrazioni per 17 anni o più negli individui che sono guariti dall’infezione da SARS-CoV originale.

Più recentemente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e i National Institutes of Health (NIH) hanno pubblicato prove di risposte immunitarie durevoli all’infezione naturale con SARS-CoV-2.

Eppure le autorità sanitarie stanno largamente ignorando questo fatto mentre continuano a spingere affinché tutti si vaccinino. Come ha riferito l’American Institute of Economic Research, sembra che per promuovere l’agenda del vaccino COVID, le organizzazioni chiave non solo stiano “sminuendo” l’immunità naturale, ma potrebbero cercare di “cancellarla” del tutto.

102 giorni e passa, il CDC ignora le inchieste di The Defender

Secondo il sito web del CDC, “il CDC segue ogni rapporto di morte per richiedere ulteriori informazioni e apprendere di più su ciò che si è verificato e per determinare se la morte è stata un risultato del vaccino o non è ad esso collegata“.

L’8 marzo, The Defender ha contattato il CDC con una lista scritta di domande sui decessi e le lesioni segnalati relativi ai vaccini COVID. Dopo ripetuti tentativi, per telefono e per e-mail, di ottenere una risposta alle nostre domande, uno specialista di comunicazioni sanitarie della Task Force Vaccini del CDC ci ha contattato il 29 marzo – tre settimane dopo la nostra richiesta iniziale.

La persona ha ricevuto la nostra richiesta di informazioni da VAERS, ma ha detto di non aver mai ricevuto la nostra lista di domande, anche se i dipendenti con cui abbiamo parlato più volte hanno detto che gli addetti stampa del CDC stavano lavorando sulle domande e hanno confermato che il rappresentante le aveva ricevute. Abbiamo fornito di nuovo la lista di domande con una nuova scadenza, ma non abbiamo mai ricevuto una risposta.

Il 19 maggio, un impiegato del CDC ha detto che le nostre domande erano state esaminate e che la nostra inchiesta era in sospeso nel loro sistema, ma non ci ha fornito una copia della risposta. Ci è stato detto che saremmo stati contattati per telefono o via e-mail con la risposta.

Abbiamo contattato il CDC numerose volte da allora e non c’è nessun cambiamento nello stato delle nostre domande, per ripresentare le nostre domande o per richiamare più tardi. Sono passati 102 giorni da quando abbiamo inviato la nostra prima e-mail chiedendo informazioni sui dati e i rapporti VAERS e non abbiamo ancora ricevuto una risposta.

Children’s Health Defense chiede a chiunque abbia sperimentato una reazione avversa, a qualsiasi vaccino, di presentare un rapporto seguendo questi tre passi:

  • Per i residenti negli Stati Uniti, prima di tutto, fai la tua segnalazione con il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), il sito ufficiale del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti (HHS).
  • Vai su VaxxTracker.com per fare un rapporto. Questa è una fonte esterna rispetto al governo.
  • Usando questa pagina del sito web CHD, condividi le informazioni che hai riportato a VaxxTracker e VAERS, compresa la reazione che hai subito e il vaccino che hai ricevuto. Vedi anche la nostra pagina delle reazioni al vaccino Covid-19 che elenca tutte le reazioni che sono state presentate.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print